Connect with us

Appuntamenti

A Lecce torna il Festival Sabir

Dal 28 al 30 ottobre la settima edizione del festival diffuso delle culture mediterranee

Pubblicato

il


Il Festival Sabir, giunto alla sua settima edizione, torna in presenza a Lecce dal 28 al 30 ottobre. L’evento, promosso da ARCI insieme a Caritas Italiana, ACLI e CGIL, con la collaborazione di ASGI, Carta di Roma e il patrocinio della RAI, avrà al centro una riflessione sul ruolo che l’Europa può e deve svolgere nello scenario mondiale sui grandi temi delle migrazioni e dell’accoglienza, anche alla luce del nuovo Patto stipulato tra i governi europei.





La presenza di numerosi rappresentanti della società civile delle due rive del Mediterraneo e di reti internazionali arricchirà con diversi punti di vista il dibattito per la costruzione di una reale alternativa politica, culturale e sociale nel bacino del Mediterraneo, portando di nuovo al centro il principio di solidarietà, i diritti umani e la giustizia sociale. Tra le principali tematiche affrontate ci saranno infatti la situazione afghana e la risposta dell’Italia e dell’UE; la pandemia e il diritto alla salute, soprattutto per le popolazioni più marginalizzate; la lotta al caporalato e allo sfruttamento lavorativo; le esperienze positive di protezione e inclusione; il diritto d’asilo e l’esternalizzazione delle frontiere; il ruolo dell’informazione nel racconto della migrazione.





Saranno presenti rappresentanti delle istituzioni locali, nazionali e internazionali, rappresentanti della società civile, migranti accolti sul territorio pugliese, operatori della comunicazione.
Anche quest’anno, incontri internazionali e formazioni si alterneranno ad attività culturali.




Gli incontri internazionali e i seminari formativi proposti si configurano come attività di sensibilizzazione, di prevenzione e contrasto a fenomeni discriminatori che rappresentano gravi violazioni dei diritti fondamentali. Il Festival è anche occasione di nuove sinergie tra i livelli internazionale, nazionale e locale.





In particolare, il Festival offrirà spazi in cui operatori e operatrici dell’accoglienza, dell’informazione e dell’ampia rete dei servizi dedicati a richiedenti asilo e rifugiati, condivideranno strumenti di lavoro, esperienze e informazioni.





Sabato 30 ottobre il Festival si chiuderà con un’assemblea delle reti internazionali dal titolo “Il Patto europeo su migrazione e asilo – strategie di attivazione dalla dimensione locale alla dimensione internazionale”, a cura del comitato promotore di Sabir. Saranno riportate le conclusioni dei seminari realizzati nei giorni precedenti, formulando proposte per una nuova politica rivolta a Migranti e richiedenti asilo centrata sui diritti umani universali e su politiche di sviluppo sostenibile. L’obiettivo è scrivere insieme un Patto europeo per l’accoglienza e i diritti tra reti e associazioni di tutta Europa e non solo, da contrapporre alle attuali politiche europee di esternalizzazione e negazione dei diritti.


Appuntamenti

“Un abbraccio sospeso” a Ruffano

Incontro d’autore: Luigina Parisi presenta il suo libro ambientato tra Milano e Castro. Questo pomeriggio, dalle 17,30 al Salotto Culturale La Giara

Pubblicato

il

La storia di un’amicizia nata per caso, che diventa sempre più salda, fino a cambiare l’esistenza dei due protagonisti, ambientata tra Milano e Castro, è al centro del romanzo della scrittrice Luigina Parisi.

Pubblicato da Musicaos Editore “Un abbraccio sospeso” sarà presentato a Ruffano, questo pomeriggio, alle ore 17,30, presso il Salotto Culturale “La Giara” in via Liborio Romano 15.

Dopo l’introduzione di Elvia De Benedetto, presidente dell’Associazione Salotto Letterario La Giara, sarà la professoressa Tonina Solidoro a dialogare con l’autrice, mentre Sabrina Abatetillo e Antonella Manni leggeranno alcuni brani tratti dal romanzo.

Luigina Parisi si è laureata in Scienze Biologiche presso l’Università di Bari, ha insegnato diversi anni materie scientifiche, ma l’attività didattica non le ha impedito di coltivare la scrittura, sia poetica che narrativa, arrivando così a partecipare e vincere diversi concorsi letterari.

Protagonista del romanzo è Gloria, una giovane studentessa di medicina a Milano, che un giorno per un errore di impostazione del numero sul cellulare conosce Luca, col quale intratterrà per un lungo periodo una conoscenza fatta di chat e messaggi, con cui finirà per raccontarsi, giorno dopo giorno.

La ragazza vive una storia difficile con Michele e trova sostegno nelle parole, ma anche semplicemente negli squilli e nelle notifiche di Luca: la vita virtuale affianca la quotidianità di Gloria, che si divide tra gli studi universitari a Milano e l’amata città di Castro. Un libro molto breve, fatto di confidenze, talvolta inviate per email o per messaggio, che si alternano alla prosa elegante e curata. Le tematiche che tocca l’autrice – amore, dolore dell’abbandono, solitudine, morte – sono importanti e trattate con molta delicatezza, quasi come una coccola, anche se a tratti tristi con delle scene veramente toccanti.

«Il dolore deve trovare una via di sfogo per non crepare il cuore, ma ha bisogno della notte, dei selciati umidi di rugiada, di cieli coperti da oscurare le stelle…».

Tutto molto bello e avvincente e il lettore non riesce a non affezionarsi a Gloria e di riflesso anche a Luca.

Un romanzo dalla forte emotività che si legge tutto d’un fiato.

Info: Salotto Culturale La Giara, via Liborio Romano 15, Ruffano, salottolagiararuffano@gmail.com

 

Continua a Leggere

Appuntamenti

Melpignano getta le basi per una comunità del cibo

Al mercato del giusto: laboratori e stand, un dibattito e il live con Mino De Santis

Pubblicato

il

AGGIORNAMENTO: Evento rinviato a data da destinarsi causa meteo

La possibilità di acquistare i prodotti a kilometro zero e quella di dialogare con i contadini. E, ancora, la voglia di tornare a socializzare dopo oltre due anni di incertezze e isolamenti. È anche questo il Mercato del Giusto che, domenica 4 dicembre, riempirà con colorati stand i portici di Piazza San Giorgio a Melpignano, luogo dell’antico mercato.

La rassegna, giunta ormai alla sua settima edizione, rappresenta un presidio di biodiversità per condividere con la comunità i saperi e il buon cibo. Mangiare bene. Volersi, soprattutto, bene. Quello del Giusto è un mercato a cadenza periodica voluto dall’amministrazione comunale con l’obiettivo di sensibilizzare al consumo dei prodotti derivati dall’agricoltura organica locale. Coltivatori diretti, associazioni, imprenditori agricoli e consumatori si incontrano, per un ritorno alla terra e al senso di comunità.

Il programma

Domenica si comincerà alle 10,30 con un dibattito sul tema “Le comunità del cibo: filiere corte, consumo alimentare consapevole, nuove pratiche tradizionali sul territorio, coltivazione didattica”. Parteciperanno, oltre alla sindaca di Melpignano, Valentina Avantaggiato, il primo cittadino di Cutrofiano Luigi Melissano e il presidente del Parco naturale regionale Otranto-Santa Maria di Leuca, Francesco Minonne. E ancora, tra i relatori dell’incontro, Francesca Casaluci, per l’associazione “Salento km0”; Enrica Saracino, direttrice dell’Istituto comprensivo di Corigliano d’Otranto, Melpignano e Castrignano de’ Greci e, infine, Angelo Salento, sociologo e professore associato di Unisalento.

Un primo confronto col quale ci si impegnerà alla successiva sottoscrizione di uno schema d’accordo e di condivisione di intenti per la costruzione di una vera e propria “Comunità del cibo”. L’iniziativa all’interno di “Melpignano promuove cultura”, rassegna nata grazie al bando “Borghi e centri storici” e che prevede l’attivazione di un percorso universitario legato alle food policy in collaborazione, tra gli altri, con l’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo per la valorizzazione anche enogastronomica del territorio.

Mentre in piazza si svolgerà il dibattito e saranno disponibili gli stand coi prodotti locali, un laboratorio intratterrà i bambini. Sempre a partire dalle 10,30, infatti, gli educatori dell’associazione VivArch coinvolgeranno i più piccoli in “Pagine di pietra” all’interno del Palazzo Marchesale. Tramite l’osservazione dei graffiti e la loro riproduzione su tavolette di argilla, bambini e bambine si metteranno alla ricerca delle tracce dei prigionieri, viaggiatori e credenti che hanno lasciato memoria in questo prestigioso monumento.

Al termine della mattinata, alle ore 12, anche un momento musicale per ritrovarsi tutti assieme. A esibirsi il cantautore salentino Mino De Santis. Un viaggio trascinante ed emozionale nel passato del territorio e nelle tradizioni con i testi di quello che è considerato il “De Andrè” del Salento.

L’ingresso è libero e gratuito

Continua a Leggere

Appuntamenti

Natale a Galatina con il Festival degli Artisti di Strada

Pubblicato

il

Il periodo più magico dell’anno sta tornando e Galatina, tra gli addobbi che illuminano strade e vicoli del centro storico, si immerge nell’atmosfera del Natale sorprendendo cittadini e visitatori in un fantastico e intenso show itinerante, con gag acrobatiche e magiche, trampolieri e acrobati circensi, giocolieri, sputafuoco, clown e bolle di sapone.

A Galatina la sesta edizione del “Festival natalizio degli Artisti di Strada” che porterà un tocco di magia allo shopping di Natale di domenica.

Gli appuntamenti sono in cartellone per il 4, 11 e 18 dicembre, a partire dalle ore 18,30, con una festa lungo le strade del commercio e spettacoli di animazione in movimento con Il Grande Lebuski Show, spettacolo comico circense.

L’evento, promosso dall’amministrazione comunale all’interno della rassegna “Il Natale della Civetta” e dal Duc di Galatina con “Intervento cofinanziato dalla Regione Puglia – R.R. n.15 del 15/07/2011 – DGR n°473 del 22/03/2021”, è rivolto a tutti, bambini e famiglie comprese, ma soprattutto accompagnerà e allieterà le domeniche di shopping nel centro cittadino, promuovendo e dando risalto al tessuto commerciale del distretto galatinese e frazioni.

Obiettivo primario dell’evento è il sostegno verso il circuito locale, perché acquistare in attività gestite da persone che conosciamo, che ci accolgono con affetto, professionalità e che ci forniscono un servizio qualificato non ha paragone. Ma il Festival intende anche portare le persone a passare questo magico periodo di feste in città, facendo vivere il centro delle vibranti energie tipiche del Natale.

Tante le attività parallele al Festival e presentate oggi alla conferenza stampa, tra le quali, Le Strade del Gusto degustazioni di piatti tipici natalizi della tradizione salentina promossa dalle attività di ristorazione del centro storico e dall’Associazione Città Nostra, le luminarie a led  per contrastare la crisi energetica che saranno accese l’8 dicembre grazie al supporto dell’Associazione Imprenditori di Galatina, e poi ancora festoni a tema natalizio con le attività del centro storico e l’iniziativa a tema ambientale dei commercianti di Galatina e Frazioni, ognuno dei quali ha acquistato un pino di Natale che a conclusione delle feste verrà piantato in uno spazio comunale per creare un’area verde.

Infine una raccolta fondi nel giorno dell’Epifania, in collaborazione con l’Associazione Eliantus, e il Villaggio di Babbo Natale che ritorna per il sesto anno grazie all’Associazione Agorà e i Poli scolastici di Galatina.

Il sindaco di Galatina Fabio Vergine ha sottolineato come si voglia «riuscire ad attrarre non soltanto i tanti concittadini ma anche e soprattutto i preziosissimi amici dei comuni limitrofi, della provincia e oltre. E con questo intento si è andato a realizzare una vera e propria stagione natalizia, con eventi che coprono un arco temporale di oltre un mese».

Gli ha fatto eco il vice sindaco e assessore alle Attività Produttive, Mariagrazia Anselmi: «lo spirito di comunità che si è creato tra tutte le attività coinvolte nell’organizzazione della rassegna natalizia è entusiasmante, un esempio di lavoro in perfetta sinergia per offrire la tradizionale atmosfera di gioia, di accoglienza e di calore sia in centro storico che nei quartieri grazie alle numerose opportunità di intrattenimento che dimostrano la voglia di stare insieme».

IL PROGRAMMA

4 DICEMBRE

– Bikeman – Spettacolo clownesco di circo e pantomima   musicale

– Fachiro Nirname – Fachiro mangiafuoco

– Spettacolo di bolle di sapone

– Nuvole bianche – spettacolo su trampoli con effetti pirotecnici + trampolieri itineranti

– Les Fanfaron – band itinerante

11 DICEMBRE

– Il Grande Lebuski Show – spettacolo comico circense

– Fashionissima me – Spettacolo comico di acrobatica aerea

– Demenzio – Spettacolo clownesco.

– In Cerchio – Spettacolo acrobatico di circo

– Las Brillantes – Farfalle luminose su trampoli

– Spettacolo di bolle di sapone

– Gamblin Band – Band itinerante

18 DICEMBRE

– Compagnia dei girovaghi – Acrobata aerea, spettacolo di fuoco, Ballerini nella sfera

– Robertino – spettacolo di magia e giocoleria comica

– Spettacolo di bolle di sapone

– Stamu street – Band itinerante

– Il Grande Lebuski Show – spettacolo comico circense

– Fashionissima me – Spettacolo comico di acrobatica aerea.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus