Connect with us

Attualità

Bollettino epidemiologico: 3 decessi e 138 contagi in provincia di Lecce

Pubblicato

il


Oggi, giovedì 21 gennaio, in Puglia sono stati registrati 11.524 test per l’infezione da Covid-19 e sono stati registrati 1.275 casi positivi: 478 in provincia di Bari, 63 in provincia di Brindisi, 92 nella provincia BAT, 294 in provincia di Foggia, 138 in provincia di Lecce, 207 in provincia di Taranto, 4 residenti fuori regione. 1 caso di provincia di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito.

Sono stati registrati 26 decessi: 12 in provincia di Bari, 3 in provincia BAT, 1 in provincia di Brindisi, 1 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.220.229 test.

55.388 sono i pazienti guariti.

54.784 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 113.115, così suddivisi:

43.371 nella Provincia di Bari;

12.760 nella Provincia di Bat;

8.179 nella Provincia di Brindisi;

24.144 nella Provincia di Foggia;

9.191 nella Provincia di Lecce;

14.800 nella Provincia di Taranto;

567 attribuiti a residenti fuori regione;

103 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 21.1.2021 è disponibile al link: http://rpu.gl/Y1NHd

Attualità

Tricase, revoca cittadinanza a Mussolini: le ragioni del Cantiere civico

Invito a firmare, fino al 31 marzo, la petizione per una legge di iniziativa popolare, che metta al bando e punisca la propaganda e la diffusione dei simboli fascisti attraverso il web

Pubblicato

il

Continua a tenere banco la questione relativa cittadinanza onoraria di Tricase a Benito Mussolini, retaggio del Ventennio quando un po’ tutte le città conferivano il riconoscimento al Duce.

A riguardo registriamo una nota dei consiglieri del Cantiere civico,  Carmine Zocco, Giacomo Elia e Gianluca Errico allegata alla dichiarazione di voto nel Consiglio Comunale del 2 marzo scorso.

I consiglieri di opposizione ricordano come non siano «in discussione gli effetti civili dell’atto amministrativo, bensì il suo valore simbolico. Infatti, lo scopo del conferimento della cittadinanza onoraria, tutt’oggi, consiste nell’atto con cui l’Istituzione indica ai propri concittadini, presenti e futuri, gli uomini e le donne da assumere come modelli di riferimento per particolari valori civili, culturali e etici.

Oltre a quella a Mussolini del 1924, nell’ultimo secolo Tricase ha conferito la cittadinanza onoraria, tra gli altri, a Don Tonino Bello e nel 2019 a Liliana Segre, senatrice a vita e ex deportata ad Auschwitz per motivi razziali.

C’è chi afferma che il conferimento a Liliana Segre abbia di fatto schierato la città dalla parte dei “giusti”, confermando il giudizio storico sul fascismo e allineandosi ancor di più ai valori antifascisti sanciti dalla Costituzione».

«Ma allora», si chiedono, «perché astenersi dal rimuovere il paradosso di vedere formalmente vittima e carnefice accomunati dalla stessa onorificenza?  Secondo noi è stato giusto e opportuno rafforzare il valore simbolico del gesto nei confronti della Segre, vittima delle leggi razziali, rimuovendo dal suo fianco chi è stato l’autore di quelle leggi.

Questo non “cancella la storia”: l’atto del 1924 rimane a testimonianza di un potere totalitario e della capacità di generare sudditanza tra i nostri amministratori dell’epoca che furono tutti solerti (tranne un “eroico dissidente” di nome Salvatore Panarese) ad accogliere il consiglio che veniva dall’alto. Nonostante l’assassinio nell’anno precedente di Roberto Caputo, presidente dell’associazione ex combattenti e non allineato alle nascenti angherie dei gerarchi fascisti, per mano di Emanuele Adago, iscritto alla locale sezione del Fascio».

«Perché la questione della revoca della cittadinanza onoraria a Mussolini non sia sterilizzata e semplificata come fosse un referendum o solo un motivo di clamore mediatico», sostengono dal Cantiere civico, «deve, perciò, diventare un’occasione di riflessione culturale e politica.  La debolezza della memoria storica comporta, infatti, delle conseguenze politiche immediate. La memoria non è semplicemente il nostro rapporto con il passato, quello che noi pensiamo del passato orienta il modo in cui ci comportiamo oggi».

Petizione per una legge contro la propaganda e la diffusione dei simboli fascisti sul web

Un percorso aperto in questo senso è la raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare, che metta al bando e punisca la propaganda e la diffusione dei simboli fascisti attraverso il web. Si può firmare in ogni Comune fino al 31 marzo.

«Noi siamo impegnati in questa raccolta», fanno sapere i tre consiglieri, «non solo per la bontà della proposta ma perché il nostro impegno civico è intriso nella pratica quotidiana dei valori del rispetto dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi, dell’inclusione sociale e della lotta a ogni forma di discriminazione e di povertà».

E ancora: «Restando sul tema dei simboli di alto valore civile che ispirano la denominazione delle strade e delle piazze della nostra città, vorremmo che si facesse attenzione a ripristinare la denominazione di una strada a Giacomo Matteotti, deputato socialista e prima vittima delle squadre fasciste, e cambiare quella intitolata al M.llo Rodolfo Graziani, autore riconosciuto del genocidio degli abissini con il gas nervino durante l’occupazione fascista dell’Etiopia».

«Pertanto», concludono dal Cantiere civico, «abbiamo aderito senza esitazioni alla mozione di revoca della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini.  E questo senza distogliere neanche un attimo l’attenzione e l’impegno sull’ emergenza sanitaria, economica e sociale che stiamo vivendo».

Continua a Leggere

Attualità

Dodici positivi, blocco dei ricoveri all’Oncologico del Fazzi

L’odierno bollettino regionale: 1.261 i nuovi casi positivi in Puglia, 125 nella provincia di Lecce. Tasso di positività all’11,03%

Pubblicato

il

Sono i 1.261 i nuovi casi positivi in Puglia riportati dall’odierno bollettino regionale.

Sono invece 125 i tamponi risultati positivi in provincia di Lecce.

Giornata particolarmente frenetica al “Vito Fazzi”, dove sono state riscontrate 12 positività tra i pazienti del Polo Oncologico Giovanni Paolo II.

La direzione dell’ospedale ha disposto il blocco dei ricoveri, e avviato gli accertamenti sul personale in servizio, già sottoposto a vaccinazione, la sanificazione dei locali.

Il tasso di positività regionale (sono stati registrati 11.427 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus) si attesta sull’11,03%.

Registrati anche 29 decessi di cui 6 in provincia di Lecce.

Il riepilogo

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.582.701 test.

112.274 sono i pazienti guariti.

33.668 i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 149.963 così suddivisi, di cui 12.754 nella provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 3 MARZO 2021

Continua a Leggere

Attualità

Tre giovani salentini a Sanremo con “Carisma”

Pubblicato

il


Musica, talento, passione… e si vola dritti a Sanremo. Il palcoscenico ligure del contest “Sanremo Juke Box”, concorso canoro ideato da Moreno De Ros in collaborazione con l’etichetta discografica Smilax Publishing, quest’anno “canta salentino” con Erjona Qellimi, 13 anni di Maglie, Ines Rizzo, 14 anni di Surano e Giuseppe Toma 16 anni di Matino.
Attraverso la partecipazione a “Carisma”, il primo talent televisivo del sud ideato e in onda su Antenna Sud, i giovanissimi talenti salentini hanno conquistato la finale del contest che permetterà loro di esibirsi nella città di Sanremo il prossimo 6 marzo, in concomitanza con il 71esimo Festival della Canzone Italiana. A fare da palcoscenico all’esibizione un padiglione realizzato appositamente per l’evento.
A curare la preparazione vocale e artistica dei tre giovani talenti in finale il vocal coach salentino Tony Frassanito, nome di spicco del circuito musicale nazionale già impegnato al Festival di Sanremo come vocal coach in alcune edizioni passate.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus