Connect with us

Galatina

Riaperto al traffico il tronco compreso tra la Tangenziale Est e l’abitato di Galatina

Pubblicato

il

La cerimonia di riapertura si è svolta nella mattinata del 26 febbraio con la partecipazione del presidente della Provincia Antonio Gabellone, dell’assessore provinciale all’edilizia stradale Massimo Como, del Sindaco di Soleto Elio Serra, e del Commissario Prefettizio al Comune di Galatina Alberto Captano e di altri rappresentanti istituzionali. Nel suo intervento il presidente della Provincia ha ribadito che il problema della sicurezza stradale e del miglioramento dei collegamenti è tra i punti prioritari del suo  programma di mandato.

“Con la riapertura di questo tronco stradale”, ha dichiarato il presidente Antonio Gabellone, “abbiamo centrato un obiettivo importante. Il grosso volume di traffico che stiamo verificando di persona,  nel corso di questa breve cerimonia, ci dimostra che il problema della chiusura al traffico di questa arteria, era grave e richiedeva una immediata soluzione. Il nostro intervento, per quanto non eccezionale dal punto di vista economico, dunque, è di straordinaria  importanza sul piano pratico. Siamo soddisfatti di aver condiviso l’impegno con i Comuni di Soleto e Galatina e con il Consorzio di Sviluppo Industriale. Continueremo a risolvere le criticità esistenti. E’ la seconda volta che veniamo a Galatina a conclusione di lavori stradali. Ciò dimostra che siamo sempre attenti  ai problemi della gente e pronti a risolverli”. L’assessore provinciale all’edilizia stradale, Massimo Como, da parte sua, ha puntato il dito sui ritardi accumulati dalla precedente Amministrazione.

“Questo tronco stradale”, ha affermato l’assessore Como, “era chiuso da due anni e mezzo e su un’arteria di questa importanza il disagio causato ai cittadini era enorme. Abbiamo preso in carico la responsabilità di risolvere il problema e lo abbiamo fatto in tempi brevissimi, perciò salutiamo con soddisfazione la riapertura al traffico di questa strada a traffico intensissimo. Noi preferiamo la politica del fare rispetto a quella del dire. A Galatina, con 800.000 euro abbiamo finanziato il completamento della tangenziale est, con altri 100.000 abbiamo restituito alla fruizione pubblica questa importante arteria. Continueremo in questa direzione e presto risolveremo il problema del cedimento del fondo stradale della tangenziale di Maglie che ne limita l’utilizzo”.

Il sindaco di Soleto, Elio Serra, ha incentrato il suo intervento sull’importanza dell’intervento per la zona industriale di Soleto e Galatina. “L’azione sinergica tra gli enti interessati, la Provincia, i Comuni di Soleto e Galatina  e il SISRI”, ha detto Elio Serra, “ha favorito la soluzione in tempi brevi di un problema che si trascinava da tempo. Siamo molto soddisfatti. La chiusura di questa importante arteria, ha provocato disagi e problemi alle numerose aziende che operano di questa zona industriale. Oggi facciamo un regalo a queste aziende che potranno riprendere a vivere ed operare senza condizionamenti legati alla chiusura di questa strada da cui sono state a lungo penalizzate”. L’intervento, per un importo di 150.000 euro, è stato finanziato dalla  Provincia di Lecce (100.000 euro), dai Comuni di Galatina e di Soleto, dal Consorzio SISRI per la restante parte, in quanto la strada ricade nella zona industriale Soleto-Galatina.

Cronaca

Luca Abete scopre “Terra dei fuochi” made in Salento

Rifiuti in campagna e rogo sospetto tra Galatina e Lequile. Il filmato girato dall’inviato di Striscia la Notizia che era nel Salento e si è fermato a riprendere quanto stava accadendo

Pubblicato

il

Luca Abete in viaggio nel Salento, una terra che ama ed alla quale è molto legato.

Sperava per un giorno forse di poter “dimenticare” tutti i problemi che attanagliano la sua terra, la Campania, e almeno per qualche ora non sentire parlare di “Terra dei fuochi”.

Speranza subito disillusa e quanto si è presentato ai suoi occhi (insieme alla sua sensibilità sull’argomento) lo ha costretto a fermarsi.

Aveva notato che c’era qualcosa che non andava già nel viaggio d’andata e, al ritorno, non ha potuto esimersi dal fermarsi, raccontare quanto accadeva in perfetto stile Striscia La Notizia e trasmettere il tutto in diretta facebook.

Siamo nei pressi di Galatina in direzione Lequile: guardate un po’ cos’ha scoperto Luca…

Terra dei Fuochi in Puglia?

Gepostet von Luca Abete – official page am Montag, 17. Februar 2020

Continua a Leggere

Appuntamenti

La Patrona degli Aeronauti a Galatina

L’aeroporto militare accoglie la statua della Beata Vergine di Loreto che resterà circa tre settimane nel Salento

Pubblicato

il

È giunta quest’oggi al 61° Stormo di Galatina, l’effige sacra della Madonna di Loreto, una statua appositamente realizzata per il Giubileo Lauretano, che attraverso un percorso itinerante, sta visitando tutti i reparti dell’Aeronautica Militare dislocati sul territorio nazionale. Accolta all’arrivo da una rappresentanza del personale della Base e dalle Associazioni d’Arma Aeronautica della provincia di Lecce, la statua è stata accompagnata, con una breve processione, all’interno della cappella aeroportuale.

Ricorre quest’anno il centenario della proclamazione, avvenuta il 24 marzo del 1920, della Vergine Lauretana quale Patrona universale degli aeronauti.

Per celebrare l’avvenimento, Papa Francesco ha concesso il “Giubileo Lauretano” che ha avuto inizio l’8 dicembre 2019, con l’apertura della Porta Santa nel Santuario di Loreto, e si concluderà il 10 dicembre 2020.

Il Giubileo si rivolge a tutti i fedeli che, in qualche modo, sono legati al mondo dell’aviazione civile e militare, non solo i lavoratori, ma anche i passeggeri.

Il 61° Stormo, capoluogo di circoscrizione ed ente di riferimento aeronautico per tutti i reparti dell’Arma Azzurra ubicati nelle province di Lecce e Brindisi, avrà il privilegio di custodire la “Madonna Pellegrina” per circa tre settimane nel corso delle quali sono previsti numerosi appuntamenti religiosi tra cui:

–          domenica 16 febbraio, alle 11, Santa Messa presso la Basilica “De Finibus Terrae” di Santa Maria di Leuca presieduta dal Vescovo di Ugento (la processione avrà inizio alle ore 10:30);

–          lunedì 17 febbraio, alle 18, Santa Messa presso il Duomo di Lecce presieduta dal Vescovo di Lecce (dopo la Messa, all’interno della Cattedrale, si terrà un concerto della Fanfara della 3^ Regione Aerea);

–          martedì 18 febbraio, ore 19.00, Santa Messa presso la Chiesa Matrice di San Cesario “Santa Maria delle Grazie”;

–          mercoledì 19 febbraio, dalle 10 alle 12, “venerazione” presso il Santuario “Madonna di Loreto” di Zollino e alle 18 Santa Messa presso la Chiesa di “San Martino di Tours” a Taviano;

–          giovedì 20 febbraio, alle 17.30 Santa Messa presso la Chiesa “Madonna di Loreto” di Lequile;

–          venerdì 21 febbraio, alle ore 18, Santa Messa celebrata a Galatina presso la Basilica di “Santa Caterina d’Alessandria” (la processione inizia alle ore 16.45 con partenza da Piazza San Pietro);

–          martedì 25 febbraio, ore 10,30, Santa Messa presso la Cattedrale di Otranto presieduta dal Vescovo di Otranto;

–          venerdì 28 febbraio, con inizio alle 11, Santa Messa presso la Basilica “Santa Maria ad Nives” di Copertino, presieduta dal Vescovo di Nardò (la processione avrà inizio alle ore 10,30).

Inoltre, durante la permanenza in terra salentina, saranno previsti alcuni momenti di apertura al pubblico delle basi militari per dare la possibilità ai devoti di visitare la statua “pellegrina” e ricevere l’indulgenza plenaria.  L’aeroporto militare di Galatina sarà aperto ai fedeli:

  • dalle 10 alle 12, e dalle 14 alle 16: nelle giornate di lunedì 17, martedì 18 e venerdì 21 febbraio;
  • dalle 10 alle 12: giovedì 20, sabato 22 e domenica 23 febbraio;
  • dalle 14 alle 16: mercoledì 4 marzo.

L’apertura al pubblico riguarderà esclusivamente il tragitto ingresso-cappella aeroportuale. Dopo aver parcheggiato l’auto all’esterno, si accede previa esibizione del documento di identità e rilascio pass

Per il col. Alberto Surace, comandante del 61° Stormo e dell’aeroporto di Galatina «la presenza dell’effige sacra della Madonna di Loreto sulla base aerea di Galatina, oltre a testimoniare il profondo legame dell’aeroporto con la nostra amata Patrona, rappresenta un’opportunità di riflessione sui valori che ogni giorno guidano l’impegno umano e professionale del personale, militare e civile, dell’Arma Azzurra, valori quali la dedizione, la prontezza, la disponibilità, la consapevolezza dei propri compiti e la responsabilità della missione assegnata».

Il 61° Stormo, che dipende dal Comando delle Scuole A.M./3^ Regione Aerea di Bari, è una “scuola di volo” la cui missione primaria è quella di provvedere alla formazione e all’addestramento su aviogetti degli allievi piloti. In particolare presso la base aerea salentina si tengono corsi di fase II “Primary Pilot Training” (selezione della linea di volo di futura assegnazione), fase III “Fighter Track” (brevetto di pilota militare per chi andrà a volare sulle linee caccia) e fase IV (Lead In-to Fighter Training – propedeutica all’addestramento avanzato su velivoli da combattimento.

Continua a Leggere

Attualità

Il Salento impreziosisce gli Oscar

La cantante e attrice Usa Janelle Monàe ha indossato uno sfavillante abito chador in seta, tulle e lamé ricoperto da 168 mila cristalli Swarovski, realizzato e interamente cucito a mano per Ralph Lauren da un ditta di Galatina

Pubblicato

il

Il Made in Salento conquista il mondo. Dopo i la  tutina indossata per “Me ne frego” dal novello francescano Achille Lauro al Festival di Sanremo, la preziosa sartoria salentina colpisce anche al Dolby Theatre di Los Angeles dove si è svolta la novantaduesima notte degli Oscar.

Per l’occasione la cantante e attrice statunitense Janelle Monàe ha indossato uno sfavillante abito chador in seta, tulle e lamé ricoperto da 168 mila cristalli Swarovski, realizzato e interamente cucito a mano per Ralph Lauren dalla Gda-Officina Tessile di Galatina. La stessa azienda aveva impreziosito con i cristalli la tutina sanremese di Achille Lauro.

Per realizzare l’abito della Monàe del peso di 35 chili c’è voluto il paziente e sapiente lavoro di sei artigiane salentine.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus