Connect with us

Cronaca

Il mostro dei wurstel chiodati colpisce ancora: cagnolino salvo per un pelo a Tricase

Torna l’incubo dei bocconcini killer: ieri sera, un pronto intervento ha scongiurato che una passeggiata si trasformasse in tragedia

Pubblicato

il


È ormai una piccola grande strategia del terrore quella messa in atto (impunemente e da oltre un anno) a Tricase contro i cani, da qualcuno che ancora resta purtroppo ignoto.





La semina dei wurstel chiodati lungo le strade del paese è tornata a far paura. Bocconcini con “sorpresa” dal chiaro intento: uccidere quanti più cani possibile.





Lo scorso inverno il fenomeno aveva tenuto in apprensione l’interno paese. Poi, col montare dell’attenzione mediatica ed il passare del tempo, sembrava essere tutto scomparso, come in una bolla di sapone.





Ieri sera invece l’incubo è tornato. La beffa: un uomo lancia l’allarme sui social attorno alle 22. Il suo messaggio è chiaro: ho trovato per strada dei wurstel contenenti chiodi, fate attenzione. Non tutti però purtroppo lo leggono e poche mezzore dopo un cagnolino di piccola taglia, a spasso col suo padrone in via Cimarosa, non può resistere al forte di odore di carne ed in una frazione di secondo ingerisce wurstel e chiodi.





La prontezza del proprietario del cane e la disponibilità del dottor Tony Forte (medico veterinario già intervenuto in passato in situazioni simili) ha scongiurato il peggio. Dopo la mezzanotte, nello suo studio, il veterinario ha sottoposto ad rx il cane e, dopo aver visto quanto potete vedere in foto, lo ha salvato da morte certa inducendolo in tempo a rimettere i bocconcini killer.





Questa mattina in paese il tema è tornato d’attualità. Una spiegazione a questo gesto ancora non c’è e, sicuramente, non ci sarà mai. Un responsabile, invece, si spera di sì, e quantoprima. Non solo per il bene dei nostri amici animali, ma anche per scongiurare il rischio che qualcuno, cogliendo in flagrante il genio di turno, possa farsi giustizia da solo.





























Cronaca

Un uomo è evaso dai domiciliari per venire in vacanza in Salento

Fugge in auto e raggiunge amici a Matino: beccato per via delle foto delle serate a Gallipoli postate su Instagram

Pubblicato

il

Un uomo evaso dagli arresti domiciliari per andare in vacanza in Salento ma è stato beccato dopo aver postato delle foto su Instagram che lo ritraevano fuori dalla sua abitazione.

Come racconta l’agenzia di stampa Agi, l’uomo è stato rintracciato dai carabinieri nel basso Salento, precisamente in una campagna di Matino.

Il soggetto, di 27 anni, si trovava agli arresti domiciliari a Modena. Da lì ha raggiunto in macchina, una Audi, una comitiva di conterranei che si trovava in vacanza in provincia di Lecce.

I video e le foto di notti brave, concerti, feste, musica, locali a Gallipoli sono finiti sul tavolo dei carabinieri.

Questi, dopo essersi accorti che il 27enne non era in casa, proprio grazie ai social sono riusciti a ricostruire quanto fosse realmente accaduto. I militari di Modena e i colleghi di Lecce hanno collaborato alla cattura dell’evaso, e lo hanno rintracciato nelle scorse ore.

Immagine di repertorio

Continua a Leggere

Cronaca

Dopo le zucche da record, a Tricase anche l’habanero gigante

Nino, dal rione Caprarica del Capo, colpisce ancora all’età di 84 anni

Pubblicato

il

Se siete a Caprarica del Capo, rione di Tricase, non potete non incrociare il mitico Nino e i fantastici frutti della sua terra.

Ad 84 anni, Nino resta una icona di Caprarica. Su via Apulia, campeggiano ogni giorno le sue immancabili zucche giganti (leggi qui).

Ed ultimamente ecco spuntato un nuovo prodotto gigante. È la piantina di peperoncino habanero gigante!

Continua a Leggere

Cronaca

Incendio d’auto nella notte a Ruffano

Una Renault è stata avvolta dalle fiamme in pieno centro attorno alle 2

Pubblicato

il

Un’auto questa notte ha preso fuoco a Ruffano.

Attorno alle 2, una Renault Scenic è improvvisamente stata avvolta dalle fiamme in via Nazario Sauro, in pieno centro abitato, all’ingresso del centro storico.

In particolare, la macchina ha preso fuoco nella zona del vano motore.

Dal posto è partita una chiamata al 115 che ha fatto accorrere due mezzi dei vigili del fuoco dal Distaccamento di Tricase.

I pompieri hanno spento l’incendio e riportato in sicurezza l’area. Nelle vicinanze dell’auto non vi erano altri mezzi che avrebbero potuto finire investiti dalle fiamme. Le pareti ed alcuni infissi del palazzo accanto al quale la vettura si trovava, invece, riportano traccia dellaccaudto.

Fortunatamente nessuna conseguenza per persone. La vettura ha riportato consistenti danni proprio nella parte anteriore.

Cause del rogo al momento ignote. Potrebbero essere accidentali.

Foto Protezione Civile Salento

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus