Il poliziotto e lo stress

“Il cittadino si aspetta che il poliziotto abbia la saggezza di Salomone, il coraggio di Davide, la forza di Sansone” , scriveva Vollmer.

E ancora oggi come cittadini ci aspettiamo, giustamente, il massimo in tutti i campi da parte degli operatori delle Forze dell’ordine. Dimenticando a volte, però, che si tratta pur sempre di esseri umani e come tali anch’essi sottoposti a continui stimoli di varia natura che ingenerano una certa soglia di stress.

Imparare a gestire al meglio i fattori stressogeni è il tema che il Sindacato di Polizia Silp Cgil con la collaborazione della Camera del Lavoro CGIL Lecce e di Associazione Cerchio Blu di Firenze affronterà nel Convegno “I Rischi del Servizio di Polizia” previsto per domani, giovedì 12 ottobre, dalle 9 alle 12, presso la Sala Riunioni della Questura di Lecce.

Il convegno (aperto a tutti) affronterà i temi dello stress correlato al lavoro in polizia, i fattori che concorrono a delinearlo e la loro gestione efficace, tramite gli interventi di Graziano Lori, Presidente dell’Associazione Cerchio Blu di Firenze; Cristina Di Loreto, psicologa fiorentina facente parte dell’affiatata squadra di Cerchio Blu (esperta in psicologia dell’emergenza tratterà gli aspetti correlati ai fattori traumatici del lavoro in polizia); Fabrizio Ciprani, medico della Polizia di Stato Direzione Centrale Sanità; Massimo Montebove, responsabile nazionale della comunicazione di Silp Cgil. I relatori affronteranno la gestione della comunicazione di cattive notizie ai familiari delle vittime e le modalità di fronteggiare il delicato ruolo di messaggeri“, spesso spettante agli operatori delle Forze dell’ordine come nel caso di decessi per incidenti stradali.

Introdurranno la giornata formativa il segretario generale provinciale Silp Cgil Antonio Ianne, il segretario nazionale Silp Cgil Pietro Colapietro e la segretaria generale provinciale Cgil Valentina Fracassi. L’evento ha validità di aggiornamento professionale.

Tags:


Commenti

commenti