Connect with us

Cronaca

Con auto rubata passano sotto al naso del proprietario: fermati da due poliziotti al bar

Due agenti liberi da servizio intervengono tempestivamente e scongiurano la fuga di due giovani a Santa Cesarea Terme

Pubblicato

il


Può un caffè sventare un furto? È successo ieri a Santa Cesarea Terme dove due poliziotti liberi da servizio han fermato due presunti ladri.





I due, uno della questura di Brindisi, l’altro di quella di Lecce, si era incontrati in un bar della località adriatica quando, all’improvviso, attorno alle 10e45, la titolare della stessa attività presso cui si erano incontrati, stava urlando in cerca di aiuto perché qualcuno le stava rubando la macchina.





Senza pensarci due volte, gli agenti si sono messi all’inseguimento dell’auto che, anche a causa dell’intenso traffico, son riusciti presto a raggiungere. Nel frattempo l’auto è stata raggiunta anche dalla signora e da suo marito, reale intestatario del mezzo.




Nella macchina rubata c’erano due ragazzi ai quali i poliziotti han intimato di accostare a fermarsi. Il giovane alla guida, tuttavia, ha accelerato in direzione di via Piave. Inutile però, a quel punto, il tentativo di far perdere le proprie tracce. Nel traffico intenso, il personale della Squadra di Polizia Giudiziaria e delle Volanti del Commissariato di Otranto è giunto sul posto ed ha bloccato i due a bordo della macchina in fuga.





Dalle risultanze delle indagini è emerso che il proprietario dell’auto su cui viaggiavano i due fermati ne aveva già denunciato il furto nella mattinata stessa presso la Stazione dei Carabinieri di Poggiardo dopo che, la sera precedente, l’aveva lasciata parcheggiata a Santa Cesarea Terme.





Mentre i due fermati, F.M. 25enne e G.A. 28enne, entrambi residenti nella provincia di Pordenone, risultavano essere domiciliati in Santa Cesarea Terme presso una abitazione presa in affitto per un periodo di vacanza nel Salento. Sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di ricettazione.


Attualità

248 casi covid in Puglia. Cala la curva dei contagi

Ogni 100mila abitanti” sono 91; sotto soglia di saturazione i posti letto sia in area medica (7%) che in terapia intensiva (4%

Pubblicato

il

Oggi in Puglia ci sono stati 248 casi. 13.931 sono stati i test per l’infezione effettuati, con una incidenza dell’1,78%.

E’ stato registrato un decesso. Questi i positivi per provincia: 59 nel Leccese, 53 in provincia di Bari, 43 nel Foggiano, 40 nel Brindisino, 32 nella provincia Bat, 14 nel Tarantino, 5 residenti fuori regione, 2 casi di residenza non nota.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 266.706 e sono 256.579 i pazienti guariti.

Cala ancora la curva dei contagi in Puglia e migliora anche la situazione complessiva. Dall’8 al 14 settembre, secondo il monitoraggio della fondazione Gimbe, c’è stata una riduzione dei nuovi casi del 15,3% rispetto a sette giorni prima.

I “casi positivi ogni 100mila abitanti” sono 91; sotto soglia di saturazione i posti letto sia in area medica (7%) che in terapia intensiva (4%).

La provincia con più contagi è quella Barletta-Andria-Trani, con 54 nuovi casi; seguono Lecce (42); Brindisi (31); Foggia (28); Bari (25) e Taranto (16).

Continua a Leggere

Cronaca

In moto contro un muretto: muore 49enne

Pubblicato

il

Bruttissimo incidente in tarda mattinata nel nord Salento.

Una moto è finita contro un muretto sulla Veglie-Torre Lapillo. La polizia locale ha ricostruito la dinamica. Non è ancora chiaro cosa abbia provocato l’incidente. Le forze dell’ordine sono al lavoro per capire se sia stato un altro mezzo in transito a far perdere il controllo della moto all’uomo che era in sella.

Potrebbe infatti esser stata una immissione laterale a provocare uno sbandamento. Da valutare però anche la velocità cui il mezzo a due ruote procedeva.

Inutili i soccorsi: l’uomo, un 49enne di Veglie, è deceduto.

Foto Protezione Civile Salento

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Intercettata imbarcazione: migranti sbarcano a Leuca

Pubblicato

il

Un natante con un gruppo di migranti a bordo è stato intercettato oggi al lungo le coste salentine.

Nella prima mattinata è partita la prassi preparativa allo sbarco. La barca è stata raggiunta nei pressi di Lido Marini (Ugento) e scortata nel porto di Leuca dove sono in corso le operazioni di routine: sanitarie e di identificazione.

Il gruppo è composto da 52 persone che hanno riferito di essere originarie di Iran e Iraq. Sono stati tutti trasferiti presso il centro di prima accoglienza don Tonino Bello di Otranto.

Foto Valerio Schirinzi

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus