Connect with us

Collepasso

La Regione “si adegua”: ok agli assorbenti dopo le 18 nei supermercati

Pubblicato

il


Ha sollevato un gran polverone la storia di Alessia, studentessa di Collepasso che si è vista negare la possibilità di comprare assorbenti in un market perché passate le 18 (le sarebbe addirittura stato detto di dover dimostrare di avere il ciclo).





Sul sito della Regione, tra le Faq (le domande frequenti), è spuntata in queste ore una nuova indicazione: per i supermercati sarà possibile vendere gli assorbenti anche la deadline delle 18 che limitava già la vendita solo ad alcune attività.




Il decreto col quale Emiliano ha imposto la zona rossa rafforzata, infatti, permetteva solo la vendita di generi alimentari, benzine, tabacchi e l’apertura di farmacie e parafarmacie.


Alessano

Strade da rifare: ecco quanto arriva ad ognuno dei Comuni

Cento milioni per le strade pugliesi. L’ammontare del finanziamento paese per paese. Ogni Comune riceverà il contributo calcolato sulla base di due criteri: il 55% sulla base della popolazione residente; il 45% sulla base dell’estensione territoriale

Pubblicato

il

Si è spesso discusso della difficoltà (eufemismo) dei Comuni a riassestare le disastrate vie dei nostri paesi per l’assenza totale di finanziamenti dedicati dopo lo stop al contributo statale.

Ora la svolta perché parlare di vie disastrose sarà anche poco… intellettuale ma è esattamente ciò in cui ci imbattiamo ogni santo giorno.

È notizia di questi giorni che la Regione Puglia, ha stanziato 100 milioni di euro da distribuire ai Comuni pugliesi con un contributo a fondo perduto.

Con quei soldi si punta a rendere più sicure le strade (almeno una parte di loro) martoriate da buche di ogni forma e dimensione, spesso anche causa di incidenti e molte volte di cadute e infortuni delle persone, con ulteriore dolore e indubbio danno ulteriore sui bilanci comunali (quando si dice la beffa oltre il danno!).

Ogni Comune riceverà il contributo calcolato sulla base di due criteri: il 55% sulla base della popolazione residente; il 45% sulla base dell’estensione territoriale.

Il contributo in euro per ognuno dei centri della provincia di Lecce

Alessano 153.063,69

Alezio 117.632,05

Alliste 145.076,34

Andrano 101.093,42

Aradeo 146.180,71

Arnesano 86.807,02

Bagnolo del Salento 40.674,99

Botrugno 59.668,70

Calimera 121.032,20

Campi Salentina 244.529,43

Cannole 70.083,25

Caprarica di Lecce 57.858,77

Carmiano 219.264,60

Carpignano Salentino 164.349,25

Casarano 363.709,89

Castrì di Lecce 68.847,50

Castrignano dei Greci 74.728,62

Castrignano del Capo 120.272, 56

Castro 43.042,22

Cavallino 227.261,63

Collepasso 109.797,90

Copertino 461.645,24

Corigliano 144.711,41

Corsano 94.421,89

Cursi 74.887,73

Cutrofiano 253.227,52

Gagliano del Capo 108.540,99

Galatina 554.851,39

Galatone 319.122,65

Gallipoli 376.525,46

Giuggianello 39.719,33

Giurdignano 59.252,83

Guagnano 165.181,63

Lecce 1.860.880,43

Lequile 204.058,50

Leverano 307.110,31

Lizzanello 221.119,42

Maglie 245.468,18

Martano 173.459,42

Martignano 37.261,14

Matino 217.478,36

Melendugno 329.756,14

Melissano 124.632,33

Melpignano 55.904,84

Miggiano 65.417,63

Monteroni 228.774,45

Montesano Salentino 56.121,83

Morciano di Leuca 75.115,80

Muro Leccese 106.303,03

Nardò 872.910,91

Neviano 108.058,81

Nociglia 56.113,05

Novoli 149.262,32

Ortelle 55.543,01

Otranto 258.849,30

Palmariggi 40.551,50

Parabita 170.857,65

Patù 42.856,13

Poggiardo 128.215,49

Porto Cesareo 167.574,19

Presicce-Acquarica 232.832,09

Racale 206.009,92

Ruffano 223.702,72

Salice Salentino 249.853,91

Salve 139.471,34

San Cassiano 47.812,32

San Cesario di Lecce 129.748,65

San Donato di Lecce 126.923,76

San Pietro in Lama 67.243,08

Sanarica 50.309,42

Sannicola 143.480,78

Santa Cesarea Terme 102.595,94

Scorrano 176.090,05

Seclì 45.845,87

Sogliano Cavour 67.478,75

Soleto 144.229,05

Specchia 122.480,87

Spongano 77.754,21

Squinzano 259.249,10

Sternatia 69.495,59

Supersano 143.100,52

Surano 42.642,69

Surbo 250.933,12

Taurisano 215.164,69

Taviano 213.988,17

Trepuzzi 249.787,37

Tricase 339.814,24

Tuglie 91.376,36

Ugento 401.134,49

Uggiano La Chiesa 93.888,07

Veglie 333.688,49

Vernole 237.686.01

Zollino 49.305,41

Continua a Leggere

Casarano

Droga, truffe, evasioni e… una festa di battesimo in zona arancione!

Due arresti e 20 denunce ad opera dei carabinieri della Compagnia di Casarano nell’ambito della propria giurisdizione. Il dettaglio delle operazioni condotte dai militari dell’Arma tra Supersano, Ugento, Ruffano, Casarano, Collepasso, Taviano, Melissano e Parabita

Pubblicato

il

A Taviano i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un pregiudicato del posto: già sottoposto al regime di detenzione domiciliare per altra causa, è stato più volte sorpreso da quei carabinieri violare le prescrizioni imposte dalla misura. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Lecce.

Cinque denunce ad Ugento

Deferito un uomo ritenuto responsabile del furto di 25 infissi e vario materiale ferroso, perpetrato all’interno dell’area ex-canile di proprietà privata.

Nei guai un’altra persona che, nonostante l’obbligo di dimora nel Comune di Ugento, è stata sorpresa, in due circostanze, violare il divieto di uscire dalla propria abitazione dalle ore 21 alle ore 6.

Infine denunciato un uomo, ritenuto responsabile di aver posto in essere reiterate vessazioni e minacce nei confronti della moglie, motivo per cui l’autorità giudiziaria ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima.

Infine deferito un uomo che, alla guida propria autovettura, a seguito di un incidente stradale con altro autoveicolo, ha omesso di fermarsi e prestare assistenza ai feriti, dandosi alla fuga.

Denuncia anche per un uomo sottoposto al regime degli arresti domiciliari, che ad un controllo non è stato trovato presso la sua abitazione.

Eroina e cocaina in casa

A Supersano dopo la una perquisizione domiciliare eseguita con il supporto di una unità cinofila denunciato un uomo sorpreso detenere quattro dosi contenenti complessivi  3,42 grammi di eroina e 0,5 grammi di cocaina.

Alla guida in stato di ebbrezza

A Ruffano deferito in stato di libertà un coinvolto in un incidente stradale: era in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuta al consumo di sostanze stupefacenti. Sottoposto ad accertamenti sanitari è risultato positivo all’uso di cannabinoidi.

Truffa alle assicurazioni

A Taurisano i carabinieri della locale stazione hanno smascherato cinqeu persone, 4 uomini ed una donna,  che in due distinte occasioni, al fine di truffare le compagnie assicurative, hanno simulato incidenti stradali.

Smascherati truffatori a Collepasso

I carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà un uomo che, alla guida propria autovettura, ha tentato la truffa dello specchietto ai danni di un anziano.

Altri due uomini denunciati, perché, in concorso tra loro, mediante raggiro, hanno indotto una ragazza a corrispondere la somma di 240,16 euro, tramite ricarica postepay, quale falso premio assicurativo Rca rendendosi poi irreperibili.

Ancora a Collepasso i carabinieri hanno arrestato un uomo poiché ritenuto responsabile di violenza o minaccia a pubblico ufficiale. I fatti risalenti al 5 marzo del 2011 e avvenuti a Casarano. L’uomo dovrà scontare la pena residua di  6 mesi di reclusione ed è giù ai domiciliari.

Tre uomini denunciati a Parabita

A Parabita denunciato un uomo poiché, in qualità di custode giuidiziale del proprio ciclomotore, già sottoposto a sequestro per violazione alle norme del codice della strada., non potendo fornire ai carabinieri giustificazioni in merito al mancato ritrovamento del mezzo nel luogo di custodia, ha formalizzato una falsa denuncia di furto.

Un uomo sottoposto alla misura detenzione domiliare, denunciato per non aver ottemperato le prescrizioni imposte dall’a.g., avendo frequentato persone gravate da precedenti penali.

Denunciato infine, un uomo, sottoposto   all’obbligo di presentazione alla p.g., per violazione delle prescrizioni imposte dalla misura.

In breve

A Casarano deferito in stato di libertà un uomo sorpreso durante una perquisizione veicolare a detenere 1,04 grammi di cocaina suddivisa in 4 dosi.

A Melissano ancora un denuncia per droga: medianyte la perquisizione domiciliare a casa di un uomo del posto i carabinieri hanno rinvenuto 1,12 grammi di cocaina, un bilancino di precisione, materiale vario per confezionamento nonché  un coltello serramanico e due proiettili cal.45.

Inoltre i Carabinieri di Casarano hanno segnalato alla Prefettura due giovani per “uso non teurapeutico di sostanze stupefacenti

Sanzionato, per mancato rispetto normativa covid prevista per la “zona arancione” il titolare di un ristorante di Taviano e 15 avventori intenti a festeggiare un battesimo, elevando sanzioni per un importo 6.400,00 euro.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Sicurezza sul lavoro, «Mai abbassare la guardia»

Domani Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro. Pochi giorni fa la morte in un cantiere dell’operaio trentenne di Collepasso. Il segretario territoriale della Cisl Lecce, Donato Congedo: ««Non si può morire di lavoro né sul posto di lavoro!»

Pubblicato

il

Il 28 aprile si celebra la Giornata Mondiale della salute e sicurezza sul lavoro, una ricorrenza istituita nel 2003 dall’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro).

Quest’anno si ricorderanno le migliaia di decessi che quotidianamente si verificano sui luoghi di lavoro, anche nel corso di una pandemia che non può considerarsi superata.

Al contrario, dobbiamo invece riflettere su quanto sia accaduto negli ultimi 12 mesi proprio a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e su come sia cambiato il mondo che ci circonda.

«Vogliamo che questa sia una giornata di ricordo e di ringraziamento per chi ha combattuto il virus da eroe, magari senza volerlo essere», ha evidenziato il segretario provinciale della Cisl, Donato Congedo, «e di chi in piena pandemia non ha smesso per un giorno di svolgere doverosamente il suo mestiere. Vogliamo dire grazie a medici, infermieri, oss, personale sanitario (per davvero e senza retorica in prima linea),uomini e donne delle forze dell’ordine, personale scolastico, operai, impiegati, cassiere e

cassieri, addetti alle pulizie, badanti, autotrasportatori. Tutte categorie coraggiosamente esposte, che spesso hanno pagato un prezzo altissimo in termini di incolumità per la loro vita e quella dei propri cari.

I dati dell’Inail

L’analisi sui dati rilevati dall’INAIL al 31 dicembre 2020, riferiti alle denunce dello scorso anno, conferma l’impatto dell’emergenza Coronavirus sull’andamento infortunistico.

Sono 554.340 gli infortuni sul lavoro complessivamente denunciati all’INAIL nel 2020 e 1.270 quelli con esito mortale.

Se i decessi in itinere, occorsi cioè nel tragitto di andata e ritorno tra l’abitazione e il luogo di lavoro, sono diminuiti di quasi un terzo, da 306 a 214, quelli in occasione di prestazione lavorativa sono, invece, aumentati del 34,9% da 783 a 1.056.

Quasi un quarto delle denunce e circa un terzo dei decessi sono dovuti al contagio da COVID-19.

Tra i settori economici della gestione Industria e Servizi, quello della Sanità e Assistenza Sociale si distingue per il forte incremento delle denunce di infortunio in occasione di lavoro, che in quasi tre quarti dei casi hanno riguardato il contagio da Coronavirus.

L’aumento è del +206% su base annua (da circa 27.500 casi del 2019 agli oltre 84mila del 2020) con punte superiori al +750% a novembre e tra il +400% e il 500% a marzo, aprile, ottobre e dicembre, nel confronto con i mesi dell’anno precedente.

Il quadro pugliese

Il quadro generale non cambia se osserviamo la situazione solo in Puglia.

Le denunce di infortunio sul lavoro da COVID-19, per il periodo gennaio 2020-gennaio 2021, sono state 5.245 di cui 25 con esito mortale.

Quello che però desta preoccupazione è il dato relativo ai

primi 2 mesi dell’anno in corso.

Sono 104 le persone che hanno perso la vita sul posto di lavoro, oltre 50 al mese e più di 12 alla settimana.

La Puglia, di queste vittime, conta 8 decessi.

L’ultimo dei quali è avvenuto purtroppo nella nostra provincia un paio di settimane fa.

Si chiamava Luca Sedile, aveva 30 anni ed era un operaio edile di Collepasso. Ha perso la vita a causa delle gravissime lesioni riportate alla testa mentre era intento a lavorare in una villa privata. Luca era uscito di casa la mattina del 12 aprile 2021 dopo aver salutato i propri cari senza immaginare che non avrebbe più fatto ritorno.

«Non si può morire di lavoro né sul posto di lavoro», ha tuonato Congedo, «oltre ad una prevenzione sempre più efficace e attenta per i rischi da tempo conosciuti, oggi stiamo assistendo a profondi cambiamenti nei nostri luoghi di lavoro e nei modi di lavorare. Abbiamo quindi bisogno di sistemi per la sicurezza e la salute che riflettano queste nuove situazioni, insieme ad una cultura generale della prevenzione che crei una responsabilità condivisa. Si dovrebbe, finalmente », conclude il segretario territoriale della Cisl Lecce, «prendere in considerazione la raccomandazione della Commissione Mondiale dell’OIL sul Futuro del Lavoro, che chiede che la sicurezza e la salute dei lavoratori siano riconosciute come diritto e principio fondamentale sul lavoro».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus