Connect with us

Appuntamenti

Figilo, il Festival dell’informazione locale

Da segnalare il ritorno della criminologa Roberta Bruzzone e la presenza del noto avvocato Serena Gasperini, del conduttore de La Domenica Sportiva Jacopo Volpi, del vice caporedattore centrale de Il Giornale Giacomo Susca…

Pubblicato

il

Quarta edizione di “Figilo”, il Festival del Giornalismo locale, dal 22 al 26 gennaio all’ Hotel Bellavista Club di Gallipoli organizzato da Caroli Hotels e da Piazzasalento, giornale diretto da Fernando D’Aprile, con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti della Puglia, della Provincia di Lecce e del Comune di Gallipoli, di Anso e del Centro di Documentazione Giornalistica.


In un settore editoriale in crisi, l’informazione locale apre nuovi possibili panorami, in cui intrecciare una professione sempre più complessa e articolata con i nuovi strumenti della comunicazione, come il citizen journalism e i social media.


Mai come oggi c’è bisogno di giornalisti e giornalismo, interlocutori e intermediatori sempre più preparati e raffinati  in mezzo ad una rivoluzione che dura da oltre una decina di anni ed ancora non si è assestata. Una rivoluzione che combatte e si adatta ogni giorno con la forza ridondante del web e dei social tra fake news, hate speeches, blog e viralità.


Di questo e altri temi, punta ad occuparsi Figilo, un momento di incontro, confronto e crescita dedicato ai giornalisti, agli operatori della comunicazione e agli studenti. Obiettivi da raggiungere attraverso quattro giornate di incontri e dibattiti con noti direttori e giornalisti delle principali testate locali e non, docenti universitari e responsabili della comunicazione istituzionale, che riuniscono il mondo del giornalismo, dei media e della comunicazione, anche con ironia ed autoironia, e momenti di riflessione e discussione.


Tutti gli incontri sono gratuiti e riconosciuti dall’Ordine dei Giornalisti e quindi validi per l’ottenimento dei crediti formativi ai sensi della legge 148/2011. Le iscrizioni possono essere effettuate tramite la piattaforma Sigef o direttamente il giorno del corso.


Jacopo Volpi


Da segnalare il ritorno della criminologa Roberta Bruzzone e la presenza del noto avvocato Serena Gasperini, del conduttore de La Domenica Sportiva Jacopo Volpi, del vice caporedattore centrale de Il Giornale Giacomo Susca, del docente di Diritto dell’Informazione all’Università Cattolica di Milano e alla Lumsa di Roma Ruben Razzante, del giornalista d’inchiesta FanPage.it Sandro Ruotolo, dell’inviato Mediaset Enrico Fedocci, del direttore comunicazione e trasparenza Formez PA Sergio Talamo, del dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “Puglia” Ida Tammaccaro, del già giornalista Rai Michele Mezza, della blogger Daniela Pispico, del direttore di Telerama News Giuseppe Vernaleone, del rettore di Unisalento Fabio Pollice e dell’assegnista di ricerca in Geografia Economico-Politica Dipartimento di Storia, Società e Studi dell’Uomo UniSalento Federica Epifani,  del presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia Piero Ricci e del segretario nazionale del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.

Nel corso dell’incontro serale di mercoledì 22 gennaio sui casi mediatici e sull’importanza degli organi di informazione, si parlerà di uno dei cold case salentini, il giallo sull’aggressione e la morte dell’imprenditore di Gallipoli Giovanni Mauro, avvenuta il 19 settembre del 2012.


La mattina  di venerdì 24 si affronterà il tema del caso Lecce in A con numerosi ospiti tra cui il vicepresidente dell’US Lecce Alessandro Adamo.


Nello stesso giorno, a partire dalle 17,45, è previsto il dibattito sul tema: “Caso di studio: giornalismo d’assalto e giornalismo d’inchiesta” con Ruotolo, Fedocci, Antonio Della Rocca, giornalista del Corriere del Mezzogiorno e Fabiana Pacella, giornalista freelance.


Il 23 a partire dalle 19 saranno consegnati i riconoscimenti Figilo 2020.


Parteciperanno ai dibattiti gruppi di studenti provenienti da alcuni istituti superiori. Prevista la diretta Facebook di alcuni dibattiti. Tutti gli incontri si svolgeranno nella Sala Ponte dell’Hotel Bellavista Club Caroli Hotels di Gallipoli.


Appuntamenti

Tricase, il Mondo del Porto: Dario Muci in Talassa

Domani, dalle 21,30 (ingresso libero), alla spiaggetta del porto live con il primo disco di inediti fuori dal 14 giugno. Featuring Raphael Gualazzi, Nabil Salameh, Enza Pagliara, Treble, Rocky G. Vox

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Talassa, il primo disco di inediti di Dario Muci, uscito il 14 giugno per l’etichetta discografica Zero Nove Nove (distribuzione fisica Self e digitale Believe), si prepara a risuonare in uno speciale live sulla scena di uno dei tratti di costa più affascinanti del Salento.

Domani, venerdì26 luglio, sarà presentato in un concerto allestito per la spiaggetta di Tricase Porto, nell’ambito de Il Mondo del Porto – Festival della Multicultura, alle ore 21,30 (ingresso libero).

Con Talassa il musicista salentino si presenta con una forma di scrittura nuova, lontana dai codici tradizionali: Muci, dopo venticinque anni di attività e ricerca, debutta con otto tracce inedite, di cui firma testi e musica.

Nasce dopo una gestazione di oltre otto anni ed è il suo canto di denuncia e speranza, facendosi megafono di storie vere, di mare e di terra, d’attualità e storia passata, di Salento e migranti, di lavoro, sfruttamento, dolore, di paesaggi ormai cimitero d’ulivi e, sempre e comunque, di amore.

Con Talassa Dario Muci scrive, musica e pubblica un album in cui, senza sventolare alcuna bandiera politica, mette a nota, brano per brano, contraddizioni d’oggi.

In questo e nei prossimi live di presentazione dell’album, con Muci ci saranno Giorgio Distante, che di Talassa interpreta l’aria e con i suoi arrangiamenti per fiati dona sfumature anche da esperto di elettroacustica concreta; Gianluca Longo, che porta la sua esperienza con strumenti a corda antichi e il suo linguaggio world Mediterraneo; Alessandro Lorusso, che colora il concerto di suoi suoni ed effetti dando atmosfere ai brani; Marco Rollo, di cui il live assorbe tutta la versatilità interpretativa, dal pop alla classica; Roberto Chiga, che da tecnico del suono completa l’opera curando suoni e sequenze in insert.

Dopo Tricase Porto, prossimi live a Martano domenica 28, a Nardò il 31 luglio (nell’ambito del Nauna Festival), il 7 agosto a San Gregorio (Patù), il 14 agosto a Giuggianello (Dolmen della Vecchia), il 17 agosto a Castrignano (Chiostro del Castello), il 25 agosto a Parabita, il 30 agosto a Castiglione (Andrano). Ingresso libero.

TALASSA E IL CANTASTORIE MUCI

Otto tracce originali e un linguaggio dalle sonorità chiaramente world, su testi in dialetto salentino (ma anche grico, italiano e arabo) con cui Dario Muci si fa interprete di temi quali la lotta al caporalato o la difesa dell’ambiente, da cantastorie (ancora più che cantautore) come Otello Profazio, Orazio Strano, Matteo Salvatore, Rosa Balistreri, grazie al suo background di musica tradizionale e all’attività di ricerca sui fatti, con indagini sul campo ed esplorazioni, per raccontare di personaggi ma soprattutto di vite vere.

COLLABORAZIONI E FEATURING

Il disco è un meltin’pot di sensibilità e suoni, anche grazie ad una serie di collaborazioni e featuring. Tra queste spicca quella con Raphael Gualazzi che ha arrangiato e interpretato al pianoforte Mohammed (secondo singolo, fuori dal 7 giugno), brano in cui la cronaca diventa musica attraverso i testi di Muci che, come in Sciurnatieri, narrano storie vere di braccianti sfruttati (e, nel caso di Mohammed, deceduti), e con Nabil Salameh che in Ommmuammare traduce in arabo ed interpreta il testo di Muci (ispirato dal libro “Frontiera” di Alessandro Leogrande), una preghiera ad ogni Dio del mare, ma anche un’accusa alla politica in merito alla legislazione sull’immigrazione e ai tanti, troppi, morti sulle coste e tra le onde.

Impreziosisce Talassa, inoltre, la voce arcaica di Enza Pagliara, cantante, ricercatrice di tradizioni orali, conosciuta in Italia e all’estero come una delle voci più note del canto popolare in Italia; poi la presenza di Antonio Petrachi, in arte Treble, tra i fondatori dei Sud Sound System, e del cantante reggae Rocco Nardelli, in arte Rocky G. Vox, che in Sant’Asili, brano ispirato alla lotta contro i gasdotti nel Mediterraneo, cantano loro composizioni.

Due degli otto brani di Talassa sono testi del poeta dialettale salentino Rocco Cataldi (Parabita 1927 – 2004) scelti e musicati da Muci: A li furisi (primo singolo, fuori dal 24 maggio), cartolina degli anni d’oro della campagna salentina, trasformato in una sorta di manifesto politico sull’attuale condizione del lavoro nelle campagne, e Moi ca nc’è lu sule, invito alla bellezza, alla speranza, all’accoglienza, a godere della “luce” quando c’è, per moltiplicarla quando ce ne sarà bisogno.

L’unico testo del disco in italiano è di Giuseppe Semeraro, attore, regista e poeta salentino, che di Talassa, tra l’altro, ha curato la traduzione in italiano dei testi dialettali. Muci musica il suo Ulivi, un canto di speranza che con una dolcezza estrema restituisce una nuova visione di bellezza al Salento colpito dalla Xylella.

Nell’album anche un testo in grico, antica lingua tuttora parlata dagli anziani della Grecìa Salentina, enclave ellenofona del Salento. Talassa è il titolo, scelto, tra l’altro, anche per l’intero disco. Nasce come testo in dialetto salentino scritto da Muci, viene poi tradotto in italiano e successivamente in grico da studiosi di quest’ultimo. Talassa (dal greco Θάλασσα, Thalassa) è il mare: secondo l’autore è il mare che tutti abbiamo dentro, è la nostra interiorità, immensamente grande e, dunque, a volte, ancora da scoprire.

Nella visione di Muci, nato e cresciuto a Santa Maria al Bagno, marina di Nardò, da sempre comunità di pescatori, talassa è anche semplicemente l’amore. Ecco allora che firma il suo canto d’amore per il mare ma anche la sua ode alla persona amata: una poesia in cui talassa e amore sono l’amore stesso.

L’album Talassa si stende su un tappeto musicale decisamente “urban”, con contaminazioni classiche, fusion, world, dub. Per fare questo Muci ha scelto di lavorare con musicisti provenienti da ambienti musicali differenti: Roberto Chiga (percussioni), Giovanni Chirico (sax tenore e baritono), Vito de Lorenzi (percussioni), Claudia De Ventura (voce), Giorgio Distante (tuba, tromba), Adolfo La Volpe (oud), Gianluca Longo (mandola e mandolino), Alessandro Lorusso (dub master), Matteo Resta (basso), Marco Rollo (piano), Marco Schiavone (violoncello), Marco Tuma (fiati).

Continua a Leggere

Appuntamenti

Montesano Salentino: tutto pronto per San Donato

Ciò che accomuna più di tutto i secoli passati con i giorni nostri, oltre alla fede per il Santo, è la mole di fedeli che la devozione stessa muove. Giovedì il concerto del cantante neomelodico Angelo Famao che ha registrato numeri da capogiro con la sua “Tu si a fine do munno”

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

La festa e la fiera in onore di San Donato, a Montesano Salentino, hanno origini antichissime.

Ciò che accomuna più di tutto i secoli passati con i giorni nostri, oltre alla fede per il Santo, è la mole di fedeli che la devozione stessa muove.

Come un tempo, in migliaia raggiungevano la Statua de Santu Dunatu per chiedergli la grazia dal morbo sacro dell’epilessia (male nei confronti del quale è il protettore), oggi altrettante migliaia di persone si spostano in massa verso il piccolo centro del basso Salento, nei caldi giorni di agosto per una delle feste patronali in assoluto più sentite e frequentate.

IL PROGRAMMA

La preparazione religiosa alla festa proseguirà da domenica 28 luglio a lunedì 5 agosto, ogni sera, dalle 19,30, con la santa messa e la novena in onore di San Donato.

Lunedì 5 agosto, sempre dalle 19,30, la santa messa sarò presieduta da Frà Donato Aceto.

Martedì 6, giorno di Vigilia, si entrerà nel vivo della festa.

Alle 8, santa messa in Chiesa Madre.

Alle 10,30, sempre in Chiesa Madre, solenne celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo, mons. Vito Angiuli.

A mezzogiorno il corteo di fedeli si recherà in processione dalla Chiesa Madre alla Cappella di San Donato.

All’arrivo del simulacro nei pressi della Cappella, Spettacolo Pirotecnico Scenografico, offerto dalla ditta Agrimaglie in occasione del 50°anniversario dell’azienda.

Alle 19 e alle 20,30 santa messa nella Cappella di san Donato.

Alle 21,30 la partecipatissima solenne processione per le vie del paese.

Il corteo dei fedeli sarà salutato da un lancio di palloni aerostatici (Pulli Mongolfiere).

Un quarto d’ora prima di mezzanotte lo spettacolo pirotecnico a cura delle premiate ditte Fireworks Salento di Corsano e Pirotecnica Napoletana.

Mercoledì 7 agosto, solennità di San Donato, è in programma, dalle 7 del mattino la tradizionale fiera mercato.

Sante messe nella Cappella di san Donato alle 6, 7, 8, 9 e 10,30 (solenne concelebrazione).

Alle 12, la statua del Santo verrà portata in processione dalla Cappella di San Donato alla Chiesa Madre.

Alle 18,45 la processione serale, dalla Chiesa Madre fino a piazza Aldo Moro dove si celebrerà la santa messa presieduta da Frà Donato Aceto.

Alle 20,30, l’imperdibile spettacolo dell’accensione musicale delle luminarie.

Tu si a fine do munno

Il giorno dopo la festa, giovedì 8 agosto, dalle 22, in piazza Aldo Moro, per gli appassionati del genere (e non solo) l’attesissimo concerto di Angelo Famao.

Nativo di Gela, in Sicilia, è l’astro nascente della musica neomelodica napoletana.

Reduce dal fortunatissimo tour “Un’altra estate insieme”, spopola anche sul web: solo con il brano “Tu si a fine do munno” vanta più di 112 milioni visualizzazioni su Youtube e oltre 40 milioni di ascolti su Spotify.

Su Instagram ha da poco superato i 385 mila follower.

Epilogo della festa domenica 1° settembre, alle 18,30, con la santa messa e la reposizione del simulacri di San Donato.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Viviamo il “Sogno di una notte di mezza estate”

Per la rassegna “Borgo in Scena”, martedì 30 luglio, la compagnia Finibus Terrae Teatro porterà in scena il capolavoro di Shakespeare presso l’Ex Convitto Palmieri a Lecce

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Un gruppo di attori che si ritrovano per caso e decidono di percorrere un sogno proprio come gli Artigiani del grande Sogno Skakespeariano che si sfidano davanti alla Corte.

Martedì 30 luglio 2024, alle ore 20,30, presso l’Ex-Convitto Palmieri a Lecce, la compagnia Finibus Terrae Teatro porterà in scena “Sogno di una notte di mezza estate” di W. Shakespeare.

La regia è di Fabio Rubino, aiuto regia e musiche di Deborah De Blasi, costumi Accademia della Moda e del Design Sitam Lecce, stylist Francesco Palmisano.

L’evento, inoltre, è inserito all’interno della rassegna musico-teatrale “Borgo in scena”, giunta alla sua quinta edizione e curata da Accademia Thymòs, sotto la direzione artistica di Vincenza De Rinaldis, in collaborazione con Accademia della Minerva, consiglio regionale della Puglia, Polo Biblio museale di Lecce, Biblioteca Bernardini, Témenos Recinti Teatrali e Officine Arca APS.

Ingresso 13 euro su prenotazione ai seguenti numeri:  3278283047 – 3396080347

INTERPRETI

TESEO e OBERON – Fabio Rubino

IPPOLITA e TITANIA – Vincenza De Rinaldis

EGEO – Deborah De Blasi

ERMIA – Valentina Piccolo

ELENA – Francesca Danese

DEMETRIO – Giovanni Di Lonardo

LISANDRO – Davide Licchelli

PETER ZEPPA – Diego “The Ghost” Brancasi

NICK ROCCHETTO – Marco Antonio Romano

FRANCIS CHECCO – Enzo Esposito

TOM STAGNA – Alberto Mariano

SNUG CHIODO FISSO – Fausto Gualtieri

PUCK – Francesca Montagna

FATA – Mariangela Recchia

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus