Connect with us

Cronaca

Ritrovato da due sub il corpo del 39enne scomparso: “Pensavamo fosse un tronco”

Pubblicato

il


Marcello Pantaleo, l’infermiere scomparso il 24 dicembre nella zona di Santa Caterina, è stato ritrovato senza vita.





Dopo oltre una settimana di ricerche, il triste epilogo: il corpo del 39enne era in fondo al mare, a 50 metri dalla costa dove aveva lasciato la sua auto. Lo hanno trovato, a 24 metri di profondità circa, due sub leccesi, Mirko Pati e Claudio D’Errico. 


I due, appassionati di immersioni, hanno raccontato alla stampa di aver notato una sagoma sul fondale. “Sembrava un tronco d’albero, poi da vicino abbiamo capito che era un uomo”.


Era il corpo di Marcello Pantaleo, supino sul fondale sabbioso. Senza alcuna zavorra, tenuto giù, probabilmente, dall’acqua ingerita. 


I due sub hanno chiamato i soccorsi ed i vigili del fuoco hanno prontamente avviato le operazioni di recupero. La salma è stata condotta a riva e trasportata nella camera mortuaria del Vito Fazzi di Lecce, a disposizione dell’autorità giudiziaria. 





Scomparsa, ricerche e lunga lettera





Dal giorno di Natale, quello successivo alla sua scomparsa, le operazioni di ricerca partite dalla vettura ferma in sosta e da quanto ritrovato all’interno: il suo telefono cellulare ed un biglietto con un messaggio, cercate nel mio PC. Lì, nel suo computer, un documento lungo circa 40 pagine, una sorta di testamento, la sua storia, scritta di suo pugno, contenente tutti i suoi pensieri.




Vigili del fuoco, protezione civile, sommozzatori, unità cinofile (con cani molecolari), croce rossa, soccorso alpino, polizia locale, carabinieri, droni ed elicottero del reparto volo di Bari dei vigili del fuoco hanno poi avviato le ricerche, progressivamente scandagliando le aree circostanti il punto del ritrovamento dell’auto, tra il parco di Portoselvaggio e la rupe della “Dannata”.





Nel frattempo, a macchia d’olio, l’allarme si è diffuso in tutta Italia. Anche la televisione pubblica ha lanciato appelli alla cittadinanza per contribuire, in caso di avvistamento, al ritrovamento del 39enne.





Nelle ultime ore, poi, la richiesta ai proprietari di abitazioni lungo il litorale: “Cercate nelle vostre case estive”. Una speranza, l’ultima: quella di ritrovarlo rifugiato in qualche appartamento isolato e di poterlo riportare a casa.





Poco fa, infine, il tragico epilogo. L’attività ininterrotta dei sommozzatori ha portato al risultato da tutti insperato: il corpo senza vita di Marcello Pantaleo era da giorni nelle acque gelide del mare, non lontano dal litorale di Santa Caterina.


Cronaca

Taurisano, operaio morto al lavoro: condannato Scarlino

Condannato a sette anni per omicidio colposo l’amministratore unico del Salumificio taurisanese Attilio Scarlino.
Quattro anni al fratello Antonio. L’azienda ha già annunciato l’appello

Pubblicato

il

Omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro: condannato a sette anni l’amministratore unico del Salumificio Scarlino di Taurisano, Attilio Scarlino, 61 anni. Quattro anni al fratello Antonio di 52 anni.

La vicenda all’esame dei giudici era quella dell’agosto 2013, quando Mario Orlando, operaio 51enne di Taurisano rimase stritolato in un’impastatrice nel salumificio taurisanese.

Assoluzioni e prescrizioni per gli altri imputati.

Deciso anche il risarcimento delle parti civili, cioè la moglie, i due figli e i sei fratelli di Orlando, in separata sede. Per moglie e due figli, inoltre, una provvisionale di 50mila euro ciascuno.

Infine, Attilio Scarlino è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, mentre Antonio per cinque anni.

Il comunicato dell’azienda

“La rimozione delle cautele antinfortunistiche, infatti, non avrebbe avuto alcuna incidenza causale sulla produzione dell’evento”, si legge in una nota diffusa dall’azienda.

Già annunciato il ricorso in appello.

Continua a Leggere

Botrugno

Ennesimo incidente sulla SS 275 Maglie – Leuca

Auto in coda e traffico rallentato all’altezza dello distributore di carburante, all’inizio della due corsie

Pubblicato

il

Ennesimo incidente sull’asfalto della statale 275 Maglie-Leuca

Questa volta il sinistro se verificato sul tratto tra Maglie e Montesano Salentino, nei pressi del distributore di benzina, praticamente all’inizio della “due corsie”.

Almeno due le auto coinvolte.

Non risulterebbero feriti gravi, intanto si registrano auto in coda e traffico rallentato.

Continua a Leggere

Cronaca

Scontro tra auto e bici, anziano morto sul colpo

A causa delle ferite riportate dopo la caduta sull’asfalto. La vittima Santo Biagio Schiattino, di 79 anni di Specchia Gallone

Pubblicato

il

Incidente mortale lungo la strada provinciale che collega Poggiardo a Minervino di Lecce, nei pressi della frazione di Minervino, Specchia Gallone.

Ad avere la peggio Santo Biagio Schiattino, 79 anni, di Specchia Gallone, che era in sella alla sua bici, quando, in circostanze ancora in fase di ricostruzione, è entrato in collisione con una Ford Focus, alla cui guida vi era un uomo di 40 anni di  Cutrofiano.

la rovinosa caduta sull’asfalto non ha lasciato scampo all’anziano morto sul colpo.

Sul posto sono arrivati quasi subito i sanitari del 118 ma per l’uomo non vi era più nulla da fare.

Sul posto oltre a i vigili urbani sono intervenuti i carabinieri della stazione di Minervino di Lecce per i rilievi di rito.

Come sempre accade in queste circostanze richiesti anche i test alcolemici e tossicologici per il conducente dell’auto.

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus