Connect with us

Attualità

Liste di attesa: che c’entra l’intramoenia?

La provocazione del presidente dei medici salentini Donato De Giorgi: “Sospendiamo temporaneamente e unilateralmente l’attività in ALPI e vediamo se il re è davvero nudo!

Pubblicato

il

Le liste di attesa, elemento riconosciuto come LEA, rappresentano uno degli aspetti più rilevanti della qualità reale e percepita del servizio sanitario erogato, anche nel suo aspetto organizzativo.


L’insopportabile attesa delle prestazioni è legata a 3 motivi.


Una esasperata domanda: indagini inutili, non adeguate nei tempi o nelle indicazioni, scollegate dalle linee guida validate, indotte dalla medicina difensiva, ecc.


Una inadeguata organizzazione: differenza notevole tra i tempi indicati nelle prenotazioni e i tempi, decisamente più ridotti, dell’effettiva erogazione, carenza anche progettuale dei percorsi, soprattutto nella cronicità, prescrizione con prenotazione da parte dello specialista, a volte disattesa nelle modalità previste dalla normativa ed erroneamente demandata ad altre figure (per esempio MMG).


Secondo il Presidente dell’ OMCeO (Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Lecce) Donato De Giorgile lunghe liste d’attesa sono soprattutto legate ad una carenza dell’offerta, specialmente quando l’erogatore della prestazione, come spesso accade, è lo specialista ospedaliero, che deve farsi carico di numerose altre attività istituzionali (attività di elezione, assistenza a ricoverati, sale operatorie, consulenze, urgenze, emergenze, ambulatori divisionali per controlli, ecc.), organici assolutamente inadeguati (sistema spesso messo in ginocchio da una malattia o un assenza non programmabile), turni spesso asfissianti, straordinari, necessità obbligatoria di aggiornarsi, riposi compensativi o “biologici”, ecc.”.

De Giorgi aggiunge che “bisogna dire esplicitamente che le attese insopportabilmente lunghe per diagnostiche legate a patologie oncologiche al di fuori dei percorsi e linee guida (per esempio screening mammografico) non sono riscontrabili nella nostra realtà e lo saranno sempre meno quando andrà a regime la rete oncologica pugliese, se non per le attività chirurgiche, (carenza di anestesisti e personale), che però non vengono mai svolte nella nostra ASL in libera professione”.


In tutto questo”, giunge al punto il presidente provinciale dei Medici, “l’Attività Libero Professionale Intramoenia ha veramente ben poco a che vedere. Questa infatti è rigidamente organizzata al di fuori dell’orario di lavoro (“nel tempo cioè che il medico sottrae alla sua famiglia, ai suoi amici, al suo tempo, a se stesso e non certo all’assistenza!”), inoltre è precisamente normata in modo tale che questa deebba corrispondere quantitativamente alle prestazioni erogate con impegnative su base individuale e non collettivo, secondo un evidente principio di diritto costituzionale”.


De Giorgi inoltre precisa che l’ALPI “rappresenta solo il 5% dell’attività erogata, cioè una infima percentuale, fornisce un introito aziendale importante (“una parte del quale rappresenta un fondo di accantonamento, che dovrebbe essere utilizzato proprio per l’abbattimento delle liste d’attesa, sebbene quasi mai utilizzato!”), rappresenta insomma una opportunità di sostanziare un rapporto fiduciario e trasparente con il cittadino, che spesso ricerca una professionalità e per tale motivo a volte è spinto a rivolgersi fuori dal nostro territorio. Criminalizzare l’ALPI”, secondo De Giorgi, “vuol dire quindi o sottintendere in maniera subdola, poco chiara e tutto sommato omertosa che il comportamento dei medici si configura come illecito (“se tali situazioni fossero dimostrate, siamo per primi disposti a sanzionare con la più grande severità”), oppure far riversare sui medici, immolati sull’altare del populismo, responsabilità che sono invece del decisore politico. La proposta di Amati va proprio nella direzione di criminalizzare l’attività intramoenia, ignorando le linee guida governative (“che invece erano contenute nella proposta Pellegrino”) e lo stesso suo titolo della proposta di legge, che si prefigge di “abbattere le liste d’attesa”, ma, soprattutto, si dimentica di chi deve essere veramente al centro e cioè il cittadino, al quale dare risposte concrete per abbattere le attese in sanità (“la salute infatti non può attendere”)”.


Infine la provocazione del presidente De Giorgi: “Per evidenziare “sul campo” la correttezza delle nostre tesi e rappresentare lo spirito di servizio che presuppone e descrive la nostra professione, stiamo valutando la possibilità e l’opportunità di invitare tutti i nostri iscritti a sospendere temporaneamente e unilateralmente l’attività in ALPI. Potrebbe essere un modo per vedere se il re è davvero nudo!”.


Attualità

Da domani in Puglia obbligo mascherine anche all’aperto

Pubblicato

il

Altra novità in Puglia, altra ordinanza in materia Coronavirus: a partire da domani è fatto obbligo sull’intero territorio regionale di usare mascherine in tutti i luoghi all’aperto in cui, a causa di particolari situazioni, anche collegate al maggiore afflusso di persone e turisti, non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro.

Gli utenti di discoteche, sale da ballo e locali assimilati hanno l’obbligo di usare protezioni delle vie respiratorie sempre, anche all’aperto, laddove non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di 2 metri sulla pista da ballo e di 1 metro nelle altre zone dei  locali.

Gli esercenti, all’ingresso dei predetti locali, hanno l’obbligo di rilevare la temperatura corporea impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore a 37,5°.

Le Prefetture competenti per territorio e i Sindaci dei Comuni interessati devono provvedere a garantire i controlli nell’ambito delle rispettive competenze.

Continua a Leggere

Attualità

Selvaggia Lucarelli posta il Salento su Instagram: è a Marina Serra

Pubblicato

il

Forse ammaliata dalla bellezza del posto, Selvaggia Lucarelli, nota per la sua pungente critica, posta uno scatto della piscina naturale di Marina Serra senza aggiungere altro.

La scrittrice, giornalista e opinionista TV, ieri a Presicce, è oggi a Tricase.

Poi lo stupore

Poi una cena in un agriturismo di Supersano. “Su una strada che dà sul nulla, ma è quel nulla salentino pieno di cose, per cui vale la pena”, scrive.

Traccia del suo tour salentino il suo profilo Instagram. Di seguito le foto.

Continua a Leggere

Attualità

Il Ministero alle Regioni: “Preparate scorte e posti letto per ondata contagi invernale”

Pubblicato

il

C’è il concreto rischio di una seconda ondata per l’emergenza coronavirus?

Si stagliano all’orizzonte quattro scenari in vista dei prossimi mesi ed al vaglio degli esperti.

Una forbice tra il primo, il più ottimista, che prevede autunno e inverno con l’epidemia all’insegna dei numeri attuali e di focolai localizzati (e dunque con il sistema sanitario nazionale che reggerà all’impatto del Covid-19).

Ed il quarto scenario, il più negativo, che prevede un’epidemia fuori controllo, con l’Rt che di regione in regione che supererebbe costantemente l’1,5 anche a causa dell’effetto delle riaperture delle scuole (e quindi con la necessità di misure di contenimento, simili a quelle già vissute nella fase più pesante).

Sono tutte ipotesi riportate nel documento che il Ministero della Salute ha inviato alla Regioni intitolato “Elementi di preparazione e risposta a Covid-19 nella stagione autunno-invernale”.

Nessun allarmismo, ma è bene prepararsi ad ogni eventualità.

Nel documento preparato da Ministero della Salute e Istituto superiore di sanità si dice alle regioni: preparatevi a una possibile nuova ondata invernale, non fatevi prendere di sorpresa. Bisogna fare scorta di materiale di protezione, di farmaci, avere pronti il personale e i posti letto necessari.

Se a marzo il nemico inevitabilmente ci ha colto alle spalle, ora non possiamo farci trovare impreparati.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus