Connect with us

Cronaca

Tricase, moglie ostaggio del marito su balcone dell’ospedale

Le punta contro un coltello e la trattiene spalle alla ringhiera del quinto piano: arrestato 36enne

Pubblicato

il

Panico in mattinata all’ospedale di Tricase dove il marito di una paziente ha dato in escandescenze.

L’uomo, K. K., un 36enne italiano nato in Marocco e residente a Isola di Capo Rizzuto, nel crotonese, ma domiciliato a Otranto, ha trattenuto per qualche lungo minuto una donna, la sua stessa moglie, su una delle balconate dell’ospedale, minacciandola con un coltello alla gola.

K. K., 36 anni

All’arrivo del 112 ha avanzato richiesta di confrontarsi esclusivamente con la polizia, accorsa sul posto in un secondo momento.

Il tutto ha avuto inizio dopo le 9, al 5o piano del nosocomio, quello dei reparti ostetricia e ginecologia. In breve la gravità dell’episodio si è trasmessa a tutto l’ospedale, rimasto col fiato sospeso per una abbondante mezz’ora.

All’allarme, lanciato dal personale ospedaliero, sono accorsi sul posto rapidamente i carabinieri di Tricase che, come detto, si son sentiti dire dall’uomo: “Voglio parlare col 113”.

Nell’attesa dell’arrivo della Volante, il 36enne ha continuato a trattenere la donna, stringendola e cingendole il braccio attorno al collo, mentre entrambi (come si vede nelle foto a margine) erano appoggiati alla ringhiera del balcone del quinto piano che affaccia proprio sul cortile d’ingresso del nosocomio, dove sostano le ambulanze.

Fortunatamente l’attività di mediazione condotta dalle forze dell’ordine ha portato il 36enne a consegnare il coltello al capitano Riglietti per poi rientrare lentamente all’interno della struttura, sempre con la moglie sotto braccio. A quel punto, dopo qualche attimo, l’uomo ha accennato a recarsi nuovamente sul balcone, senza mollare la moglie. I carabinieri quindi lo hanno prontamente afferrato, prima che si allontanasse nuovamente, per poi ammanettarlo.

La signora, 41 anni, di Maglie, si trovava in reparto per aver partorito appena 2 giorni prima. I motivi dell’accaduto sarebbero riconducibili a dissidi familiari già in essere tra i due.

I carabinieri, competenti sul caso in quanto primi ad intervenire, lo hanno trasportato in caserma. K. K. è accusato di sequestro di persona aggravato, minaccia aggravata e resistenza a pubblico ufficiale.

Lor. Z.

Cronaca

Cocaina in casa, arrestato 35enne

Matteo Congedi di Ugento è ora (di nuovo) ai domiciliari

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Casarano, in collaborazione con i coleghi della Stazione di Ugento, hanno arrestato in flagranza di reato Matteo Congedi, 35 anni di Ugento.

A seguito di perquisizione domiciliare,  è stato trovato in possesso di due involucri contenenti complessivamente 6,2 grammi di cocaina e 0,7 gr. di marijuana, un bilancino di precisione, e diversi grammi di sostanza da taglio.

Il 35enne è stato accompagnato presso il proprio domicilio al regime della detenzione domiciliare.

L’uomo era già stato condannato a sei mesi ai domiciliari, sempre per droga, al processo per direttissima seguito al suo precedente arresto nello scorso mese di gennaio.

Continua a Leggere

Cronaca

Surano, metallo smaltito illegalmente: 79 denunce

Guardia di Finanza scopre grosso giro di rifiuti metallici conferiti presso la Recuperi Romano Srl: società sottoposta a sequestro

Pubblicato

il

È stata denominata “Metallo” l’operazione di servizio nel settore dei reati ambientali condotta dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Lecce sotto la direzione dei magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce.

Le investigazioni svolte dai militari della Tenenza di Maglie hanno permesso di acquisire un rilevante quadro probatorio nei confronti degli amministratori, dipendenti e/o collaboratori della Recuperi Romano Srl di Surano, i quali, in concorso tra loro, al fine di conseguire un ingiusto profitto, attraverso l’allestimento di mezzi e attività continuative organizzate, acquistavano, ricevevano e gestivano abitualmente ed abusivamente ingenti quantitativi di rifiuti speciali provenienti da numerosi conferitori della zona dediti all’attività di raccolta, trasporto e commercializzazione di materiale metallico, risultati non iscritti all’Albo dei Gestori Ambientali in violazione dell’art. 256 del D. L.vo n. 152/2006.

Le attività di servizio, nello specifico, hanno evidenziato come la società salentina dedita allo smaltimento dei rottami metallici, nel corso di quasi 3 anni, abbia beneficiato della cessione di materiale metallico per quasi 10 mila tonnellate fatturate in regime di reverse charge (ex art. 74 del D.P.R. n. 633/1972) per un valore complessivo di oltre 2 milioni e 400mila euro.

Le investigazioni svolte dai Finanzieri hanno confermato l’illecito “modus operandi” posto in essere da tutti coloro che agivano in nome della Società, i quali, pur ammonendo talvolta gli operatori economici sprovvisti di autorizzazione circa il rischio al quale si esponevano nel trasportare e scaricare il materiale metallico, fornivano loro – in ogni caso – specifiche istruzioni affinché venisse operato l’illecito scarico presso la sede della medesima.

Sono ben 79 le persone raggiunte in questi giorni da avviso di garanzia, dei quali 4 fanno parte della compagine della società di smaltimento e dovranno rispondere per l’illecita attività posta in essere in violazione dell’art. 260 del D.Lgs. n. 152/06 e art. 452-quaterdecies del cod. pen.. Ammontano a 75,  invece, i soggetti conferitori identificati dalla Guardia di Finanza nel corso delle indagini eseguite, tutti della provincia di Lecce, titolari di partita Iva, che dovranno rispondere per aver posto in essere un’attività di raccolta, trasporto e commercializzazione di materiale metallico, pur non essendo iscritti all’Albo dei Gestori Ambientali in violazione dell’art. 256 del D. L.vo n. 152/2006.

L’intero complesso aziendale della società salentina indagata è stato, infine, sottoposto a sequestro preventivo per violazione del Decreto Legislativo nr. 231/2001 in materia di responsabilità amministrativa dell’ente.

Continua a Leggere

Cronaca

Fermati in viale Università con l’eroina

Due uomini fermati dai carabinieri: avevano in auto quasi 10 grammi di eroina

Pubblicato

il

Arrestati in flagranza Roberto Cotroneo e Tiziano Stabile, rispettivamente 41 e 40 anni.

I due viaggiavano a bordo di un’autovettura in viale Università, a Lecce, quando sono stati fermati dai carabinieri.

A seguito di perquisizione veicolare, personale e domiciliare, sono stati trovati in possesso di: 9,5 grammi di eroina, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e 165 euro in contanti.

Cotroneo e Stabile sono stati accompagnati presso le proprie abitazioni agli arresti domiciliari.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus