Connect with us

Cronaca

Furto alla Forestale: sospettato nasconde fiamma ossidrica

E’ di Leverano il primo indiziato nell’indagine per furto d’armi ai danni del Corpo Forestale dello Stato di San Cataldo. Il 34enne nascondeva attrezzature da scasso, cartucce per pistola e anche una Vespa rubata

Pubblicato

il

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Lecce hanno eseguito, stamani, un decreto di perquisizione emesso dal Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Lecce, Massimiliano Carducci, nei confronti di un 34enne di Leverano. L’uomo era indagato in un procedimento penale instaurato in seguito ad furto d’armi avvenuto il mese scorso ai danni del Corpo Forestale dello Stato di San Cataldo.

L’attrezzatura rinvenuta

Nel corso dell’attività, con la collaborazione dei Carabinieri delle Stazioni di Leverano e Porto Cesareo, i militari hanno rinvenuto, nella disponibilità dell’indagato, attrezzature idonee allo scasso e compatibili con le modalità esecutive del reato. Nel dettaglio si tratta di quell’attrezzatura comunemente denominata fiamma ossidrica, consistente in cannello erogatore,  tubi di collegamento, manometri bombola da quattordici litri, oltre a due grosse tronchesi, un palanchino di ferro e due spadini, idonei a forzare le serrature.

La Vespa rubata

Le cartucce in possesso al sospettato

Le cartucce in possesso al sospettato

Nel contesto della medesima attività i carabinieri, che hanno perquisito l’abitazione di Leverano ed una masseria, in uso sempre all’indagato, hanno trovato anche, in agro di Porto Cesareo, dieci cartucce per pistola calibro nove per ventuno ed una Vespa Piaggio, rubata nel mese di aprile scorso, proprio a Porto Cesareo ad un quarantenne del luogo, al quale sarà restituita. Per questi fatti l’indagato risponderà anche di detenzione illegale di munizioni e ricettazione.

Il furto a San Cataldo, invece, è avvenuto la notte tra il 13 ed il 14 luglio scorsi. Nella circostanza erano state asportate, tra le altre cose, due pistole mitragliatrici M/12. Pochi giorni fa vi è stato il ritrovamento, sulla via Vecchia Leverano di Copertino, della cassetta sottratta dall’armadio metallico, aperto con una fiamma ossidrica, dove erano custodite anche le armi.

Cronaca

Presicce – Acquarica: Vigili urbani spengono incendio

L’agente Giacinto Imperiale con acqua e secchi messi a disposizione dai frontisti e riuscito a contenere il fuoco in attesa dell’arrivo dei soccorsi evitando che le fiamme intaccassero la cabina elettrica e mettessero a rischio l’incolumità dei residenti

Pubblicato

il

Un incendio è divampato nella giornata di ieri, in via Kennedy, in località Acquarica del Comune unito di Presicce-Acquarica.

L’agente Giacinto Imperiale

L’agente di Polizia Locale,  Giacinto Imperiale, con grande spirito di abnegazione senza lasciarsi intimorire dalle fiamme ha raggiunto la base delle volute di fumo, dove le sterpaglie ardevano alimentate dalla brezza e dall’erba secca, ed ha messo in sicurezza la cabina elettrica (foto grande in alto) evitando rischi per l’incolumità dei cittadini residenti.

Nel frattempo la collega e vice-comandante Agnese Rosafio, provvedeva alla viabilità.

La Comandante Sheila Monsellato

«Alle ore 12,30 circa durante lo svolgimento del servizio di controllo del mercato settimanale in località Acquarica», ha dichiarato in una nota la Comandante della Polizia Locale, Ten. Sheila Monsellato, «la pattuglia in servizio notava del fumo nero provenire da un fondo ubicato in via Kennedy.

Giunti sul luogo, gli agenti in servizio vedevano il propagarsi di un incendio lungo il canneto presente sul fondo stesso, allertavano immediatamente la locale Protezione Civile in supporto ai vigili del fuoco, già chiamati da privati cittadini e, nelle more,  procedevano a mettere in sicurezza l’intera area.

In particolare,  vista la potenziale pericolosità dell’incendio, stante anche la presenza di una cabina elettrica, Imperiale provvedeva, con acqua e secchi messi a disposizione dai frontisti, a contenere il fuoco in attesa dell’arrivo dei soccorsi».

Continua a Leggere

Cronaca

Droga in camera da letto: denunciato uomo di Taurisano

Pubblicato

il

A Taurisano i carabinieri della locale Stazione unitamente al personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Puglia”, hanno denunciato per detenzione e spaccio un uomo del posto.

A seguito di perquisizione personale e domiciliare è stato colto in possesso di due involucri ben nascosti in camera da letto.

All’interno degli involucri 9,5 grammi di marijuana.

Continua a Leggere

Attualità

Per il Salento altro giorno senza casi positivi

In Puglia registrati 10 casi e tutti nel foggiano. Un decesso con Covid in provincia di Brindisi

Pubblicato

il

Dieci nuovi casi in Puglia e tutti nel foggiano.

È questo il responso del bollettino Epidemiologico odierno emesso dalla Regione Puglia.

Registrato anche un nuovo decesso nel covid, si tratta di un brindisino.

Nelle ultime ore 24 ore sono stati 2.626 i test registrati così, considerati i 10 casi del foggiano, il tasso di postività si attesta allo 0,38%.

Dall’inizio della pandemia  sono stati effettuati 109.499 test.

Nelle ultime 24 ore risultano guariti altri 35 pazienti così il totale dei guariti sale 2.471; sono invece 1.513 gli “attualmente positivi”.

Dall’inizio del contagio il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.479 di cui 511 nella Provincia di Lecce.

Con riferimento alla situazione in provincia di Foggia e in particolare al focolaio individuato il 24 maggio del nucleo familiare di 5 persone risultato positivo al coronavirus, il direttore della ASL di Foggia Vito Piazzolla ha comunicato di aver sottoposto a sorveglianza sanitaria 83 persone che quindi si trovano in isolamento.

Al momento sono risultate positive altre 9 persone.

Delle persone positive nell’ambito di questo focolaio, 3 hanno avuto necessità di ricovero.

Le altre sono in quarantena domiciliare e le loro condizioni di salute sono buone.

IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 27 MAGGIO

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus