Connect with us

Attualità

Emiliano firma l’ordinanza: DDI per tutti

Pubblicato

il

In queste ore il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano firmerà l’ordinanza “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19” contenente le misure che regoleranno l’istruzione nei giorni dal 7 al 15 gennaio prossimi.


Trapela la bozza del testo, nel quale si legge:


1. Le Istituzioni Scolastiche del primo ciclo (scuola primaria e secondaria di primo grado), salvo quanto previsto al punto 2, adottano forme flessibili dell’attività didattica in modo che il 100% delle attività scolastiche sia svolto in modalità digitale integrata (DDI), restando sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento, o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata;


2. Le medesime Istituzioni Scolastiche del primo ciclo (scuola primaria e secondaria di primo grado), nell’ambito dell’alleanza del rapporto Scuola-famiglia, devono garantire l’attività didattica in presenza in luogo della didattica digitale integrata, per tutti gli alunni le cui famiglie la richiedano espressamente per i propri figli; tale scelta è esercitata una sola volta e per l’intero periodo di vigenza della presente ordinanza;


3. Le Istituzioni Scolastiche secondarie di secondo grado, nonché i CPIA, adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che il 100 per cento delle attività sia svolta tramite il ricorso alla didattica digitale integrata.

Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata;


4. Le Istituzione Scolastiche devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della Salute, attraverso la procedura predisposta sulla piattaforma www.studioinpuglia.regione.puglia.it , il numero degli studenti e il numero del personale scolastico positivi al covid-19 o in quarantena, nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica adottati a causa dell’emergenza Covid.


Le decisioni sono giustificate “dai rapporti informativi e dall’ultimo rapporto di monitoraggio dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 nel territorio pugliese” dai quali il “rallentamento della diffusione dei contagi che appare però prevalentemente legato alla riduzione dell’attività diagnostica registrata durante il periodo festivo, a fronte di un aumento del valore dell’indice Rt che è pari ad 1 a livello regionale”.

E’ stato preso inoltre in considerazione il “permanere di criticità nell’andamento dei contagi da COVID – 19, con

segnali di allerta legati all’alta percentuale di primi tamponi positivi in tutti i setting, che testimonia una circolazione virale ancora sostenuta, e la persistenza di nuovi focolai in RSA/RSSA, che configura una situazione di

alto rischio di impatto sui servizi sanitari“;


Altro dato preso in considerazione, è quello riportato nella nota del Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Sport per tutti, a firma (anche) del Prof. Pier Luigi Lopalco, nel quale è stato rilevato che “ nelle fasce di età scolare si è osservata una riduzione di incidenza specifica che non è stata osservata nelle altre fasce di età dopo l’introduzione delle misure di riduzione dell’attività didattica in presenza ”, che “ in Puglia questa differenza è fortemente marcata ed interessa tutta la popolazione al di sotto dei 18 anni;”, che “nella nostra regione, infatti, a seguito dell’apertura delle scuole si era assistito ad un incremento dei casi nelle fasce di età scolare fortemente sproporzionato rispetto all’incremento nelle altre fasce di età ”, che “ questo incremento è stato certamente limitato dopo l’emanazione delle ordinanze n. 407, 413 e 444, che hanno fortemente diminuito la didattica in presenza ”, e infine che “ dall’analisi dei dati specifici dei focolai scolastici emerge che i casi generati nella comunità scolastica sono importanti in termini di impatto sia come numero di positivi che come conseguente numero di soggetti in quarantena e che le misure disposte con le ordinanze n. 407, 413 e 444 hanno consentito una drastica riduzione sia nel numero di contagi che nel numero di persone soggette a isolamento/quarantena domiciliare ”;


Come vi avevamo anticipato due giorni fa, l’ordinanza segue “gli esiti del tavolo tecnico sulla ripresa della attività scolastica e, in particolare la richiesta avanzata dai rappresentanti dei sindacati della Scuola, con riferimento alla necessità che la scelta della modalità didattica sia esercitata per una sola volta, nel periodo di vigenza dell’eventuale ordinanza regionale e che, comunque, sia differita la ripresa delle lezioni in presenza, con particolare riguardo alle scuole secondarie di secondo grado, anche in considerazione delle complesse attività organizzative delle istituzioni scolastiche, in esito ai protocolli provinciali relativi alla mobilità studentesca”.


 


Attualità

Tricase: da lunedì vaccini all’Acait per gli over 80

Potrà presentarsi presso il nuovo Centro Vaccini nell’ex-Acait di Tricase chi non ha ancora ricevuto la prima somministrazione, chi ha già effettuato la prenotazione ed anche chi non l’ha ancora effettuata

Pubblicato

il

A Tricase, nel nuovo centro vaccini, a partire da lunedì 12 aprile, dalle ore 9 alle ore 20, si procederà alla vaccinazione dei cittadini over 80 (nati entro il 31 dicembre 1941).


Potranno presentarsi presso il Centro Vaccini, ubicato presso il Capannone del Complesso ex-Acait di Tricase: coloro che non hanno ancora ricevuto la prima somministrazione; coloro che hanno già effettuato la prenotazione; coloro che non hanno ancora effettuato la prenotazione.


Per evitare assembramenti e attese, gli ingressi al Centro vaccinale saranno scaglionati nel seguente modo:


dalle ore 9 alle ore 12: cognomi dalla lettera A alla lettera F;


dalle ore 12 alle ore 15: cognomi dalla lettera G alla lettera N;


dalle ore 15 alle ore 18: cognomi dalla lettera O alla lettera S;


dalle ore 18 alle ore 20: cognomi dalla lettera T alla lettera Z.


Proprio ieri il sindaco Antonio De Donno aveva postato la notizia del completamento del nuovo Centro Vaccini con tanto di sopralluogo già effettuato dal Direttore del Distretto Socio sanitario di Gagliano del Capo Rocco Palese.


Il sindaco ha poi voluto “ringraziare i volontari, la giunta, gli uffici e tutti coloro che hanno lavorato senza sosta per rendere immediatamente attivabile il punto vaccinale della nostra città non appena giunto il via libera da parte del Distretto”.


Oggi”, ha concluso il primo cittadino, “è un bel giorno per la nostra comunità”.



Continua a Leggere

Attualità

Furbetti del vaccino, chi sono

Sono diverse le inchieste aperte sui furbetti del vaccino da procure di mezza Italia…

Pubblicato

il

Sono più di 2 milioni e 300.000 gli italiani che sotto la voce “altro”, hanno già ricevuto almeno una dose di vaccino.


Più di una su 5 delle 12 milioni di dosi somministrate è andata a persone non inserite nelle liste delle priorità.


La platea degli over 80 immunizzati è ancora lontana e, pertanto, come ha dichiarato il premier Draghi, le riaperture saranno possibili solo nelle regioni che hanno messo in sicurezza i più anziani.


Non sono tutti furbetti del vaccino.


Il report del commissario Figliuolo non menziona come voci a parte gli over 70 e le persone con gravi patologie che quasi tutte le regioni hanno cominciato a vaccinare.

In Regioni come la Sicilia, la Calabria, la Puglia, la Campania, la Toscana questa voce, però, ha numeri che sfiorano il 30% delle somministrazioni totali.


In alcune liste, appartenenti ai cosiddetti servizi essenziali, si è infilato chiunque: dai magistrati agli avvocati per finire con i sacerdoti di Taranto, giovani seminaristi compresi.


Sono diverse le inchieste aperte sui furbetti del vaccino da procure di mezza Italia e anche la commissione antimafia ha aperto un’istruttoria.


Continua a Leggere

Attualità

Nonno Rosario festeggia i 105 anni!

“Cesarino” ha combattuto nelle truppe italiane finendo prigioniero a Pantelleria e poi nei campi francesi del nord Africa

Pubblicato

il

E sono 105! Rosario Bove, uno dei nonnini di tutti i neretini, taglia oggi il “traguardo” delle 105 primavere. Ex collaboratore scolastico dell’istituto di piazza Umberto I e uno degli ultimissimi reduci neretini della Seconda Guerra Mondiale, “Cesarino” ha combattuto nelle truppe italiane finendo prigioniero a Pantelleria e poi nei campi francesi del nord Africa.


Restò lì per tre anni in condizioni disumane, mangiando solo qualche cucchiaio di riso al giorno e combattendo persino con la malaria. Dalla moglie Emilia ha avuto tre figli e da questi una lunga serie di nipoti e pronipoti.


Questo 105esimo compleanno, come quello dello scorso anno purtroppo, è un po’ particolare, senza gli abbracci consueti di tutti i figli, nipoti e pronipoti, ma solo di pochissimi di loro nella casa di via Orlando.

Grande tempra e spirito orgoglioso, racconta fiero di essere stato “tra i pochi che hanno iniziato e finito la guerra dalla stessa parte”.


A lui gli auguri della redazione, dell’amministrazione comunale e di tutta la città.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus