Connect with us

Attualità

Sensazionale scoperta archeologica: bisognerà riscrivere la storia di Tricase?

“Se le ipotesi avranno conferma, si tratterà probabilmente di una scoperta estremamente significativa per la storia della comunità Tricasina”

Pubblicato

il

Tricase. La recente scoperta archeologica emersa dagli scavi dinanzi alla Chiesa Madre, avrebbe portato alla luce un elemento che potrebbe far retrodatare la nascita del Paese.

Durante gli scavi, infatti, sono state rinvenute le fondamenta di un battistero databile tra l’VIII e il IX sec. mentre, dalla documentazione fino ad oggi in nostro possesso,  le prime notizie documentate della storia feudale di Tricase risalgono intorno al XIII sec (1268 circa).

 “Se le ipotesi avranno conferma, si tratterà probabilmente di una scoperta estremamente significativa per la storia della comunità Tricasina”, spiega l’esperto in archivistica e biblioteconomia, dott. Carlo Vito Morciano, “le strutture dalla forma ottagonale, erano già utilizzate dal sec. IV per la costruzione di battisteri, edifici concepiti per il sacramento del battesimo”.

L’esperto specifica inoltre che “strutture religiose simili, in Puglia, si contano su poche dita: un esempio lo si può trovare a Canosa, tra i resti del battistero dedicato a S. Giovanni Battista, a pianta dodecagonale e risalente al secolo VI. Anche gli elementi archeologici di Tricase potrebbero effettivamente afferire all’epoca del dominio bizantino, registrandosi, quindi, tra le testimonianze medioevali più antiche presenti nel nostro centro storico ed un unicum nell’intera provincia.

Scavi archeologici, foto di Carlo Vito Morciano

Il Comitato “Tricase Sotterranea”, insieme a Carlo Vito Morciano e  all’archeologo Salvatore Musio, hanno già prodotto un’importante relazione storico-archivistica nella quale hanno raccolto alcune ipotesi circa gli ultimi ritrovamenti a partire da febbraio u.s.  fino ad ora. Ciò che ci si augura è che questi studi possano proseguire “quello che si prospetta per la nostra comunità” afferma Carlo Morciano “è un grande dono. Un dono che dev’essere accolto con unità e lungimiranza, illuminato dalla riflessione e dallo studio. , trattandosi della nostra storia identitaria”.

Si spera, dunque, che la Soprintendenza prenda a cuore quest’importante scoperta mettendo a disposizione le risorse necessarie per proseguire gli scavi e gli studi necessari.

Attualità

«Puglia a rischio zoomafia!»

Alcuni emendamenti al ddl della Regione Puglia sono fortemente osteggiati dal mondo animalista in quanto «incentivano il randagismo e gli interessi criminali legati al fenomeno, a danno degli animali e della collettività»

Pubblicato

il

Oltre 100 Associazioni animaliste della Puglia, la maggior parte aderenti al Progetto CAAP (Coordinamento Associazioni  Animaliste Pugliesi), contestano in particolare 4 emendamenti approvati in Terza Commissione, come spiega il presidente del Coordinamento Associazioni Animaliste Salentine Pierre Luigi Trovatello, «quello relativo al “riconoscimento ufficiale” delle convenzioni pubbliche per il ricovero degli animali nelle strutture dei privati, quelli che con l’escamotage dello stato di necessità e “dell’urgenza d’opera”  permettono di superare il limite di 200 unità e di costruire canili rifugi, anche “attiguamente in serie” e quello che permette il trasferimento dei cani fuori Dipartimento ASL e fuori regione».

«La Puglia spende circa 27 milioni di euro l’anno per il randagismo, la maggior parte di questo denaro pubblico», punta il dito Trovatello, «viene speso per il mantenimento degli animali nei canili (privati in maggioranza), pochissime risorse invece sono destinate alla prevenzione, motivo per cui il fenomeno non tende a diminuire. Occorrono seri ed efficaci piani di sterilizzazione degli animali randagi e incentivi per la sterilizzazione degli animali di proprietà, maggiori controlli per il rispetto delle norme,  maggiore informazione ed educazione della cittadinanza e negli istituti scolastici e idonea formazione degli Organi preposti al controllo. Inoltre,  bisogna incentivare la costruzione e il risanamento dei canili sanitari, in quanto sono pochissimi i Comuni dotati di questo fondamentale presidio per la profilassi sanitaria e preventiva, mentre sono troppe le strutture di proprietà privata nate come pensioni e riconvertite dallo “stato di emergenza” in canili (spesso lager) per il ricovero degli animali randagi, tramite convenzioni pubbliche anche economicamente molto consistenti. Questa situazione ha creato un business appetibile che si antepone di fatto alla prevenzione».

Le Associazioni animaliste chiedono al Consiglio Regionale della Puglia di bocciare gli emendamenti contestati,  «affinché», conlude Trovatello, «si dia un segnale inequivocabile della volontà di voler affrontare e risolvere l’annoso problema del randagismo tramite una legge ben strutturata e dai contenuti finalizzati  alla tutela degli animali, alla prevenzione e alla legalità».

Continua a Leggere

Attualità

Samuele, a 9 anni sul grande schermo

Il giovane attore gallipolino con Salvatore Esposito per “Spaccapietre”, al cinema in inverno

Pubblicato

il

Piccole star crescono: Samuele Carrino, 9 anni, di Gallipoli, ha appena concluso le riprese del film “Spaccapietre” che sarà sul grande schermo il prossimo inverno.Già attore nella fiction Rai “Liberi di scegliere”, il talento gallipolino ha affiancato nel ruolo di co-protagonista una star: Salvatore Esposito, il volto di Gennaro Savastano nella nota serie Gomorra.Nel film (appena girato tra Spinazzola, Bari e Pulsano) che tratta il tema del caporalato in Puglia e dell’immigrazione, Esposito e Carrino sono padre e figlio, Giuseppe e Antonio.Per Samuele, già al lavoro su altri set, una grande opportunità di crescita in tenerissima età. Ed un piccolo motivo d’orgoglio per il Salento che lo segue sempre con più passione.

Continua a Leggere

Attualità

Vacanze salentine per Naomi Watts

L’attrice, impegnata in Italia nello spin-off del Trono di Spade, si gode il relax delle masserie leccesi

Pubblicato

il

Il fascino del Salento, con i suoi paesaggi, le sue masserie ed il suo mare, colpisce ancora.

L’attrice britannica Naomi Watts si gode le sue vacanze a due passi da Lecce. Sul suo profilo Instagram spuntano foto e selfie in un resort di lusso, ubicato in una storica masseria.

La meta non è casuale: la 50enne diva del set è impegnata in questi giorni in Italia nelle riprese di Bloodmoon, spinoff della serie tv di successo mondiale “Trono di Spade”. Tra un ciak e l’alto l’attrice di The Ring, nel 2002 inserita da People tra le 50 persone più belle del mondo, ha scelto il relax della vecchia Terra d’Otranto.

Non la sola: pochi giorni fa la modella Kate Moss l’aveva preceduta, spuntando a sorpresa nella marina di Novaglie.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus