Connect with us

Castrignano del Capo

Concessioni balneari revocate: il Tar dà torto ai Comuni

Pubblicato

il


Alla fine la spuntano i lidi balneari: i giudici amministrativi si sono pronunciati sulle decisioni di alcune amministrazioni comunali di non prorogare fino al 2033 le concessioni demaniali marittime. Molti sindaci, infatti, avevano deciso di revocare le concessioni contavvenendo alla legge nazionale per andare in scia alla norma comunitaria cui l’Italia si dovrebbe adeguare.





Il Consiglio di Stato si è espresso a favore del Lido Azzurro di Santa Maria di Leuca: ha respinto la domanda cautelare presentata dal Comune di Castrignano del Capo contro la sentenza del Tar Lecce. Il tribunale amministrativo leccese aveva affermato l’applicabilità della norma che prevede la proroga.




Il Tar di Lecce ha accolto poi anche il ricorso proposto da un’impresa balneare di Santa Cesarea Terme ed ha annullato i provvedimenti impugnati ribadendo. In assenza di una norma di recepimento, infatti, la legge nazionale prevale su quella comunitaria.


Castrignano del Capo

Niente passeggiate a Leuca nel weekend: lo impone un’ordinanza

Pubblicato

il


Attenzione a farsi venire in mente idee strane per il weekend pasquale: niente passeggiate a Leuca.





La zona rossa già lo vieta, ma il sindaco di Castrignano del Capo ha voluto rimarcare il divieto “anticovid” andando specificatamente a vietare il traffico pedonale sul lungomare Cristoforo Colombo ed altre vie annesse.





Con una ordinanza che va a richiamare le precedenti, Santo Papa vuol scongiurare che qualche furbetto che potrebbe aggirare i controlli stradali, o che magari ha domicilio o residenza in zona, si ritrovi in riva al mare come, in un punto così bello e noto del Capo di Leuca, accadrebbe se non fossimo in piena pandemia.




Ecco quanto scritto nell’ordinanza che avrà effetto da domani al 7 aprile incluso:






Continua a Leggere

Alessano

Anche Miggiano e Montesano in Terra Di Leuca

Approvate importanti modifiche all’Atto Costitutivo e allo Statuto dell’Unione

Pubblicato

il

Il consiglio dell’Unione dei Comuni “Terra di Leuca”, riunitosi in videoconferenza in ottemperanza delle disposizioni governative di contenimento della diffusione della pandemia da Coronavirus, ha approvato delle modifiche dell’Atto Costitutivo e dello Statuto.

Diverse e sostanziali le modifiche: la giunta dell’Unione, già composta da tutti i sindaci dei Comuni associati, sarà coordinata da un presidente scelto a seguito di accordo tra sindaci e approvato dal Consiglio, che ricoprirà il ruolo di 2 anni e non più di 6 mesi, rendendosi più funzionale e con una maggiore continuità nell’azione di coordinamento ed indirizzo politico.

Gli altri sindaci, non saranno più solo membri di un organo collegiale, ma avranno la responsabilità di una specifica funzione, servizio o materia da portare avanti nell’interesse dell’Unione.

Il Consiglio dell’Unione continuerà ad essere l’organo che propone i regolamenti e le modifiche allo statuto, che discute, modifica e approva i documenti più importanti elaborati dalla Giunta.

Con la modifica approvata, saranno 4 i consiglieri che rappresenteranno i Comuni superiori a 6mila abitanti.

Il presidente del Consiglio, che rappresenta e coordina l’organo, potrà avvalersi dell’aiuto di uno o due vice e il mandato sarà per due anni e non più un anno, come previsto precedentemente.


Le modifiche statutarie prevedono la costituzione di commissioni consiliari dedicate a specifiche tematiche speculari a quelle dei sindaci-assessori.

Ogni presidente della commissione sarà il portavoce in Consiglio e delegato dell ‘assessore al ramo.

Infine, con la modifica approvata anche Montesano Salentino e Miggiano, che da tempo avevano deliberato per l’ingresso nell’Ente locale aggregato, andranno ad aggiungersi ai 9 Comuni già componenti dell’Unione: Alessano, Corsano, Gagliano del Capo, Morciano di Leuca, Salve, Tiggiano, Patù, Castrignano del Capo e Specchia.

Dopo l’approvazione, con la maggioranza unanime di 26 membri su 33, dei punti dell’Ordine del Giorno del Consiglio, Francesca Torsello (sindaco di Alessano) e Giacomo Cazzato (sindaco di Tiggiano) si sono congratulati con il Presidente del Consiglio dell’Unione, Gianvito Rizzini, e con tutti i consiglieri per l’impegno profuso, grazie anche al clima collaborativo che si è creato tra i consiglieri e certi che le modifiche statutarie permetteranno all’Ente locale di operare al meglio e di avere una governance più efficace che andrà a favorire lo sviluppo del territorio.

Quanto avvenuto nella riunione del Consiglio dell’Unione dei Comuni “Terra di Leuca” non è un “successo” perché non è “capitato”. È il frutto della Politica Bella!”, ha dichiarato il presidente Rizzini, “la fatica di un gruppo di volenterosi, visionari e umili amministratori dei nostri piccoli Comuni ha trovato compimento nelle forme che i processi democratici e di rappresentanza permettono di realizzare. Una vittoria della nuova generazione che, non rompe o rottama, ma coglie, con rispetto e personalità, il testimone delle precedenti e disegna l’idea di un nuovo percorso per la comunità e per il Territorio. Gli articoli fondanti dell’Unione sono stati modificati perché i consiglieri delegati dai rispettivi consigli comunali di nove paesi del Capo di Leuca hanno intuito che bisognava dare uno sprint e imprimere una svolta all’intero assetto organizzativo di un ente locale, che esiste dal 2001, e che però ha camminato a passo ridotto rispetto al suo effettivo enorme potenziale. Si sono creati i presupposti per un agire amministrativo più efficace per il nostro territorio nell’interesse esclusivo dei suoi cittadini, in grado di divenire catalizzatore di tutte le realtà territoriali che già operano su tematiche contigue. Abbiamo voluto trasformare le lamentele in determinazione e spirito di cambiamento. Il Consiglio che mi onoro, pro tempore, di rappresentare dopo avere elaborato e condotto un confronto serrato con i sindaci ha dimostrato che i giovani possono dire la loro. Ora però siamo solo all’inizio, insieme a Miggiano e Montesano dobbiamo attuare progetti concreti di rafforzamento dell’organico e coordinamento delle funzioni che possono essere volte, con economie di scala, insieme!”.

Continua a Leggere

Attualità

Divieto di stazionamento a Castrignano del Capo e frazioni: i luoghi interessati

Pubblicato

il


Dopo averla annunciata, il sindaco di Castrignano del Capo l’ha prontamente stilata e firmata. Parliamo dell’ordinanza con la quale sul territorio comunale (marina e frazioni incluse) impone ulteriori restrizioni per il contenimento dei contagi da Coronavirus.





Nel testo dell’ordinanza, riportante data di ieri 24 marzo 2021, si legge che: “Fatti salvi eventuali successivi provvedimenti (…) con decorrenza immediata fino alle 24 del 6 aprile 2021, ordina il divieto di stazionamento dalle 5 alle 20″ sulle aree di seguito indicate.






  1. CASTRIGNANO DEL CAPO:
    -PiazzaSanMichele;
    -ViaSanGiacomo;
    -ViaVittorioVeneto;
    -PiazzaMercato;
    -parcogiochi/istituito Comprensivo Scuola Primaria Via Milano;
    -Pineta“SanGiuseppe”c/oS.P.74;





2. MARINA DI LEUCA:
-Piazza Redentore;
-ViaG.Toma;
-Piazza Marinai d’Italia;
-Piazza GiovanniXXIII;
-parco giochi adiacente “Galleria Villa Ramirez”c/o Lungomare C.
Colombo




3. FRAZIONE DI SALIGNANO





PiazzaSant’Andrea;
-PiazzaVicenza;






4.FRAZIONE DI GIULIANO DI LECCE:
-PiazzaCastello;
-PiazzaSanGiuliano;
-PiazzaSanGiovanni;
ecomunquesututtelearee:
-verdiattrezzatecongiochiperbambinipresentinelterritoriocomunale;
-nelle immediate vicinanze deipubbliciesercizi





Di seguito il testo completo dell’ordinanza in pdf.





ordinanza_n_3


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus