Connect with us

Appuntamenti

La Notte della Taranta questa sera in tv

Il concertone di Melpignano andrà in onda dalle ore 23:30 su RaiUno

Pubblicato

il

Dopo lo strepitoso successo di pubblico e critica, il Concertone della Notte della Taranta che ha stregato 200 mila pizzicati, sbarca su RAI 1 giovedì 1 settembre alle 23:30.


Madame e Gino Castaldo dall’ex Convento di Melpignano (Le) condurranno i telespettatori di RAI 1  nel viaggio musicale proposto dal maestro concertatore Dardust con la direzione artistica dell’Orchestra Popolare.


Un programma scritto da Massimo Martelli e Rossella Rizzi, scenografia Marco Calzavara, direttore della fotografia Marco Lucarelli, delegato RAI Cristiano D’Agostini, visual Filippo Rossi e Mauro Bubbico.


Il programma si aprirà con Elodie che balla la Pizzica di San Vito e scatena la piazza. Le immagini del drone restituiscono tutta la magia del complesso architettonico del Convento degli Agostiniani, ormai simbolo della Notte della Taranta mentre Taranta di Lizzano interpretata dalla versatile voce di Salvatore Galeanda, si apre con i tamburellisti dell’Orchestra Roberto e Alessandro Chiga, Carlo Canaglia e Gioele Nuzzo che accendono lo spettacolo a ritmo di tamburello.


Una sequenza di immagini per la regia di Stefano Mignucci regalano ai telespettatori tutta l’energia della pizzica vissuta in piazza dopo due anni di attesa  e quando in scena entra l’ospite internazionale Stromae, esplode di gioia e si commuove con l’interpretazione di Marco Mengoni che interpreta magistralmente il testo in grico Klama, storia di emigrazione, di partenze e ritorni.  L’amore in tutte le sue espressioni invade la scena nelle coreografie di Irma di Paola che introduce nella danza il linguaggio LIS sul testo Acqua de La Funtana con la coinvolgente Stefania Morciano e regala su Pizzica di Torchiarolo interpretata dalla giovanissima performer dell’Orchestra  Consuelo Alfieri, con la presenza di 40 persone del pubblico oltre i 16 ballerini, l’istantanea di una festa popolare contemporanea dove gli invitati speciali sono l’inclusione  e un albero di ulivo, simbolo di rinascita.


Per i 25 anni della Taranta, Samuele Bersani canta Lu ruciu de lu mare e una versione di Chicco e Spillo firmata da Dardust. C’è anche la voce di Vito Nigro cantore di Villa Castelli nella pizzica interpretata dall’inconfondibile voce di Enza Pagliara e le immagini scorrono sui volti del popolo della Taranta mentre sul palco Dardust regala la visione futurista della Notte più lunga di Puglia. Il suo Bardaggin è l’annuncio di un viaggio spaziale che condurrà i telespettatori ad ascoltare le sonorità  dai Balcani al Giappone, passando per quelle barocche senza mai abbandonare l’elettronica e il gusto geniale di trasformare il palco di Melpignano in un evento internazionale. E come ogni viaggio ci pensa il rapper Massimo Pericolo a ricordare che “se te ne vai è solo per sentirti vivo ma non scordi mai dove sei stato bambino” con la sua Il Signore del Bosco in versione pizzicata. Ma il viaggio della vita riserva sempre anche amare verità come Secuta Secuta, il brano sul tradimento del fratello maggiore che Studio Murena aggiorna in tema e sonorità. Il viaggio è nostalgia come in Aremu interpretata con estrema passione da Alessandra Caiulo e all’arpa Kety Fusco. Un’altra lingua minoritaria l’arbëreshë regala suggestioni nuove tra la tradizione del brano Ec Ec e il linguaggio contemporaneo di Madame che aggiunge un cammeo poetico.


Il finale tutto da ballare con  Aria Caddhipulina cantata dalla voce della terra salentina Antonio Amato passa a Pizzica Stifani con la voce arcaica e potente di Giancarlo Paglialunga e si conclude con l’inno Calinitta dove tutti gli ospiti cantano in grico e Dardust trasforma il brano in una vera hit sull’asse Miami, Ibiza, Melpignano, Tel Aviv.


Un racconto di 110 minuti che riassume il lungo viaggio del Concertone di Melpignano ed esalta la bellezza dell’opera che ha richiesto 9 mesi di lavoro e ricerca. Una narrazione affidata al linguaggio visual di Galattico e Mauro Bubbico con il progetto “W il cielo, il mare, la terra” e i materiali d’archivio di Mario Cresci, Marcello D’Andrea, Antonio Toce, Raffaele Falcone, Fornace Falcone, Luigi di Gianni, Gianfranco Mingozzi e le fotografie di Salvatore Palumbo, il fotografo in bicicletta di Calimera dell’Archivio Fotografico Palumbo, Museo Castromediano – Polo Biblio-Museale di Lecce.


MADAME E GINO CASTALDO SU RAI 1 CON ABITI CAPASA MILANO e GIOIELLI FUTURO REMOTO



Madame e Gino Castaldo, le voci narranti del  Concertone finale di Melpignano che  andrà in onda l’1 settembre alle 23.15 su Rai Uno, vestiranno con gli abiti di uno dei maggiori brand italiani che affonda le sue radici nella tradizione sartoriale salentina. Il loro outfit è affidato a Capasa Milano, il nuovo brand, fondato da Ennio Capasa: i gioielli che indosserà l’artista Madame saranno di Futuro Remoto,  il brand del designer Gianni De Benedittis.


Madame,  al Concertone finale di Melpignano di sabato 27 agosto, sul palco prima durante l’esecuzione del brano Ec Ec e poi per il consueto finale di Calinitta, ha   indossato  un tailleur over size, dal colore molto acceso,  blu elettrico e dal taglio essenziale. Come   lo stile di CAPASA che  è teso ed essenziale, aperto alle contaminazioni e al dialogo. La ricerca di una modernità senza tempo si condensa nella proposta di serie limitate con cadenze regolari e pezzi timeless immaginati per avere una lunga vita. Scarsità invece che eccesso di offerta: l’opposto dell’usa e getta. Prodotti donna, uomo e gender fluid che coniugano il massimo della sartorialità con il massimo della tecnologia: tagli laser e nanotecnologie al posto di forbici e macchine da cucire senza rinunciare ai punti a mano; progettazioni in 3d e personalizzazioni spinte. In linea con la mission della Notte della Taranta, che da tempo ha avviato un lavoro di ricerca coniugando tradizione e innovazione per proiettare la musica tradizionale verso il futuro; anche il brand Capasa Milano punta sulla tecnologia integrata alla salvaguardia dei saperi artigiani e del Made in Italy, perché è nella fusione dei saperi che sta il progresso. Un approccio tailoring, dunque, esteso dal ready to wear agli accessori e oltre, in trasparenza e tracciabilità. Tutto da scoprire il look che la poliedrica artista, il primo settembre nelle inedite vesti di conduttrice proporrà agli spettatori di Rai 1 indossando un outfit di grande qualità con vestiti Capasa Milano e gioielli Futuro Remoto.


LINE UP PROGRAMMA RAI



Pizzica di San Vito – Elodie


Taranta di Lizzano – Consuelo Alfieri, Alessandra Caiulo, Stefania Morciano, Enza Pagliara, Antonio Amato, Salvatore Galeanda, Giancarlo Paglialunga.


Klama – Marco Mengoni


Pizzica di Aradeo – Consuelo Alfieri, Alessandra Caiulo, Stefania Morciano, Enza Pagliara, Antonio Amato, Salvatore Galeanda, Giancarlo Paglialunga.


Alors on dance – Stromae


Villa Castelli – Enza Pagliara


Pizzica di Torchiarolo – Consuelo Alfieri

Stornelli – Consuelo Alfieri, Alessandra Caiulo, Stefania Morciano, Enza Pagliara, Antonio Amato, Salvatore Galeanda, Giancarlo Paglialunga.


Secuta Secuta – Studio Murena


Lu ruciu de lu mare – Samuele Bersani


– Seconda parte –


Chicco e spillo – Samuele Bersani


Damme la manu – Antonio Amato


Canto del trainiere – Giancarlo Paglialunga


Bardaggin – Dardust


Il Signore del Bosco – Massimo Pericolo


Ec Ec – Salvatore Galeanda e Madame


Aremu – Alessandra Caiulo e all’arpa Kety Fusco


Pizzica di Ostuni – Salvatore Galeanda e Stefania Morciano


Ma stasera – Marco Mengoni


Acqua de la funtana – Stefania Morciano


Aria Caddhipulina – Antonio Amato


Pizzica di Stifani – Giancarlo Paglialunga


Calinitta – Madame, Elodie, Marco Mengoni, Samuele Bersani, Massimo Pericolo, Enza Pagliara, Cosunelo Alfieri, Stefania Morciano, Alessandra Caiulo.


 MARATONA SOCIAL


Dalle 21:00 di domani,  giovedì 1 settembre,  tutti i canali social della Fondazione Notte della Taranta avvieranno la maratona di contenuti esclusivi e inediti per rivivere tutte le emozioni del Concertone.


Sul sito www.lanottedellataranta.it e su Facebook, Instagram, Tik Tok, Twitter, You Tube, il team comunicazione regalerà agli utenti il primo social movie esclusivo del Concertone.


Appuntamenti

Presicce-Acquarica “Nella nuova epoca”

Appuntamento al castello medievale con il libro di don Luca De Santis

Pubblicato

il

La Pandemia non ha aperto le porte ad una nuova epoca, come in molti hanno creduto. Ha avuto l’esclusivo merito di rivelare problemi sociali ed economici già esistenti e in alcuni casi li ha accentuati.

È questo il filo argomentativo che segue don Luca De Santis, docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e presso la Pontificia Università Lateranense e autore del libro “Nella nuova epoca. Riflessioni post pandemiche su politica, famiglia e Chiesa”.

Libro che verrà presentato domani, venerdì 30 settembre, alle ore 18e30 presso il Castello Medioevale di Presicce-Acquarica.

Con l’autore dialogherà Luana Prontera, giornalista del Nuovo Quotidiano di Puglia. L’evento è organizzato da Azione cattolica con il patrocinio del comune. La riflessione si snoderà lungo i nodi dei problemi emersi nel periodo post pandemico.

Per due anni sono state imposte norme che hanno cambiato radicalmente le abitudini delle persone, limitandole nell’esercizio delle proprie libertà personali.

Siamo stati chiusi in casa, ci è stato detto quando potevamo camminare e come vestirci, cose giustissime per affrontare una pandemia ma da questo punto di vista abbiamo scoperto un vuoto normativo che deve essere colmato, per evitare che decisioni del genere siano imposte per cose meno importanti o arbitrarie”.

Quello di domani sarà un viaggio nel pensiero filosofico ma anche nell’attualità dei nostri giorni. Una riflessione ampia su criticità e necessità emerse a seguito dei difficili anni che connotano quest’epoca.

Continua a Leggere

Appuntamenti

A Leuca il 1° convegno regionale di “Riabilitazione implantare nell’era digitale”

Appuntamento all’hotel Terminal nelle giornate di venerdì 30 settembre e sabato 1 ottobre

Pubblicato

il

Venerdì 30 settembre e sabato 1° ottobre l’Hotel Terminal di Leuca ospiterà il 1° Convegno Regionale di “Riabilitazione implantare
nell’era digitale”.

L’evento formativo, organizzato dall’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ‘Don Tonino Bello – Nino Della Notte’ di Tricase-Alessano-Poggiardo, è patrocinato da Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Castrignano del Capo, CAO (Coordinamento Albi Odontoiatri), ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani), AIO (Associazione Italiana Odontoiatri), AIDI (Associazione Igienisti Dentali Italiani), UNID (Associazione Nazionale Igienisti Dentali), ANTLO (Associazione Nazionale Titolari di laboratorio Odontotecnico), ICC (Italy Continuing-Education Club) AIDI-PRO (Igienisti Dentali Italiani Associati per la Professione).

È un importante convegno di carattere regionale, quello che si terrà all’Hotel Terminal di Santa Maria di Leuca. In cui si discuterà degli sviluppi digitali nell’ambito della riabilitazione implantare.

Sarà occasione di confronto per i tecnici del settore e momento fondamentale di crescita e apprendimento per gli studenti dell’indirizzo ‘Odontotecnico’ nell’ambito delle Arti Ausiliarie delle professioni Sanitarie.

Nella foto la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta presso la Sala Stampa della Provincia di Lecce a Palazzo Adorno.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Carly Paoli, concerto-evento a Poggiardo

La soprano di origini salentine, dopo aver incantanto intonando “God save the King” e l’Inno di Mameli prima di Italia-Inghilterra, torna nel “suo” Salento

Pubblicato

il

Carly Paoli, soprano di origini salentine, papà inglese e mamma leccese, torna nel “suo” Salento.

Sarà infatti a Poggiardo con un concerto-evento, in programma mercoledì 28 settembre, in piazza Giovanni Paoli II dalle ore 21 (ingresso libero).

Di scena le più importanti sonorità d’autore ed i più grandi successi della musica internazionale interpretati dal soprano di origini salentine che si è di recente dichiarata “innamorata della pizzica”.

Così come è “innamorata” della Puglia: possiede una villa a Gagliano del Capo, che considera il suo “pezzo di paradiso”.

Ad avviarla alla musica, quando era soltanto una bambina, fu lo zio Luigi Paoli, fisarmonicista di Spongano, che la portava a cantare con lui durante le feste di paese.

Di recente l’abbiamo vista in tv: con la sua voce, potente e melodiosa, ha aperto la partita Italia-Inghilterra della Nations League a San Siro, cantando gli inni di entrambe le Nazioni e vestendo prima la maglia dei Tre Leoni e poi quella azzurra.

Un’emozione unica per Carly, soprano dal cuore metà italiano e metà inglese, che ha conquistato gli spettatori presenti allo stadio e quelli davanti alla Tv.

La sua grande passione per la musica lirica, nata fin da piccolissima, l’ha portata a cantare insieme ad Andrea Bocelli e a esibirsi davanti alla famiglia reale. In occasione della partita Italia-Inghilterra, come detto, ha avuto anche l’onore e l’onere di intonare per la prima volta, in una partita internazionale, dopo la morte della regina Elisabetta, la nuova versione dell’inno inglese: “God Save the King”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus