Connect with us

Cronaca

Bloccati topi d’appartamento

Arrestati a Lecce dalla Polizia di Stato due giovani per tentato furto aggravato

Pubblicato

il

Alle 2,40 di questa notte, gli Agenti della Polizia di Stato in servizio presso la Sezione Volanti della Questura di Lecce hanno tratto in arresto 2 pregiudicati, R.C., di 29 anni, di San Cesario, e M.Z., leccese 22enne, per tentato furto aggravato in concorso.


I fatti: nella tarda serata di ieri, una signora, momentaneamente a casa della figlia, assente per lavoro, e abitante nel suo stesso condominio in via C. Pisanelli, era stata allarmata dal continuo andirivieni di una Renault grigia, i cui occupanti, tra una sosta e l’altra, fissavano le case con fare ambiguo. Il sospetto è stato anche rafforzato dal fatto che il tratto di strada in questione è  normalmente percorso per lo più dai soli residenti.


Qualche minuto più tardi, la stessa signora, udiva dei rumori provenire dal pianerottolo e, guardando dallo spioncino, ha visto due uomini adoperarsi in modo losco davanti alla porta dell’appartamento di fronte, in quel momento incustodito.


L’idea di spaventarli agendo semplicemente sulle mandate della serratura ha sortito l’effetto desiderato.


Infatti, i due si sono dileguati a gambe levate chiudendo il portoncino dietro di loro.


Trascorsi pochi minuti la donna ha udito ancora dei rumori sospetti.


Questa volta sul pianerottolo non c’era nessuno ed è scesa in strada per controllare.

Da qui ha potuto notare che la finestra del cucinino della sua abitazione era stata infranta e le luci della camera da letto del figlio, al momento assente, erano accese.


In preda allo spavento ha chiamato il 113. Contestualmente, dalla finestra del cucinino, è uscito a gran velocità un individuo, lo stesso notato poco prima sul pianerottolo, che rapidamente ha raggiunto il complice rimasto in auto.


Nonostante l’apprensione, la donna è riuscita a rilevare le prime due lettere della targa “ET”.


Ai poliziotti intervenuti sul posto, proprio mentre acquisivano le notizie dell’accaduto, la donna ha indicato l’auto sospetta che in quel momento transitava da lì con i due uomini a bordo che, alla vista della Polizia, hanno tentato la fuga ma sono stati inseguiti e fermati nella vicina via San Cesario angolo viale Grassi.


All’esito del controllo, uno dei due, R.C., aveva la mano sanguinante avvolta da alcuni fazzolettini di carta per tamponare la fuoriuscita di sangue da una ferita sul polso sinistro. Nell’attraversare la finestra, si era procurato un profondo taglio sui vetri infranti. La ferita è stata, poi, suturata con alcuni punti al Pronto Soccorso dell’Ospedale Vito Fazzi.


Alla luce di quanto raccontato e confermato in denuncia dalla donna e degli elementi di prova raccolti, tra cui i rilievi della scientifica relativi alle tracce ematiche raccolte sui vetri infranti, i due sono stati arrestati e accompagnati presso la Casa Circondariale di Lecce “Borgo San Nicola”.


Cronaca

Nemico di Putin? “Sono incredulo e preoccupato “

Il salentino (risiede in un comune nel Capo di Leuca) dopo essere apparso nella lista nera di Putin rilascia una nota mediante il suo legale: “Non capisco, mai intrattenuti rapporti con la federazione russa“

Pubblicato

il

Ricordate la vicenda della salentino nella lista nera di Putin?

Avevamo parlato qualche giorno fa riferendovi di come tale Alessandro Orlowsky avesse decriptato una lista del ministero degli esteri russi contenente una serie di nomi, anche italiani, ritenuti nemici dello zar, poi pubblicata su X.

Tra questi 25 anche quello di un salentino di 52 anni.

Ora l’uomo, che risiede in un paese del Capo di Leuca, ci ha fatto pervenire, mediante il suo legale, l’avv. Andrea Piscopiello ,di Tricase, una nota nella quale specifica: “Con riferimento all’articolo pubblicato recentemente dalla vostra testata giornalistica il mio assistito esprime totale incredulità non avendo mai intrattenuto alcun rapporto, personale o professionale, con la federazione russa. Al contempo esprime preoccupazione per quanto riferito nell’articolo”.

“Pertanto”, si legge ancora nella nota, “stiamo provvedendo a segnalare l’accaduto agli opportuni organi istituzionali per ragioni di sicurezza personale e per effettuare le
necessarie verifiche”.

I 25 ITALIANI NELLA BLACK LIST DI PUTIN

Continua a Leggere

Cronaca

Taurisano, operaio morto al lavoro: condannato Scarlino

Condannato a sette anni per omicidio colposo l’amministratore unico del Salumificio taurisanese Attilio Scarlino.
Quattro anni al fratello Antonio. L’azienda ha già annunciato l’appello

Pubblicato

il

Omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro: condannato a sette anni l’amministratore unico del Salumificio Scarlino di Taurisano, Attilio Scarlino, 61 anni. Quattro anni al fratello Antonio di 52 anni.

La vicenda all’esame dei giudici era quella dell’agosto 2013, quando Mario Orlando, operaio 51enne di Taurisano rimase stritolato in un’impastatrice nel salumificio taurisanese.

Assoluzioni e prescrizioni per gli altri imputati.

Deciso anche il risarcimento delle parti civili, cioè la moglie, i due figli e i sei fratelli di Orlando, in separata sede. Per moglie e due figli, inoltre, una provvisionale di 50mila euro ciascuno.

Infine, Attilio Scarlino è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, mentre Antonio per cinque anni.

Il comunicato dell’azienda

“La rimozione delle cautele antinfortunistiche, infatti, non avrebbe avuto alcuna incidenza causale sulla produzione dell’evento”, si legge in una nota diffusa dall’azienda.

Già annunciato il ricorso in appello.

Continua a Leggere

Botrugno

Ennesimo incidente sulla SS 275 Maglie – Leuca

Auto in coda e traffico rallentato all’altezza dello distributore di carburante, all’inizio della due corsie

Pubblicato

il

Ennesimo incidente sull’asfalto della statale 275 Maglie-Leuca

Questa volta il sinistro se verificato sul tratto tra Maglie e Montesano Salentino, nei pressi del distributore di benzina, praticamente all’inizio della “due corsie”.

Almeno due le auto coinvolte.

Non risulterebbero feriti gravi, intanto si registrano auto in coda e traffico rallentato.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus