Connect with us

Cronaca

Tiggiano: 25enne si toglie la vita

Si è impiccato ad un albero in una campagna di proprietà della sua famiglia Alberto Marzo

Pubblicato

il

Il corpo senza vita di Alberto Marzo, 25 anni, di Tiggiano, è stato ritrovato senza vita in campagna.

Secondo gli inquirenti, il ragazzo, conosciuto da tutti nel suo paesino, si è  tolta la vita impiccandosi.

La notizia è cominciata a circolare già dalle prime ore del mattino e, purtroppo, quelle che si sperava fossero solo voci infondate, alla fine hanno trovato conferma.

Il padre, alzandosi come ogni giorno per andare a lavoro, si è reso conto dell’assenza del ragazzo che non era tornato a casa. Son partite così le ricerche che hanno avuto il tragico epilogo con il ritrovamento in una campagna di proprietà della famiglia: Alberto è stato trovato impiccato ad un albero.

Da tutti riconosciuto come grande lavoratore, amante della bicicletta, persona sempre col sorriso sulle labbra, a quanto pare stava attraversando un fase delicata della propria vita, ma niente lasciava presagire quanto sarebbe avvenuto.

L’estremo gesto consumato proprio nel giorno in cui ricorre la solennità di Sant’Alberto.

Il suo disagio forse comunicato negli ultimi gironi mediante alcuni messaggi postati sulla bacheca del suo profilo facebook, dove aveva condiviso delle canzoni che già lasciavano presagire il suo stato d’animo.

E proprio sulla sua pagina facebook cominciano ad arrivare i messaggi di chi gli voleva bene: “Micio ci hai lasciato così senza dire niente sempre con il sorriso sempre… parlavamo, sorridevi come sempre . Ti vogliamo bene. Tutti  Buon viaggio angelo… sempre nel cuore micio,?guardami ogni tanto e dimmi se sbaglio… sei e sarai sempre un amico

E ancora: “Oddioooooooooo Alberto miooooooooo non ci posso credere ????????????? R.i.p amico miooo????“.

Cronaca

Mancata precedenza, incidente all’incrocio

Scontro tra due auto a Melendugno, una finisce su una fiancata con uomo intrappolato nelle lamiere

Pubblicato

il

Scontro tra due auto in mattinata a Melendugno senza, per fortuna, gravi conseguenze per i coinvolti.

L’incidente è avvenuto alle prime ore del mattino all’incrocio tra le vie per Martano e per Calimera. Lì, dove il semaforo non era in funzione, l’impatto tra le due vetture ne ha ribaltata una su un fianco.

Uno dei coinvolti è rimasto intrappolato nelle lamiere, cosciente. I vigili del fuoco lo hanno estratto dall’auto e consegnato al 118 che lo ha soccorso ed accompagnato in ospedale in codice giallo.

Pochi minuti dopo, la polizia locale ha dovuto spostarsi su un altro incrocio, in via Borgagne, per un altro incidente. Qui due Fiat Punto sono entrate in collisione. Danni considerevoli alle vetture ma nessun ferito grave. Anche qui si tratta di una mancata precedenza.

(foto dalla pagina Facebook “Melendugno.net)

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase: Tremendo impatto auto-scooter a Depressa

Schianto all’incrocio sulla via per Andrano: perde la vita scooterista

Pubblicato

il

Terribile incidente in serata a Tricase, sulla strada provinciale che porta ad Andrano.

Il sinistro è avvenuto attorno alle 21, a Depressa, all’altezza dell’uscita proprio per il centro abitato della frazione tricasina.

Coinvolti un motociclo ed un’auto, una Ford Fiesta condotta da un 29enne di Tricase. L’impatto è stato di una violenza tale da ridurre in fin di vita uno dei due coinvolti, lo scooterista, un ragazzo di 28 anni di Depressa. Il 118 lo ha portato d’urgenza in ospedale, a Tricase. Vani i tentativi di tenerlo in vita: il giovane è deceduto poco dopo. Sotto shock ma incolume il ragazzo alla guida della Ford.

I danni patiti dai mezzi coinvolti rimarcano la gravità dello schianto: il lato destro del frontale della Ford Fiesta è distrutto. Del mezzo a due ruote non restano invece che delle lamiere accartocciate.

Sul posto i carabinieri sono al lavoro per ricostruire la dinamica e le responsabilità dell’incidente. Elemento di base pare essere il dato certo sulla direzione dello scooter che da Andrano muoveva verso Tricase.

Seguono aggiornamenti.

Continua a Leggere

Cronaca

Bimba ingerisce pastiglie: paura a Tricase

La distrazione, l’episodio, la preoccupazione ed i controlli: fortunatamente in poche ore l’allarme è rientrato

Pubblicato

il

Serata di apprensione quella di ieri a Tricase per una famiglia del posto.

Una bambina di 2 anni ha ingerito 2 pastiglie trovate incustodite per casa. I genitori se ne sono accorti una volta avvedutisi dell’ammanco dei medicinali stessi.

Immediatamente è scattato l’allarme con la corsa in ospedale. Fortunatamente i controlli hanno scongiurato che vi potessero essere gravi conseguenze ed il tutto, dopo qualche ora, è tornato alla normalità.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus