Connect with us

Casarano

I salentini usano troppo l’auto. Mancano i mezzi pubblici

Il triste primato che emerge dai dati raccolti da UnipolSai

Pubblicato

il

Il triste primato che emerge dai dati raccolti da UnipolSai, relativi all’utilizzo dell’auto da parte dei salentini, rappresenta una chiara fotografia della grave carenza di trasporti pubblici in questo territorio, che rende spesso inevitabile il ricorso all’automobile.

Manca la cultura dei trasporti pubblici nel Salento? Potrebbe anche essere vero, ci sono persone che non prenderebbero mai un mezzo pubblico e chi usa la macchina anche per percorrere qualche centinaio di metri, quando potrebbe andare a piedi o in bici, ma il problema principale prosegue il Comitato – è che i salentini non sono messi nelle condizioni di poter scegliere tra il mezzo pubblico e la propria auto.

In realtà quei pochi treni e autobus in servizio non viaggiano vuoti, nonostante i numerosi disservizi e disagi. Al contrario, molto spesso i pendolari lamentano situazioni di sovraffollamento, anche oltre il numero di passeggeri consentiti. Per parlare di assenza di cultura dei trasporti pubblici bisognerebbe innalzare questo servizio almeno ai livelli minimi essenziali.

La situazione è sconfortante. Nonostante il trasporto pubblico rappresenti un servizio pubblico essenziale, nei giorni festivi i treni non circolano e la società Ferrovie Sud Est si limita a mettere a disposizione due corse sostitutive con pullman, che ovviamente servono solo alcune località.

Il trasporto su gomma non copre le gravi lacune del trasporto su ferro e così chi abita nelle zone prive di stazione ferroviaria, per spostarsi, potrà solo contare sui propri mezzi, fatta eccezione per quelle corse su pullman organizzate ad hoc per studenti e lavoratori.

I “privilegiati” che possono raggiungere facilmente una stazione ferroviaria, invece, non si trovano di certo davanti ad una situazione idilliaca. Da Lecce a Gagliano, via Zollino, ci sono solo 10 corse giornaliere e l’ultimo treno parte alle 19:23. Pertanto è un servizio che non prevede corse serali e un pendolare rischia così di rimanere bloccato a Lecce.

Di fronte a questa situazione come si può affermare che il problema sia solo culturale.

Comitato Trasporti Salento

Continua a Leggere

Casarano

Rapina e oltraggio a pubblico ufficiale: in carcere casaranese

Reati commessi tra Lecce e Casarano da dicembre 2010 a luglio 2019, per i quali l’uomo è stato condannato alla pena residua definitiva di 4 anni, 8 mesi e 22 giorni di reclusione.

Pubblicato

il

I carabinieri hanno arrestato in esecuzione ad ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Lecce – ufficio esecuzioni penali, Daniele Buono, 45 anni di Casarano per oltraggio a pubblico ufficiale e rapina in concorso.

Reati commessi tra Lecce e Casarano da dicembre 2010 a luglio 2019, per i quali l’uomo è stato condannato alla pena residua definitiva di 4 anni, 8 mesi e 22 giorni di reclusione.

L’arrestato è già “ospite” presso la casa circondariale Borgo San Nicola” di Lecce.

Continua a Leggere

Attualità

Cambia nome da Alessandro ad Alexandra. La Cassazione: giusto

Accolto il ricorso dell’interessata, chi cambia sesso può scegliersi il nome che vuole

Pubblicato

il

Cassazione, sì a cambio nome, Alessandro diventa Alexandra, e non Alessandra, anche per l’anagrafe. Accolto il ricorso dell’interessata, chi cambia sesso può scegliersi il nome che vuole

Alessandro potrà cambiare nome in Alexandra, e non Alessandra, anche per l’anagrafe.

Impossibile negare quel nome con la “x” all’uomo che ha cambiato sesso diventando donna a tutti gli effetti per lo Stato: è escluso che nella modifica all’atto di nascita dell’interessata debba avvenire una trasposizione meccanica dell’originario appellativo della richiedente, che peraltro non è sempre possibile.

Nulla vieta che possa sempre essere l’interessato, «soggetto chiaramente adulto», a indicare il nuovo nome prescelto dopo aver vinto la causa per la rettificazione del sesso. È quanto emerge dall’ordinanza 3877/20, pubblicata il 17 febbraio dalla prima sezione civile della Cassazione.     Accolto il ricorso dell’interessata: la Suprema corte decide nel merito ordinando all’ufficiale di Stato civile del Comune la correzione l’atto di nascita della richiedente, che dunque si chiamerà come ha sempre sognato.

Sbaglia la Corte d’appello di Torino a bocciare il nome con la “x” sul rilievo che si tratterebbe di un mero «desiderio voluttuario» della richiedente, mentre il nuovo segno distintivo da inserire nel registro dell’anagrafe sarebbe “Alessandra”, in quanto mera femminilizzazione dell’appellativo originario. Si tratta infatti di un’interpretazione che non trova supporto nella normativa in materia: le disposizioni non prevedono affatto un calco linguistico fra vecchio e nuovo nome.

Trova ingresso la censura che evidenzia come vi siano prenomi maschili non traducibili al femminile e viceversa, oltre ad altri che possono essere percepiti come dell’uno o dell’altro sesso a seconda del contesto linguistico in cui si pone l’interprete.

Il tutto mentre l’articolo 5 della legge 164/82 pone una corrispondenza assoluta fra il sesso anatomico e il nome, anteponendo l’interesse pubblico alla certezza nei rapporti giuridici a quello individuale alla coincidenza fra il sesso percepito e il nome indicato nei documenti di identità. È d’altronde primario il diritto all’identità sessuale sotteso alla rettificazione del sesso (che può avvenire senza l’intervento che modifica i caratteri anatomici primari).

E il nome, costituisce un diritto inviolabile della persona come immediato segno distintivo. Insomma: la scelta è libera se non viola altre disposizioni normative o diritti di terzi.

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti

Continua a Leggere

Casarano

Casarano: incidente sulla provinciale per Parabita

Pubblicato

il

Incidente stradale nel pomeriggio sulla Casarano-Parabita in direzione Parabita, sulla nuova bretella che dalla Provinciale Casarano-Supersano immette sulla SP 334.

Nel violento tamponamento sono rimaste coinvolte più vetture. Automobilisti di passaggio hanno prestato i primi soccorsi ai coinvolti. In seguito si sono recate sul posto le forze dell’ordine.

Seguono aggiornamenti.

Foto di Protezione Civile Salento.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus