Connect with us

Cronaca

Adelchi Sergio assolto per la morte di ingegnere caduta da capannone

Pubblicato

il


Assolto con formula piena dall’accusa di omicidio colposo l’imprenditore salentino Adelchi Sergio.





Nonostante una iniziale richiesta di archiviazione da parte del pm, il titolare del gruppo Adelchi era stato oggetto di una imputazione coatta per la morte dell’ingegnere Lisa Picozzi, precipitata dal tetto del capannone dell’ex calzaturificio Adelchi in Tricase.





La tragedia risale al settembre 2010. Vi seguirono una condanna in primo grado a due anni di reclusione, del 17 luglio 2014, ed una riduzione della stessa ad un anno in appello, con sentenza del 21 gennaio 2019.





“Il fatto non sussiste”





Ora la quarta sezione penale della Corte di Cassazione ha accolto le richiesta della difesa annullando senza rinvio la sentenza perché “il fatto non sussiste“.




È l’ultimo capitolo di una storia lunga 10 anni nei quali la madre della vittima, la signora Marianna, ha portato avanti una lunga battaglia, chiedendo giustizia in ogni sede. Una battaglia resa ancor più ostica dalla distanza da casa: la famiglia della giovane professionista, scomparsa all’età di appena 31 anni, è lombarda. I chilometri però non han mai rappresentato un ostacolo per la signora Marianna che, nel frattempo, tiene vivo il ricordo della figlia anche qui in Salento: lo scorso 29 settembre, nel giorno del decimo anniversario della tragedia, ha commemorato su Facebook sua figlia in uno dei gruppi che riuniscono utenti di Tricase.





La giovane ingegnere, Lisa, giunse a Tricase quel tragico giorno per effettuare un sopralluogo sulla superficie di un edificio della Selcom, una società del Gruppo Adelchi. Salì su una scala di alluminio e poi su una scaletta in legno per passare dalla copertura dei blocchi servizi alla copertura del capannone. Il Sole 24 Ore scrive: “Aveva preso appunti, compiuto i rilievi tecnici e fotografici, poi, mentre stava per scendere, è precipitata da un’altezza di 7 metri sfondando una lastra in fibrocemento che ricopriva la superficie del capannone e occultava un lucernario non a norma e non segnalato in nessun modo”.





Negli anni molto si è dibattuto, anche in sede legale, delle responsabilità non solo del titolare del gruppo Adelchi ma anche della stessa ditta per cui la vittima lavorava.





I giudici di secondo grado hanno, ad esempio, espresso delle perplessità sulla prima sentenza che non aveva preso in considerazione “la responsabilità del datore di lavoro della Picozzi, avendo consentito che un suo dipendente salisse su un tetto di un capannone industriale in condizioni non di assoluta sicurezza”.





Ciò che però forse ha portato alla svolta ed alla finale assoluzione di Adelchi Sergio è il fatto che la stessa defunta non fu ritenuta esente da responsabilità. La sentenza di appello arrivò a rimproverare una “imprudenza alla sfortunata giovane professionista nell’essersi cimentata in una iniziativa (il salire sul capannone) che, sebbene preannunciata, poteva rivelarsi fonte di insidie”.


Cronaca

Pedalando… con la droga

Biker fermato dopo aver cercato di eludere la presenza dei carabinieri. Con sé è aveva della cocaina. A casa il resto

Pubblicato

il

 Segui il canale il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il 28enne arrestato dai Carabinieri della Stazione di San Pietro in Lama.

I carabinieri hanno proceduto al controllo dell’uomo che, percorrendo le vie del centro cittadino di Lequile a bordo di una bicicletta, ha cambiato repentinamente senso di marcia dopo aver notato la presenza dei militari.

Il suo atteggiamento ha finito per attirare l’attenzione dei militari che lo hanno fermato e sottoposto a perquisizione personale nel corso della quale sono stati rinvenuti 2,5 grammi di cocaina, 250 euro in banconote di vario taglio ed un taglierino.

Le operazioni di polizia sono state estese così anche al domicilio del 28enne: rinvenuti oltre 20 grammi di marijuana, 3 panetti di hashish, per complessivi 150 grammi circa, due bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento.

Il tutto è stato sottoposto a sequestro.

Al termine delle operazioni di polizia, l’uomo è stato arrestato e, come disposto dal P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce che conduce le indagini, sottoposto agli arresti domiciliari.

Continua a Leggere

Cronaca

Ragazza contesa, lite finisce con accoltellamento

È accaduto a Gemini (Ugento) in piazza. I due rivali litigano e alla fine spunta il coltello

Pubblicato

il

 Segui il canale il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Forse un litigio scatenato dalla gelosia alla base della lite tra ragazzi scaturita in un accoltellamento a Gemini, frazione di Ugento.

Probabilmente l’amore per la stessa ragazza ha fatto perdere la ragione ai due, soprattutto al 17enne che, al culmine della discussione in piazza, ha inferto un fendente con il suo coltellino al rivale, un ragazzo di 18 anni.

Il ragazzo ferito è stato costretto alle cure dei sanitari e accompagnato all’ospedale “Ferrari” di Casarano. Ha riportato per sua fortuna “solo” delle ferite di striscio ad una scapola e ad un braccio e dopo, le cure del caso, è stato dimesso.

L’accoltellatore è invece stato quasi subito individuato e fermato dai carabinieri di Ugento.

Su disposizione del pm di turno, è ora “ospite” dell’istituto di accoglienza per minori di Monteroni di Lecce.

Rischia l’imputazione per tentato omicidio.

 

Continua a Leggere

Cronaca

Lavoro nero: 7 datori di lavoro nei guai

Guardia di Finanza in azione tra Lecce, Maglie, Melendugno, Ruffano e Morciano di Leuca. Contestate anche 53 violazioni concernenti l’inosservanza dell’obbligo di rilascio degli scontrini e delle ricevute fiscali. Tra gli esercizi commerciali interessati da tali violazioni figurano bar, pub, bracerie, macellerie, creperie, gelaterie, negozi di abbigliamento

Pubblicato

il

 Segui il canale il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Lecce, nell’ambito dell’attività di controllo economico del territorio, hanno individuato 12 lavoratori in nero e 3 irregolari.

Le attività ispettive sono state svolte principalmente tra Lecce, Maglie, Melendugno, Ruffano e Morciano di Leuca.

Le violazioni riscontrate hanno interessato, tra l’altro, ristoranti, imprese edili e di impiantistica.

Durante gli interventi, le Fiamme Gialle hanno individuato 7 datori di lavoro che utilizzavano manodopera in nero, procedendo a segnalare due imprenditori all’Ispettorato Territoriale del Lavoro per le conseguenti valutazioni in ordine alla eventuale sospensione dell’attività imprenditoriale.

Inoltre, a seguito di specifici controlli condotti a contrasto all’evasione fiscale, i Finanzieri hanno rilevato 53 violazioni concernenti l’inosservanza dell’obbligo di rilascio degli scontrini e delle ricevute fiscali.

Tra gli esercizi commerciali interessati da tali violazioni figurano bar, pub, bracerie, macellerie, creperie, gelaterie, negozi di abbigliamento.

Il lavoro nero e l’evasione fiscale costituiscono un grave ostacolo allo sviluppo economico perché distorcono la concorrenza e l’allocazione delle risorse, minano il rapporto di fiducia tra i cittadini e Stato e penalizzano l’equità, sottraendo spazi di intervento a favore delle fasce sociali più deboli.

Da qui l’importanza dell’azione chirurgica svolta dalla Guardia di Finanza contro l’evasione fiscale e il lavoro nero.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus