Connect with us

Cronaca

Derubata al cimitero mentre fa visita al figlio defunto

Pubblicato

il


Non servono molte parole per descrivere il vile gesto registrato a Neviano in settimana.





Una donna è stata vittima di un furto mentre pregava davanti alla tomba del figlio defunto, morto prematuramente in un incidente stradale.




Allontanatasi per qualche istante dalla sua borsa, mentre si trovava nel cimitero comunale, al suo ritorno la signora non ha più trovato il portafogli. Qualcuno, senza farsi notare, glielo aveva lestamente sottratto.





Un gesto disonorevole per la misera cifra di un centinaio di euro. Per la donna, più che l’ammanco in denaro, pesano il gesto e la perdita, oltre ai documenti, della foto del figlio che custodiva nel portafogli rubatole.


Corsano

Sp 81, ancora un incidente sul terribile incrocio tra Corsano e Gagliano

Sulla provinciale 81, all’altezza del famigerato snodo che collega Corsano, Gagliano, Alessano e Novaglie, una Volvo ha centrato una Peugeot in uscita dallo stop, provocandone un forte impatto

Pubblicato

il

Non cessano di moltiplicarsi i sinistri dell’incrocio che negli anni si è reso teatro di tragici incidenti. Sulla provinciale 81, all’altezza del famigerato snodo che collega Corsano, Gagliano, Alessano e Novaglie, una Volvo ha centrato una Peugeot in uscita dallo stop, provocandone un forte impatto.

Come si evince dalle immagini (visibili a fine articolo) la corsa del suv si è infranta sulla fiancata destra dell’utilitaria di produzione francese, accartocciandone la portiera e provocandone l’apertura degli airbag. Ad avere la peggio pare essere una signora, uscita dall’abitacolo e subito stesa a terra, prima di essere soccorsa dai presenti in attesa dell’arrivo del 118. Non è ancora chiaro di chi sia la colpa.

Proprio una settimana fa la sindaca di Alessano, Francesca Torsello, commentava così la decisione della provincia di accogliere il progetto di messa in sicurezza dell’area, attraverso la costruzione di una rotatoria, presentato due anni fa:

““Tanti, troppi sono stati gli eventi nefasti che da anni si verificano su quel tratto di strada: è giunto il momento di realizzare un’opera che consentirà una maggiore salvaguardia per una viabilità più protetta ed accessibile“, aggiungendo importanti risvolti sullo stato dei lavori.

Ancora una volta l’auspicio è quello che il tratto possa essere messo al più presto in sicurezza con un’opera che “che negli anni ha sempre più dimostrato la sua imprescindibilità, a tutela della sicurezza e dell’incolumità degli utenti della strada“.

 

 

Continua a Leggere

Attualità

Autovelox Melpignano: «Giudice di Pace non ha bocciato photored ma contestato circolare del Ministero»

In particolare non è andato giù quanto dichiarato da Adiconsum. Secondo il il responsabile delle relazioni esterne di Italtraff, Antonio Marzo, «Il Giudice Trane ha contestato la proroga decisa dal Ministero oltre il termine annuale previsto per la taratura di questo tipo di apparecchiature e non l’apparecchiatura Photored»

Pubblicato

il

Antonio Marzo, responsabile delle relazioni esterne Italtraff ha ritenuto di dover intervenire in merito al nostro all’articolo dal titolo “Autovelox Melpignano, altra multa annullata”, pubblicato il 27 luglio scorso.

In particolare non è andato giù quanto dichiarato da Adiconsum Lecce ed oggetto virgolettato del nostro sottotitolo «Vittoria per un associato Adiconsum Lecce – L’ennesima dimostrazione di come l’apparecchiatura utilizzata dal Comune di Melpignano non sia correttamente idonea per sanzionare gli automobilisti».

 Secondo Marzo, trattasi di «affermazioni gratuite che gettano ingiusto discredito sul buon nome della scrivente, oltre ad essere anche foriere di possibile pregiudizio economico, ci è d’obbligo fare le dovute precisazioni a tutela del buon nome della società e della validità e legittimità dell’apparecchiatura Photored F17Dr».

«L’asserzione di Adiconsum così come la lettura proposta della decisione del Giudice di Pace, Avv. Silvano Trane, sono fuorvianti», attacca, «oltre che gratuitamente denigratorie dell’apparecchiatura Photored F17Dr e, quindi, di Italtraff srl, quale costruttrice dell’apparecchiatura medesima».

Prima di entrare nello specifico, Marzo reputa «necessari piccoli ragguagli: l’apparecchiatura Photored F17Dr è regolarmente omologata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed è conosciuta in tutto il mondo oltre che in Italia (la città di Modena utilizza diciotto apparecchiature Photored dal 2002 – i paesi arabi sono i maggiori acquirenti utilizzatori dei nostri Photored). La prima omologazione ministeriale risale al lontano 1986, sostenuta con entusiasmo ai fini della sicurezza del traffico veicolare dall’allora sottosegretario ai Lavori Pubblici, compianto on. Avv. Gaetano Gorgoni. Italtraff srl sin dal 1986 costruisce a Manduria le apparecchiature Photored con l’ausilio di circa quaranta tra dipendenti e collaboratori di alto profilo professionale. Ha un capitale sociale di 2.420.000 euro. Il marchio “Photored” è registrato a nome di ITALTRAFF, sin dal 1986, all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi presso il Ministero delle Attività Produttive».

Riguardo la sentenza, «da una piana lettura della decisione», secondo Marzo, «emerge in maniera molto chiara che il Giudice di Pace Silvano Trane non ha inteso “bocciare” l’apparecchiatura Photored bensì contestare la circolare prot. 300/A/3743/20/144/5/20/5/ del 27 maggio 2020 con cui il Ministero degli Interni ha (ri)disciplinato la “Taratura dei dispositivi di rilevazione della velocità e proroghe della validità annuale” in occasione dell’emergenza COVID-19».

Per il responsabile delle relazioni esterne di Italtraff, «il Giudice ha invero semplicemente inteso disapprovare la proroga, stabilita con la circolare di cui innanzi, del periodo di validità della taratura (prevista per legge con cadenza annuale), siccome disposta ope legis, che, secondo lui, non garantirebbe sufficientemente la certezza del rilevamento delle infrazioni degli automezzi che viaggiano a velocità superiore a quella prescritta nel tratto di strada interessato. Il Giudice Trane ha contestato la proroga decisa dal Ministero oltre il termine annuale previsto per la taratura di questo tipo di apparecchiature e non l’apparecchiatura Photored».

Sicché secondo Marzo non è facile arguire la vera ragione ispiratrice delle dichiarazioni di Adiconsum, che, «travisando, con ogni evidenza, la sostanza della sentenza, giunge con fin troppa faciloneria a concludere che si tratterebbe de: “L’ennesima dimostrazione di come l’apparecchiatura utilizzata dal Comune di Melpignano non sia correttamente idonea per sanzionare gli automobilisti”».

«Trattasi di affermazione tanto gratuita quanto malevola», conclude Antonio Marzo, «che getta ingiusto discredito sul buon nome della Italtraff e dell’apparecchiatura Photored F17Dr. Quanto innanzi al fine di far ben intendere le ragioni di Italtraff a scanso di forzature e disinformazioni di cui non si comprendono le finalità».

Continua a Leggere

Cronaca

Oltre un chilo di marijuana in casa

Si sono aperte le porte del carcere per Francesco Bruno, 45 anni, leccese

Pubblicato

il

Arrestato in flagranza di reato Francesco Bruno, 45 anni, leccese per  detenzione  e spaccio di sostanze stupefacenti.

Una perquisizione nella sua abitazione ha consentito ai carabinieri di rinvenire 21 barattoli in vetro contenenti oltre un chilo di marijuana (1.057 grammi), 1,34 grammi di hashish e materiale vario per il confezionamento dello stupefacente.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato accompagnato  presso la casa circondariale Borgo San Nicola di Lecce.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus