Connect with us

Attualità

La speranza arriva dall’Est: in Giappone il coronavirus è scomparso!

Miracolo giapponese: come riporta l’agenzia di stampa Sputnik, gli alti livelli di vaccinazione e la disciplina sono solitamente citati come i principali fattori che hanno invertito la tendenza. Tuttavia, l’Istituto Nazionale di Genetica e l’Università di Niigata, guidato dal professor Itsuro Inoue, crede che sia tutta una questione di variazione genetica nel coronavirus…

Pubblicato

il

In Giappone, secondo un team di ricercatori, l’agente patogeno si è “autodistrutto” a causa di una mutazione fatale.


Come riporta l’agenzia di stampa Sputnik che ha esplorato le possibili cause di questo “miracolo giapponese”, e rilanciato dallo  “Sportello dei Diritti” di Lecce («Per la fondatezza dell’analisi»),  la quinta e più grave ondata della pandemia, causata dall’altamente contagiosa variante delta, si è improvvisamente conclusa.


Tre mesi fa, al picco della distribuzione della variante Delta, i contagi giornalieri in Giappone si attestavano a 26.000 unità, mentre oggi sono meno di 200.


Il tasso di mortalità è sceso a zero.


Gli alti livelli di vaccinazione e la disciplina sono solitamente citati come i principali fattori che hanno invertito la tendenza.


Tuttavia, l’Istituto Nazionale di Genetica e l’Università di Niigata, guidato dal professor Itsuro Inoue, crede che sia tutta una questione di variazione genetica nel coronavirus.


Analizzando le diverse varianti di SARS-CoV-2, gli scienziati hanno stabilito che la versione Alfa, che ha dominato la quarta ondata di COVID-19 in Giappone da marzo a giugno, era geneticamente molto diversa: infatti, era composta da 5 gruppi principali, con molte mutazioni ramificate.


I ricercatori hanno ipotizzato che la delta, più contagiosa e aggressiva, sarebbe stata ancor più varia.


Stranamente, i ricercatori hanno appurato l’esatto contrario: all’inizio, le mutazioni si accumulavano rapidamente e poi improvvisamente si fermavano.


Gran parte delle mutazioni si è verificata nel sito A394V della proteina non strutturale nsp14, responsabile della correzione degli errori che si verificano durante la replicazione. Secondo i ricercatori, a un certo punto il virus, cercando di correggere gli errori, ha semplicemente perso la sua capacità di replicarsi.


«Siamo rimasti scioccati», ha ammesso il professor Inoue in un’intervista al Japan Times, «Sembra che con l’accumularsi delle mutazioni, il virus sia diventato difettoso e abbia perso la sua capacità di replicarsi».


Il fatto che la proteina nsp14 sia estremamente importante nella protezione degli acidi nucleici è stato sottolineato anche dal professor Takeshi Urano della Shimane University School of Medicine.


«Nsp14 interagisce con altre proteine virali», ha osservato lo scienziato, «gli studi hanno dimostrato che un virus con nsp14 danneggiata presenta performance di replicazione significativamente peggiori. Questo può essere uno dei fattori della rapida riduzione dell’incidenza della malattia».


È avvenuto lo stesso anche in passato. Nel 2003, per esempio, è improvvisamente scomparsa l’epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS). Gli esperimenti di laboratorio hanno confermato che le mutazioni nella proteina nsp14 hanno fermato la replicazione del virus.


In Giappone, tutte le restrizioni sono state eliminate, ma l’incidenza della malattia non è aumentata.


Il professor Inoue crede che in questo caso siano diversi i fattori ad aver inciso. In primo luogo, la vaccinazione di massa (più del 75% della popolazione era completamente vaccinata) e la profilassi rigorosa.

In secondo luogo, il Giappone è stato fortunato, in quanto la Delta aveva già sostituito tutte le altre varianti alla fine di agosto.


L’evoluzione del virus è stata limitata a un solo ceppo, che alla fine è degenerato.


Questo è il motivo per cui la Russia, dominata dalla Delta, ha migliori possibilità di ripetere il “miracolo giapponese”, rispetto all’India o all’Indonesia, dove invece dominano Alfa e Delta, a parità di adozione delle necessarie misure vaccinali.


C’è però un altro elemento da considerare: sempre gli scienziati dell’Istituto Nazionale di Genetica e dell’Università di Niigata hanno appurato che gli asiatici presentano un enzima protettivo, APOBEC3A, che attacca i virus RNA, compreso il SARS-CoV-2.


Gli europei e gli africani, invece, non ce l’hanno.


Quanto questo sia significativo e come APOBEC3A interagisca con la proteina nsp14 non è ancora completamente chiaro, poiché lo studio non è ancora stato completato.


Comunque, almeno in Corea del Sud, Paese geneticamente vicino al Giappone, la pandemia continua.


L’obesità fattore di rischio per il covid


Il professor Testuo Fukawa, del Future Social Welfare Institute di Tokyo, ritiene che la situazione del COVID-19 sia aggravata dall’obesità.


In Giappone, solo il 3,6% della popolazione è obesa, uno dei tassi più bassi del mondo: «Il nostro tasso di mortalità è davvero basso», ha detto Fukawa alla BBC.


«L’obesità è un fattore di rischio per COVID-19, ma comunque non il più importante».


Temporaneo o perenne? Tuttavia, è troppo presto per celebrare la vittoria sul virus, anche su scala nazionale: «Stiamo facendo bene finora, perché in Giappone c’era la Delta. Altre varianti si stavano avvicinando, ma Delta le ha trattenute. Ora si è aperta la strada a nuovi ceppi. I vaccini da soli non risolveranno il problema. Abbiamo bisogno di controlli sull’immigrazione, perché non sappiamo cosa può arrivare da altri paesi», sottolinea Itsuro Inoue.


Gli scienziati invitano a rimanere vigili e a prepararsi per la prossima ondata.


E soprattutto, a continuare la vaccinazione.


 


Attualità

Previsioni per lunedì: possibili fioccate di neve all’alba

Pubblicato

il

Imperversa il freddo sul Salento. Correnti gelide che stanno attraversando tutta la Puglia.

Supermeteo pubblica le previsioni meteorologiche per la giornata di domani, lunedì 24 gennaio, in merito al Tacco d’Italia.

Secondo quanto riportato, sarebbero “confermate le fioccate di neve”.

Accompagnate dalla mappa, ecco le previsioni: “Freddo intenso per la giornata di domani, accompagnato da rovesci di neve sparsi, con possibilità di locali e temporanee spolverate in caso di fenomenologia intensa.
In figura, gli accumuli stimati dal nostro modello tra le ore 4 e le 7 di domani mattina”.

Continua a Leggere

Attualità

Primo Paese dell’UE opta per l’obbligo vaccinale per tutti

Pubblicato

il

Si fa strada sempre di più l’obbligo vaccinale. Se in Italia al momento è solo “parziale”, se Francia e Regno Unito allentano le misure, se la Repubblica Ceca lo ha introdotto salvo poi fare marcia indietro, l’Austria sarà il primo paese europeo ad imporrlo, senza distinzione d’età o di categoria.

Il parlamento austriaco ha approvato l’introduzione del vaccino obbligatorio. La misura entrerà in vigore il 4 febbraio.

Incentivi…a premio

Inoltre Vienna introdurrà una lotteria nazionale con premi da 500 euro per incoraggiare chi non si è ancora vaccinato contro il Covid a immunizzarsi: lo ha reso noto il governo, secondo quanto riporta il Guardian. Il governo stanzierà inoltre 400 milioni di euro per i Comuni ‘virtuosi’ con la più alta percentuale di immunizzati.

Continua a Leggere

Attualità

Cerco da tempo 50 operai ma non li trovo

Offresi posti di lavoro in una affermata azienda metalmeccanica ma nessuno risponde

Pubblicato

il

La Scandiuzzi Steel Constructions, azienda di Treviso, cerca 50 operai per la sede di Brindisi ma l’offerta non decolla.

Siamo pronti ad assumere 50 nuovi dipendenti con effetto immediato. Da qui il nostro appello a non perdere questa opportunità. Ovviamente siamo pronti ad effettuare un percorso di formazione per consentire ai nuovi assunti di acquisire la necessaria esperienza per operare in un ambito così importante come quello metalmeccanico”, sottolinea Fernando Parata, il direttore dello stabilimento di Brindisi. “Il problema non riguarda soltanto noi, visto che nell’ultimo direttivo della sezione Metalmeccanica di Confindustria, che presiedo, anche altre aziende hanno denunciato le stesse difficoltà nel reperire operai e tecnici specializzati per far fronte alle commesse già contrattualizzate”.

La Fim Cisl Taranto Brindisi, invece, chiede chiarezza. Secondo il segretario generale, Michele Tamburrano, bisognerebbe capire “se il lavoro offerto risponda ad una logica che dia l’opportunità ai tanti disoccupati o, piuttosto, vada in una logica sostitutiva, in cui si provi a cercare personale bello pronto e formato, già alle dipendenze di altre aziende, offrendo un inquadramento professionale e un trattamento economico inferiore a quello percepito».

Riteniamo sia utile che la Scandiuzzi unitamente a Confindustria faccia chiarezza sui profili ricercati e sulle modalità di assunzione evitando generalizzazioni. Siamo convinti che, puntando sulla formazione, si possa dare opportunità di riconversione e ricollocazione, in un’ottica di transizione sociale, ai tanti lavoratori che oggi sono fuori dal mondo del lavoro“.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus