Connect with us

Patù

Patù, nuovamente sospeso il sindaco Abaterusso

Dopo il ricorso contro l’attuazione della Legge Severino, la Prefettura riottiene la sospensiva

Pubblicato

il

A poche settimane dalla “riabilitazione”, Gabriele Abaterusso è nuovamente sospeso dalla carica di sindaco di Patù.

Dopo il provvedimento del 16 novembre 2018, col quale il prefetto aveva congelato la carica mediante la “Legge Severino”, il sindaco era tornato alla guida dell’amministrazione a maggio scorso grazie ad un ricorso presentato in via cautelare. Al rientro, aveva fatto però seguito un reclamo della Prefettura contro la decisione stessa. Reclamo accolto in mattinata dal tribunale civile di Lecce che ha quindi nuovamente sospeso Abaterusso, sostituito ora dalla vicesindaco Pina Leo.

La vicenda giuridica che ha fatto scattare la “Severino” ci riporta nel 2007, anno in cui sono contestate delle irregolarità nella gestione dei calzaturifici di Morciano e di Gagliano di Leuca.

La Legge Severino

La cosiddetta legge Severino, che prende il nome dall’ex Ministro della Giustizia Paola Severino ed ha valore retroattivo, regola principalmente casi di corruzione, concussione, ineleggibilità, sospensione, decadenza e incandidabilità. Prevede anche la sospensione di una carica comunale, regionale e parlamentare se la condanna avviene dopo la nomina del soggetto in questione. Per coloro che sono in carica basta anche una condanna non definitiva per l’attuazione della sospensione che può durare per un massimo di 18 mesi.

Appuntamenti

Una sola passione. Storie di politica al sud

Domani a Lecce presentazione del libro di Ernesto Abaterusso con il Ministro Speranza

Pubblicato

il

Domani, alle 17, presso l’Hilton Garden Inn di Lecce (via C. De Giorgi, 62), il Consigliere regionale Ernesto Abaterusso presenterà il suo libro “Una sola passione. Storie di politica al sud”.
All’incontro con l’autore, organizzato e promosso dal Gruppo consiliare LeU/I Progressisti, interverrà il Ministro della Salute Roberto Speranza, autore della prefazione.

Introdurrà Salvatore Piconese, sindaco di Uggiano La Chiesa e segretario provinciale di Articolo Uno.

A moderare il dibattito sarà il giornalista Fabio Casilli.

Breve scheda del libro, tratta dalla prefazione del Ministro della Salute Roberto Speranza.

In questo volume vi è “la storia autobiografica di un militante politico della sinistra nato e cresciuto nel profondo sud, nel sud estremo, direi: il Salento, la splendida parte meridionale della provincia di Lecce.

C’è anche un racconto sociale, che prende le mosse da un mondo arcaico, economicamente arretrato, come poteva essere il Mezzogiorno del dopoguerra.

Ci sono i cambiamenti dei modi di vivere, della cultura, della moda. L’evoluzione degli elettrodomestici, dei motorini, delle auto.

Le trasformazioni dei rapporti personali e politici.

Il contesto in cui muove i primi passi Abaterusso non è sfondo: diventa un protagonista della storia, in quanto motore della presa di coscienza che l’impegno collettivo, la politica e il partito con la P maiuscola possono cambiare la vita delle persone.

La convinzione che riunirsi, confrontarsi, aprire una sezione rappresentino crescita e forza.

E la fiducia nel cambiamento in positivo accompagna il racconto, sin da quando, giovanissimo, Ernesto comincia a fare politica in una realtà terribilmente ostile, nella quale i comunisti sono considerati il pericolo numero uno, da combattere ed estirpare”.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Bach is Back: Redi Hasa anche a Patù

Incontro di frontiera tra musica classica e polifonia albanese. In prima assoluta in quattro chiese pugliesi, due salentine: venerdì 22 presso la Chiesa di San Giovanni Battista a Patù e sabato 30 presso la Chiesa di San Matteo a Lecce

Pubblicato

il

Le armonie celestiali di Johann Sebastian Bach e il patrimonio antico del canto polifonico albanese: “Bach is Back” è l’esperimento di un incontro di frontiera fra tradizioni musicali, quella colta occidentale e quella popolare del Mediterraneo, due colossi della storia culturale profondamente estranei l’uno all’altro, eppure sorprendentemente vicini, entrambi custodi del misterioso e incantevole prodigio della polifonia.

Quattro concerti in quattro chiese pugliesi per un omaggio inedito al genio di Bach ideato dal musicista Redi Hasa, con uno spettacolo che riporta nei luoghi originariamente deputati alla loro esecuzione alcune delle composizioni di musica sacra più note di tutti i tempi.

“Bach is Back” è un progetto di Ponderosa Music & Art sostenuto dalla Regione Puglia nell’ambito del Programma straordinario 2018 in materia di cultura e spettacolo, realizzato in partnership con Polo Bibliomuseale di Lecce, SAC Terre di LupiaeDelegazione Fai Andria Barletta Trani, associazione culturale Le 3 C e con il patrocinio del Comune di Bisceglie.

Protagonista della scena Redi Hasa, violoncellista dell’ensemble di Ludovico Einaudi, albanese di base in Puglia da oltre vent’anni, che ha fatto dell’ibridazione tra generi musicali la propria cifra d’artista, fondendo il rigore della formazione classica con l’immediatezza delle tradizioni popolari in un rapporto liquido e meticcio con il suono, che lo caratterizza negli anni. A Bach e all’influenza che ha avuto sulla propria musica Hasa dedica uno speciale tributo nel live che unisce senza soluzione di continuità l’esecuzione di alcune Suite a brani ispirati al Maestro e firmati dal violoncellista albanese, in un approccio contemporaneo ed eclettico che collega passato e presente, omaggio e sperimentazione.

Un esperimento che si fa radicale grazie alle voci femminili di “Jehona” (Irini Qirjako, Fiqirete Kapaj, Sabahet Vishnja, Irena Saraci, Nevila Hasa Matjà), coro polifonico albanese di tradizione popolare diretto dalla maestra Irini Qirjako, una delle cantanti folk più popolari dell’Albania.

Gli arrangiamenti inediti sono composti da Ekland Hasa, già pianista solista al Teatro dell’Opera di Tirana, che sarà anche sul palco insieme al percussionista Vito De Lorenzi.

Un’inedita e audace intersezione di codici dal potente impatto è la sfida di questo progetto che viene presentato per la propria volta assoluta in quattro tra le più pregevoli chiese pugliesi: la Chiesa di San Giovanni Battista a Patù, la Chiesa di Santa Margherita a Bisceglie (Bt), l’Auditorium Vallisa a Bari e la Chiesa di San Matteo a Lecce.

Giovedì 21 novembre, alle 18,30, presso il Museo Sigismondo Castromediano di Lecce è in programmaBach is back. Tutta un’altra musica per i luoghi della cultura in Puglia”, incontro pubblico di presentazione del progetto a cui partecipano l’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia Loredana Capone, il direttore del Polo bibliomuseale di Lecce Luigi De Luca, Redi Hasa ed Ekland Hasa. Modera l’incontro Giorgia Salicandro, giornalista, curatrice del progetto.

Le date di Bach is Back

I quattro concerti sono in programma negli ultimi due weekend di novembre.

Venerdì 22 novembre, alle ore 20,30, presso la Chiesa di San Giovanni Battista di Patù e sabato 23, alle ore 20,30, presso la Chiesa di Santa Margherita di Bisceglie (Bt) è in programma l’omaggio in solo firmato da Redi Hasa.

Venerdì 29, alle ore 20,30, presso l’Auditorium Vallisa di Bari e sabato 30 novembre, alle ore 20,30, presso la Chiesa di San Matteo a Lecce va in scena il live show con Redi Hasa, Ekland Hasa, Vito De Lorenzi e il coro “Jehona”.

Dal live show verrà tratto un documentario breve di Meditfilm, che verrà accompagnato dal booklet con lo storytelling del progetto firmato da Giorgia Salicandro.

Bach is Back – i protagonisti

Redi Hasa. Nei primi anni duemila contribuisce a portare nel Salento i ritmi della musica balcanica.

Nel 2012 incontra Ludovico Einaudi, maestro concertatore della Notte della Taranta, che lo include stabilmente nella sua ensemble con cui si esibisce sui palchi di centinaia di città in tutto il mondo.

Parallelamente porta avanti il progetto in duo Hasa-Mazzotta con la cantante Maria Mazzotta. Nel 2017 Robert Plant, fondatore dei Led Zeppelin, lo invita a incidere tre tracce del suo ultimo disco, Carry fire. Nello stesso anno registra una traccia dell’ultimo disco dei Blonde Redhead. Nel corso di un carriera ventennale ha suonato tra gli altri con l’Orchestra popolare italiana, King Naat Veliov, Kocani Orkestra, Ambrogio Sparagna, Mauro Pagani, Rita Marcotulli, Pacifico. È in uscita il suo primo disco in solo.

Ekland Hasa. Si diploma in pianoforte classico a Tirana nel 1989, quindi inizia un’intensissima carriera internazionale.

Ekland Hasa

Ha suonato per la prima volta in assoluto in Albania la Rapsodia in blue e il Concerto in FA  di Gershwin, è stato diretto da grandi direttori come David Andre,Vittorio Parisi,Vito Clemente, Ermir Krantia, Francesco Ledda, Andrea Morricone, con il quale ha eseguito la colonna sonora del film La leggenda del pianista sull’Oceano al Palazzo dei Congressi di Tirana.

Ha partecipato più volte al festival internazionale Pianocity a Milano. In Giappone ha partecipato a Kitakyiusciu Oper Haus come concert maestro nelle opere Gianni Schicchi e Cavalleria Rusticana.

Ha accompagnato cantanti lirici di fama come Leo Nucci, Giuseppe Gipali, Monserat Cabalet, e inoltre Albano Carrisi per venticinque anni.

È stato direttore artistico dell’Accademia lirico pop presso la Tenuta Albano Carrisi Produksion.

In Italia ha suonato tra gli altri per 11/8 records con Cesare Dell’Anna, Raffaele Casarano, Marco Bardoscia.

Irini Qirjako. Irini Qirjako è una delle più note e apprezzate cantanti tradizionali dell’Albania.

Con alle spalle una carriera ultradecennale, attualmente con il coro “Jehona” interpreta e custodisce il repertorio del canto iso-polifonico albanese, riconosciuto dall’Unesco Patrimonio orale e intangibile dell’umanità nel 2005.

La musica iso-polifonica è una forma sofisticata di canto di canto a cappella, fa parte del repertorio musicale di un’area che copre quasi tutto il meridione dell’Albania e dal punto di vista etno-culturale, è tipico di due grandi aree, quella di  Toskëria e quella di Labëria.

Chiesa di San Giovanni Battista a Patù

La deliziosa cittadina di Patù e la sua frazione di Torre di San Gregorio si trovano in uno splendido territorio caratterizzato dalla macchia mediterranea con i cespugli di mirto e timo e delimitato dallo stupendo mare Ionio.

Nei tempi antichi il mare però costituì il lato più pericoloso a causa delle frequenti incursioni Saracene sempre alla ricerca di estendere il proprio controllo nella penisola salentina e un esempio è proprio la Chiesa di San Giovanni Battista che risale al X secolo.

Di fronte al monumento delle Centropietre, la chiesa venne realizzata in ricordo della famosa e cruenta battaglia del Campo Re tra i Saraceni e l’esercito del re di Francia Carlo il Calvo nel 24 giugno 877 proprio ai piedi della città messapica di Vereto, oggi Area Archeologica di Vereto.

La chiesa è a pianta rettangolare a tre navate ed è uno degli esempi più caratteristici dell’arte romanica-bizantina pugliese dove però purtroppo degli affreschi all’interno rimangono solo poche tracce, mentre molto bello è l’ampio rosone nell’abside, e la facciata principale esprime il carattere di essenzialità tipico dell’arte romanica con la bifora situata al di sopra del portale d’ingresso.

Chiesa di San Matteo a Lecce

La chiesa di San Matteo è particolarmente importante nel panorama leccese per la sua facciata, che, con la linea curva del prospetto, in parte concavo, in parte convesso, si differenzia dai canoni del Barocco leccese, richiamando invece il barocco romano del Borromini ed in particolare la chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane.
Progettista del tempio fu Achille Larducci, architetto proveniente dall’ambiente lombardo, al quale il vescovo Pappacoda commissionò la fabbrica che fu realizzata tra il 1667 e il 1700, nell’area di un preesistente convento di Terziare Francescane (XV secolo).

Probabilmente i lavori furono ultimati da Giuseppe Zimbalo a causa della morte dell’architetto lombardo.
Il prospetto è convesso al piano inferiore, concavo al secondo, il fastigio, in mezzo a pinnacoli, si innalza verso il cielo. Non si ritrovano qui le ridondanze decorative delle facciate della gran parte delle chiese cittadine: un portale piuttosto ampio sul quale è posta una trabeazione con sopra una nicchia vuota e, più in alto, lo stemma dell’Ordine dei Francescani.

Il secondo ordine, convesso, ha al centro una trifora, sulla quale corrono decorazioni con pigne e fiori.
L’interno è a pianta unica ellittica, con le pareti laterali scandite da brevi cappelle con altari, generalmente attribuiti al Cino e alla sua bottega.

Al piano superiore si aprono 10 bifore una volta protette da grate, dietro le quali le religiose assistevano alle funzioni. Quello maggiore è sicuramente opera di Giuseppe Cino (1684), con al centro la statua lignea di San Matteo realizzata alla fine del Seicento da Gaetano Patalano (1691).

Intorno alla navata si ergono, su un piedistallo, le dodici statue degli apostoli, opere di Placido Buffelli di Alessano (1691-1692).

Di non poco conto le numerose tele, alcune di Serafino Elmo, che sono inserite su diversi altari.

Una Pietà in legno, lavoro veneto databile fra il XV e il XVI secolo, orna il 5° altare a sinistra.
Due coppie di santi scolpiti in pietra locale forse da Mauro Manieri nei riquadri degli altari.
La chiesa presentava un soffitto ligneo rimosso ai primi del secolo per far posto a quello attuale in cemento. La Chiesa è conosciuta dai locali anche come Santa Maria della Luce.

Questo titolo parrocchiale fu qui trasferito nel 1812, insieme ad un bellissimo affresco raffigurante la Vergine col Bambino, proveniente da una chiesa diroccata fuori dalle mura e oggi collocato nella cappella alla sinistra dell’altare maggiore.

Continua a Leggere

Attualità

Il sindaco di Tricase in corsa per le Regionali?

Carlo Chiuri sarebbe uno degli uomini scelti dal centrodestra per l’area geografica del Capo di Leuca. Certo Ernesto Abaterusso, altri possibili candidati sono Federica Esposito (Udc) e Ippazio Morciano (Pd)

Pubblicato

il

Si sta prospettando una clamorosa candidatura nel centrodestra per le elezioni regionali in programma nella prossima primavera.

Il sindaco di Tricase Carlo Chiuri

Il centrodestra pugliese nella sua squadra punterebbe, tra i papabili in lista, sul sindaco di Tricase, Carlo Chiuri, che, a sua volta, starebbe riflettendo sull’opportunità di correre per uno scranno nel palazzo barese.

Sulla questione al momento non ci sono conferme ufficiali né tantomeno dichiarazioni ma, da nostre fonti certe, risulta che i contatti con il “partito di centro – centrodestra” sarebbero avvenuti nel periodo in cui Chiuri era dimissionario da sindaco di Tricase per le note vicende che hanno riguardato la maggioranza di Palazzo Gallone.

Il sindaco di Tricase, a nostra specifica richiesta, ha risposto con un sorrisetto malizioso, evitando accuratamente di commentare o lasciarsi sfuggire alcunché.

Non ha neanche smentito, però, la clamorosa indiscrezione che, laddove venisse confermata, porterebbe, come previsto dalla legge, alle nuove dimissioni dal ruolo di primo cittadino di Tricase, per concentrare le forze sulla competizione regionale.

Indiscrezione per indiscrezione, ci risulta che il primo cittadino di Tricase, nel periodo in cui era dimissionario, sia stato contattato anche da forze del centrosinistra. Contatti però che non avrebbero avuto seguito.

Federica Esposito

Se Chiuri, come pare, sarà in lizza per dare (restituire, dopo tanto tempo) una rappresentanza nel Governo barese a Tricase ed al Capo di Leuca, potrebbe doversela vedere, ma si parla sempre di prime indiscrezioni, anche con la “sua” consigliera comunale Federica Esposito.

La Esposito, ormai ex maggioranza (in consiglio comunale ha dichiarato di sentirsi distante dal gruppo che amministra), dovrebbe essere tra i candidati in lista dell’Udc che, salvo sorprese dell’ultima ora, dovrebbe far parte della coalizione di centrosinistra.

Sempre nel centrosinistra si ricandiderà di sicuro per Art. 1, Ernesto Abaterusso, consigliere regionale uscente già pronto per la nuova sfida.

Ippazio Morciano

Tra i papabili in lista tra le fila del Partito Democratico, il consigliere provinciale ed ex sindaco di Tiggiano, Ippazio Morciano, indicato come uno dei nomi forti del centrosinistra per il sud Salento.

Resta da vedere quale possa essere il rapporto con Sergio Blasi, consigliere regionale uscente che, dopo aver sostenuto la corsa a segretario provinciale del PD di Morciano, se lo ritroverebbe come “compagno di squadra” che si rivolge allo stesso elettorato.

Nonostante le smentite della diretta interessata che indica il regolamento dei 5 Stelle per spiegare come da consigliera comunale di Tricase non potrà candidarsi, restano le voci di una possibile presenza tra le fila dei pentastellati di Francesca Sodero. Per ora i 5 Stelle hanno cambiato la loro regola dando la possibilità di candidarsi solo ai consiglieri comunali al secondo mandato e quindi, regolamento alla mano, la Sodero non potrebbe essere candidata.

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus