Connect with us

Cronaca

Così truffarono turisti al distributore di benzina

Denunciato giovane calabrese in vacanza nel Salento per furto aggravato. Ecco cosa è successo il 24 luglio scorso nella zona di Collemeto

Pubblicato

il

gli agenti del Commissariato di Galatina, dopo un’attività di indagine hanno denunciato a piede libero un 19enne residente a Reggio Calabria, poiché si è reso responsabile del reato di furto aggravato ai danni di una coppia di giovani turisti svizzeri.


I fatti risalgono al 24 luglio scorso: una coppia di giovani turisti svizzeri in vacanza nella zona di Gallipoli richiedeva l’intervento della Polizia di Stato poiché era stata vittima di un raggiro ad opera di tre giovani.


Agli agenti intervenuti sul posto hanno riferito che, mentre si accingeva ad effettuare il rifornimento in una Stazione di Servizio nella zona di Collemeto, un giovane che sostava proprio accanto alla colonnina dell’impianto, si offriva di aiutarlo.


Il denunciante rifiutava l’aiuto ed inseriva nella colonnina self-service la propria carta bancomat.


Il giovane insisteva offrendosi nuovamente di aiutare il turista e impugnava la pompa inserendola nel bocchettone del serbatoio dell’autovettura.


Il turista a questo punto accettava l’aiuto e si dirigeva verso lo sportello del guidatore mentre il sedicente aiutante tratteneva per qualche secondo la pompa all’interno del bocchettone. Dopo pochi secondi informava l’ignaro autista che aveva rifornito per euro 20 e questi riprendeva il viaggio.

Il conducente, una volta ripresa la marcia, si accorgeva però che il livello del carburante indicato nella strumentazione dell’auto non era variato. Insospettito ha verificato a mezzo App del proprio Istituto di Credito e ha notato un prelievo per acquisto carburante pari a euro 70.08.


Appena possibile ha invertito la marcia ed è ritornato presso il distributore dove non vi era più il giovane che si era offerto di aiutarlo e lo aveva raggirato.Gli agenti del Commissariato, dalla visione delle immagini, appuravano che il sedicente aiutante, all’atto di rifornire l’autovettura dei turisti svizzeri, aveva prelevato una pompa diversa da quella abilitata dopo la transazione bancomat e, dopo che i turisti si erano ormai allontanati, aveva effettuato il pieno di carburante nella propria autovettura, della quale è stato possibile rilevare la targa.


La successiva attività investigativa ha permesso di appurare che il malfattore, di origini straniere eraresidente a Reggio Calabria.


Così, anche grazie alla collaborazione dei colleghi della Questura di Reggio Calabria, si constatava che l’uomo aveva trascorso, le vacanze in Salento nella seconda metà di luglio, dove era arrivato a bordo della vettura rilevata dall’impianto di video-registrazione installato nella stazione di servizio.


Cronaca

Mattia: la tristezza del giorno dopo

Un incidente sulla pista della Porsche a Nardò è costato la vita al 36enne Mattia Ottaviano di Tuglie. I sindacati chiedono si faccia finamlmente qualcosa ape rla sicurezza sul lavopro. Il comunicato del Nardò Technical Center: «Siamo vicini alle famiglie coinvolte»

Pubblicato

il

È il momento della riflessione quello del giorno dopo la tragica morte sul lavoro di Mattia Ottaviano, 36 anni di Tuglie, deceduto sulla pista del Nardò Technical Center, il centro di proprietà Porsche dove si collaudano nuovi prototipi di veicoli.

Il driver era a bordo di una moto Ducati Panigale quando ha impattato contro una Porsche Panamera, condotta da un altro collaudatore uscito illeso dall’incidente. Nulla da fare invece per il povero Mattia.

Uno scarno comunicato dal Nardò Technical Center: «Esprimiamo il nostro profondo dolore per il tragico incidente verificatosi durante i test e siamo vicini alle famiglie coinvolte», si legge, «in linea con le procedure standard per questi eventi, le autorità hanno avviato ufficialmente gli accertamenti. Siamo impegnati a collaborare attivamente con loro».

Per Ada Chirizzi, segretario generale della Cisl Lecce e Maurizio Longo segretario generale Fim CISL Lecce, «In attesa che le autorità competenti appurino quanto si è verificato e i profili di responsabilità», ribadiscono, «la necessità di maggiore sicurezza, maggiore formazione, maggiori controlli su ogni posto di lavoro».

Alla luce degli eventi drammatici che si stanno susseguendo in questi giorni sul territorio nazionale e nel Salento i sindacalisti ritengono «quanto mai necessario richiedere la convocazione urgente dell’Osservatorio Provinciale sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro istituito presso la Prefettura di Lecce».

«Cos’altro bisogna attendere che accada perché vengano assunti provvedimenti drastici?», si chiede Mauro Fioretti, coordinatore della Uil Lecce, «È ora di dire basta! Mobilitiamoci tutti affinché la sicurezza sul lavoro sia davvero una priorità per il Governo. Servono misure di prevenzione serie, formazione, più fondi per potenziare i controlli ed introdurre un sistema di premialità per le aziende virtuose che investono in Sicurezza».

Quel che è certo che è davvero dura sapere che un proprio caro è uscito per fare il suo dovere, per recarsi al lavoro, e non farà più ritorno a casa.

Continua a Leggere

Casarano

Compagno violento: YOUPOL salva ragazza di Galatina

Grazie all’app della polizia, una giovane allerta il Commissariato con il suo smartphone, avverttendo in presa diretta delle vessazioni subite dall’ex fidanzato, un 22enne di Casarano

Pubblicato

il

Gli agenti del Commissariato di Galatina hanno notificato a un uomo di 22annio di Casarano, un ammonimento del Questore emesso a seguito delle ripetute vessazioni, pedinamenti e percosse compiute verso la sua ex fidanzata minorenne.

La giovane vittima, nello scorso mese di dicembre, a seguito dell’ennesimo episodio di pedinamento e di offese, avvenute alla presenza di alcune amiche nelle vie del centro storico di Galatina, aveva allertato gli agenti del Commissariato attraverso l’uso dell’applicazione YOUPOL  che la stessa aveva scaricato sul proprio smartphone durante uno dei meeting in materia di violenza di genere tenuto dagli stessi investigatori del Commissariato galatinese nell’Istituto di Istruzione frequentato dalla giovane.

La ragazza successivamente si è rivolta al centro antiviolenza, come consigliato dai poliziotti, e poi ha sporto denuncia.

Resta alta l’attenzione da parte della Polizia di Stato sulla tematica della violenza di genere che con l’utilizzo dello strumento dell’ammonimento del Questore tende a prevenire ulteriori atteggiamenti violenti e vessatori; provvedimento che viene emesso di ufficio, quando sussistono i presupposti che aggravano qualsiasi ulteriore condotta violenta a prescindere dalla denuncia o da istanza di parte.

Il 22enne è stato “invitato” a tenere immediatamente una condotta conforme alla legge e a cessare qualunque comportamento vessatorio, persecutorio o condotta violenta, sia essa fisica, psicologica, verbale o economica nei confronti della vittima.

Continua a Leggere

Cronaca

Violenza tra le mura domestiche: arresto a Ruffano

Dal 2014, vessazioni continue, minacce e violenze, anche fisiche, spesso compiute sotto l’effetto di abuso di sostanze alcoliche, di un 52enne nei confronti della compagna

Pubblicato

il

Ancora violenza tra le mura domestiche.

Ennesima misura cautelare personale adottata dai Carabinieri della Stazione di Ruffano, coordinati dalla Procura della Repubblica di Lecce, che hanno eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti di un uomo, un 52enen del posto, accusato di maltrattamenti nei confronti della propria compagna.

In particolare, la misura è stata emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Lecce su richiesta della locale Procura della Repubblica che conduce le indagini a seguito di reiterati episodi di violenza.

Dopo una richiesta di intervento per una lite tra i due compagni, i Carabinieri hanno approfondito la vicenda e, grazie ad un’immediata attività info-investigativa, sono riusciti a ricostruire i fatti.

La donna avrebbe subito da tempo, sin dal 2014, maltrattamenti da parte dell’uomo: vessazioni continue, minacce e violenze, anche fisiche, spesso compiute sotto l’effetto di abuso di sostanze alcoliche.

Al termine delle operazioni di Polizia quindi, in osservanza al provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, l’uomo arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Lecce.

Resta alta l’attenzione dei Carabinieri nei casi di violenza di genere e si inviato tutte le vittime a segnalare e denunciare tempestivamente eventuali aggressioni o comportamenti violenti subiti.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus