Connect with us

Casarano

Furti a go go: fioccano le denunce

Tra Ruffano, Racale, Taviano, Matino, Parabita. I carabinieri della Compagnia di Casarano hanno anche denunciato un albanese che ha picchiato la moglie ed un 52enne casaranese per detenzione e spaccio di droga

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Casarano hanno effettuato una serie di controlli mirati alla prevenzione dei reati contro il patrimonio, al consumo di sostanze stupefacenti, al controllo delle persone sottoposte a misure alternative alla detenzione in carcere.

A Casarano denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti S.C., 52 anni: nel corso di una perquisizione personale prima e domiciliare poi i carabinieri hanno rinvenuto all’interno del cassetto di un mobile mobile della cucina 10 dosi di hascish per un peso complessivo di 30 grammi e 640 euro in banconote piccolo taglio, ritenuto provento illecito dell’attività di spaccio.

Di Ruffano invece la vittima della truffa online ad opera di I.C., 33enne vicentino: l’uomo, dopo aver pubblicato annuncio di vendita su sito on line di un telefono cellulare, si era fatti versare 240 sul proprio  su proprio conto corrente dal cinquantenne di ruffano caduto nel raggiro, senza mai consegnare l’oggetto venduto.

Denunciato C.C., 23 anni, di Racale: al mercato ortofrutticolo di Taviano aveva rubato da un box vendita di frutta e verdura, gestito da un commerciante 35enne del posto, un personal computer portatile marca “Lenovo” e un gruppo di continuità. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.

Sempre per furto denunciato A.D. 50 anni di Taviano: in località “Spissa”, in agro di Gallipoli aveva portato via tronchi di albero d’ulivo dopo averli tagliati di nascosto da un fondo agricolo di proprietà’ di un 80enne del posto.

A.R., 32 anni di Parabita, invece, è stato identificato come l’autore del furto di un salvadanaio dall’esercizio pubblico “Grenwood” di Matino.

Responsabile di furto in abitazione a Ruffano, G.S.J., 34enne rumena: nel novembre scorso aveva rubato un telefono cellulare ed un tablet dall’interno dell’aabitazione di una 90enne del posto.

Sempre a Ruffano denunciato per ricettazione, M.I.G., 28enne cittadino rumeno, sorpreso da militari del’Arma a bordo di un ciclomotore con numero di telaio abraso ed illeggibile senza saperne giustificare il motivo. Il ciclomotore è stato sottoposto sequestro.

A Taviano denunciato per maltrattamenti in famiglia e lesioni, 23enne albanese che dopo un diverbio con la moglie l’ha colpita al volto con violenti schiaffi, provocandole lesioni giudicate guaribili in 20 giorni dai sanitari del pronto soccorso dell’ospedale di Casarano.

A Matino  denunciato per minacce aggravate, A.R., 32 anni:iIn piazza Giubileo per futili motivi aveva aggredito dapprima verbalmente e poi minacciandolo con un coltello un 25enne.

Attualità

Non restano a casa: 151 denunciati nel Salento

Fuori di casa o fuori dal Comune di residenza senza fornire valide giustificazioni

Pubblicato

il

Come accade per il bollettino epidemiologico della Regione nel tardo pomeriggio, abbiamo imparato anche ad attenderci il bollettino di mezzogiorno dei carabinieri che riporta i sanzionati per violazione delle restrizioni del DPCM.

Anche oggi i numeri sono impetuosi: nella sola giornata di ieri i militari dell’Arma hanno denunciato sull’intero territorio provinciale 151 persone.

I carabinieri della Compagnia di Tricase, nei Comuni del Capo di Leuca ricadenti nella propria giurisdizione, hanno denunciato a piede libero 11 persone che erano fuori dalle rispettive abitazioni in mancanza di lecite comprovate esigenze. In totale i militari dell’Arma della Compagnia di Tricase hanno controllato 82 persone e fermato 74 veicoli.

——-(SPESA A DOMICILIO A TRICASE E DINTORNI? CLICCA QUI)——-

Nell’ambito del territorio di propria competenza i carabinieri della Compagnia di Maglie hanno controllato 114 persone e 41 veicoli. Denunciate 18 persone che circolavano per strada senza valida motivazione dettata da stato di necessità.

I carabinieri della Compagnia di Casarano dopo aver controllato 84 veicoli e 115 persone, hanno dato luogo a 43 denunce, sempre per violazione del DPCM.

Nel territorio della Compagnia di Gallipoli, denunciate altre 24 persone che non sono state in grado di fornire valide giustificazioni circa loro presenza fuori dal Comune residenza.

Nel territorio di competenza della Compagnia di Campi Salentina, i militari dell’Arma hanno denunciato altre 32 persone, colte fuori dalle proprie abitazioni senza essere in grado di fornire adeguata giustificazione.

I carabinieri della Compagnia di Lecce, infine, hanno denunciato sempre per lo stesso motivo, altre 23 persone.

Continua a Leggere

Attualità

A spasso senza motivo: altre 157 denunce nel Salento

Controlli a tappeto dei carabinieri su tutto il territorio. C’è ancora chi non vuole saperne di restare a casa

Pubblicato

il

Altro numero corposo di denunce operate dai carabinieri ai danni di persone che hanno contravvenuto le restrizioni contenute nei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri per il contrasto alla diffusione del covid 19.

In tutta la provincia sono proseguiti i controlli dei carabinieri delle Compagnie di Lecce, Campi Salentina, Maglie, Casarano, Gallipoli e Tricase ognuna sulla propria giurisdizione.

In totale sono e denunciati sono 157, tutte perché circolavano in assenza di valida motivazione dettata da stato di necessità, in violazione delle misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19.

Continua a Leggere

Attualità

Da Acque Pure 100mila euro all’ospedale di Casarano

La donazione dell’imprenditore Antonio Raone per la realizzazione di ulteriori postazioni di terapia intensiva presso il presidio ospedaliero “F. Ferrari”

Pubblicato

il

Dopo la donazione della Leo Shoes di Antonio Filograna Sergio altra bella iniziativa in favore del “Ferrari” di Casarano.

La paura del contagio e soprattutto il timore di non poter ricevere un’adeguata risposta terapeutica, ha spinto Antonio Raone, presidente dell’azienda Acque Pure srl, con sede a PresicceAcquarica, a scrivere una lettera al direttore generale dell’Asl di Lecce, dottor Rodolfo Rollo, per annunciare la volontà di mettere a disposizione la somma di centomila euro a favore dell’ospedale “F. Ferrari” di Casarano.

Il mio gruppo imprenditoriale, in questa fase così delicata per i salentini”, scrive Raone nella sua lettera al direttore generale dell’Asl, “intende far proprie le preoccupazioni raccolte tra i dipendenti e la popolazione relativamente al temuto Covid 19”,e mette a disposizione centomiale auro “la realizzazione di ulteriori postazioni di terapia intensiva presso il presidio ospedaliero “F. Ferrari” di Casarano  (…). Intendiamo in questo modo essere fraternamente uniti e vicini ad una comunità, quella di Casarano e del basso Salento dove il mio Gruppo storicamente ha gran parte di dipendenti e fornitori”.

In questo momento di grande apprensione e preoccupazione per i cittadini ognuno deve spingersi a fare la propria parte, come può”, ha poi commentato l’imprenditore di Presicce – Acquarica, “appena è stato diffuso il primo decreto ministeriale, ho anteposto la salute dei miei dipendenti alle ragioni aziendali, fermando i lavoratori per impedire di venire contatto con il virus. La donazione”, conclude, “è un altro passo da fare per sostenere i nostri ospedali e garantire la sicurezza delle cure a tutti i cittadini del Sud Salento”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus