Connect with us

Appuntamenti

Carnevale Tricasino: Capitan Ventosa con Lu Tata Masciu

Lu Masciu diventa papà: tutto pronto per la VII edizione de “I Masci de na fiata”, ospite della serata finale il noto showman di Striscia la Notizia. Quest’anno protagonisti anche i telefilm di una volta

Pubblicato

il

Il Carnevale Tricasino sta per entrare nel vivo e ancora una volta la città si prepara a vivere il momento più colorato e divertente dell’anno che culminerà nella gran festa finale di martedì 25 febbraio con Capitan Ventosa, il supereroe di Striscia la Notizia tanto amato soprattutto dai più piccini.

La caratteristica riproposizione del Carnevale di un tempo è giunta alla settima edizione e I Masci de na fiata è divenuto ormai un appuntamento fisso del periodo carnascialesco.

Lu Masciu (Gianluca Errico) e Mamma Mmeli (Giuseppe Elia)

Masci, così venivano chiamati quelli che, in antichità, indossavano maschere e vestiti ricavati da stracci per creare degli originali travestimenti e rendere il proprio aspetto misterioso. Tricase, infatti, non ha mai avuto una grande tradizione storica legata ai carri allegorici di carnevale, bensì, in passato, tutto ruotava attorno alle caratteristiche masciate,  piccoli momenti di festa durante i quali i masci vagavano per il paese bussando nelle abitazioni e cantando stornelli e poesiole goliardici e divertenti.

Le famiglie accoglievano con gioia i masci offrendo loro dolci tipici o, più semplicemente, un bicchiere di vino, utile a riscaldare i freddi pomeriggi invernali. Così il Carnevale si trasformava in un momento semplice di convivialità con il coinvolgimento di tutta la comunità.

Anche quest’anno il protagonista indiscusso del carnevale tricasino sarà u Masciu, la caratteristica maschera tricasina ideata dall’artista locale Ilaria De Marco, che rappresenta l’intera città di Tricase attraverso i simboli dei vari rioni e frazioni. La maschera, oltre al chiaro intento goliardico, si propone anche come simpatica promotrice dell’unità sociale della città, attraverso la valorizzazione delle differenze esistenti tra i vari borghi e rioni.

Dopo la migrazione forzata dello scorso anno verso la Svizzera in cerca di un lavoro, u Masciu finalmente tornerà nella sua terra natia, ma lo farà con una sorpresa: un pargoletto. Ce la farà u Tata Masciu ad accudire il figlioletto? E come reagirà Mamma Meli, la briosa mamma dellu masciu? Lo scopriremo presto.

In parallelo al nuovo capitolo della saga de lu masciu, il tema scelto dall’organizzazione è quello dei telefilm e dele serie televisive di una volta: ci sarà da divertirsi tra Happy Days, Furia Cavallo del West, Il mio amico Arnold, solo per citarne alcune.

Da Striscia La Notizia arriva Capitan Ventosa

Il calendario delle Masciate si aprirà sabato 15 febbraio con la Masciata del rione Caprarica. I momenti conclusivi della settima edizione del carnevale tricasino saranno le consuete sfilate. Giovedì 18 sarà interamente dedicato ai più piccini con la sfilata dei bimbi degli istituti scolastici della città. Partenza alle 15,30 da Corso Giulio Cesare. L’allegro corteo attraverserà alcune vie del centro cittadino per poi giungere in Piazza Cappuccini per la grande festa dedicata a tutti i bambini con maghi, intrattenimento, balli, baby dance e tanto altro.

Il Carnevale Tricasino si concluderà con le consuete sfilate di domenica 23 e martedì 25 febbraio con la presenza dei carri allegorici e dei gruppi mascherati. Nell’ultimo giorno di carnevale, al termine della sfilata, per la gran festa finale, direttamente da Striscia la Notizia, Capitan Ventosa, (al secolo Fabrizio Fontana).

Il calendario completo delle masciate: sabato 15 nel rione di Caprarica; domenica 16 a Depressa; lunedì 17 a Tricase in collaborazione con Liquilab; martedì 18 nel rione di Sant’Eufemia; mercoledì 19 nel rione di Tutino; venerdì 21 a Tricase Porto; sabato 22 a Lucugnano.

Appuntamenti

Vivere Montesano: 200 uova di Pasqua per i più piccini

Acquistate con i gettoni di prersenza 2018 e 2019. Domani, grazie alla collaborazione della Croce Rossa, i bambini delle scuole elementari e materne riceveranno le uova pasquali direttamente a casa loro

Pubblicato

il

Il gruppo “Vivere Montesano” ha donato 200 uova di Pasqua ai bambini delle scuole elementari e materne del paese per rendere un po’ più dolce la Santa Pasqua ai tempi di coronavirus.

Domani, grazie alla collaborazione della Croce Rossa, i bambini riceveranno le uova di Pasqua direttamente a casa loro.

Questa è una Pasqua piuttosto insolita ed esclusiva”, scrivono in una nota i componenti del gruppo di opposizione in consiglio comunale, “stiamo attraversando un momento molto delicato e, probabilmente, non è la festa che ci aspettavamo”.

Si vuole, però, vedere il bicchiere mezzo pieno: “Quest’anno la Santa Pasqua ha un sapore unico. Finalmente in famiglia ci siamo proprio tutti. E cosa c’è di più importante dell’amore, dell’affetto, del calore della famiglia?”.

Pure nella tristezza e nel dolore per la situazione che stiamo vivendo, “stiamo riassaporando e rivalutando i valori della vita”.

I consiglieri ed il gruppo “Vivere Montesano” con questo piccolo pensiero vogliono essere “vicini ai cittadini più piccini che dall’inizio di questo particolare periodo stanno collaborando affinché tutto possa andare bene”.

Per realizzare l’iniziativa i consiglieri di Vivere Montesano hanno messo a disposizione gettoni di presenza ai consigli comunali segli anni 2018 e 2019.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Canti di passione e Santu Lazzaru in flash-mob da balconi e terrazze di Cutrofiano

fino al 4 aprile, ogni sera dalle 20, grazie alla partecipazione di tanti cittadini cutrofianesi sarà possibile ascoltare i canti di passione che dalle proprie case, sincronizzati tra loro, manderanno in diffusione per tutto il paese

Pubblicato

il

Dopo 10 appuntamenti serali di flash-mob condiviso con tutti si è giunti a dei “voluti giorni di pausa”.

Dal 26 marzo 16 artisti/amici facenti parte della “Compagnia Melegari” (nome dato alla formazione che ogni anno nella settimana delle Palme “porta” in giro tra le case il canto de Lu Santu Lazzaru nella versione di Cutrofiano) grazie alla tecnologia si sono uniti.

Quest’anno per via dell’Emergenza del Covid-19 la compagnia non poteva uscire tra le case la notte per portare “Lu Santu Lazzaru” alle varie famiglie che ogni anno ci aspettano e “allora abbiamo voluto raggiungerle ugualmente virtualmente”, spiega Antonio Melegari, “abbiamo suonato lontani e grazie alla pazienza di Agostino Cesari siamo riusciti a metterci insieme creando un video pubblicato su YouTube”.

Voce Alta: Antonio Melegari

Voce Bassa: Andrea Stefanizzi

Controcanto: Alessandro Botrugno

Rullante: Matteo Coppola

Forbici a Sonagli: Riccardo Giannotta

Tamburo: Alessio Giannotta

Chitarra Acustica: Agostino Cesari

Sax: Diego Vergari

Mandolino: Totò Cavalera

Fisarmonica: Vittorio Chittano

Fisarmonica: Michele Bianco

Bombardino: Gianmichele De Filippo

Chitarra Classica: Giacomo Casciaro

Cupa Cupa: Francesco De Donatis

Tamburo: Paolo Cavalera

Violino: Luigi Marra

Nel canto sono state inserite anche delle strofe dedicate al periodo:

Nui preamu Santa Maria cu spiccia prestu sta Pandemia

Prestu cu passane sti brutti tiempi cu ni ‘mbrazzamu felici e cuntenti

Puru de Casa vu lu cantamu Na Bona Pasqua vi auguriamo

“Lu Santu Lazzaru” è un canto di questua eseguito da gruppi di suonatori e cantatori in giro per le case e le masserie nella settimana che precede la domenica delle Palme.

I suonatori suonano e cantano dietro le porte chiuse la Passione di Cristo in dialetto romanzo, successivamente vengono fatti entrare in casa dove il gruppo continua a cantare e tra le strofe del canto fanno delle richieste di doni come uova, formaggio, denaro, ecc e successivamente, sempre nella linea melodica del canto, fanno una serie di versi augurali ai “padroni di casa e ai rispettivi abitanti”. Finito il canto di solito viene offerto da bere e/o da mangiare e nel lu panaru (cesto utilizzato per la raccolta dei doni) il proprietario di casa con grande piacere offre qualcosa alla compagnia di suonatori.

Con grande piacere”, sostiene Antonio Melegari, “perché ricevere “Santu Lazzaru” è un onore non un rompimento di scatole

In questo 2020 la compagnia Melegari si recherà quindi virtualmente nelle case delle persone grazie a computer, smartphone, tablet, quindi “nella sfortuna di non poterlo eseguire come sempre, vogliamo prendere il lato positivo e cioè con la tecnologia abbiamo la fortuna di poter accontentare qualche famiglia in più che per mancanza di tempo non si è riusciti ad accontentare negli anni scorsi”.

E Lu Panaru? Per chi volesse per quest’anno sarà virtuale e sarà il conto corrente intestato a Nuovo Quotidiano di Puglia per emergenza Coronavirus con codice IBAN: IT 69 P 03087 03200 CC0100061041 Causale: SANTU LAZZARU PER IL VITO FAZZI.

Li Ucci Festival, con “La Compagnia Melegari” ha sposato l’iniziativa del Nuovo Quotidiano di Puglia per sostenere in un momento di grande difficoltà sanitaria l’Ospedale Vito Fazzi di Lecce in trincea per il contenimento della diffusione del virus Covid-19. Un segno di vicinanza e di solidarietà verso coloro che sono impegnati in prima fila nell’assistenza dei pazienti e nel contrasto dell’infezione: “Anche con Piccoli contributi si possono ottenere grandi risultati perché come recita un proverbio salentino: Ogni Petra azza Parete”.

Inoltre l’associazione culturale Sud Ethnic per continuare il percorso della Rassegna di Santu Lazzaru che da anni porta avanti in collaborazione con il Comune di Cutrofiano ha voluto creare quest’anno una Rassegna di Canti di Passione e Santu Lazzaru in Flash-Mob e quindi da Balconi e Terrazze di Cutrofiano fino al 4 aprile, ogni sera dalle 20, grazie alla partecipazione di tanti cittadini cutrofianesi sarà possibile ascoltare i canti di passione che dalle proprie case, sincronizzati tra loro, manderanno in diffusione per tutto il paese quei canti che si sarebbero dovuti eseguire nella rassegna (che dal 1991 si svolge a Cutrofiano il Sabato che precede la Domenica delle Palme).

Continua a Leggere

Appuntamenti

Giornata mondiale per la consapevolezza dell’Autismo con Gli Amici di Nico

Nel rispetto delle norme anti contagio, incontro virtuale con i ragazzi, le famiglie e gli operatori. Invitate ad aderire le famiglie del servizio ambulatoriale e diurno delle altre sedi di Matino e Lizzanello

Pubblicato

il

L’impegno per ricordare la Giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo non si ferma, nonostante l’emergenza Coronavirus. Una ricorrenza particolarmente interessante e significativa istituita dall’Assemblea generale dell’Onu nel 2007, per richiamare l’attenzione di tutti sui diritti delle persone affette dallo spettro autistico.  Per cause di forza maggiore, rispetto agli anni precedenti, cambia anche la tradizionale location leccese di piazza Sant’Oronzo.

Nel rispetto delle norme anti contagio, l’edizione 2020 prevede almeno per un giorno, la possibilità di un incontro virtuale con i ragazzi, le famiglie e gli operatori, attraverso una diretta streaming in programma giovedì 2 aprile alle ore 10,30.

L’appuntamento avrà luogo presso la Comunità residenziale sita in via Campania a Matino. Per l’occasione, sono state invitate ad aderire alla giornata le famiglie del servizio ambulatoriale e diurno delle altre sedi di Matino e Lizzanello.

Ai genitori, oltre ad essere stata indirizzata la proposta di far dipingere dai loro figli “l’albero della rinascita e della voglia di farcela” è stato anche chiesto di inviare telematicamente una raccolta di pensieri e di immagini relative all’evento. Il termine ultimo per l’invio del materiale è stato fissato dall’associazione per il 31 marzo. I partecipanti, potranno mandare il materiale prodotto attraverso l’applicazione Whatsapp al seguente numero 3205312212.

La presidente Maria Antonietta Bove

La sagoma dell’albero è possibile scaricarla direttamente dal sito www.amicidinico.it  e dalla pagina Facebook “Amici di Nico Onlus”. Gli organizzatori precisano che sarà possibile colorarla a piacere e con qualsiasi tecnica. L’importante che il colore predominante sia il blu.

L’iniziativa contribuirà a far sorridere i nostri bimbi e ragazzi”, afferma la presidente Maria Antonietta Bove, “anche se ci mancheranno i giochi, i canti, le facce dipinte di blu e i palloncini, quest’anno avremo la possibilità di ritrovarci in una piazza virtuale. Sarà sicuramente bellissimo. Viva la vita!”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus