Istituto Popolare del Salento: sei rinvii a giudizio

Disposto il rinvio a giudizio dal giudice Michele Toriello, nel corso dell’udienza preliminare per il processo a carico dei sei fra i dirigenti e dipendenti della società I.P.S. (Istituto Popolare del Salento), con sede ad Aradeo, che si aprirà il prossimo 3 maggio a Lecce davanti alla seconda sezione penale del tribunale.

Le persone sottoposte alle indagini sono: Massimo Minerba, 49enne di Aradeo, dipendente; Giuseppe Colazzo, 67 anni, residente a Lecce e sindaco effettivo della IPS; Anacleto Agostino Imperiale, 64enne di Neviano, dipendente; Roberto Giuri, 56enne di Neviano; Michele Orlando, 61enne di Galatina, sindaco effettivo della società; Lorenzo Bianco 70enne di Cutrofiano, presidente del collegio sindacale della società.

Carmine Minerba, padre di Massimo, ai tempi amministratore  nel frattempo è deceduto e quindi è scattato il non luogo a procedere.

Le indagini, svolte in un periodo di tempo lungo circa un triennio, fino al giugno 2014, svelano come gli indagati avrebbero partecipato a un’associazione a delinquere, all’estorsione, ma anche alla raccolta abusiva del risparmio tra il pubblico e l’esercizio di credito. Ed ancora le imputazioni per truffa aggravata, falsità in registri e scrittura privata.

In particolare Massimo Minerba, Roberto Giuri, Lorenzo Bianco e Michele Orlando sono accusati di aver concesso prestiti di natura usuraria a sette persone, in cui gli interessi sarebbero oscillati tra il 25 ed il 405% annuo.

Tags:


Commenti

commenti