Connect with us

Appuntamenti

A Tricase va in scena “Falcone e Borsellino storia di un dialogo”

Domani sera all’Auditorium “Valli” del Liceo “Comi”, organizzato da amministrazione comunale e ProLoco, lo spettacolo di Temenos-recinti teatrali tratto dal testo teatrale di Maria Francesca Mariano, magistrato della Corte di Assise di Lecce

Pubblicato

il

Uno spettacolo che ripercorre la vicenda umana e professionale di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i due giudici uccisi dalla mafia nel 1992, poiché divenuti personaggi “scomodi” e ricordati dopo la loro morte, come dei fulgidi esempi di coraggio e onestà per le generazioni a venire


A 31 dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, su iniziativa dell’amministrazione comunale e della locale ProLoco, la compagnia “Temenos-recinti teatrali” propone anche a Tricase, (domani sera, dalle ore 20,30 nell’auditorium “Donato Valli” del Liceo “Comi”), “Falcone e Borsellino storia di un dialogo”, spettacolo tratto dal testo teatrale di Maria Francesca Mariano, magistrato della Corte di Assise di Lecce, impegnata fin dalla sua esperienza in Sicilia, nella lotta alla criminalità organizzata ed il cui testo è stato adottato del centro studi Paolo Borsellino di Palermo, cresciuto sotto l’ala protettrice di Rita Borsellino.


Lo spettacolo teatrale (interpretato da, Marco Antonio Romano nel ruolo di Borsellino, Mino Profico in quello di Falcone, Liliana Putino nei panni di Agnese Piraino Leto e Maria Falcone e Valentina Piccolo in quello di Francesca Morvillo), racconta il grande rapporto di amicizia tra i due, ma anche la loro solitudine di uomini e magistrati, come emerge dal dialogo intercorso durante il periodo trascorso sull’isola dell’Asinara, per preparare il maxi-processo di Palermo.


Questo senso di isolamento, si ritrova in Marco Romano – Paolo Borsellino nel monologo successivo all’uccisione del collega, in cui egli riflette amaramente sul concetto di giustizia.


La serata avrà inizio alle ore 20,30 con i saluti istituzionali del sindaco Antonio De Donno e della dirigente wscolastica del liceo Statale “G.Comi” Antonella Cazzato e, a seguire gli interventi di Carlo Errico, consigliere della Corte d’Appello del Tribunale di Lecce, e di Francesca Mariano, magistrato penale e drammaturga, autrice del testo da cui è tratto lo spettacolo.

Alle 21 si alzerà il sipario e gli attori daranno vita a “Falcone e Borsellino storia di un dialogo”, uno spettacolo su giustizia e legalità, capace di scuotere le coscienze.



 


Appuntamenti

Trekking alla Specchia del Corno

Questo pomeriggio, dalle 17,30 escursione (gratuita) “mozzafiato” nel Parco Naturale Regionale Litorale di Ugento con le guide di Avanguardie

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Nel pomeriggio torna l’appuntamento con Esplorando, il progetto di ecoturismo ideato da Lido Pineta, lo stabilimento balneare eco-friendly nel Parco Naturale Regionale Litorale di Ugento, che da 11 anni trasforma la vacanza in un’occasione di scoperta green del territorio grazie alle guide ambientali di Avanguardie.

Questo parco salentino, che di estende per 1600 ettari lungo 12 chilometri di costa jonica tra Torre San Giovanni e Torre Mozza, ha una sorprendente ricchezza di specie e ambienti.

I gestori di Lido Pineta, hanno organizzato per gli amanti del trekking, ogni giovedì fino al 29 agostoescursioni gratuite che partono dal Lido Pineta in località Fontanelle, in compagnia delle guide professioniste Totò Inguscio o Emanuela Rossi.

Alle 17,30, fino al 1° agosto e poi alle 17 dall’8 al 29 agosto, si procede lentamente per un paio di ore, ogni volta esplorando una zona diversa Si cammina sulla sabbia all’ombra della pineta, intorno ai bacini artificiali, lungo i canali, sui sentieri che circondano campi recintati da muretti a secco fino alla collina per raggiungere i gradoni rocciosi delle serre di Ugento, con soste per ascoltare i racconti e osservare le peculiarità naturalistiche, storiche e archeologiche dell’area protetta (prenotazione indispensabile al 347.9527701-349.3788738).

Davvero mozzafiato l’escursione di questo pomeriggio, che si articola lungo il costone delle Serre Salentine, delle collinette ricoperte di macchia mediterranea, che profumano di rosmarino, mirto e lentisco, interrotte dai “canaloni” scavati nella roccia dall’acqua nel percorso dall’entroterra al mare, che sull’ultimo gradone roccioso prima della costa regala la suggestiva Specchia del Corno. 

L’escursione di 5 chilometri e mezzo, su un dislivello di circa 65 metri, si ripeterà anche il 29 agosto.

Nell’escursione lungomare del 1° agosto si passeggerà tra dune e pineta, per cinque chilometri senza dislivelli, sulla battigia accanto all’acqua cristallina, tra la vegetazione spontanea che preserva le dune dall’erosione, come lo sparto pungente e la gramigna delle spiagge, ammirando i “gigli” di mare e poi all’ombra dei pini, tra storie e aneddoti.

Nell’escursione lungo i canali dell’8 agosto si camminerà con pochissimo dislivello, per otto chilometri, nella piana tra le dune e le Serre di Ugento osservando, tra la vegetazione riparia, uccelli e animali che vivono nei preziosi spazi di acqua dolce e ascoltando racconti su questa zona dal punto di vista storico e naturalistico.

Il 22 agosto si camminerà alle spalle della spiaggia intorno ai bacini. Questa escursione accende i riflettori su quella che era una delle più vaste zone umide del Salento, che si iniziò a bonificare negli anni ’30 del secolo scorso, facendo confluire le acque in bacini sette artificiali (Suddenna, Bianca, Ulmo, Rottacapozza Nord e Sud, Spunderati Nord e Sud) che hanno i nomi delle antiche paludi ugentine. Circondati da canne di palude, abitati da rospi, rane e raganelle, gallinelle d’acqua, tuffetti e folaghe, sono ideali per il birdwatching.

Lo stabilimento balneare Lido Pineta da sempre valorizza l’ambiente, promuove il territorio e offre ai suoi ospiti servizi di qualità e un’alimentazione sana con specialità salentine, tra cui frise, pucce, pitta di patate, crema di fave da gustare nel ristorante à la carte, nel bar-caffetteria self service o sotto ombrelloni in canne d’Africa ben distanziati nell’area relax, cullati dal rumore delle onde. Dopo aver parcheggiato, per arrivare in spiaggia, si percorrono pochi metri attraverso una pineta secolare, che regala ombra e canto delle cicale con panchine e tavoli da picnic, un parco giochi per bambini e il campo di beach volley.

Dall’escursione si rientra al tramonto, quando il sole si tuffa in acqua, con la possibilità di fare la doccia a Lido Pineta e magari proseguire la serata a Gemini appena fuori Ugento, a 5 km dalla spiaggia, per cenare nel suggestivo ristorante Farnari Unconventional Locanda, con due sale interne, di cui una ipogea ricavata nell’ex cantina del palazzo arcivescovile seicentesco e un bel terrazzo: un mix di storia, artigianato e design, con una cucina tradizionale, ma non convenzionale, prodotti del territorio, tecniche di cucina moderna e impronta fusion, come l’Ombrina, con fagiolini all’aglio, ketchup di carote e fondo bruno di pesce.

Info: Lido Pineta, SP 91 Loc. Fontanelle, tel. 334.3130040, www.lidopineta.it

Continua a Leggere

Andrano

Pastasciutta antifascista, pani e musica per il dopolavoro agricolo

Doppio appuntamento, il 25 e 26 luglio, per la rassegna culturale e ambientale di Casa delle Agriculture a Castiglione  d’Otranto, tra “pastasciutta antifascista”, camminate, libri, musica

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Tornano gli appuntamenti settimanali con la rassegna culturale e ambientale “Il dopolavoro agricolo” di Casa delle Agriculture, a Castiglione d’Otranto.

Nell’ambito del progetto “Parco comune dei frutti minori”, vincitore dell’avviso Puglia capitale sociale 3.0 della Regione Puglia, la rassegna è pensata per ritrovare il tempo del riposo e dell’incontro dopo il lavoro.

Domani, giovedì 25 luglio, evento ricchissimo presso il Vivaio dell’Inclusione “Luigi Russo”, in via Vecchia Lecce. Si inizia alle ore 18.30 con la “Passeggiata tra le erbe spontanee” del Parco comune dei frutti minori, per esercitare lo sguardo a cogliere la biodiversità presente lungo i cigli dei tratturi (il percorso si snoda lungo circa 2 chilometri, consigliati scarpe e abbigliamento comodi).

La camminata è un’introduzione in cammino al libro “Il giardino delle erbacce” (AnimaMundi Edizioni, 2023) che sarà presentato assieme all’autore, Rocco Casaluci, alle ore 20.30. Il volume raccoglie una selezione di scatti in bianco e nero dedicati alle erbe spontanee salentine che il fotografo ha incontrato durante le sue quotidiane passeggiate nella natura. Le “erbacce”, come ama chiamarle Casaluci con affetto, costituiscono un patrimonio di circa 1.300 specie in Salento (in tutto il territorio italiano se ne contano oltre 6.000). Questo catalogo della biodiversità pugliese porta con sé una riflessione importante sia sulla bellezza racchiusa in piante spesso considerate marginali sia sul valore di questo tipo di erbe nell’ambito della fitoterapia e della medicina.

A seguire, alle 21.30, al via la Pastasciutta e scarpetta antifasciste. È una storia di resistenza, quella dei Fratelli Cervi, che – cinque mesi prima di essere fucilati – per celebrare la caduta del fascismo, il 25 luglio 1943, distribuirono pastasciutta alla gente di tutto il paese. Da allora, migliaia di “Pastasciutte antifasciste” vengono organizzate ogni anno in Italia (clicca qui per saperne di più).

A Castiglione, la pasta sarà abbinata al pane, prodotto con le farine coltivate sui campi strappati all’abbandono e molite nel “Mulino di comunità”.

Durante la cena, Le otto ore, il live di Massimo Donno (chitarra e voce, nella foto in alto) tra canzoni popolari partigiane, anarchiche, di lavoro e immigrazione. Dal Sud all’Appennino tosco-emiliano, è un viaggio tra le musiche che hanno accompagnato le grandi mutazioni storico-politiche e sociali in Italia e non: da Sante Caserio a Sacco e Vanzetti, dalla questione meridionale alla guerra d’Albania. Un viaggio su “come è cambiato il lavoro e come sta cambiando – spiega Donno – come cambia la lotta, la società, la gente che lavora e che lotta per cambiare, come cambia il modo di vivere la storia e come cambia chi ci racconta questa storia in divenire; come cambiano i lavori, gli spazi, gli ambienti, l’ambiente… e come cambia il modo di cantare, vivere, raccontare“(per info: 388/4412129).

Venerdì 26 luglio, la rassegna “Il dopolavoro agricolo” ritorna al Vivaio dell’inclusione “Luigi Russo”: dalle ore 20.30, al via le degustazioni di “Pane e cumpanatico” con i diversi pani sfornati dal “Forno Forte Forte” e accompagnati da verdure, ortaggi e legumi di Casa delle Agriculture, una sperimentazione che mescola il sapore dei campi pugliesi a quello degli altri popoli del Mediterraneo.

A seguire, il live “Sulu, con le mie storie” di Enzo Marenaci (voce e chitarra) ed Egidio Presicce (sax e armonica), un alternarsi di storie di terra, di mare, di odori e sapori fra il dialetto salentino e i dialetti di Fabrizio De André (per info: 388/4412129).

Enzo Marenaci

Continua a Leggere

Appuntamenti

Giurdignano: la rinascita di Vincenza

Memoriale dedicato a Vincenza Magnolo, tra le voci più caratteristiche ed importanti del Salento

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Vincenza Magnolo, ricercatrice curiosa ed affamata, ha orientato per anni le sue indagini sui Canti Polifonici tramandati oralmente.

Nel memoriale saranno coinvolti numerosi artisti dello scenario popolare e non solo, tra canti, canti alla stisa, pizziche, stornelli, ed improvvisazioni si trascorrerà una serata di convivialità degna e rivolta al ricordo di Vincenza.

Appuntamento sabato 27 luglio, dalle 20, presso il Parco dei Megaliti di Giurdignano.

L’evento è organizzato dalla Fondazione “La Rinascita di Vincenza” in collaborazione con il Club per l’UNESCO di Giurdignano.

Direttore artistico Giuseppe Delle Donne.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus