Connect with us

Andrano

Il Salento verso il Giudizio Universale

La prima causa climatica verso lo stato italiano. Se ne discute durante la 5° edizione de “Il pane e le rose” a Castiglione d’Otranto (zona Trice – sabato 3 agosto, ore  20). Cena di comunità e dialogo con il prof. Michele Carducci, presidente onorario della Notte Verde 2019 e tra i promotori legali di Giudizio Universale

Pubblicato

il

Anche il Salento si mobilita per sostenere “Giudizio Universale”, la campagna che anticipa la prima causa climatica nei confronti dello Stato italiano: in moltissimi Paesi, infatti, movimenti e cittadini stanno citando in giudizio Stato, istituzioni e imprese per costringerli ad attuare politiche realmente efficaci. Un gruppo di ricercatori e giuristi è già all’opera per chiedere allo Stato Italiano di attuare misure più stringenti per rispondere ai cambiamenti climatici e invertire il processo. C’è, però, bisogno dell’adesione e del contributo dei cittadini (https://giudiziouniversale.eu/unisciti-a-noi/): è oggi il momento di “scomodarsi”, ognuno sui propri territori.

Ecco perché l’associazione Casa delle Agriculture Tullia e Gino di Castiglione d’Otranto ha deciso di portare con urgenza la questione all’attenzione del grande pubblico: sarà l’argomento centrale da affrontare Sabato 3 agosto, durante la quinta edizione de “Il Pane e le Rose”, la cena di comunità nata per finanziare dal basso la Notte Verde. Anche quest’ultima, che ritornerà dal 28 al 31 agosto per la sua ottava edizione, sarà incentrata sui temi del cambiamento climatico. E non è un caso che, in coerenza con questo impegno condiviso con Rete Salento Km0, sia stato deciso di assegnare quest’anno la presidenza onoraria della rassegna al prof. Michele Carducci, docente di Diritto costituzionale comparato e di Diritto climatico all’Università del Salento e tra i promotori legali di Giudizio Universale.

Sabato 3, dunque, alle 20,30, ad aprire “Il pane e le rose” sarà il dialogo con lui su “I cambiamenti climatici: il ruolo dei territori”.

A seguire, la cena di comunità organizzata per valorizzare i concetti di dono, scambio e autoproduzione: i prodotti offerti dai contadini del circondario e cucinati dalle famiglie del borgo arricchiranno le lunghe tavolate allestite nel parco dell’area Trice (via Depressa), all’ingresso di Castiglione (contributo di 10 euro per cena completa dall’antipasto al dolce, 5 euro per i bambini. È gradita la prenotazione ai numeri 328/5469804 e 340/5849651 e per ridurre la produzione di rifiuti si invita a portare da casa posate e piatto in ceramica). Durante la cena, come da tradizione, verranno presentati in anteprima i contenuti della Notte Verde: ospiti, laboratori, spettacoli, novità. Alle 22, infine, gli Arditi del Coro si esibiranno con i loro canti di terra e di lotta.

Il Pane e le Rose è un elogio della condivisione e si caratterizza per essere un evento ecofesta, a basso impatto ambientale. E’ ideato dall’associazione Casa delle Agriculture Tullia e Gino e dall’omonima cooperativa, con il supporto degli anziani dell’Auser Ponte Andrano-Castiglione e con il patrocinio del Comune di Andrano.

Perché Michele Carducci presidente onorario della Notte Verde 2019?

Giurista di elevato spessore, ma soprattutto personalità di grande valore, salentino impegnato da tempo nella difesa del territorio e capace di affrontare con autorevolezza le questioni ambientali più spinose, valorizzando il ruolo della cittadinanza attiva. E’ per questo che Casa delle Agriculture Tullia e Gino non ha avuto dubbi nel proporre a lui di ricoprire, quest’anno, il ruolo di presidente onorario della Notte Verde. Un piccolo tributo al suo lavoro: con riconoscenza, l’associazione ha voluto offrire a Michele Carducci ciò che ha di più prezioso.

Michele Carducci

Carducci è professore ordinario di Diritto costituzionale comparato e Diritto climatico nell’Università del Salento. Lì coordina il Centro di Ricerca Euro Americano sulle Politiche Costituzionali, l’unico in Italia a studiare l’approccio ecosistemico al diritto e le forme e modalità di “analisi ecologica” della politica e del diritto. Al suo interno, sono promosse le “Giornate italiane di diritto e giustizia climatica” rivolte a docenti, operatori giuridici, medici e attivisti ambientali, al fine di acquisire categorie e chiavi di lettura delle implicazioni politiche e istituzionali dei cambiamenti climatici (https://www.facebook.com/groups/giustizia.climatica/).

Il Centro svolge attività di “Amicus Curiae” presso Corti nazionali, europee e internazionali ed è registrato presso l’OHCHR dell’ONU.

In ragione delle sue attività universitarie e di divulgazione scientifica sui temi ambientali e climatici, Carducci opera come esperto nella piattaforma ONU “Harmony with Nature” e come Human Rights Defender & Earth Protector. Inoltre, è uno dei promotori legali della causa climatica verso lo Stato italiano “Giudizio universale” (http://giudiziouniversale.eu/) nonché Editor di “emergenza climatica”, il progetto scolastico di diffusione della cultura civile della emergenza climatica e della rivendicazione del diritto umano al clima.

Infine, è socio di diverse reti di ricerca ambientale e climatica tra cui Italian Climate Network, Italian Association for Sustainability Science, Associazione Italiana di Diritto dell’Ambiente.

Chi è Casa delle Agriculture?

Casa delle Agriculture  Tullia e Gino è un’associazione di volontariato che opera dal 2011 a Castiglione d’Otranto (Lecce) con gli obiettivi di praticare la “restanza”, cioè modalità inedite di riabitare e rilanciare territori marginali e in via di spopolamento.

Zona Trice

Da anni è impegnata nel costruire un nuovo modello di economia di comunità, partendo dall’agricoltura sana, dalla cultura, dall’ospitalità.

L’associazione è affiancata da una cooperativa agricola, che gestisce 15 ettari di terre sottratte all’abbandono, il mulino di comunità che è il primo centro di trasformazione di qualità dei cereali antichi, il rifugio degli animali con tre asini di Martina Franca.

Gli attivisti quotidianamente e volontariamente, coinvolgendo cittadini, bambini, anziani, agricoltori, migranti, diversamente abili, artisti, attivisti, ricercatori, ripensa il modello di sviluppo per la comunità locale. Porta avanti il vivaio della biodiversità, attraverso la selezione e la sperimentazione delle colture autoctone (cereali, ortaggi, legumi) tramandate da millenni e ormai quasi scomparse; si occupa della cura e della coltivazione della terre in comodato d’uso; riproduce i gesti della semina collettiva; ha attivato un forno di comunità e un apiario di comunità, oltre che un gruppo di acquisto popolare anticrisi.

Organizza molte attività culturali: tra le altre, la Notte Verde, appuntamento che richiama 30mila persone ed è divenuto imprescindibile per tutti coloro che si interessano alle pratiche di agricoltura naturale nel territorio salentino; Chi semina utopia raccoglie realtà: semina collettiva di antiche varietà di cereali; Ritorno al Futuro- Semina collettiva della Canapa; Lo spirito del Grano; Il pane e le rose.

 

 

Andrano

Da Bergamo al Salento, distanti ma uniti

“State a casa” e “Qui siamo stati superficiali e ora paghiamo un prezzo altissimo”: la drammatica testimonianza di una salentina che vive a Bergamo e lo scambio di messaggi tra il vicario episcopale di Ugento – Leuca e i responsabili della pastorale Pastorale Giovanile della diocesi di Bergamo

Pubblicato

il

Bergamo sta diventando, suo malgrado, il simbolo della tragedia che sta devastando l’Italia, in modo particolare la Lombardia ed il nord dello Stivale.

Di ieri sera le immagini, che tolgono il fiato, della colonna di mezzi militari che portano le salme fuori città per farle cremare.

Qualche giorno fa Clarisa Patino Rizzo, originaria del Salento ma che da tanti anni vive a Bergamo, era intervenuta sul gruppo facebook del suo paese (“Sei di Castiglione d’Otranto se…”) e raccontato la sua esperienza.

Una testimonianza a dir poco drammatica: “Vorrei raccontarvi cosa vuol dire non riuscire a respirare. Si, avete capito bene: non riuscire a respirare. (…) La febbre sale e venerdì mattina chiamo il medico, appena gli dico i sintomi, mi risponde che sono da tampone, ma che non mi manda in ospedale perché è peggio, è un lazzaretto, così mi dice(…). Nel pomeriggio non riesco a respirare bene e chiamo il numero d’emergenza coronavirus, spiego quello che mi succede e loro mi rispondono che devo stare a casa e di richiamare solo se ho una crisi respiratoria, non ci sono tamponi per chi ancora riesce a respirare, mi confermano la terapia del medico, 3 antibiotici al giorno, Tachipirina o Brufen, fermenti lattici e, dopo 2 giorni, uno sciroppo per la tosse”.

Poi il monito che vale per tutti, anche per chi vive nel Salento e non ha ancora capito bene cosa sta veramente accadendo: “Passano i giorni, a momenti alterni non respiro bene, ma penso a tutte le ambulanze che passano ed ai morti che si moltiplicano e mi incazzo, perché vedo tanti deficienti in giro, che se la stanno cercando. Io mi sono preso sto bastardo di virus perché qualcuno asintomatico se ne andava in giro ed io, avendo un negozio, non potevo stare a casa. Quindi amici miei, cosa fate ancora in giro? Cosa non avete capito ancora?”.

Facciamo nostro l’appello di Clarisa: “State a casa, state a casa.  Vi auguro ogni bene, non potete immaginare cosa sia respirare, si respirare. Lo diamo per scontato, ma com’è difficile farne a meno”.

Ancora Bergamo nello scambio di messaggi tra il vicario episcopale della diocesi di Ugento – S.M. di Leuca, don Beniamino Nuzzo e don Emanuele Poletti e Marcello, responsabili della Pastorale Giovanile della diocesi di Bergamo.

Li abbiamo conosciuti con i sacerdoti all’aggiornamento del clero di tre anni fa”, spiega don Beniamino che ha espresso la solidarietà e la vicinanza nella preghiera da parte della Chiesa di Ugento – Santa Maria di Leuca

Nel ringraziare don Emanuele Poletti si è raccomandato: “Attenetevi scrupolosamente alle indicazioni: sono vere e soprattutto utili. Qui siamo stati superficiali e ora paghiamo un prezzo altissimo, purtroppo. Chissà che almeno ci insegni a riscoprire alcuni fondamenti!”.

Gli fa eco Marcello: “Grazie don! Abbiamo bisogno di tutto il sostegno e la preghiera possibili. Soffrono le nostre comunità, così come gli ospedali. Abbiamo avuto 3-4 casi di coronavirus in curia, diversi sacerdoti nelle parrocchie ci hanno lasciato, un vero bollettino di guerra. Speriamo che la situazione possa migliorare e teniamo duro”.

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere

Alessano

Che ci fate fuori di casa? 165 denunciati in due giorni!

La maggior parte delle persone rispetta le regole anticontagio. In tutta la provincia, però, c’è che ancora chi è in strada senza motivo…

Pubblicato

il

Le regole ci sono, il buon senso è gentilmente richiesto. Laddove, però, il buonsenso scarseggia è giusto si intervenga e, semplicemente cenga applicata la legge.

Perchè, mentre l’Italia annaspa, il sistema sanitario di alcune regioni rischia il collasso e si annuncia da più parti che in questa settimana dovremmo avere il picco dei contagi anche qui al sud, c’è ancora qualcunoi che non ha capito o fa finta di non capire.

Tra Ruffano, Matino, Ugento, Racale e Casarano,  nella sola giornata di  ieri, i carabinieri hanno denunciato a piede libero 13 personecolte fuori dalle proprie abitazioni senza essere in grado di fornire adeguata giustificazione”.

Sempre ieri, nei Comuni di Porto Cesareo, Novoli, Campi Salentina, Carmiano, Squinzano e Salice Salentino, per lo stesso motivo sono state denunciate altre 71 persone.

Tra Nardò, Aradeo, Sannicola, Galatina, Neviano, Cutrofiano e Galatone, i carabinieri hanno denunciato 15 persone perché “all’atto del controllo non fornivano valide giustificazioni circa loro presenza fuori dal Comune di residenza”.

Domenica i carabinieri della Compagnia di Maglie hanno provveduto a denunciare 6 persone che nel territorio di competenza di quella Compagnia “circolavano per strada senza valida motivazione, in violazione delle prescrizioni imposte dai predetti decreti del presidente del Consiglio dei Ministri recanti misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19”.

E il bollettino prosegue: ieri tra PresicceAcquarica, Alessano e Andrano i carabinieri della compagnia di Tricase hanno denunciato altre 7 persone trovati “fuori dalle rispettive abitazioni in mancanza di lecite comprovate esigenze”.

Ancora ieri, infine, nell’ambito dei controlli nella propria giurisdizione, la Compagnia Carabinieri di Lecce, ha denunciato 53 persone per inottemperanza al DPCM.

Continua a Leggere

Andrano

Infarto alla guida su litoranea ad Andrano: un morto

Pubblicato

il

Tragico schianto nel pomeriggio di oggi sulla litoranea Andrano-Tricase, in territorio della marina di Andrano.

Un uomo di Specchia, Salvatore Serafino, 64 anni, è finito con l’auto contro un palo. All’arrivo dei soccorsi non c’era più nulla da fare.

La vittima avrebbe perso il controllo del mezzo a causa di un infarto. Il decesso, secondo i primi riscontri dei sanitari, potrebbe essere avvenuto prima dello schianto.

Sul posto anche carabinieri e polizia locale.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus