Connect with us

Cronaca

Tricase, Musarò dopo la rapina: «Un incubo»

Il commercialista ed ex sindaco: «Vedersi puntata una pistola alla tempia e restarne sotto scacco per tanto tempo è stata un’esperienza bruttissima, da non augurare neanche al peggior nemico»

Pubblicato

il

«Sembrava di vivere sospesi tra un incubo ed un film poliziesco».


Ricorda così l’esperienza traumatica vissuta personalmente ieri sera, Antonio Musarò, commercialista di Tricase molto noto in paese (è stato anche sindaco dal 2008 al 2011).


Erano circa le 19 quando due banditi, , di cui uno armato di pistola, con indosso un berretto nero e con il volto coperto da mascherina, hanno fatto irruzione in un appartamento di una zona centrale del quartiere di Tutino.


Tenendo sotto il tiro dell’arma il commercialista, hanno messo a soqquadro i locali che ospitano lo studio cercando, invano, una cassaforte che in realtà non c’era.


Antonio Musarò


Hanno tenuto in ostaggio il 75enne commercialista per un’ora circa, puntandogli l’arma ed intimandogli di rivelare loro dove fosse la cassaforte. Cassaforte che in realtà non esiste. Infatti i due malviventi appena resisi conto che Musarò diceva la verità, si sono “accontentati” del denaro che hanno trovato nello studio.

Riguardo la cifra, lo stesso Musarò ci ha detto che «non è ancora stata quantificata, ma sicuramente si tratta di una somma sotto i ventimila euro».


I due rapinatori che «parlavano in italiano con inflessione dialettale locale» sono entrati dal retro dello studio sfondando una porta finestra sulla veranda al primo piano. Con ogni probabilità erano attesi in strada da un terzo uomo, che faceva loro da palo e con il quale si sono dati alla fuga a piedi per le vie circostanti, una volta usciti dallo studio del commercialista.


È ancora sotto choc Antonio Musarò: «Vedersi puntata una pistola alla tempia e restarne sotto scacco per tanto tempo è stata un’esperienza bruttissima, da non augurare neanche al peggior nemico».


Sull’intera vicenda indagano i carabinieri della locale Compagnia che hanno già provveduto a requisire le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti nello studio e all’interno in zona.


Sul posto questa mattina anche gli uomini della “Scientifica” che esamineranno lo studio del professionista alla ricerca di prove.


Andrano

Luigi, dove sei?

Il 39enne scomparso da lunedì mattina: al momento di andare in stampa (mercoledì 7 dicembre) ritrovati cellulare e auto, poi una macchia di sangue e nulla più…

Pubblicato

il

Sull’edizione cartacea de “il Gallo” in stampa in queste ore abbiamo riavvolto il nastro delle due giornate di ricerche per il 39enne Luigi Musarò scomparso ad Andrano. Questo il punto, al momento di andare in stampa, nella speranza che presto possano sorgere sviluppi positivi.

a cura di Lorenzo Zito

È un lunedì qualsiasi per il Basso Salento, lunedì 5 dicembre. Un lunedì di fine autunno, un lunedì come un altro. Non per tutti, si scoprirà. C’è un’auto che ogni mattina percorre la stessa strada, ma che stavolta cambia percorso. È quella di Luigi Musarò, 39 anni, di Andrano. Lui, tutti i giorni, dal suo paese si reca a Gagliano del Capo per lavoro. Ma questa volta no, la sua Opel Corsa non punta Tricase, non muove verso sud, ma si dirige sulla provinciale per Castiglione d’Otranto. Appena fuori dal centro abitato di Andrano svolta a sinistra, in una via per un tratto asfaltata, tra le campagne. La Corsa percorre poche centinaia di metri, addentrandosi tra gli appezzamenti, poi si ferma e resta lì.

LE RICERCHE

Luigi Musarò scompare così, scompare presumibilmente da quel punto, proprio la mattina del 5 dicembre, senza alcuna indicazione su dove possa esser finito. L’allarme è tardivo, scatta nel pomeriggio. Proprio perché quella mattinata doveva essere una mattinata qualsiasi, una mattinata di lavoro, i suoi genitori, con cui vive, attendono il suo rientro a casa solo per il pomeriggio, come al solito, dal distretto Asl di Gagliano del Capo, dove lavora presso l’Ufficio Igiene.

Il sole è già tramontato quando è chiaro a tutti che Luigi non farà ritorno. Dopo la denuncia di scomparsa, scatta subito il tavolo per le operazioni di soccorso. La Prefettura ne affida il coordinamento ai vigili del fuoco (con il posto di comando che mercoledì mattina è stato spostato presso la sede operativa della Protezione Civile di Marittima). Viene lanciato un messaggio pubblico: si cerca Luigi, un uomo con occhiali da vista, pantaloni scuri e giacca blu, allontanatosi a bordo di una Opel Corsa blu (che poi, in realtà, si scoprirà esser grigia). Non passano molte ore e l’auto viene ritrovata. Al lavoro dei vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase e del Comando di Lecce si affianca subito quello della protezione civile di Marittima e di Tricase, assieme a tutte le altre squadre inviate sul posto dal coordinamento provinciale.

L’auto è un indizio importante: fornisce il punto da cui muovere le ricerche via terra, a macchia d’olio. In breve, però, appare subito chiaro come occorrano rinforzi. Arriva l’unità cinofila del 115 (Nucleo Cinofili Puglia) e si mettono in atto anche le tecniche speleo alpino fluviali: i pozzi e gli anfratti da scandagliare sono più di quanti se ne possano immaginare. Nell’auto, le squadre di soccorso trovano il cellulare di Luigi. Quello che probabilmente ha usato per cancellare il suo profilo Facebook poche ore prima di sparire.

TANTE DOMANDE, POCHE RISPOSTE

Poi un altro elemento importante, preoccupante e tutt’altro che risolutivo. Accanto alla vettura, parcheggiata sulla terra, una macchia di sangue. Circoscritta ma corposa. Poche altre piccole tracce ematiche su delle rocce a qualche centimetro di distanza, poi nulla più. Nessuna scia in nessuna direzione, nulla che possa indicare se si sia spostato a piedi e verso dove. Nel frattempo, diventa di dominio pubblico una notizia giunta da casa. Sono stati ritrovati alcuni messaggi scritti. Lettere di Luigi, indirizzate alla famiglia ed alla fidanzata, una ragazza di Ruffano. Il contenuto fa temere il peggio: tra le righe, anche dei desideri post-mortem. Le ricerche continuano e si intensificano. Ai droni, arrivati anche da Matera e già operativi, si unisce un elicottero dei vigili del fuoco. Alle operazioni, ovviamente, prendono parte anche i carabinieri della Compagnia di Tricase e la polizia locale. L’area da battere è ampia, ma circoscritta. A guardarla su mappa se ne percepisce la singolarità: è una zona delimitata dagli abitati di Andrano, Depressa e Castiglione d’Otranto. Un triangolo racchiuso tra tre strade provinciali, per una superficie grossomodo di un chilometro quadrato.

LA SPERANZA

Dov’è finito Luigi? Possibile si sia spinto oltre a piedi? Possibile sia sparito nel nulla dopo aver perso tutto quel sangue? Le ricerche sul posto non danno risposta. È ora quindi di cercarle altrove: vengono disposte delle analisi per appurare che quello accanto all’auto sia sangue umano. I carabinieri chiedono aiuto agli occhi elettronici: alle videocamere di sorveglianza più vicine l’onere di chiarire se con la Opel di Luigi vi fossero altre vetture, o se ve ne siano transitate poco dopo.

Il sole tramonta per la seconda volta senza esito. È mercoledì e (al momento di andare in stampa) di Luigi non ci sono ancora tracce. Le evidenze raccolte lasciano più domande che risposte.

La tenacia delle squadre di soccorso tiene accesa la speranza di trovarlo in vita. Ma le ore che passano pesano come macigni. Intanto, come accade in questi casi, qualcuno inizia a parlarne al passato. Il ricordo però è condiviso: un ragazzo mite, riservato, tranquillo. Una vita “senza ombre”, spesso partecipe alle attività parrocchiali.

Andrano lo attende con il cuore in gola, assieme ai suoi genitori ed a suo fratello e sua sorella. Chissà che le risposte ai tanti interrogativi difficilmente spiegabili non possano arrivare dalla più bella delle notizie: quella di un suo ritorno a casa. Mai come stavolta, l’auspicio di chi scrive è che, non appena andate in stampa, queste righe, questo appello del 115, possano diventare obsoleti, cancellati da un abbraccio.

Continua a Leggere

Cronaca

Sul treno senza biglietto, poi picchia la polizia: fermato 22enne

Nei guai giovane del Gambia: discute col controllore delle ferrovie e poi malmena gli agenti. Una settimana fa protagonista di un episodio simile a Scorrano

Pubblicato

il

Nel pomeriggio di ieri 6 dicembre, gli agenti della Polizia di Stato in servizio presso Sezione Volanti del
Commissariato di Pubblica Sicurezza di Otranto hanno tratto in arresto un uomo per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento.

Si tratta di un 22enne del Gambia, già noto alle forze dell’ordine, con precedenti anche per stupefacenti.

Il ragazzo ieri, mentre viaggiava a bordo del treno locale Maglie-Otranto, ha avuto un acceso diverbio col personale delle Ferrovie del Sud Est perché sorpreso senza biglietto, tanto da indurre il capotreno a chiedere l’ausilio degli
agenti della Polizia di Stato.

All’arrivo del treno presso la stazione di Otranto, difatti, sono intervenuti gli agenti in servizio di Volante del
Commissariato di Otranto. Hanno tentato di identificare il giovane che, nel tentativo di sottrarsi
all’identificazione, assestava una violenta testata ad uno dei due agenti ferendolo al volto ed ingaggiando
una colluttazione, sferrando calci e pugni e causando anche la rottura degli occhiali da vista all’altro
poliziotto intervenuto.

Immobilizzato a fatica, il 22enne è stato tratto in arresto per resistenza a PU, lesioni, danneggiamento ed
accompagnato presso la Casa Circondariale Borgo San Nicola di Lecce.
Dagli accertamenti esperiti a carico del giovane è emerso che la sua condotta è recidivante, infatti, poco più
di una settimana fa, il 28 novembre scorso, è stato arrestato dal Reparto Radiomobile Carabinieri di Maglie
per gli stessi reati all’interno del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Scorrano.

Continua a Leggere

Cronaca

Stupra donna senza fissa dimora, arrestato

Gli agenti della polizia di stato in servizio di volante a lecce soccorrono una vittima di violenza sessuale e arrestano il responsabile

Pubblicato

il

Nella serata di ieri gli agenti in servizio di Volante della Questura di Lecce hanno tratto in arresto in flagranza di reato D.M.A., cittadino guineano senza fissa dimora di 37 anni per violenza sessuale ai danni di una 54enne senza fissa dimora.

Gli agenti, intorno alla mezzanotte, su disposizione della centrale operativa si sono recati nella via adiacente il vecchio stabile dell’Ospedale Vito Fazzi per una segnalazione di violenza sessuale.

Giunti sul posto hanno assunto informazioni dalla guardia giurata in servizio per Forgolpol che aveva allertato il 113 allorché pochi minuti prima, una donna in lacrime, aveva chiesto aiuto, asserendo di aver subito violenza sessuale.

La vittima, seduta nelle vicinanze ancora in lacrime, lamentava fortissimi dolori al basso ventre e, all’arrivo dei poliziotti, ha indicato un uomo, che a sua volta vedendoli arrivare, ostentando indifferenza, si era seduto sui gradini di uno stabile disabitato poco distante.

Immediatamente è intervenuto sul posto il 118 e la vittima è stata trasportata in ospedale presso il Pronto Soccorso dove è stato attivato il “Percorso rosa” ed il personale medico ha appurato l’avvenuta violenza.

La donna, una 54enne senza fissa dimora ha sporto denuncia raccontando agli agenti di essere giunta a Lecce da pochi giorni e di aver passato il proprio tempo in compagnia di altri senza fissa dimora e di aver conosciuto l’aggressore proprio nelle vicinanze della stazione ferroviaria.

L’uomo, D.M.A., un 37enne nativo della Guinea nel pomeriggio, intorno alle ore 19, aveva già tentato un approccio, a cui lei aveva opposto un inequivocabile rifiuto, ma dopo qualche ora, con uno stratagemma si era fatto accompagnare nel piazzale antistante il vecchio nosocomio V. Fazzi, ubicato in una zona poco trafficata nelle ore serali, dove ha abusato di lei ignorando le resistenze della donna che cercava di difendersi, estraendo dalla tasca un coltellino, strappatole dalle mani dall’aggressore.

Nella concitazione la malcapitata è riuscita a scappare e chiedere aiuto alle guardie giurate della Forgolpol di passaggio in quel momento.

L’uomo sottoposto a perquisizione è stato trovato in possesso del coltellino sottratto alla vittima- Accompagnato negli uffici della Questura di Lecce per il prosieguo degli accertamenti è risultato essere destinatario di un Ordine del Questore di Lecce a lasciare il territorio nazionale, emesso il 19marzao 2021, provvedimento avverso cui lo straniero ha proposto ricorso presso il Giudice di Pace.

Per quanto sopra il 37enne D.M.A. è stato tratto in arresto per il reato di violenza sessuale e porto abusivo di oggetti atti a offendere e tradotto presso la locale casa circondariale.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus