Connect with us

Tricase

Tricase: manifestano gli operai Adelchi

Pubblicato

il

(23 settembre) – Circa 600 lavoratori in cassa integrazione straordinaria dell’azienda calzaturiera di Adelchi Sergio hanno occupato questa mattina il Municipio di Tricase in Piazza Pisanelli (in cinque sono saliti sul tetto di Palazzo Gallone ed hanno detto che scenderanno solo quando riceveranno garanzie dalle Istituzioni e dall’Azienda), per poi dare vita ad un corteo (un altro c’è già stato lunedì sera) per protestare contro il mancato rispetto degli accordi: “Siamo stanchi delle prese in giro, vogliamo l’intervento dei Sindacati e delle Istituzioni e la solidarietà della città, perché la nostra situazione non ci riguarda soltanto personalmente, ma coinvolge la stessa economia di Tricase e di tutto il Capo di Leuca”.

Tommaso Nuccio, segretario provinciale della Conflavoratori, e Luca Simone, iscritto alla Filtea Cgil, ritengono “valido il verbale sottoscritto dai Sindacati e dall’Azienda lo scorso 6 luglio, in cui, insieme alle Organizzazioni Sindacali ed alla Provincia, si determinava l’Azienda comunicherà entro e non oltre la prima metà di questo mese di settembre la data di riavvio del ciclo produttivo. Ma siccome l’Azienda non vuole cedere, in attesa che riceva un sostegno economico di 15 milioni di euro, allora siamo qui a chiedere ai Sindacati provinciali come intendano agire”.

L’On. Bellanova: “Chiediamo all’Azienda il rispetto dell’accordo siglato in Provincia”

L’On. Teresa Bellanova, parlamentare del PD e componente della Commissione Lavoro della Camera, interviene in merito alla vicenda Adelchi: “Esprimo forte preoccupazione per gli ultimi sviluppi della vicenda Adelchi. Pur continuando a chiedere all’azienda il rispetto dell’accordo siglato in Provincia lo scorso luglio, che prevedeva entro il 15 settembre l’indicazione di una data di rientro dei lavoratori in cassa integrazione (CIGS), auspico che la vertenza rientri sui binari di un normale confronto responsabile. Penso che l’esasperazione dei toni non aiuti il superamento delle difficoltà oggettive in cui si ritrovano i lavoratori, ma ritengo che non si possa rispondere a queste richieste semplicemente avanzando, da parte dell’Azienda, pretese finanziarie. Sono certa che anche il Prefetto svolgerà a pieno il suo ruolo di raccordo con il Governo nazionale, contribuendo attivamente alla ricomposizione della vicenda e restituendo così serenità a tutte le parti in causa”.

Cronaca

Tricase: assolto 34enne accusato di stalking

Pubblicato

il

Era stata richiesta una pena di un anno e mezzo di reclusione per stalking, ma il giudice monocratico ha stabilito che il fatto non sussiste.
Teatro di questa storia è Tricase. Protagonista un uomo di 34 anni, M. B., di professione cuoco, accusato di atti persecutori dalla sua ex.
La vicenda risale a fine 2014 e gli strascichi giudiziari si sono protratti sino ad oggi.

Come racconta nel dettaglio Corriere Salentino, la coppia si lascia e lei, G.C., avvia una relazione con un altro ragazzo. Nonostante i contatti tra i due in causa siano però proseguiti, come testimonia una viaggio insieme nella capitale, la donna decide di querelare il suo ex.

L’accusa, condita da un percorso di affiancamento in un centro antiviolenza, non è da poco: stalking.

La donna gli rimprovera di usare falsi profili Facebook per diffamarla e sostiene che il suo ex si apposti sotto l’abitazione del suo nuovo ragazzo.

Di quanto sostenuto dall’accusa però non c’è traccia. Serve quindi il supporto di un ingegnere informatico che dimostrerà non solo che le presunte infamazioni non siano mai esistite ma come, piuttosto, tra i due fossero intercorsi, nel periodo in questione, normali conversazioni tramite messaggistica.

L’impianto accusatorio a quel punto si sgretola e l’incubo del 34enne (difeso dall’Avv. Carlo Chiuri) si dissolve quando il giudice, constatando che il fatto non sussiste, lo dichiara innocente.

Continua a Leggere

Attualità

Verbale, ti aspetto al varco

Ztl a Tricase: pioggia di ricorsi, il giudice di pace accoglie: “Difetto di presegnalazione”. La segnaletica disposta lungo il tratto stradale che porta al varco, è assente o non idonea

Pubblicato

il

Corsi e ricorsi storici a Tricase. Non filosofici o di vichiana memoria ma di altra natura, più letterale. Laddove i corsi (a proposito di “Vico”) sono più che altro delle stradine, ed i ricorsi, se non proprio storia, fanno giurisprudenza.

Parliamo della Zona a Traffico Limitato che regola la circolazione nel centro storico di Tricase. Destinata per nascita a far discutere, tra opinione e norma, non manca mai di far parlare di sé.

In otto mesi di vita, da maggio ad oggi, ha portato la polizia municipale di Tricase ad elevare centinaia di verbali per infrazioni commesse ai suoi tre varchi d’accesso. Legittimi? Non sempre. È del mese di dicembre, infatti, una sentenza del Giudice di Pace di Tricase (causa civile nr 512/2019), emessa dall’avv. Anna R. Costa, che dà ragione ad un automobilista incappato in infrazione e conseguente sanzione.

La sentenza chiama in causa un verbale che vede l’automobilista introdursi nella ZTL dal varco di Via Tempio. Quest’ultimo, pur avendo “circolato in area ZTL”, ottiene la ragione dal giudice di pace in quanto “sussiste il difetto di presegnalazione ed avviso della presenza dell’apparecchio di rilevamento infrazione”.

In altre parole, la segnaletica disposta lungo il tratto stradale che porta al varco, è assente o non idonea. Nel caso in questione, si direbbe che non è affatto idonea. Come la stessa sentenza spiega (e come stabilito dall’articolo 79 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada), “il cartello deve essere posto in uno spazio minimo di 80 metri (…) per consentire all’automobilista una corretta visione di lettura sia di giorno che di notte” e per permettergli “di avere il tempo adeguato per individuare il punto esatto in cui inizia il rilevamento della delimitazione del traffico e avere lo spazio per retrocedere e/o arrestare il proprio transito, senza peraltro creare pericolo per gli altri utenti della strada, così da evitare il soggiacere alla sanzione prescritta”.

Un cartello non disposto a distanza prestabilita, pertanto, rientra a pieno titolo tra quegli elementi che inficiano la legittimità dell’intero sistema di delimitazione al traffico in una determinata area.

La segnaletica, ricorda il giudice, “sia sempre idonea per dimensioni, visibilità, leggibilità e posizionamento (…). La violazione di uno solo di questi parametri può provocare l’illegittimità dell’accertamento sanzionatorio”.

Nel caso in questione, facente riferimento ad una infrazione dello scorso mese di ottobre, il giudice rammenta come, la parte resistente (il Comune di Tricase) pur avendo “indicato nel verbale di contestazione che l’area pedonale è preventivamente segnalata con cartello fisso collocato con adeguato anticipo, non ha provato documentalmente che la presegnalazione è stata posta ad una distanza minima di 80 metri dall’inizio della zona a traffico limitato”.

I più informati, o magari chi vi era già cascato, forse lo sapevano già: negli ultimi mesi numerosi ricorsi sono stati accolti dal giudice di pace. In ballo poi anche la questione del tabellone luminoso. Tiene banco, in quel caso, la fraintendibile interpretazione della dicitura “varco attivo” o “varco non attivo”.

Dopo varie sentenze altalenanti, che in alcuni casi avevano definito il display semplice elemento integrativo e coadiuvante alla segnaletica fissa facente fede, e che in altri invece lo avevano effettivamente ritenuto oggetto di disguido, ha vinto la corrente confondista.

Sulla scia di una pronuncia della Cassazione del 2008 che sottolineava che per superare l’equivoco normativo bisognava che “dichiarante e destinatario (legislatore e destinatario della norma) fossero d’accordo sul significato della dichiarazione che li collega comunicativamente”, il Ministero dei Trasporti ha recentemente deciso di dare un valore condiviso ed inequivocabile a quella flagellata segnaletica luminosa.

Come stabilito dalle “Linee Guida sulla regolamentazione della circolazione stradale e segnaletica nelle zone a traffico limitato” dello scorso 28 giugno, il cosiddetto PMV (pannello a messaggio variabile) non deve più riportare la scritta “varco attivo” o “varco non attivo”.

Nel caso di ZTL non permanente ma variabile nel tempo e con controllo elettronico (come appunto a Tricase), in aggiunta alla segnaletica verticale prescrittiva, il PMV deve riportare le seguenti diciture: “ZTL attiva” quando è vigente il divieto; “ZTL non attiva” quando non è vigente il divieto.

Nel caso in cui la tecnologia utilizzata lo consenta, le due diciture devono essere riportate rispettivamente in colore rosso l’una e verde l’altra (nonché anche in lingua inglese quando si ritiene rilevante la presenza turistica straniera).

Ebbene sì, dalla succitata sentenza della Cassazione che già nel 2008 coglieva nel segno, son dovuti passare 11 anni per trovare un banalissimo punto d’incontro comunicativo che mettesse d’accordo controllato e controllore sul senso della segnaletica.

Oggi quindi tutto chiaro, direte voi. Macché: se vi state chiedendo quale sia la scritta che ad oggi compare sui pannelli elettronici del centro storico tricasino, sappiate che non è né la vecchia né la nuova. Nè “Varco attivo” né “Ztl attiva”. I PMV recitano solamente “attivo” e “non attivo”.
Forse una via di mezzo per ciò che riguarda la facilità di interpretazione. Certamente una terza via, più breve del dovuto. Come quella che intercorre tra i cartelli di presegnalazione e il varco. Per la gioia degli avvocati e dei multati.

Lorenzo Zito

Continua a Leggere

Attualità

Tricase, depuratore: stop ai cattivi odori!

Ok ai lavori di copertura e trattamento aria. Pronti 800mila euro. Il sindaco Chiuri: «Investimento importante. Entro l’anno avranno finalmente fine le emissioni odorigene»

Pubblicato

il

L’Autorità idrica pugliese ha deliberato in favore dei lavori di copertura e trattamento aria del Depuratore di Tricase come previsto dal progetto predisposto dall’Acquedotto Pugliese per un importo complessivo di 800 mila euro.

Lo ha annunciato il sindaco di Tricase Carlo Chiuri con un post sulla sua pagina facebook esternando tutta la sua soddisfazione: «Stop ai miasmi, grazie a Regione Puglia, AIP ed AQP, in particolare all’Ing. Marcello Rainò e al Dott. Desio Carparelli, finiranno una volta per tutte le emissioni odorigene provenienti dal depuratore di Tricase. Un importante investimento che rende possibile la copertura ed il trattamento dell’aria del depuratore. Entro l’anno», conclude il primo cittadino, «dovremmo vedere l’opera realizzata»

Il progetto prevede la copertura dei due sedimentatori circolari primari mediante strutture piane, fisse, interamente realizzate in leghe d’alluminio; l’installazione di un impianto di deodorizzazione a servizio dei due sedimentatori primari; il confinamento della stazione di scarico bottini mediante la realizzazione di un capannone in carpenteria e tamponature con pannelli di tipo sandwich; l’installazione di un impianto di trattamento dell’aria a servizio della struttura di confinamento della stazione di scarico bottini; adeguamento dell’impianto elettrico per l’alimentazione delle nuove apparecchiature previste dal progetto.

L’intero intervento sarà realizzato a cura e spese di Acquedotto Pugliese e non interesserà in alcun modo il bilancio comunale.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus