Tiggiano, il nuovo sindaco si confessa

INTERVISTA ESCLUSIVA AL NUOVO SINDACO DI TIGGIANO, GIACOMO CAZZATO, 30 ANNI

Il suo paese ha scelto da dare una svolta alla vita amministrativa scegliendo un sindaco giovane. Quali saranno i segnali di rottura con il passato? Dobbiamo aspettarci grossi cambiamenti?
«Io ho 30 anni e il mio nuovo gruppo politico un’età media di 37 anni, tuttavia ci siamo riproposti rinnovati ma in continuità con il passato. Passato di cui siamo orgogliosi seppur coscienti che tanto è ancora da fare sul piano politico, sociale e culturale nella nostra piccola e operosa comunità. Concentreremo tutte le nostre forze sul piano sociale, urbanistico e ambientale . Essere giovani e amministratori è la normalità nel resto d’Europa mentre per noi italiani rimane ancora una novità e molto spesso una prova doppia per chi vive funzioni istituzionali trovandosi ogni giorno ad operare in un territorio carico di contraddizioni».

Il gruppo che ha vinto le elezioni è frutto di un esperimento politico interessante. Parte dell’opposizione e la maggioranza hanno fatto un passo indietro, per farne insieme due in avanti (“un nuovo simbolo, inserimento di giovani, un programma concreto”. Le due diverse “provenienze” hanno espresso sindaco e vice sindaco). Il risultato elettorale è anche il frutto di un desiderio diffuso di serenità e unità?
«Esattamente, un momento di maturità e soprattutto di chiarezza in una fase di turbolenza e confusione per entrambi gli schieramenti politici, che hanno vicendevolmente visto rimischiarsi le carte. I cittadini, a cui è data autonomia e libertà di giudizio, si sono espressi in modo chiaro e inequivocabile».

Secondo taluni l’esperimento a cui avete dato vita è anche rischioso: quali sarebbero a suo avviso questi rischi? Come scongiurarli?
«Nessun rischio perché la serietà e la qualità umana e professionale del mio gruppo politico sono assolutamente indiscutibili. Lealtà, impegno e abnegazione nell’interesse supremo dei cittadini di Tiggiano».

I protagonisti di questa coraggiosa svolta sono tanti, anche se ovviamente, in questa fase, il rischio che qualcuno tenti di prendere i meriti in modo esclusivo ci può stare. «Il merito e il fiuto del meglio che abbiamo messo in campo, con uno schieramento moderato e molto progressista, è senza dubbio del gruppo consiliare uscente, dell’ex Sindaco Ippazio Morciano e della sua giunta in primis che hanno saputo cogliere la disponibilità per un nuovo progetto da parte di un pezzo dell’opposizione scommettendo sul mio nome dopo 10 anni di servizio da consigliere comunale, chi mi conosce potrà fornire poi di me referenza in autonomia; ciò ha sprigionato energie nuove a coronamento di un capitale umano che posso serenamente definire ottimo. La vittoria del nostro gruppo è senza dubbio una disponibilità ad abbracciarsi e a costruire comunità che pochi territori simili al nostro hanno sperimentato».

Si è già posto degli obiettivi da raggiungere nei canonici primi 100 giorni?
«Stiamo provvedendo a mettere in piedi un team che si occupi di progettazione per l’innovazione sociale. Ma è solo una delle prime cose che ci accingiamo a fare. Non credo molto agli obiettivi prefissati nei 100 giorni ma meglio a quelli che si raggiungono nel lungo periodo, sono convinto che da qui a 5 anni avremo molte cose da rendicontare».

Tags:


Commenti

commenti