Connect with us

Alessano

Nu Rock made in Salento

“Away from here” è l’album dei Last Hypnosis: 10 tracce di puro rock per Sergio D’Amico, l’alessanese leader e cantautore polistrumentista del gruppo, Loris De Carlo e Federico Persano

Pubblicato

il

Quando si parla di “Rock” un pensiero va a quei gruppi che ancora funzionano, soprattutto se si parla di nomi consolidati, nostalgiche celebrità capaci di risvegliare una musica capace di far parlare una lingua nuova.

Oggi mancano idee e progetti, l’industria discografica arranca e sembra incapace di rinnovarsi mentre la musica vive il suo percorso nella dispersione di cuffiette, download e condivisioni social. È come se il rock stesse diventando una riserva da proteggere da un’epoca ridotta di slanci creativi. La buona notizia è che secondo i risultati di una prima indagine europea sulla musica, si evince che il rock sta attraversando una significativa rinascita e sta sostituendo la musica pop, prodotta industrialmente, nella classifica della musica preferita degli europei.Tempo al tempo dunque!

Poi, ogni tanto arriva, raramente in Italia, un segno forte, anche se i nomi in grado di contrastare l’impegno musicale passato sono sempre meno.

da sinistra ( Loris De Carlo alla batteria, Sergio D'Amico voce e chitarra, Federico Persano al basso)

da sinistra ( Loris De Carlo alla batteria, Sergio D’Amico voce e chitarra, Federico Persano al basso)

A dare il loro contributo ci pensano i Last Hypnosis, band italiana emergente che propone un rock moderno in lingua inglese: a breve distanza dal lancio del singolo di esordio, “Away from here” che dà il nome all’intero album composto da 10 tracce di puro rock , Sergio D’Amico, leader e cantautore polistrumentista del gruppo, originario di Alessano, insieme a Loris De Carlo alla batteria e Federico Persano al basso elettrico, omaggiano l’Italia con “Tempo”, il motore perfetto del rock moderno internazionale scritto in lingua italiana. Singolo concepito inizialmente dal cantante per il festival di Sanremo con lo scopo di stravolgere i canoni italiani per riprendere la lenta ascesa del ritorno al rock, e caratterizzato da un ritmo coinvolgente e ribelle al quale si contrappone l’anima malinconica e amara del testo. Il tutto è caratterizzato da sonorità decise e  aggressive, dove ancora una volta la chitarra elettrica è padrona del pezzo.

Viverlo infinitesimale e non morire”, frase che ricorre nel ritornello,  lascia subito intendere il modo di scrivere, l’estro e l’anima criptica dell’autore.

Il videoclip, ambientato nella notte di un bosco, rappresenta, attraverso l’attrice, l’influenza che il tempo ha nei giorni nostri e come la gente abbia difficoltà a coglierne la vera essenza e il vero fine ultimo.

Formati ufficialmente nel 2014,  i Last Hypnosis (dal progetto creato dal cantante) cercano di portare avanti il tocco del genere, quello Nu rock – Nu metal, che riempie gli stadi e i festival internazionali , ma che in Italia è “occultato” e messo a tacere dai media tanto da sembrare “sconosciuto”.

Away from here” è già disponibile in formato digitale in tutti gli store on-line, “Tempo sarà la bonus track dell’album in formato fisico, disponibile, al momento, soltanto sul sito ufficiale della band e gratuita per chi scarica l’album in formato digitale dagli stores.

È già possibile ascoltarlo sul sito www.lasthypnosis.com, nei canali ufficiali della band (Facebook , Twitter e Youtube) e nelle radio nazionali.

www.facebook.com/Lasthypnosis

https://www.youtube.com/watch?v=p7Xf4XKLpvA

Ludovica Luceri

Continua a Leggere

Alessano

Scuole sicure: oltre 2 milioni dalla Provincia

Il presidente Minerva, firma i provvedimenti. 200mila euro per la sede di Alessano dell’IISS Don Tonino Bello

Pubblicato

il

Quattro provvedimenti per un totale di 2 milioni e 100mila euro di investimenti per istituti superiori del Salento.

Dopo l’impegno dello scorso luglio di 2 milioni e mezzo per cinque istituti scolastici e a pochi giorni dall’inizio delle scuole, il presidente Stefano Minerva ha varato provvedimenti che approvano in via definitiva progetti di lavori sulle scuole provinciali, al fine di garantire la sicurezza degli edifici.

In dettaglio si tratta di 400mila euro per l’IISS Costa Galilei di Lecce, di 400mila euro per il Liceo Classico Linguistico Virgilio di Lecce, di 200mila euro per l’IISS Don Tonino Bello (sede di Alessano) per lavori di rafforzamento e consolidamento di opere strutturali. Questi interventi verranno realizzati grazie a fondi Miur, intercettati dalla Provincia.

Ed ancora, 1 milione e 100mila euro per l’IISS Moccia di Nardò: in questo caso i lavori saranno per il completamento della struttura e per l’adeguamento antincendio e antisismico. Per questo intervento i fondi sono 700mila del Miur e 400mila della Provincia, già stanziati in Bilancio.

«La salvaguardia del patrimonio scolastico provinciale è una priorità assoluta nella nostra azione di governo», ha dichiarato il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, «coerentemente con quanto affermato nelle Linee programmatiche presentate all’inizio del mandato, continuiamo a lavorare per dare vita a interventi concreti di riqualificazione degli edifici scolastici del Salento.

«Il nostro obiettivo», ha concluso, «è rendere le scuole più sicure e funzionali, perché questo significa, da un lato, garantire ai nostri giovani il diritto allo studio e alla formazione e, dall’altro, consentire a tutto il personale scolastico, docente e non docente, di svolgere al meglio il loro fondamentale ruolo».

Il consigliere provinciale Ippazio Morciano, delegato ai Lavori pubblici, Patrimonio, Edilizia scolastica e sismica ha aggiunto: «Occorre monitorare costantemente le scuole di nostra competenza, avvalendoci del prezioso contributo dei dirigenti scolastici e degli studenti».

«Sollecitare gli uffici, coadiuvarli e vigilare affinché gli iter amministrativi si concludano nel più breve tempo possibile: è così», secondo Morciano «che stiamo raggiungendo traguardi rilevanti, con numeri e risorse importanti in campo».

«Stanziati questi oltre 2 milioni di euro, con l’aggiudicazione provvisoria dei lavori già prevista entro il 15 ottobre», ha concluso il consigliere provinciale, «giungeranno a breve nuove misure destinate ad un’unica priorità: la sicurezza dei nostri giovani»

Continua a Leggere

Alessano

Nei guai imprenditori edili di Tricase e Matino

Per le due aziende è scattato il provvedimento di sospensione perché impiegavano personale “non regolare”…

Pubblicato

il

Ad Alessano, i carabinieri di Alessano, insieme al NIL di Lecce, nell’ambito di un controllo “anticapolarato”, finalizzato al contrasto e reato intermediazione illecita e sfruttamento lavoro, hanno deferito in stato di libertà, due costruttori edili: T.A., nato a Tricase, nel 1972, per non aver avviato a visita medica i lavoratori dipendenti, non aver trasmesso il piano sicurezza e coordinamento e verificato l’idoneità tecnico professionale dell’impresa subappaltatrice; e a Matino M. N. A., nato Matino, nel 1965, per non aver redatto il piano di sicurezza operativo e avviato a visita medica i lavoratori dipendenti.

Per le due aziende è scattato il provvedimento di sospensione perché impiegavano personale “non regolare” in misura pari al 50% del totale dei lavoratori. Contestate violazioni amministrative per 8.160,00 e penali per euro 24.916,87.

Continua a Leggere

Alessano

Pompieri salvano rondine

Era ferita ed aveva perso una zampetta nel tentativo di svincolarsi dalla fessura del muro dove era rimasta imprigionata a 10 metri di altezza

Pubblicato

il

I vigili del fuoco sono intervenuti questa mattina ad Alessano per salvare una piccola rondine rimasta incastrata.

Il piccolo volatile era ferito ed aveva perso una zampetta nel tentativo di svincolarsi dalla fessura del muro dove era rimasta imprigionata.

Intorno alle 8,30, i pompieri del distaccamento di Tricase allertati da abitanti del posto sono intervenuti in via Oronzo Costa e si sono arrampicati fino a 10 metri di altezza per liberare il volatile.

Dopo averla salvata i vigili del fuoco hanno consegnato la rondine alla polizia locale di Alessano che, a sua volta, ha  provveduto a trasportarla al Museo di Storia Naturale del Salento,  centro recupero fauna selvatica in difficoltà dove l’animaletto sarà curato.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus