Connect with us

Carmiano

Scoperti 23 lavoratori in nero e denunciate 12 persone

Tra Lecce, Matino, Lizzanello, Copertino, Carmiano, Salice, Tuglie, Carpignano, Casarano, Galatina, Poggiardo e Nardò

Pubblicato

il

I controlli effettuati dai militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Lecce in varie aziende, fra imprese operanti nel settore edili, agricolo, in quello delle autofficine, delle confezioni e della produzione di mobili, hanno portato negli ultimi giorni alla individuazione di ventitre rapporti di lavoro in nero.

Su un totale di venticinque ispezioni eseguite, 63 sono state le posizioni lavorative esaminate dagli ispettori, riferite ad altrettanti dipendenti.  Di queste, ventitre quelle assolutamente “in nero” mentre, relativamente alle altre, sono in corso gli accertamenti del caso, al fine di verificare eventuali violazioni di legge ed elusioni contrattuali.

Le ispezioni sono state eseguite nel capoluogo di provincia e nei comuni di Matino, Lizzanello, Copertino, Carmiano, Salice Salentino, Tuglie, Carpignano Salentino, Casarano, Galatina, Poggiardo e Nardò ed hanno visto impegnati i militari del NIL della Direzione Territoriale del Lavoro di Lecce, diretta dal Dr Virginio Villanova.

A conclusione di indagini protrattesi per diverse settimane i militari hanno accertato una truffa perpetrata ai danni dell’INPS di Lecce da parte di un datore di lavoro operante nel settore dell’industria che aveva occupato illecitamente alcuni operai dopo averli egli stesso posti in mobilità. Per uno di essi, in particolare, l’INPS aveva sborsato l’ingente somma di 26mila euro a fronte di un periodo di occupazione in nero protrattasi a cavallo degli anni 2009-2010- 2011. Nello stesso stabilimento i militari constatavano, altresì, un’omissione contributiva di circa 279 milaeuro. Particolare inquietante la scoperta della tenuta di una contabilità doppia: una reale e relativa all’effettiva forza lavoro e l’altra fittizia, ad uso della contabilità “ufficiale”. L’esito degli accertamenti oltre che all’Autorità Giudiziaria è stato trasmesso, per quanto di competenza, sia all’INPS che alla G.d.F..

Due imprenditori edili sono stati denunciati all’A.G. anche per un episodio di distacco illegittimo di personale da una all’altra realtà produttiva, in violazione dell’art. 30, comma 1 del D. Lgs 273/2003 e s.m.i. (c.d. riforma Biagi)

Nel corso dei controlli i Carabinieri del NIL hanno notificato 74 sanzioni amministrative per un totale di 99.080,00, relative alla cosiddetta “maxi sanzione” per lavoro nero, all’irregolare tenuta del Libro Unico del Lavoro, alla mancata consegna del contratto di lavoro e ad altre norme violate.

Per nove aziende è scattata la sospensione dell’attività imprenditoriale per impiego di lavoratori in nero in misura superiore al 20% di quello occupato, con un’ulteriore sanzione di € 1.500,00 che ogni datore di lavoro ha dovuto pagare per poter riprendere l’attività.

Recuperati alle casse dell’INPS 54.324,00 di contributi evasi.

I datori di lavoro sanzionati sono stati inoltre segnalati anche alla G.d.F. per quanto di competenza, in merito agli illeciti fiscali e tributari che scaturiscono dal pagamento in nero delle retribuzioni ai lavoratori irregolari.

Carmiano

In manette per 150 euro!

Arrestati due pregiudicati che si erano introdotti nell’abitazione di una donna di origini cinesi per rubare

Pubblicato

il

Furto aggravato: con questa accusa sono stati arrestati due uomini che ieri sera hanno tentato di rubare a casa di una donna di origini cinesi.

Erano le 18,30, circa, quando i due a Magliano (frazione di Carmiano), in via Modigliani, hanno scavalcato un muro di recinzione e, dopo aver forzato la finestra sul retro, si sono introdotti all’interno dell’abitazione della donna.

I malviventi hanno arraffato un borsellino contenente appena 150 euro, e si sono dati alla fuga tra le viuzze della frazione.

Quando erano certi di averla scampata bella si sono imbattuti in una gazzella radiomobile dei carabinieri e sono stati bloccati.

Sono così finiti in manette Vito Giancane, 30 anni, e Salvatore Tramis, 34, entrambi di Monteroni e pregiudicati.

La refurtiva è stata restituita alla legittima proprietaria. Per gli arrestati, invece, si sono aperte le porte del carcere di Lecce.

Continua a Leggere

Alezio

+uova = più prevenzione

Con Lilt Lecce per contribuire alla ricerca oncologica ambientale in Salento e sostenere il centro Ilma

Pubblicato

il

Torna la campagna della Lilt Lecce +uova = più prevenzione. Dal 5 al 7 aprile saranno in vendita nelle piazze salentine le uova di Pasqua della prevenzione.

Saranno interessate le piazze principali di: Alezio, Arnesano, Calimera, Campi Salentina, Caprarica di Lecce, Carmiano, Castrignano dei Greci, Casarano, Cavallino, Corigliano d’Otranto, Galatina, Gallipoli, Lecce, Leverano, Lizzanello, Maglie, Martano, Matino, Monteroni, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Nardò, Ruffano, San Donato di Lecce, Sanarica, Scorrano, Seclì, Specchia, Squinzano,Trepuzzi, Tricase, Ugento e Uggiano La Chiesa.

Tricaseèmia si occuperà della distribuzione a Tricase. Le uova (latte e fondente) sono già a disposizione presso la sede dell’ associazione in via Cadorna n. 13 (ex Hombre abbigliamento) al costo Lilt di €10.

L’anno scorso in provincia furono vendute più di 8mila uova nelle piazze salentine: un successo che l’Associazione italiana per lotta contro i tumori si augura di ripetere anche quest’anno nella terza edizione della vendita delle uova di Pasqua.

Chi regalerà l’uovo di Pasqua della Lilt Lecce compirà un gesto tangibile perché contribuirà alla ricerca oncologica ambientale in Salento di GENEO (acronimo del più esteso titolo del Progetto “Sistemi di valutazione delle correlazioni tra GEnotossicità dei suoli e NEOplasie in aree a rischio per la salute umana)” e sosterrà il centro Ilma.

In anticipo sui tempi di effettiva attività del Centro Ilma (l’Istituto di Ricerca Scientifica Indipendente in via di ultimazione in agro di Gallipoli realizzato da LILT Lecce) si occuperà di monitorare e di aggiornare le mappe del territorio secondo i parametri di sostenibilità e di sicurezza per la salute degli organismi viventi.

Con lo studio GENEO si entra nel vivo della ricerca oncologica ambientale per contrastare e per ridurre le cause che interagiscono con il DNA delle cellule viventi, causandone la perdita dell’integrità strutturale e funzionale.

Continua a Leggere

Carmiano

Rapina alle poste per 340 euro!

In pieno giorno, un uomo travisato con cappuccio e armato coltello si è fatto consegnare il contante custodito in cassa

Pubblicato

il

In pieno giorno, durante l’orario di apertura al pubblico, erano le 10,50, un individuo, travisato con cappuccio e armato coltello, si è introdotto nell’ufficio postale e, brandendo l’arma, si è fatto consegnare il contante custodito in cassa, appena 340 euro!

L’assalto solitario è stato condotto ai danni dell’ufficio postale  di Magliano (frazione di Carmiano), in via Deledda n. 9.

Il rapinatore subito dopo si è dileguato a bordo di una Volkswagen Golf di colore blu, facendo perdere proprie tracce. Non hanno dato esito le ricerche immediatamente avviate dai carabinieri.

Nessuna persona è rimasta ferita. I militari dell’Arma intanto hanno acquisito le immagini delle telecamere di videosorveglianza di cui è dotato l’ufficio postale.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus