Connect with us

Attualità

Fotovoltaico sui tetti delle nostre aziende agricole

Parco agrisolare: l’agricoltura può contribuire alla rivoluzione energetica del Paese.  In Puglia, incentivi per 78.327 imprese agricole pronte a installare fotovoltaico sui fabbricati. CIA Puglia e Turismo Verde promuoveranno la misura con consulenza alle aziende del comparto. L’obiettivo è l’autosufficienza energetica e l’autoconsumo, azzerando la bolletta energetica

Pubblicato

il

“Si” agli incentivi per l’installazione del fotovoltaico sui tetti delle aziende agricole: è una straordinaria opportunità per circa 80mila imprese del comparto primario pugliese. CIA Agricoltori Italiani della Puglia, assieme a Turismo Verde che unisce gli agriturismi pugliesi, promuoverà la misura Parco Agrisolare del Mipaaf e offrirà consulenza alle aziende agricole interessate a cogliere l’importante opportunità.


È questa la posizione di CIA Agricoltori Italiani della Puglia sull’attesa e necessaria ‘rivoluzione’ energetica del Paese, chiamato a ridurre la propria fortissima dipendenza dai grandi fornitori mondiali di gas e di energia.


La Puglia, per quanto riguarda l’energia prodotta dalla fonte solare, con i suoi 59.461 impianti sui complessivi su 1.024.242 installati in tutta Italia, è la prima regione per potenza (2.965 megawatt). Seguono Lombardia (2.734), Emilia Romagna (2.279), Veneto (2.215), Piemonte (1.792), Sicilia (1.536), Lazio (1.505), Marche (1.149). Le altre regioni non raggiungono i mille megawatt di potenza, in base all’elaborazione dell’Osservatorio Economico di CIA Puglia su dati Terna.


«Abbiamo 78.327 imprese agricole dislocate su tutto il territorio pugliese: molte di esse hanno già installato il fotovoltaico su edifici e fabbricati, ma la maggior parte deve ancora farlo. Gli incentivi rappresentano un’opportunità unica», hanno spiegato i dirigenti dell’associazione sindacale degli agricoltori, «uno dei problemi più drammatici degli ultimi mesi, accentuato enormemente dalla guerra in Ucraina, è l’estrema difficoltà per le imprese agricole di far quadrare i conti a fronte di un aumento spropositato della bolletta energetica. Con il fotovoltaico, quelle spese si riducono enormemente e in alcuni casi possono essere azzerate, con impianti che permettono l’autosufficienza».


GLI OBIETTIVI


La sostenibilità dell’agricoltura, dunque, secondo l’organizzazione sindacale degli agricoltori e l’associazione Turismo Verde può e deve passare soprattutto dalla questione energetica, dall’investimento in parchi agrisolari, dalla creazione di green communities.


«È questo lo sviluppo dell’agro-voltaico che vogliamo, con una reale promozione delle rinnovabili per le comunità energetiche e l’auto-consumo».


La misura “Parco Agrisolare” è gestita dal Mipaaf in collaborazione con il GSE (Gestore Servizi Energetici). Il bando incentivi è parte del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. La misura “Parco Agrisolare” ha una dotazione pari a 1,5 miliardi di euro. L’obiettivo è sostenere gli investimenti per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica in ambito agricolo, escludendo totalmente il consumo di suolo.


COSA PREVEDE L’INTERVENTO


L’intervento prevede, infatti, l’installazione di pannelli fotovoltaici sulle coperture degli edifici ad uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale, puntando a raggiungere l’installazione di pannelli fotovoltaici su una superficie complessiva pari a 4,3 milioni di mq per 0,43 GW, contribuendo così ad aumentare la sostenibilità e l’efficienza energetica del settore. Le domande del bando, una volta inviate, saranno poi gestite dal GSE, indicato dal MiPAAF quale attuatore della linea di intervento PNRR, con cui si sta predisponendo una convenzione ‘pubblico-pubblico’ e che consentirà di avviare subito le operazioni di attuazione dei programmi fotovoltaici le cui domande avranno ricevuto parere favorevole.  Il Ministero dell’Agricoltura manterrà il ruolo di punto unico di contatto con il Servizio centrale per il PNRR e avrà la responsabilità in tema di supervisione complessiva dell’intervento, in ognuna delle diverse fasi di attuazione dei progetti, oltre che in materia di gestione dei flussi finanziari.


Attualità

Riecco il Covid: raddoppiati i positivi totali in una settimana

Pubblicato

il

Il Covid torna a far parlare di sé. La diffusione dei contagi in questi ultimi giorni è ormai nota: tra parenti, amici, conoscenti, colleghi di lavoro, sono sempre di più le persone ad avere un “contatto” con un positivo.

Ed infatti, il report settimanale dell’Asl di Lecce conferma l’andazzo: i positivi sono quasi raddoppiati nell’arco di una sola settimana.

Una impennata che vede a Botrugno la percentuale più alta di positivi per mille abitanti. Ed a Lecce e Nardò il numero più elevato di casi assoluti. Il dato completo da tutti i Comuni della provincia nel documento che puoi scaricare qui di seguito, cliccando download.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase destinazione autentica, il video

Il nuovo videospot commissionato dall’amministrazione. In un minuto e 30 secondi, un inno d’amore per la propria terra

Pubblicato

il

Un video per promuovere Tricase.

Con l’hastag #destinazioneautentica è disponibile sul canale youtube del Comune tricasino il nuovo videospot commissionato dall’amministrazione guidata dal sindaco Antonio De Donno.

Un vero e proprio racconto, in poco più di un minuto e mezzo, dell’amore che si nutre per la propria terra.

Continua a Leggere

Attualità

Ulivi e Primitivo sulla moneta pugliese

È stata coniata dal Poligrafico dello Stato nell’ambito di una serie da collezione dedicata alla cultura enogastronomica italiana; dal valore nominale di 5 euro, è stata prodotta in 15mila unità ed è in vendita nei negozi e sul sito internet del Poligrafico dello Stato

Pubblicato

il

Ora anche la Puglia ha la sua moneta, nata per celebrare la nostra regione e le sue eccellenze enogastronomiche.

È stata coniata dal Poligrafico dello Stato nell’ambito di una serie da collezione dedicata alla cultura enogastronomica italiana.

La moneta può essere non solo un mezzo di pagamento ma anche un importante vettore per la promozione culturale dei territori italiani, un percorso che il Poligrafico dello Stato ha intrapreso nel 2019 quando, per la prima volta è stata coniata una moneta dedicata alla pizza e alla cultura enogastronomica campana.

Quest’anno è toccato alla Puglia che è rappresentata con numerosi elementi tipici della regione tra cui orecchiette, il vino Primitivo (tutto salentino), il pane di Altamura, gli ulivi, un trullo e i delfini di Taranto.

«La moneta dedicata alla Puglia è un’occasione importante», ha dichiarato Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della fondazione Univerde, «per sostenere la nostra battaglia contro il fake food».

La moneta dal valore nominale di 5 euro, è stata prodotta in 15mila unità ed è in vendita nei negozi e sul sito internet del Poligrafico dello Stato. Sta riscuotendo un successo notevole come ha riferito il direttore del Poligrafico dello Stato Antonio Cascelli, in poche ore sono stati venduti 9mila pezzi e si stima che entro la settimana non saranno più disponibili. All’evento ha preso parte il Presidente del

Poligrafico di Stato Antonio Palma che ha sottolineato la qualità e l’impegno del lavoro posto in essere dai tecnici del poligrafico che si confermano ogni giorno tra i migliori al mondo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus