Connect with us

Appuntamenti

Vela per non vedenti nelle acque salentine

Dal 13 al 17 aprile il progetto Homerus, che forma velisti non vedenti senza aiutanti a bordo, porta il campionato nazionale a Gallipoli

Pubblicato

il

Il progetto Homerus ha come obiettivo prevalente quello di insegnare ai non vedenti ad andare a vela in maniera autonoma. Nato nel 1996 una idea del cav. Alessandro Gaoso, secondo la quale, con particolari accorgimenti, anche chi soffre la cecità può governare una imbarcazione a vela senza l’aiuto di vedenti a bordo, Homerus va avanti con successo e torna oggi a Gallipoli dove si disputa il Campionato Nazionale Open Homerus Match-race per non vedenti.


Ospite del Club Velico Ecoresort “Le Sirene”, l’evento si snoderà in una cinque giorni, dal 13 al 17 Aprile, utilizzando imbarcazioni Trident e sarà un’ulteriore occasione per incontrare velisti non vedenti provenienti da più parti del mondo e per godere di un meraviglioso spettacolo sportivo di alto livello.


Ma come è possibile governare una imbarcazione senza vedere e senza un aiuto a bordo? Ce lo spiegano gli organizzatori: “Nel match race di vela autonoma, il campo di regata è delimitato da 3 boe sonore, ciascuna delle quali con un proprio segnale acustico, che permette ai velisti ciechi di navigare in maniera indipendente lungo il percorso. Ciascuna barca poi è equipaggiata con un ulteriore segnale sonoro che indica in maniera diversa se le mura sono a dritta o a sinistra. Con questo sistema acustico, i velisti con problemi visivi sono in grado di navigare in maniera autonoma, e per le regate solitamente si utilizza il format match-race, nel quale le barche si sfidano fra loro due alla volta”.


Questo è il format di competizione più elitario ed emozionante, e richiede grandi capacità, sia tattiche che di gestione della barca. I match-race autonomi stanno guadagnando il sostegno ed il riconoscimento  delle comunità di non vedenti, che si sono orientati  in favore alla vela autonoma rispetto alla vela accompagnata, con vedenti a bordo.


Nella vela autonoma, l’equipaggio deve affidarsi a se stesso per localizzare le boe e sentire come la barca risponde  al vento, e per regolare in maniera precisa le vele toccandole e ascoltandole da soli; il successo quindi è dovuto puramente alle abilità di comunicazione, concentrazione, lavoro di squadra e capacità di risposta immediata ai cambiamenti del vento e della barca dei velisti .

Non c’è niente di più soddisfacente infatti della consapevolezza che solo la propria abilità, e non il vantaggio dell’aiuto di un vedente, permette di vincere il race.


Homerus considera i velisti non vedenti alla stregua di normali velisti, non li favorisce in alcun modo, come talvolta fanno i loro familiari o gli accompagnatori, e non offre loro una semplice assistenza, ma utilizza l’insegnamento della vela come forza motivante  per superare gli ostacoli della loro vita quotidiana, facendo appello alla loro forza di volontà ed al loro desiderio di “andare da soli” senza l’aiuto di alcun accompagnatore.


La gioia, l’entusiasmo, l’orgoglio e la motivazione con cui si superano i timori, gli errori e le fragilità, si trasformano in soddisfazione doppia una volta riusciti nell’impresa autonomamente.


 


Andrano

Dante e la musica ad Andrano

Domani sera in piazza Castello

Pubblicato

il

L’Orchestra Giovanile del Salento domani sera ad Andrano, in piazza Castello. L’evento, di cui segue locandina, è “Dante e la musica – Un palco all’opera, Le humane passioni”.

Continua a Leggere

Appuntamenti

“Le più belle frasi di Osho” questa sera a Corsano

Pubblicato

il

L’ironia di Federico Palmaroli protagonista del terzo appuntamento della rassegna “Ti Racconto a Capo”, in programma a Corsano (Lecce).
Un calendario, giunto all’undicesima edizione, che omaggia il maestro Franco Battiato con una serie di eventi ricchi di immagini, suoni e parole dalla Terra del Sud organizzati dall’associazione Idee a Sud Est coordinata dal presidente Carlo Ciardo e dal vicepresidente Luciano De Francesco.

Il 31 luglio 2021 alle ore 20.00 in piazza Santa Teresa terrà banco l’umorismo travolgente e virale di Palmaroli, autore de “Le più belle frasi di Osho” (Rizzoli), che presenterà “Vedi de fa poco ‘o spiritoso” (Rizzoli), libro che ha registrato un record di vendite e di risate per il vignettista romano.

Romano classe 1973, Palmaroli è un impiegato dalla formazione umanistica che ha maturato sin da ragazzo un interesse per la tradizione popolare romana. Insofferente, goliardico, non allineato e grande appassionato di Futurismo. Collabora con testate giornalistiche e programmi tv, inoltre è creatore e unico autore della pagina Facebook “Le più belle frasi di Osho”.
La rassegna proseguirà ad agosto con la partecipazione del noto giornalista, storico inviato Rai a Londra, Antonio Caprarica, che il 5 ripercorrerà i dettagli, gli aneddoti e le curiosità di “Elisabetta, per sempre regina” (edizioni Sperling & Kupfer) grazie alle domande di Mariangela Nicolì.
Ultima data il 12 settembre con lo spettacolo “Mattia e il nonno” interpretato dall’attore e regista Ippolito Chiarello. Questa volta l’incontro è in contrada “puzzi”, dove i terrazzamenti fungeranno da palcoscenico e platea naturali per affrontare un tema che è ancora più vivo e sentito in questo periodo pandemico, cioè il rapporto tra nonni e nipoti anche davanti alla morte e alla perdita di affetti cari.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Madame e Melozzi ambasciatori della Notte della Taranta nel segno della libertà

Madame, la nuova Voce libera della musica italiana simbolo della Generazione Z ed Enrico Melozzi, il direttore d’orchestra che ha sbancato Sanremo con i Måneskin,  saranno i maestri concertatori della Notte della Taranta 2021

Pubblicato

il

Dopo la battuta d’arresto dello scorso anno e la decisione di svolgere il concertone a porte chiuse, torna il festival itinerante più famoso d’Italia con 22 tappe e 35 concerti in giro per la Puglia. Il Presidente della fondazione Massimo Manera aveva promesso una rivoluzione rispetto alle precedenti edizioni, affidandone la Direzione Artistica all’Orchestra Popolare Notte della Taranta. Oggi invece è stato finalmente presentato il programma dell’evento che si svolgerà dal 4 al 26 agosto e sono stati annunciati i maestri concertatori del concertone finale di Melpignano del 28 agosto: si tratta di Enrico Melozzi e Madame.

Madame, la nuova Voce libera della musica italiana simbolo della Generazione Z ed Enrico Melozzi, il direttore d’orchestra che ha sbancato Sanremo con i Måneskin,  saranno quindi i maestri concertatori della Notte della Taranta 2021.

Tema del Concertone 2021 è il valore della libertà, che i due artisti sembrano saper sintetizzare perfettamente.

Madame è simbolo di una generazione fluida, in grado di racchiudere temi ed influenze più disparate, riflettendosi in un specchio volutamente rotto nel quale scoprire ogni volta una nuova immagine di sé. Il dialogo con lei porterà l’Orchestra Popolare a confrontarsi con la bellezza della sua musica e del suo linguaggio in equilibrio tra poesia e realtà.

Melozzi è uno dei direttori d’orchestra più qualificati in Italia. Nella sua attività ha favorito il palcoscenico aperto, i progetti condivisi con compagnie, artisti, operatori, spazi indipendenti per sperimentare una progettazione partecipata nei luoghi di formazione e autoformazione, come il Teatro Valle, in cui l’accesso ai saperi e la qualità sono garantiti a tutti. 

Lo spettacolo che chiuderà la 24esima edizione del festival sarà trasmesso per la prima volta da RAI 1,  il 4 settembre alle 22:30. Una nuova sfida di ricerca musicale per la Fondazione Notte della Taranta che punta alla commistione tra linguaggio popolare e urban rock portando i brani della tradizione alla ricerca di inclusione e fluidità.

Il Presidente della regione Emiliano si è così espresso:Ogni libertà, ogni diritto, ogni evento, ogni cosa positiva della nostra vita comporta una lotta dura alla quale non è possibile sottrarsi. La musica del maestro Durante (ex direttore artistico della NdT, venuto a mancare lo scorso giugno), lo confesso pubblicamente, per me è sempre stata una specie di musica di battaglia della Puglia come tutta la musica popolare. Battersi sino in fondo nelle cose in cui si crede è inevitabile” e poi prosegue “La libertà va conquistata ogni giorno nella consapevolezza che da soli non si va da nessuna parte. La contaminazione culturale qui è permanente ed è racchiusa, quasi per un miracolo, nella Notte della Taranta. Mi piace sottolineare che l’orchestra ha sentito il bisogno di comporre all’interno di un luogo dedicato alla socialità degli anziani, segno di questa caratteristica meravigliosa del festival di mettere insieme generazioni diverse. Sono orgoglioso di essere pugliese per infiniti motivi. Sta a noi cambiare le cose ogni giorno con la pazienza di un contadino o di chi scrive musica”.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus