Connect with us

Attualità

Contrassegni vini a DOCG e DOC

Firmato il decreto. Prosegue l’attuazione del Testo Unico del Vino. La Fascetta ha natura di «Contrassegno di Stato», a garanzia delle produzioni di eccellenza nazionali. La Ministra Bellanova: “Un altro tassello per confermare il primato della qualità”

Pubblicato

il

È stato firmato dalla Ministra Teresa Bellanova il decreto attuativo dell’art.48, comma 9, del Testo Unico del Vino.


Un decreto atteso da tempo dalla filiera vitivinicola, con cui vengono stabilite caratteristiche, diciture, modalità per la fabbricazione, l’uso, la distribuzione, il controllo e il costo dei contrassegni per i vini a Denominazione protetta, nonché le caratteristiche e le modalità applicative dei sistemi di controllo e tracciabilità alternativi.


«Con questo Decreto», dice la Ministra Bellanova, «rafforziamo la tutela delle produzioni di eccellenza nazionale, semplifichiamo il processo di acquisizione delle cosiddette fascette, riducendo costi e tempistica, aggiungiamo un ulteriore tassello per confermare il primato della qualità. In sintesi, alcuni degli obiettivi prioritari che abbiamo ribadito, in accordo con l’intero settore, anche nell’ultimo incontro del gennaio scorso, finalizzato a condividere il percorso di insediamento della Cabina di Regia del Vino».


Con il Decreto, dunque, si definiscono le caratteristiche della cosiddetta “fascetta”, recante il sigillo della Repubblica, apposta su molti vini a DOC e su tutti i vini a DOCG, confermando che la Fascetta ha natura di «Contrassegno di Stato», a garanzia delle produzioni di eccellenza nazionali.


Nel dettaglio, il testo introduce alcune misure di semplificazione del processo di acquisizione dei contrassegni da parte degli operatori ed opera una sensibile riduzione dei relativi costi e della tempistica di distribuzione.


In particolare: la riduzione dei costi dei contrassegni (da un minimo del 12 % fino ad un massimo del 20%) rispetto a quelli attualmente sostenuti dagli operatori;

la possibilità per le aziende di ritirare uno stock di contrassegni corrispondente al quantitativo di vino atto a divenire DO detenuto dall’imbottigliatore (il precedente decreto prevedeva la consegna di fascette solo in base al prodotto certificato). In tal modo le aziende potranno avere più rapidamente a disposizione le fascette necessarie;


l’introduzione di un nuovo formato di contrassegno di piccole dimensioni per rispondere alle esigenze manifestate in tal senso dalle imprese in relazione alla varietà dei formati delle bottiglie.


Il Decreto reca, altresì, le disposizioni per l’attuazione del Sistema di controllo e tracciabilità telematico per i vini confezionati a D.O.C. e a I.G.T., ai sensi dell’articolo 48, comma 8, della legge.


L’articolo definisce le caratteristiche e la gestione del sistema di tracciabilità alternativo al sistema delle “fascette”.


Attualità

Il sindaco di Montesano: “Numero positivi piuttosto alto”

Pubblicato

il


Il sindaco di Montesano, Giuseppe Maglie, scrive:Purtroppo il numero dei positivi continua ad essere piuttosto alto; in questo momento siamo a quota 19. Le condizioni di salute in generale risultano al momento essere sotto controllo anche se qualcuno di loro, nei giorni passati, ha avuto problemi un po’ più severi del solito.
È inutile negare che le notizie che ci arrivano dai comuni limitrofi lasciano sgomenti; sapere di un uomo di 40 anni che ha perduto la vita ci lascia una infinita tristezza e ci ricorda, semmai ce ne fosse ancora bisogno, della estrema pericolosità di questo maledetto virus. Altro che comune influenza; sembra di essere in una specie di grande roulette russa, in cui, in alcuni casi, ci si può fare davvero molto male. La diffusione del virus peraltro, nei nostri territori, comincia ad essere veramente massiva e questo rappresenta un motivo ulteriore di grande preoccupazione. Non facciamo l’errore di sentirci esentati, chissà per quale misterioso motivo poi, dal prendere il virus; Il pericolo è dietro l’angolo e può capitare a chiunque”.

Continua a Leggere

Attualità

Azzolina: “Il Cts è stato chiaro, è ora di rientrare in classe”

Pubblicato

il


Il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina prende una posizione netta sulla riapertura delle scuole. Lo fa parlando del Cts, così: “Oggi il Comitato Tecnico Scientifico si è riunito, su richiesta del Ministero della Salute, per esprimersi sul rientro in classe di studentesse e studenti delle scuole superiori, previsto dal Governo. Il Cts ha ricordato che le scuole hanno un ruolo limitato nella trasmissione del virus. E ribadito – non è la prima volta che lo dice – che l’assenza prolungata da scuola può provocare conseguenze gravi nei ragazzi, per gli apprendimenti e per la sfera emotiva e relazionale”.




E conclude: “Queste valutazioni rappresentano una guida chiara che mi auguro possa garantire a scuole e studenti le certezze di cui hanno bisogno. Il rientro in classe è un atto di responsabilità nei confronti dei nostri giovani”.


Continua a Leggere

Attualità

Anticipato pagamento pensioni di febbraio: le date

Pubblicato

il


Le pensioni di febbraio 2021 verranno pagate in anticipo, come accade ormai da mesi a causa dell’emergenza Covid.
Angelo Borrelli, capo del Dipartimento della Protezione Civile, ha infatti firmato lo scorso dicembre l’ordinanza che stabilisce il pagamento anticipato delle prestazioni previdenziali corrisposte dall’INPS.
Vediamo quindi in quali date verrà effettuato. 





Anticipate pensioni di febbraio





Il pagamento in anticipo delle pensioni riguarda i titolari di:
-libretto di risparmio;
-Conto BancoPosta;
-Postepay Evolution.
I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o Postepay Evolution potranno prelevare i contanti dagli oltre 7000 ATM Postamat, senza la necessità di recarsi allo sportello.





Calendario per il contante




Tutti coloro che hanno scelto di ritirare la pensione in contanti presso l’ufficio postale (sempre rispettando le norme anti Covid), dovranno seguire uno specifico calendario, con la suddivisione in ordine alfabetico.
L’INPS ha comunicato le seguenti date per il ritiro:
A-B lunedì 25 gennaio;
C-D martedì 26 gennaio;
E-K mercoledì 27 gennaio;
L-O giovedì 28 gennaio;
P-R venerdì 29 gennaio;
S-Z sabato 30 gennaio.
Il diritto al rateo di pensione, essendo solo un anticipo del pagamento, si matura comunque il primo giorno del mese di competenza.





Con accredito in banca e in Posta





Per i pensionati che invece hanno scelto di ricevere la pensione presso la banca, il pagamento sarà effettuato il 1° febbraio 2021, ossia il primo giorno bancabile del mese.
Per coloro che riscuotono presso Poste Italiane SpA, il pagamento è effettuato sempre il 1° febbraio 2021.
Pagamento pensioni per gli over 75
I cittadini di età pari o superiore a 75 anni, che percepiscono la pensione in contanti presso gli Uffici Postali e non hanno già delegato altri soggetti al ritiro, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando i Carabinieri al ritiro.
Per ottenere maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.poste.it, oppure contattare il numero verde 800 00 33 22.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus