Connect with us

Cronaca

23enne rumeno ruba portafogli e poi chiede il riscatto. Denunciato

L’uomo si recava in un ristorante di Otranto per una cena. Dopo una passeggiata al momento del rientro si accorgeva di non avere più con sé il portafogli

Pubblicato

il

Nei giorni scorsi la Polizia di Otranto, dopo un’attività di indagine, ha denunciato S.I.M. 23enne rumeno, residente ad Otranto, per furto ed estorsione ai danni di un 30enne dell’hinterland idruntino.


In data 22 giugno, intorno alle 06.40, perveniva al Commissariato una richiesta di soccorso pubblico da parte di un cittadino residente in un comune a pochi chilometri di distanza che, telefonicamente, si dichiarava vittima di furto e di estorsione da parte di uno sconosciuto.


Attraverso la denuncia della vittima, si è ricostruita la vicenda che ha consentito, attraverso l’indagine, di incastrare il soggetto responsabile dei reati.


Secondo la prima ricostruzione, la sera del 21 giugno il denunciante si recava in un noto ristorante di Otranto per consumare una cena, al termine della quale, dopo una passeggiata per le vie del borgo, al momento del rientro si accorgeva di non avere più con sé il portafogli.


Ripercorso al contrario il tragitto effettuato a piedi poco prima, per verificare se gli fosse caduto accidentalmente dalla tasca, giunto all’altezza di piazza Idro, il 23enne rumeno lo ha avvicinato promettendogli la restituzione del portafogli in cambio di 200 euro.

Il denunciante ha accettato contrattando lo scambio, per un importo inferiore pari a 160 euro.


Ha invitato l’estorsore a seguirlo presso il vicino sportello bancomat per prelevare la somma necessaria, mentre tutti i loro spostamenti venivano monitorati dalle telecamere a circuito chiuso presenti in città.


Gli agenti del Commissariato dopo aver recuperare le immagini identificavano l’uomo e, a seguito di riconoscimento fotografico, lo denunciavano a piede libero.


Attualità

248 casi covid in Puglia. Cala la curva dei contagi

Ogni 100mila abitanti” sono 91; sotto soglia di saturazione i posti letto sia in area medica (7%) che in terapia intensiva (4%

Pubblicato

il

Oggi in Puglia ci sono stati 248 casi. 13.931 sono stati i test per l’infezione effettuati, con una incidenza dell’1,78%.

E’ stato registrato un decesso. Questi i positivi per provincia: 59 nel Leccese, 53 in provincia di Bari, 43 nel Foggiano, 40 nel Brindisino, 32 nella provincia Bat, 14 nel Tarantino, 5 residenti fuori regione, 2 casi di residenza non nota.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 266.706 e sono 256.579 i pazienti guariti.

Cala ancora la curva dei contagi in Puglia e migliora anche la situazione complessiva. Dall’8 al 14 settembre, secondo il monitoraggio della fondazione Gimbe, c’è stata una riduzione dei nuovi casi del 15,3% rispetto a sette giorni prima.

I “casi positivi ogni 100mila abitanti” sono 91; sotto soglia di saturazione i posti letto sia in area medica (7%) che in terapia intensiva (4%).

La provincia con più contagi è quella Barletta-Andria-Trani, con 54 nuovi casi; seguono Lecce (42); Brindisi (31); Foggia (28); Bari (25) e Taranto (16).

Continua a Leggere

Cronaca

In moto contro un muretto: muore 49enne

Pubblicato

il

Bruttissimo incidente in tarda mattinata nel nord Salento.

Una moto è finita contro un muretto sulla Veglie-Torre Lapillo. La polizia locale ha ricostruito la dinamica. Non è ancora chiaro cosa abbia provocato l’incidente. Le forze dell’ordine sono al lavoro per capire se sia stato un altro mezzo in transito a far perdere il controllo della moto all’uomo che era in sella.

Potrebbe infatti esser stata una immissione laterale a provocare uno sbandamento. Da valutare però anche la velocità cui il mezzo a due ruote procedeva.

Inutili i soccorsi: l’uomo, un 49enne di Veglie, è deceduto.

Foto Protezione Civile Salento

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Intercettata imbarcazione: migranti sbarcano a Leuca

Pubblicato

il

Un natante con un gruppo di migranti a bordo è stato intercettato oggi al lungo le coste salentine.

Nella prima mattinata è partita la prassi preparativa allo sbarco. La barca è stata raggiunta nei pressi di Lido Marini (Ugento) e scortata nel porto di Leuca dove sono in corso le operazioni di routine: sanitarie e di identificazione.

Il gruppo è composto da 52 persone che hanno riferito di essere originarie di Iran e Iraq. Sono stati tutti trasferiti presso il centro di prima accoglienza don Tonino Bello di Otranto.

Foto Valerio Schirinzi

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus