Connect with us

Approfondimenti

Aumentano le imprese femminili in provincia di Lecce

Speciale 8 marzo: l’analisi sulle imprese in «rosa», dal 2015 ad oggi. Sono 14.933 e rappresentano il 22,6% del totale delle aziende attive salentine (65.966)

Pubblicato

il

Aumentano le imprese femminili in provincia di Lecce. Sono 14.933 e rappresentano il 22,6 per cento del totale delle aziende attive salentine (65.966). È quanto emerge da uno studio condotto dall’Osservatorio Economico Aforisma, diretto da Davide Stasi, che ha analizzato l’andamento delle imprese in «rosa» dal 2015 ad oggi.


Il data analyst Davide Stasi


L’analisi per settori economici evidenzia una consistente presenza imprenditoriale femminile nel commercio con 4.784 imprese attive che rappresentano il 32 per cento del totale delle imprese femminili (14.933); nell’agricoltura si contano 2.781 imprese (pari al 18,6 per cento), nelle attività dei servizi di alloggio e ristorazione 1.683 imprese (pari all’11,3 per cento) e nelle «altre attività di servizi» (prevalentemente servizi alla persona) con 1.633 imprese (pari al 10,9 per cento). Le attività manifatturiere sono 974 (pari al 6,5 per cento).


«Lo studio prende in esame le imprese attive – spiega Davide Stasi – ovvero quelle iscritte in Camera di Commercio, che esercitano l’attività e non risultano avere procedure concorsuali in atto. Si tratta, quindi, di un sottoinsieme dello stock totale delle imprese presenti nel Registro delle imprese. Di recente – aggiunge Stasi – è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del primo febbraio scorso, il decreto interministeriale del 24 novembre 2021 che disciplina il sostegno finanziario a valere sulle risorse del PNRR degli interventi previsti dall’investimento “Creazione di imprese femminili”. Il decreto incrementa di 160 milioni di euro la dotazione finanziaria prevista per gli interventi da ripartire tra gli interventi di cui ai Capi II e III del decreto 30 settembre 2021 (Risorse per euro 38,8 milioni destinate agli interventi del Capo II, recante “Incentivi per la nascita delle imprese femminili”; Risorse per euro 121,2 milioni destinate agli interventi del Capo III, recante “Incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili”). In questo modo si rafforzano anche le altre misure già avviate. Il Fondo è istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico, che si avvale dell’Agenzia nazionale Invitalia».


Questo il trend delle imprese femminili attive in provincia di Lecce, anno per anno: 14.113 a fine 2015; 14.276 l’anno dopo; 14.417 nel 2017; 14.459 l’anno successivo; 14.556 nel 2019; 14.550 a fine 2020. Dal 2015 ad oggi, dunque, sono aumentate di 820 unità, pari ad un tasso di crescita del 5,8 per cento.


L’incremento maggiore si registra nelle attività dei servizi alloggio e ristorazione: da 1.439 a 1.683, ovvero 244 attività in più (+17 per cento). A seguire le imprese in agricoltura sono passate da 2.500 a 2.781, ovvero 281 (+11,2 per cento); le «altre attività di servizi» crescono da 1.450 a 1.633, ovvero 183 aziende in più (+12,6 per cento).






Fondo impresa Donna e PNRR


La legge di bilancio 2021 (Legge numero 178/2020, articolo 1, commi 97-106) ha istituito, presso il Ministero dello Sviluppo economico, un Fondo, dotato di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022, finalizzato a:



  1. a) sostenere l’avvio dell’attività, gli investimenti e il rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale delle imprese femminili, con specifica attenzione ai settori dell’alta tecnologia;

  2. b) programmi ed iniziative per la diffusione di cultura imprenditoriale tra la popolazione femminile

  3. c) programmi di formazione e orientamento verso materie e professioni in cui la presenza femminile va adeguata alle indicazioni di livello europeo e nazionale, con iniziative per promuovere il valore dell’impresa femminile nelle scuole e nelle Università; per la diffusione di cultura imprenditoriale tra le donne; di orientamento e formazione verso percorsi di studio STEM e verso professioni tipiche dell’economia digitale; azioni di comunicazione per diffondere la cultura femminile d’impresa e promuovere i programmi finanziati.


Gli interventi di supporto possono consistere in:



  1. a) contributi a fondo perduto per avviare imprese femminili (con particolare attenzione alle imprese individuali e alle attività libero professionali in generale e con specifica attenzione a quelle avviate da donne disoccupate di qualsiasi età);

  2. b) finanziamenti a tasso zero o comunque agevolati – è ammessa anche la combinazione di contributi a fondo perduto e finanziamenti – per avviare e sostenere le attività di imprese femminili.


In proposito, la legge di bilancio, a decorrere dall’anno 2021 ha anche autorizzato la spesa annua di 0,8 milioni di euro dell’Ente nazionale per il micro-credito per le attività istituzionali finalizzate alla concessione di finanziamenti per l’avvio o l’esercizio di attività di lavoro autonomo o di micro-impresa, con particolare riferimento alla promozione e al rafforzamento della micro imprenditoria femminile considerata dalle norme qui in esame (articolo 1, comma 255).



  1. c) incentivi per rafforzare le imprese femminili, costituite da almeno 36 mesi, sotto la forma di contributo a fondo perduto del fabbisogno di circolante nella misura massima dell’ottanta per cento della media del circolante degli ultimi 3 esercizi;

  2. d) percorsi di assistenza tecnico-gestionale, per attività di marketing e di comunicazione durante tutto il periodo di realizzazione degli investimenti o di compimento del programma di spesa, anche attraverso un sistema di voucher per accedervi;

  3. e) investimenti nel capitale, anche tramite la sottoscrizione di strumenti finanziari partecipativi, a beneficio esclusivo delle imprese a guida femminile tra le start-up innovative e le PMI innovative, nei settori individuati in coerenza con gli indirizzi strategici nazionali;

  4. f) azioni di comunicazione per la promozione del sistema imprenditoriale femminile italiano.


Le attività devono incentrarsi sulla collaborazione con le regioni e gli enti locali, con le associazioni di categoria, con il sistema delle camere di commercio e con i comitati per l’imprenditoria femminile, anche attraverso forme di cofinanziamento tra i rispettivi programmi in materia.


Il Ministro dello sviluppo economico deve poi presentare annualmente alle Camere una relazione sull’attività svolta e sulle possibili misure da adottare per risolvere i problemi relativi alla partecipazione della popolazione femminile alla vita economica e imprenditoriale del Paese.


La legge di bilancio ha previsto, a tal fine, la costituzione del Comitato impresa donna, di cui il Ministro si avvale per l’esercizio delle attività sopra indicate.


Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha previsto di incrementare le risorse del Fondo nell’ambito del programma di investimento M5-C1-I.1.2 Creazione di imprese femminili, cui vengono complessivamente destinati 400 milioni di euro. L’adozione del D.M. di istituzione del Comitato impresa donna, intervenuta con l’adozione del Decreto interministeriale 27 luglio 2021, costituisce parte integrante del percorso di realizzazione dell’investimento previsto dal PNRR, come l’adozione del Decreto interministeriale 30 settembre 2021 attuativo del Fondo impresa donna.


Credito agevolato per l’autoimprenditorialità giovanile e femminile


L’accesso al credito per le piccole e medie imprese a totale o prevalente partecipazione femminile è sostenuto anche attraverso il riconoscimento di mutui a tasso zero e l’accesso agevolato alla Sezione speciale del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese – Sezione Pari Opportunità.


Mutui a tasso zero e quota a fondo perduto


 Il Capo 01 del Titolo I del D.lgs. numero 185/2000 – introdotto dal D.L. 145/2013 (Legge numero 9/2014) e riformato dall’articolo 29 del D.L. numero 34/2019 (L. numero 58/2019) – contiene misure dirette a sostenere, attraverso condizioni agevolate di accesso al credito, la creazione di micro e piccole imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile, in tutto il territorio nazionale.


L’intervento in questione è stato potenziato con la legge di bilancio 2020 (L. numero 160/2019 articolo 1, comma 90, lett. d)), che ha introdotto la possibilità di integrare i finanziamenti agevolati di cui al capo 01 del D.lgs. numero 185/2000, con una quota a fondo perduto.


Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese:



  1. a) costituite da non più di sessanta mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione;

  2. b) di micro e piccola dimensione;

  3. c) costituite in forma societaria;

  4. d) in cui la compagine sia composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote partecipazione, da soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni ovvero da donne.

Possono, altresì, richiedere le agevolazioni le persone fisiche che intendono costituire un’impresa purché esse, entro 45 dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni, facciano pervenire la documentazione necessaria a comprovare l’avvenuta costituzione dell’impresa e il possesso dei requisiti richiesti per l’accesso alle agevolazioni.


Ai beneficiari sono concessi mutui agevolati per gli investimenti, a tasso zero, della durata massima di dieci anni (anziché 8 come invece previsto prima del decreto-legge numero 34/2019) e di importo non superiore al 75 per cento della spesa ammissibile nei limiti consentiti dalla disciplina sugli aiuti di Stato di importanza minore (cd. aiuti di Stato de minimis), contenuta nel Regolamento (UE) numero 1407/2013 (per cui l’entità dell’aiuto – in termini di sgravio sugli interessi – non può essere superiore a 200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari). La gestione degli interventi è affidata ad INVITALIA S.p.a.


In base alla riforma contenuta nel D.L. numero 34/2019 e al successivo intervento contenuto nella Legge di bilancio 2020, la percentuale di copertura delle spese ammissibili è stata innalzata al 90 per cento del totale e le agevolazioni possono essere concesse alle condizioni e nei limiti dei massimali degli aiuto di Stato stabiliti dall’articolo 22 (per le micro e piccole imprese in fase di avviamento, costituite da meno di 36 mesi) e 17 (per le micro e piccole imprese costituite da più di 36 mesi) del Regolamento UE di esenzione per categoria (GBER) Reg. numero 651/2014/UE.


L’inclusione delle imprese agricole di nuova costituzione è stato inserito con il decreto-legge numero 23/2020 (articolo 41, comma 4-ter).


Possono essere finanziate, secondo i criteri e le modalità stabiliti con provvedimento attuativo secondario – D.M. 4 dicembre 2020 (cfr. apposito focus) – le iniziative che prevedono investimenti non superiori a 1,5 milioni di euro, ovvero – in virtù della novella apportata alla normativa dal decreto-legge numero 34/2019 – 3 milioni di euro per le imprese costituite da almeno trentasei mesi e da non oltre sessanta.


Le iniziative di investimento devono riguardare la produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli ovvero all’erogazione di servizi in qualsiasi settore, incluso il commercio e il turismo, nonché le iniziative relative agli ulteriori settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile (individuate dal decreto interministeriale attuativo).


Il decreto-legge numero 34/2019 ha introdotto la cumulabilità delle agevolazioni con altri regimi di aiuti, nei limiti previsti dalla disciplina europea di riferimento (cfr. nuovo articolo 4-ter nel decreto legislativo numero 185/2000).


Lo stesso decreto legge ha demandato ad un decreto del Ministro dello sviluppo economico, da adottarsi di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, entro il 29 luglio 2020, la ridefinizione della disciplina di attuazione del Capo 01 del decreto legislativo numero 185/2000, prevedendo anche, per le imprese di più recente costituzione, l’offerta di servizi di tutoraggio e la copertura dei costi iniziali di gestione, per una percentuale comunque non superiore al 20 per cento del totale delle spese ammissibili.


In attuazione, è stato adottato il decreto interministeriale 4 dicembre 2020, pubblicato in G.U. 27 gennaio 2021. Il decreto attua anche quanto previsto dalla Legge di bilancio 2020 (L. numero 160/2019, articolo 1, co. 90, lett. d)), circa la possibilità di integrare i finanziamenti agevolati di cui al capo 01 del decreto legislativo numero 185/2000, con una quota a fondo perduto.


Nel dettaglio, la Legge di bilancio 2020 (L. numero 160/2019, articolo 1, comma 90, lett. d)) ha disposto che gli interventi agevolativi per l’autoimprenditorialità giovanile e femminile di cui al Capo 01 del decreto legislativo numero 185/2000 possano essere integrati, nel rispetto della normativa dell’UE, con una quota di finanziamento a fondo perduto, concesso con procedura a sportello, in misura non superiore al 20 per cento delle spese ammissibili a valere su risorse dei fondi strutturali e d’investimento europei (Fondi SIE), sulla base di convenzioni tra il Ministero dello sviluppo economico e le amministrazioni titolari dei programmi, sentito il Ministero dell’economia e delle finanze. In ogni caso, la misura massima delle agevolazioni complessivamente concedibili non può superare il 90 per cento delle spese ammissibili.


A tale fine, la legge di bilancio ha stanziato 10 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2023. Per l’erogazione dei contributi a fondo perduto, possono essere utilizzate anche le risorse originariamente destinate a contributi della stessa natura che si rendessero eventualmente disponibili sul conto aperto presso la tesoreria dello Stato per la gestione delle agevolazioni in questione, quantificate dal gestore INVITALIA, al 31 dicembre di ciascun anno dal 2019 al 2022. La disciplina attuativa della previsione è stata demandata ad uno o più decreti di natura non regolamentare del MISE, di concerto con il MEF. Il D.M. 4 dicembre 2020 dà dunque seguito a tale previsione.


La Sezione speciale “Imprenditoria Femminile” del Fondo di garanzia PMI


Il Fondo di garanzia per le PMI costituisce uno dei principali strumenti finalizzati a facilitare l’accesso al credito delle piccole e medie imprese, garantendone la liquidità attraverso un sostegno in garanzia per la contrazione di finanziamenti. Con l’intervento del Fondo, l’impresa non ha un contributo in denaro, ma ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi garantiti dal Fondo stesso.


La Sezione Speciale “Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità” (cd. Sezione Speciale “imprenditoria femminile”) è stata istituita ai sensi del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, 26 gennaio 2012 e dell’Atto di Convenzione del 14 marzo 2013 tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari opportunità, il Ministero dello sviluppo economico e il Ministero dell’economia e delle finanze, con un plafond iniziale di 10 milioni di euro. L’atto di convenzione è stato successivamente integrato da un Atto aggiuntivo, sottoscritto in data 2 dicembre 2014 e approvato con decreto della Presidenza del Consiglio – Dipartimento per le Pari Opportunità, del Ministero dello sviluppo economico e del Ministero dell’economia e finanze del 20 aprile 2015. La Sezione speciale è destinata alla concessione dell’intervento in garanzia a favore delle imprese femminili e delle donne professioniste.


I contributi della Presidenza del Consiglio per la Sezione speciale sono versati sul conto corrente infruttifero numero 22034 intestato al Medio Credito Centrale S.p.A. rubricato Fondo di Garanzia PMI, aperto presso la Tesoreria Centrale dello Stato.


La Sezione interviene mediante la concessione di agevolazioni nella forma di garanzia diretta, di controgaranzia/riassicurazione e di cogaranzia del Fondo stesso, a copertura di operazioni finanziarie finalizzate all’attività di impresa.


Le imprese femminili beneficiarie dell’intervento in garanzia (ai sensi di quanto stabilito dall’articolo 53, comma 1, lett. a) D.lgs. numero 198/2006) sono le micro, piccole e medie imprese con le seguenti caratteristiche:


società cooperative e società di persone costituite in misura non inferiore al 60 per cento da donne;


società di capitali le cui quote di partecipazione spettano in misura non inferiore ai due terzi a donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne; imprese individuali gestite da donne.


In favore delle imprese Start up femminili è riservata una quota pari al 50 per cento della dotazione della Sezione speciale “Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari opportunità”. Tale riserva può subire modifiche in aumento o in diminuzione sulla base di opportune valutazioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri.


Sono start up femminili, ai sensi della Convenzione, le PMI aventi i requisiti sopra indicati che sono state costituite o hanno iniziato la propria attività da meno di tre anni rispetto alla data di presentazione della richiesta di ammissione alla garanzia del Fondo, come risultanti dalle ultime due dichiarazioni fiscali presentate dall’impresa.


La circolare numero 11/2015 del Mediocredito Centrale, che ha reso operativa l’estensione degli interventi della Sezione speciale alle donne professioniste, definisce tale categoria. Le donne professioniste sono quelle iscritte agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi della L. numero 4/2013 e in possesso dell’attestazione rilasciata ai sensi della medesima legge.


Alle imprese femminili e alle donne professioniste sono riservate condizioni speciali vantaggiose per la concessione dell’intervento in garanzia del Fondo, e, in particolare:


possibilità di prenotare direttamente la garanzia priorità di istruttoria e di delibera;


esenzione dal versamento della commissione una tantum al Fondo.


Per tutto ciò che non è esplicitamente previsto dalla specifica regolamentazione della Sezione Speciale per le Pari Opportunità, vale la normativa ordinaria del Fondo contenuta nelle Disposizioni operative in vigore (approvate con D.M. 13 febbraio 2019).


Si rammenta che, nell’attuale situazione di crisi opera per le PMI colpite dagli effetti della pandemia, sino al 31 dicembre 2021, una disciplina potenziata, transitoria e speciale, di intervento del Fondo di garanzia PMI (articolo13, comma 1 decreto-legge numero 23/2020 e ss.mod. e int. Si rinvia, sul punto, al tema dell’attività parlamentare “Misure fiscali e finanziarie per contrastare l’emergenza da coronavirus”).


L’operatività del Fondo di garanzia per le PMI a sostegno del sistema imprenditoriale femminile è monitorata periodicamente. L’ultima Relazione sulla Sezione speciale disponibile sul sito istituzionale del Dipartimento pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri è aggiornata al 31 marzo 2019.


Secondo quanto risulta nella Relazione, dall’inizio dell’operatività del Fondo (gennaio 2000) sino al 31 marzo 2019, le imprese a prevalente partecipazione femminile garantite risultano 110.746, per un ammontare di finanziamenti accolti pari a 8,7 miliardi di euro e importo garantito pari a 5,6 miliardi di euro.


Dall’anno 2010 la dinamica delle domande accolte relative a imprese a prevalente partecipazione femminile ha evidenziato una crescita significativa (+117,6 per cento in termini di operazioni rispetto al 2009).


Si rammenta, infine, che, alle agevolazioni specificamente dirette alle imprese femminili, possono applicarsi, entro i limiti di cumulabilità derivanti dalla disciplina europea in materia di aiuti di Stato, ulteriori forme incentivanti generalmente previste per le imprese, quali, ad esempio, quelle a sostegno delle start up innovative o a sostegno delle imprese dislocate nelle aree del Mezzogiorno.


Ulteriori interventi per le imprese femminili innovative e verdi


Promozione del venture capital in favore di progetti di imprenditoria femminile ad elevata innovazione


La legge di bilancio 2021 (L. numero 178/2020, articolo 1, co. 107-108) ha introdotto anche interventi per sostenere investimenti nel capitale di rischio per progetti di imprenditoria femminile a contenuto di innovazione tecnologica, che prevedono il rientro dell’investimento iniziale esclusivamente nel lungo periodo, realizzati entro i confini del territorio nazionale da società il cui capitale è detenuto in maggioranza da donne.


A tal fine, viene finanziato per 3 milioni di euro per l’anno 2021 il Fondo a sostegno del Venture capital, istituito dall’articolo 1, comma 209, della legge numero 145/2018 (Legge di bilancio 2019).


I criteri di selezione e di individuazione da parte del Ministero dell’economia e delle finanze dei fondi da integrare (attraverso l’intervento del citato Fondo), nonché le modalità per l’assegnazione dei finanziamenti ai progetti imprenditoriali è demandata ad un decreto interministeriale, non ancora adottato.


 Fondo Green New Deal anche per le imprese femminili


 La legge di bilancio 2020 (articolo 1, comma 85, L. numero 160/2019), ha istituito nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze un Fondo da ripartire (cd. Fondo Green New Deal) con una dotazione di 470 milioni di euro per l’anno 2020, di 930 milioni di euro per l’anno 2021 e di 1.420 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023, di cui una quota non inferiore a 150 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022   destinata ad interventi coerenti con le finalità previste dall’articolo 19, comma 6, del D.lgs. numero 30/2013, di cui fino a 20 milioni di euro per ciascuno dei predetti anni destinati alle iniziative da avviare nelle zone economiche ambientali.


La legge (articolo 1, comma 86) autorizza il Ministro dell’economia e delle finanze a intervenire attraverso la concessione di una o più garanzie, a titolo oneroso, al fine di sostenere programmi specifici di investimento e operazioni, anche in partenariato pubblico privato e anche realizzati con l’intervento di università e organismi privati di ricerca, finalizzati a realizzare progetti economicamente sostenibili che abbiano come obiettivo la decarbonizzazione dell’economia, l’economia circolare, il supporto all’imprenditoria giovanile e femminile, la riduzione dell’uso della plastica e la sostituzione della plastica con materiali alternativi, la rigenerazione urbana, il turismo sostenibile, l’adattamento e la mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico e, in generale, programmi di investimento e progetti a carattere innovativo e ad elevata sostenibilità ambientale tenendo conto anche degli impatti sociali


Il decreto-legge numero 76/2020 (convertito, con mod., in L. numero 120/2020) ha specificato gli ambiti di applicazione di tali garanzie, da rilasciarsi conformemente alla comunicazione della Commissione europea dell’11 dicembre 2019 in materia di Green deal europeo, tenuto conto degli indirizzi che il Cipe può emanare entro il 28 febbraio di ogni anno. Tali garanzie possono riguardare, in particolare:



  1. a) progetti tesi ad agevolare la transizione verso un’economia pulita e circolare e ad integrare cicli produttivi con le tecnologie a basse emissioni per la produzione di beni e servizi sostenibili;

  2. b) progetti tesi ad accelerare la transizione verso una mobilità sostenibile ed intelligente, con particolare riferimento a progetti volti a favorire l’avvento di mobilità multimodale automatizzata e connessa, idonei a ridurre l’inquinamento e l’entità delle emissioni inquinanti, anche attraverso lo sviluppo di sistemi intelligenti di gestione del traffico, resi possibili dalla digitalizzazione.


Il medesimo decreto-legge numero 76/2020 ha stabilito che le garanzie in questione siano assunte da SACE S.p.A., la quale agisce per conto del MEF, tramite apposita convenzione stipulata con il Ministero e approvata dal CIPE, il 29 settembre 2020, unitamente agli indirizzi alla Società. SACE è stata autorizzata ad emettere garanzie nel limite di 2.500 milioni di euro per l’anno 2020 e, per gli anni successivi, nei limiti di impegno fissati dalla legge di bilancio. Sulle obbligazioni di SACE S.p.A. derivanti dalle garanzie opera la garanzia dello Stato a prima richiesta e senza regresso. Alla copertura delle garanzie statali così assunte sono interamente destinate le risorse del Fondo per il Green deal disponibili per l’anno 2020 (articolo 64). Si rinvia, sul punto, all’apposita pagina web del sito istituzionale di SACE.


Imprenditoria femminile in agricoltura


Il D.L. numero 73/2021 Sostegni-bis (articolo 68, comma 9) ha esteso alle imprese condotte da donne, a prescindere dall’età, le misure agevolative di cui al Titolo I, Capo III del D.lgs. numero 185/2000 già riservate alla giovane imprenditorialità agricola (dai 18 ai 40 anni): si tratta di mutui agevolati per gli investimenti, a un tasso pari a zero, della durata massima di dieci anni comprensiva del periodo di preammortamento e di importo non superiore al 60 per cento della spesa ammissibile, nonché un contributo a fondo perduto fino al


35 per cento della spesa ammissibile. Per le iniziative nel settore della produzione agricola il mutuo agevolato ha una durata, comprensiva del periodo di preammortamento, non superiore a quindici anni.


Ulteriori misure agevolative per l’accesso al credito da parte delle imprese femminili in agricoltura sono state riconosciute con la Legge di bilancio 2020 (L. numero 160/2019, articolo 1, co. 504-506).


La legge ha disposto l’istituzione, nello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, del Fondo rotativo per favorire lo sviluppo dell’imprenditoria femminile in agricoltura, dotato di pari a 15 milioni di euro per l’anno 2020, demandando ad un decreto di natura non regolamentare del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, da adottare d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, i criteri e le modalità di concessione, nei limiti fissati dalla disciplina europea sugli aiuti di Stato, di mutui a tasso zero, nel limite di


300.00 euro, per la durata massima di quindici anni comprensiva del periodo di preammortamento, nel rispetto della normativa europea sugli aiuti di Stato per il settore agricolo e per quello della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (Reg. della Commissione UE del 25 giugno 2014, numero 702/2014, artt. 14 e 17 – ABER-Agriculture Block Exemption Regulation, Regolamento di esenzione dall’obbligo di notifica ex ante degli aiuti in materia agricola).


Per la gestione del Fondo rotativo è stata autorizzata l’apertura di un’apposita contabilità speciale presso la tesoreria dello Stato intestata al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Il fondo viene dunque gestito fuori bilancio.


Il D.M. 9 luglio 2020 ha definito la disciplina di attuazione della misura. I mutui a tasso zero sono diretti a


micro piccole e medie imprese femminili, in qualsiasi forma costituite, che presentino progetti volti al:



  1. a) miglioramento del rendimento e della sostenibilità globale dell’azienda agricola con una riduzione dei costi di produzione o un miglioramento e riconversione della produzione e delle attività agricole connesse;

  2. b) miglioramento delle condizioni agronomiche e ambientali, di igiene e benessere degli animali (purché non si tratti di investimenti realizzati per conformarsi alle norme dell’Unione europea);

  3. c) realizzazione e miglioramento delle infrastrutture connesse allo sviluppo e alla modernizzazione dell’agricoltura.


Si tratta dunque di progetti di investimenti nel settore agricolo e in quello della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli (articolo 1 e 4).


Alla data di presentazione della domanda, le imprese devono essere in possesso di una serie di requisiti (essere regolarmente iscritte nel registro delle imprese; esercitare esclusivamente l’attività agricola; essere amministrate e condotte da una donna, con la qualifica di imprenditore agricolo o di coltivatore diretto o, nel caso di società, essere composte, per oltre la metà dei soci e delle quote di partecipazione, ed amministrate, da donne, imprenditrici agricole o di coltivatrici dirette; avere sede operativa nel territorio nazionale; non essere in liquidazione volontaria e/o sottoposte a procedure concorsuali; non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati illegali o incompatibili dalla Commissione UE; non rientrare tra le imprese in difficoltà, secondo la definizione di cui all’articolo 2, punto 14 del Reg. ABER) (articolo 1-2).


Per la realizzazione dei progetti sono concessi, come detto, mutui a un tasso zero, della durata minima di cinque anni e massima di quindici anni, comprensiva del periodo di preammortamento, e di importo non superiore a 300.000 euro e comunque non superiore al 95 per cento delle spese ammissibili, nel rispetto dei massimali previsti dalla normativa europea.


L’impresa deve apportare un contributo finanziario, attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, pari almeno al 20 per cento delle spese ammissibili complessive. Il mutuo agevolato deve essere assistito da garanzie per l’intero importo concesso (articolo 3).


I progetti finanziabili non possono essere avviati prima della presentazione della domanda e devono concludersi entro ventiquattro mesi dalla data di ammissione alle agevolazioni (articolo 4). Vengono dettagliate le spese ammissibili, tra essi l’acquisto di terreni, ma in misura non superiore al 10 per cento dei costi ammissibili totali (articolo 5).


Il gestore delle misure assicurative è l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare – ISMEA, ente vigilato dal MIPAAF, che già gestisce ed eroga, per conto del Ministero vigilante (sulla base di apposite convenzioni), mutui a tasso agevolato per favorire lo sviluppo e il consolidamento dell’imprenditoria agricola (articolo 6 e 7 e 12 13).


Gli aiuti sono cumulabili con altri aiuti pubblici concessi per le medesime spese, nel rispetto dei massimali previsti dalla normativa europea (articolo 8 Reg. ABER).


 


Approfondimenti

Come proteggere da virus e batteri con la mascherina chirurgica

Pubblicato

il

Mascherina Chirurgica

A seguito della pandemia da Covid-19 la mascherina chirurgica è divenuta obbligatoria al fine di ridurre la diffusione del virus così da proteggere la salute non solo propria ma anche degli altri.
Nonostante non sia più obbligatorio indossarla né al chiuso né all’aperto, salvo casi eccezionali come i trasporti pubblici, gli ospedali e qualsiasi altra struttura sanitaria, la stessa ha svolto un ruolo fondamentale in questo particolare periodo storico dal momento che ha ridotto la diffusione del virus.
Per acquistare dispositivi sicuri e di qualità, è bene affidarsi a realtà specializzate nel settore che sappiano indirizzare l’utente verso l’articolo più adatto alle proprie necessità. A tal riguardo, è possibile fare riferimento alla mascherina chirurgica su Rs Components, azienda leader nel settore industriale ed elettronico nel cui catalogo è presente un’ampia gamma di prodotti relativi alla sicurezza, tra cui quelli per la protezione per vie respiratorie.

Portali e-commerce: i diversi modelli di mascherina

Il portale sopra menzionato offre ai propri utenti differenti tipologie di mascherine da poter utilizzare in più contesti lavorativi: dai trasporti alla sanità, come anche le pulizie domestiche e commerciali o la ristorazione. Tutto ciò fa sì che chi è tenuto ad indossarla nello svolgimento della propria professione può trovare l’articolo giusto adatto a tutelare la salute propria e degli altri avendo, tra l’altro, l’opportunità di applicare appositi filtri (colore, marchio, veli, quantità per confezione, taglia/dimensione, strato e molti altri) risparmiando tempo, energia e denaro.
Naturalmente, nella suindicata pagina web vi sono, oltre alla mascherina chirurgica, quelle riutilizzabili e monouso caratterizzate da diversi materiali come polipropilene, tessuto, poliestere o polietilene.

Inoltre, i consumatori hanno a loro disposizione i medesimi prodotti aventi differenti livelli di spessore; infatti, possono avere maschere facciali da uno a quattro veli in base alle loro necessità. Ad esempio, le mascherine a tre o quattro veli sono le più idonee a contrastare batteri o virus in quanto i molteplici strati sono in grado di proteggere tutti coloro che ne usufruiscono sia dai germi che dalla polvere. Oltretutto, questi prodotti sono stati progettati in modo da poter non solo assorbire sudore, acqua o saliva, ma, al contempo, di resistere al sangue o ai fluidi corporei, a dispetto delle altre le quali essendo meno spesse non risultano essere perfette per tutelare l’incolumità fisica degli interessati. Per tale ragione, queste ultime sono utilizzate, principalmente, nei settori domestici o industriali escludendo gli ambiti sanitari.

Perché è importante rivolgersi ai migliori portali di riferimento del settore?

Come detto, emerge chiaramente quanto sia importante rivolgersi ai giusti professionisti prima di procedere all’acquisto in modo che le esigenze dei potenziali acquirenti possano essere soddisfatte.
Oltre a ciò, i succitati e-commerce assicurano agli utenti innumerevoli servizi: innanzitutto, trattandosi di store online i consumatori possono selezionare gli articoli desiderati comodamente dalla propria dimora o dalla sede lavorativa senza doversi recare fisicamente al negozio potendo, altresì, servirsi sia di diverse modalità di pagamento eseguite in totale sicurezza informatica che di consegne rapide e, altrettanto, sicure.

Da ultimo, e non per minore importanza, nel rispetto dei principi di trasparenza e di garanzia, i clienti hanno la possibilità di contattare i succitati portali attraverso contatti telefonici o indirizzi di posta elettronica ordinaria così da poter ottenere informazioni o eventuali delucidazioni che consentono a costoro di saper valutare la qualità del prodotto. Per giunta, tali pagine web offrono agli utenti schede tecniche e materiale didattico per ciascun articolo inserito nel catalogo affinché costoro possano capire in autonomia il funzionamento di taluni prodotti.

Continua a Leggere

Approfondimenti

Il potere dei legumi: tutti i benefici di un cibo buono e salutare

Il loro basso contenuto di grassi e la percentuale praticamente nulla di colesterolo, uniti all’importante apporto proteico, fanno dei legumi…

Pubblicato

il

I legumi sono l’ingrediente perfetto per ogni stagione. Con il loro carico di proteine naturali possono aiutarci a creare piatti ricchi e saporiti: in inverno creando zuppe con l’aggiunta di ortaggi e odori differenti, mentre per i climi più caldi si possono inventare insalate di qualsiasi tipo. 

I benefici dei legumi

I segreti per un perfetto utilizzo dei legumi in cucina sono diversi e possono aiutarci per variare diete e menù a piacimento. C’è infatti la possibilità di poter contare su una vastissima gamma di tipologie, sapori e preparazioni. 

Il loro basso contenuto di grassi e la percentuale praticamente nulla di colesterolo, uniti all’importante apporto proteico, fanno dei legumi uno tra gli ingredienti più salutari che si possono utilizzare in cucina. Da non sottovalutare poi l’alto contenuto di fibre di cui sono provvisti: assumere alimenti ricchi di fibre rientra infatti tra i consigli per prendersi cura della flora batterica intestinale, come si può leggere in vari contenuti informativi, ed è essenziale per assicurarsi una sana regolarità. 

Essendo i legumi un alimento molto saziante e povero di grassi, sarebbe opportuno portarli in tavola fino a tre volte alla settimana, così da abbassare il senso di fame e garantire al corpo un apporto sostanzioso di nutrienti. 

Un aspetto che non molti conoscono è quello inerente al contenuto di calcio, relativamente alto e importante per il benessere delle ossa e dei denti. Insomma, scegliere di cucinare un piatto a base di legumi è positivo sia dal punto di vista del gusto che da quello del benessere.

Quali sono e che tipologie esistono

Come riconoscere però i differenti tipi di legumi, da cui dipendono le varie preparazioni? Come visto, i legumi sono di molti tipi e questo li rende degli ingredienti ideali per ricette sfiziose e variegate. È innanzitutto importante distinguere tra quelli freschi e quelli secchi. 

I primi sono più rapidi da cucinare e non hanno bisogno di essere lasciati in ammollo, tuttavia si conservano per meno tempo rispetto agli altri. Grazie alla loro importante concentrazione d’acqua, i legumi freschi sono decisamente più salutari, visto che hanno una minore concentrazione di calorie. 

Quelli secchi si conservano più a lungo e hanno bisogno anche di una notte in ammollo per poter essere cucinati. Secondo i nutrizionisti, i legumi secchi sono dei veri e propri integratori naturali, vista la grande concentrazione di nutrienti che portano con sé. 

Quelli in scatola, invece, sono i più semplici da portare in tavola. Tra questi particolarmente in voga sono i ceci, spesso utilizzati per guarnire insalate e alla base di moltissime preparazioni. Il liquido, che spesso viene scartato, è commestibile e utilissimo per una giusta conservazione. Essendo già precotti, i legumi in scatola non hanno bisogno di lunghe cotture, e spesso possono essere consumati appena estratti dalla confezione. 

In molti tendono ad accomunare ortaggi e legumi, non distaccandosi troppo dalla realtà: i legumi, infatti, sono delle verdure che appartengono al gruppo di ortaggi da seme. E come le verdure fanno benissimo al nostro organismo.

Continua a Leggere

Approfondimenti

La politica, il localismo, il distacco dei cittadini e il non voto

Il 12 Giugno si vota per i Referendum e le Amministrative. Disamina di come cambia la poilitica ed i cittadini

Pubblicato

il

Il prossimo 12 giugno si voterà per i referendum sulla giustizia e per le amministrative in centinaia di Comuni italiani (16 i comuni in provincia di Lecce).
Prescindendo in questo momento dal problema dei referendum, è opportuno soffermarsi sul senso che possono assumere le amministrative.

In linea di principio, queste ultime, al di là dal loro significato intrinseco, possono costituire per vari aspetti un test sulla tenuta del governo e dei partiti.
Tuttavia le cose non stanno proprio così o quanto meno la situazione è molto più fluida di quanto potrebbe sembrare a prima vita.

Di fatto, sono ormai molti anni che nelle amministrative si è accentuato, particolarmente nei Comuni, i quali per quello che qui ci riguarda sono quelli leccesi, il localismo o come si dice oggi il civismo, ossia il formarsi di liste strettamente rivolte ad affrontare i bisogni del Comune di appartenenza di là da ogni militanza nei cosiddetti partiti nazionali.

Certo, una volta le liste civiche erano liste d’appoggio a quelle ufficiali di un partito o d’appoggio ad un particolare candidato presidente o sindaco.
Ed in realtà oggi anche questo accade, ma per rendersi conto di ciò che sta veramente avvenendo bisogna tener presente il numero dei non-votanti, un numero sempre crescente nelle elezioni politiche e che comincia ad essere significativo anche nelle amministrative, particolarmente nelle grandi città.

Ciò rivela un distacco di buona parte dei cittadini dalla vita politica e dalla stessa fiducia nei partiti. Si tratta di un fenomeno che si è accentuato nella Penisola con la fine delle ideologie che hanno dominato il secolo scorso.

Tale fine ha generato una scissione tra ideale e reale e l’attività politica è stata da molti considerata in funzione di interessi di persone o gruppi e non più come bene collettivo.

Il non-voto è pertanto la testimonianza drammatica di una sfiducia di fondo verso il mondo della politica e l’espressione di una impotenza che sembra far registrare la crisi della democrazia, intendendo quest’ultima come la consapevole partecipazione di tutti alla vita pubblica.

Ma vi è di più: il fenomeno dell’assenteismo elettorale mostra che in Italia (e non solo in Italia) l’andare a votare era frutto non tanto di una sentita educazione civica quanto di una interiore paura di sanzioni.

Paradossalmente (ma non tanto) il non-voto è espressione di una acquisita libertà e di distanza nei confronti di una vita pubblica che si giudica in termini negativi, legati a particolari interessi. In altri termini, è un po’ la visione che fu di Benedetto Croce, ossia della attività politica connessa all’utile e al particolare e non all’universale. Un’attività tra le altre, per dirla in modo drastico, legata soprattutto ad interessi di parte e quindi destinata a coinvolgere come protagonisti i mestieranti di tale attività.
Di qui un sottinteso dualismo di fondo tra la vita del politico di professione e quella del privato cittadino, dualismo che ha permeato gran parte della nostra esistenza repubblicana e soprattutto è stato vissuto all’interno delle coscienze di molti.

Naturalmente questo non vuol dire che le ideologie sono veramente finite. Quelle del passato sono state sostituite da altre, le quali esistono sotto altra forma; si pensi, in sede etica, al relativismo e agli effetti di una globalizzazione vissuta in chiave economica e quindi di sudditanza alle regole del mercato.

Il processo di omologazione in atto su scala mondiale, che vede i suoi effetti nel cancel culture, nel politically correct e così via, comporta una effettiva sudditanza ad un potere anonimo ma estremamente incisivo, che si riscontra molte volte nei social e che praticamente annulla, nella sbandierata democrazia, ogni libertà di analisi critica svolta da competenti. Si tratta di quella che più di settant’anni fa i filosofi Horkheimer e Adorno avevano chiamato industria culturale, ove è chiaro che una cultura che diventa industria (ossia produzione di massa, omologazione) non è più tale.

Ecco allora, di rimando, l’attenzione al recupero dei bisogni concreti, di un agire non astratto ma legato a reali esigenze, capace di affrontare e risolvere situazioni altrimenti stagnanti. Insomma uno spostare l’impegno su ciò che è dimostrabile e fattibile, nella speranza di una condivisione responsabile.

Posizione certamente comprensibile e corretta, ma che non esclude, come ogni umana azione, difficoltà.

In questa prospettiva più ampia e complessa, si può comprendere il favore che ha incontrato, in particolar modo nelle amministrative, la formazione di liste civiche legate, quando va bene, ad un articolato programma e composte da persone che hanno un certo peso da un punto di vista quantitativo (il bacino degli elettori) e qualitativo.

Naturalmente ci può essere il rischio di casi in cui prevalga un velleitarismo di maniera, i cui effetti non potranno che essere negativi.

Di conseguenza esiste una situazione variegata che cambia da Comune a Comune e che non consente prospettive su larga scala. Sono, infatti, liste che si formano secondo i vari contesti e che reclamano come loro forza il voler dare risposte ai bisogni del proprio ambiente.

Tali liste non vanno confuse con i movimenti federalisti e autonomistici come, per il Salento, il Movimento Regione Salento che intende rivitalizzare e riorganizzare in maniera organica tutta l’antica Terra d’Otranto e che pertanto ha uno “Statuto” e un “Manifesto” ben visibili ed un orientamento politico di ampio respiro.

Ciò, invece, che in questa sede si sta prendendo in considerazione è il fenomeno dell’accorpamento di persone in liste con finalità meramente municipali.

Ciò fa sì che in esse possano confluire individui appartenenti a diversi indirizzi politici, generando orientamenti per così dire multidirezionali, anche perché i sindaci neo-eletti per la vita del loro Comune dovranno interagire con rappresentanti dei partiti politici del territorio e della regione.

Per tutte queste ragioni il risultato delle amministrative potrà essere giudicato non soltanto in funzione del rapporto coi partiti nazionali, la maggior parte dei quali attualmente uniti in una alleanza a termine e strumentale, se non proprio rissosa, ma in ragione del significato stesso del reggimento di città che non riescono più a vivere dialetticamente con la vita nazionale e si rinchiudono in se stesse sperperando energie che andrebbero finalizzate verso obiettivi di portata molto più vasta.
Hervé Cavallera

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus