Connect with us

Attualità

La Puglia aiuta la Lombardia: paziente da Bergamo a Lecce

È in terapia intensiva al Fazzi. Altri due sono stati accompagnati da un volo militare a Bari, uno di loro non ce l’ha fatta ed è deceduto durante il trasporto”

Pubblicato

il

La Puglia ha dato la sua disponibilità ad accogliere due pazienti da Bergamo che necessitano di essere ricoverati in terapia intensiva per alleviare il peso specifico di un sistema sanitario, quello lombardo, vicino al collasso.

Uno di loro è stato ricoverato presso il “Vito Fazzi” di Lecce, l’altro al policlinico di Bari.

A dire il vero i pazienti dovevano essere tre ma uno di loro purtroppo, nel frattempo, è deceduto.

La notizia era stata anticipata dal presidente Emiliano su facebook questa notte: “Hanno richiesto la disponibilità a tutte le regioni italiane per spostare 50 pazienti dalla Lombardia che hanno bisogno della terapia intensiva. Ho dato la nostra disponibilità”.

Riguardo a quanto avvenuto nel trasferimento a Bari il il direttore del Policlinico di Bari Giovanni Migliore ha speigato: “A trasportarli è stato un volo C130 dell’Aeronautica militare atterrato alle 5.15 all’aeroporto Karol Woytjila di Bari. Uno dei due pazienti durante le fasi di trasporto è andato in arresto cardiaco e, nonostante le manovre dei rianimatori fatte sulla pista di atterraggio, è deceduto. L’altro paziente, invece, è stato trasportato da un’ambulanza del servizio regionale di 118 nel reparto di Rianimazione Covid allestito all’interno del padiglione Asclepios del Policlinico di Bari”.

Riguardo al terzo paziente, quello “accolto” a Lecce, il direttore del dipartimento Politiche per la salute Vito Montanaro ha confermato che “un terzo paziente è stato trasportato dalla Lombardia in Puglia ed è attualmente ricoverato al reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Vito Fazzi”.

 

 

Attualità

Muro Leccese: aiutiamo Gianpiero

L’appello dei figli: “Lotta da due anni contro un raro tumore al cervello. In Germania è possibile un intervento presso l’International Neuro Science Institute di Hannover che può restituirgli la vita…”

Pubblicato

il

Come per il caso di Andrea il 35enne magliese che è stato operato con successo ad Hannover (in quel caso la campagna di raccolta fondi fu lanciata dalla fidanzata Giovanna di Corigliano d’Otranto) anche Francesco e Stefano di Muro Leccese, lanciano una campagna di raccolta fondi su gofundme per aiutare il papà Gianpiero.

Siamo Francesco e Stefano”, scrivono nel loro appello, “il nostro papà Gianpiero lotta da due anni contro un male che ora mette in pericolo la sua vita. Si tratta di un raro tumore al cervello che in Italia non trova rimedi efficaci. In Germania, invece, è possibile un intervento presso l’International Neuro Science Institute di Hannover che può restituirgli la vita. Per questo chiediamo il vostro aiuto economico, per affrontare i costi dell’intervento che serve a salvare il nostro papà Gianpiero. Aiutateci!”.

Chiunque voglia aiutare Gianpiero e raccogliere l’appello di Francesco e Stefano può utilizzare l’iban: IT45Q0526279720CC0030401810;

intestatario Grande Emilio

(Indicare nella causale DONAZIONE AIUTIAMO GIANPIERO)

 

Continua a Leggere

Attualità

Contagio sempre contenunto in Puglia, altro “zero” per la provincia di Lecce

Nove casi in Puglia e tasso di positività dello 0,44%. Altro decesso con covid in provincia di Lecce

Pubblicato

il

Dopo il reintegro di vecchi casi inseriti nelle comunicazioni di ieri torna ai valori standard degli ultimi giorni il bollettino epidemiologico regionale.

Sono 9 i casi positivi in tutta la regione (7 nel brindisino) su 2.036 test registrati con un tasso di positività dello 0,44%. Per quanto riguarda i tamponi positivi in provincia di Lecce incassiamo un altro incoraggiante “zero” in casella.

Sono stati registrati purtroppo altri 4 decessi con covid in Puglia, di cui uno nella nostra provincia.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 101.738 test.

Sono 2.157 i pazienti guariti mentre sono 1.805 i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio della pandemia è di 4.448 di cui 511 nella Provincia di Lecce.

BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 23 MAGGIO

Continua a Leggere

Attualità

Il Governatore: «Regalo di nozze a chi non rinvia il matrimonio»

Wedding ed Entertainment. Il presidente Emiliano promette supporto e soluzioni. Avviato tavolo tecnico di lavoro del comitato tecnico scientifico

Pubblicato

il

«Quello che stiamo facendo oggi, insieme, rappresenta uno sforzo enorme per tutti noi. Oltre 60 persone collegate tra rappresentanti di diversi settori della ristorazione, del wedding, dell’entertainment. Siamo consapevoli che tutte le decisioni da prendere in questa fase 2 devono essere prese dal basso, condividendole con tutti coloro che poi dovranno metterle in pratica. Altrimenti qualunque soluzione è sbagliata, anche la più giusta di tutte. La riunione di oggi serve anche a trovare un metodo di lavoro, perché è la prima volta che anziché ragionare con dirigenti della sanità, delle attività produttive o della cultura, io sto ragionando con i cittadini che, sebbene siano portatori di un interesse specifico, per il loro prestigio professionale, sono in grado di aiutarmi a capire qual è il punto di equilibrio dell’interesse generale rispetto all’ esercizio delle loro attività». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia aprendo i lavori in videoconferenza del tavolo di lavoro del comitato tecnico scientifico che dovrà sancire regole e comportamenti per la ripresa in Puglia delle attività di ristorazione, tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie e degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie, nelle aree di servizio e rifornimento carburante, wedding ed entertainment.

È così iniziato il lavoro di confronto e di consultazione (che poi proseguirà con tavoli ristretti e dedicati a ciascun settore) con tutte le associazioni di categoria che poi il Comitato tecnico scientifico deve tradurre in linee guida regionali, con tutte le prescrizioni necessarie di misure igienico-sanitarie sia per gli esercenti che per i clienti. Il Comitato accompagnerà per un anno la Puglia in questo lavoro di monitoraggio, sottoponendo quindi a verifica tutto quello che accade in piena libertà, producendo atti e documenti.

Il tavolo tecnico scientifico lo ha istituito il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, nominandone anche i componenti, a titolo gratuito, che saranno in carica per un anno e rinnovabili.

SUL WEDDING

Il governatore si è soffermato in particolare sulle «grandi cerimonie e sui gestori delle grandi sale di ricevimento», oltre che sull’entertainment: «Da questo punto di vista», ha detto, «ci sono questioni epidemiologiche molto importanti. Ecco perché pensiamo che questo settore particolare del wedding possa avere bisogno di un piano straordinario di sostegno. Convincere le persone a non rimandare il matrimonio all’anno prossimo, potrebbe essere importante. Se noi riuscissimo a gestire un aiuto concreto alle coppie che si vogliono sposare, inducendole a fare l’investimento generale, sarebbe perfetto e auspicabile. Insomma anche la Regione Puglia partecipa al regalo di nozze per i giovani sposi».

L’ENTERTAINMENT

«Anche per quanto riguarda l’entertainment», ha proseguito il presidente, «occorre mettere in campo misure di difesa perché questo settore ha costi (a prescindere dal funzionamento) molto, molto elevati. Temo che questo settore, con un fatturato di centinaia e centinaia milioni di euro, debba oggi investire soldi sulla riattivazione stessa del settore. La Regione Puglia è disponibile a realizzare con voi tutte le misure che siano immaginabili per il sostegno prima e per il rilancio dopo, di questi settori».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus