Connect with us

Cronaca

L’addio a Raffaele Carrabba, CIA Puglia: «Dolore grandissimo, uomo eccezionale»

Dal 2014 era il presidente regionale dell’organizzazione sindacale degli agricoltori. Sanseverese, imprenditore agricolo, per oltre 40 anni una guida nelle lotte del comparto primario. Nonostante la salute precaria, aveva guidato le ultime mobilitazioni a Bari, Lecce, Andria e Roma. D’Amico (vicepresidente): “Capacità esemplare di unire”. Lolatte (direttore): “Un innovatore”

Pubblicato

il

«Raffaele Carrabba, presidente regionale di CIA Agricoltori Italiani della Puglia, ci ha lasciato. È un grande dolore per tutti noi, oltre che una grave perdita per il mondo agricolo pugliese».


È Giannicola D’Amico, vice presidente CIA Puglia, a darne notizia: «Ci stringiamo attorno ai suoi familiari in questo momento di dolore, esprimendo il nostro più profondo cordoglio ai suoi cari, a quanti lo hanno conosciuto e apprezzato come uomo e sindacalista. Per 40 anni, da prima che nel 1985 diventasse presidente della CIA di San Severo, Raffaele Carrabba si è battuto da agricoltore per gli agricoltori, con una capacità davvero esemplare di unire le forze più attive e sensibili del mondo agricolo e di farsene portavoce risoluto e lungimirante con le controparti, difendendo le istanze di un comparto di cui era orgoglioso e del quale conosceva profondamente le problematiche e le potenzialità. Per noi, la sua è stata una guida sicura, autorevole, capace di uno sguardo lungo e di una visione complessiva su tutta la Puglia. Era apprezzato e ben voluto non solo nella nostra regione, ma anche in tutta Italia come membro della Giunta nazionale di CIA Agricoltori Italiani da ben 7 anni a questa parte. Voglio ringraziarlo con tutto il cuore per gli insegnamenti che ha trasmesso a me e a tanti dirigenti della nostra organizzazione, non potrò mai dimenticare la fiducia che mi ha accordato, il suo sostegno, la forza che riusciva a infondere in ognuno di noi nei momenti più critici e complessi del nostro impegno. Tutto questo ci mancherà enormemente».


Raffaele Carrabba, nato il 23 gennaio 1955 a San Severo (Fg), era un agricoltore.


Sostenitore ante-litteram della necessità di puntare sull’aggregazione delle imprese agricole, dal 1988 al 2000 è stato presidente della Società Cooperativa Agricola “Torretta Zamarra” di San Severo.


Nel 1999 fu eletto consigliere comunale della sua città. Dal 2005 era vicepresidente del Consorzio di Bonifica della Capitanata.


Nel 2010, divenne presidente di CIA Capitanata e vicepresidente regionale di CIA Puglia. Da gennaio 2014, fino all’ultimo dei suoi giorni, è stato presidente regionale di CIA Agricoltori Italiani della Puglia, oltre che membro della giunta camerale della Camera di Commercio di Foggia.

«Assieme alla grande famiglia CIA Puglia», ha ricordato il direttore regionale Danilo Lolatte, «Raffaele Carrabba è stato protagonista di una stagione eccezionale di innovazione e rafforzamento della nostra organizzazione sindacale degli agricoltori. Nel suo testamento morale ci lascia una lezione fondamentale, vale a dire l’obbligo di non perdere mai dal nostro orizzonte ideale e pratico la necessità di unire il mondo agricolo, di lottare quotidianamente per una forte unità d’intenti sia all’interno della nostra organizzazione sindacale sia all’esterno per dare più forza alle istanze del comparto primario nelle sue rivendicazioni con le istituzioni e con tutti gli attori dello sviluppo sociale, culturale ed economico».


Nonostante le sue condizioni di salute non fossero buone da un po’ di tempo, Raffaele Carrabba aveva guidato ed era stato presente in tutte le più importanti manifestazioni di mobilitazione del mondo agricolo svolte sul territorio negli ultimi anni.


Mobilitazioni che, fino a prima che scoppiasse l’emergenza della pandemia, avevano portato migliaia di olivicoltori e di agricoltori di ogni settore a rivendicare maggiore sostegno al comparto con mobilitazioni a Bari, Andria, nel Salento e a Roma, quando CIA Agricoltori Italiani riuscì a ottenere il “Si” definitivo dall’allora ministro all’Agricoltura Centinaio al fondo di 300 milioni per il Piano di rilancio del settore olivicolo colpito duramente dalla Xylella.


«Nel suo nome, forti del suo esempio, continueremo a lottare per il rilancio e lo sviluppo dell’agricoltura in Puglia», ha concluso Giannicola D’Amico.


Cronaca

Infezione fatale per 18enne dopo vacanza in Salento: indagine in corso

Il ragazzo era rientrato in Trentino dopo aver trascorso alcuni giorni nella zona di Otranto: Procura ed Asl di Lecce al lavoro per dare risposte alla magistratura di Trento

Pubblicato

il

Un ragazzo appena maggiorenne è morto a Trento per una infezione che, secondo primi riscontri, avrebbe contratto in un recente viaggio in Salento.

Paolo Rizzoli, 18 anni, è venuto a mancare pochi giorni fa nell’ospedale trentino di Santa Chiara. Era appena rientrato nel suo paese, Lavis in provincia di Trento, dopo aver trascorso quasi una settimana in provincia di Lecce. Tra il 12 ed il 18 settembre aveva alloggiato in un b&b della zona di Otranto.

A pochi giorni dal rientro a casa, i primi sintomi di quella che, col passare delle ore, si è rivelata essere un’infezione fatale, determinata dall’escherichia coli, un batterio tra i più pericolosi.

Infezione che, secondo quanto ricostruito dai medici, sarebbe di natura alimentare e che, stando alle tempistiche, il ragazzo avrebbe con tutta probabilità contratto in Salento.

La Procura di Trento ha aperto un’indagine per omicidio colposo, coinvolgendo nell’inchiesta la Procura di Lecce che, per competenza territoriale, è al lavoro per ricostruire i movimenti del giovane turista nei suoi giorni di vacanza. I luoghi visitati, i posti dove avrebbe mangiato in Salento ed i contesti in cui potrebbe aver ingerito alimenti fonti di contaminazione.

A questo lavora in queste ore anche l’Asl di Lecce, nel tentativo di dare spiegazioni ad un decesso che, come un fulmine a ciel sereno, ha colpito improvvisamente non solo una famiglia ma una intera comunità che, dopo aver già salutato Paolo per l’ultima volta, attende ansiosa risposte.

Continua a Leggere

Cronaca

Il governatore di Distretto in visita al Rotary Club Tricase Capo di Leuca

L’evento occasione per accogliere nuovi ingressi e dare risalto all’impegno sociale di alcune associazioni

Pubblicato

il

Ospite speciale questa settimana in visita al Rotary Club Tricase Capo di Leuca: Nicola Maria Auciello, governatore del distretto 2120 (nel quale ricadono 57 club tra Puglia e Basilicata).

L’evento, dopo la relazione del Presidente Dante De Giorgi e del Governatore, è stato occasione per presentare l’operato della consorte del Governatore, la signora Anna, a favore dell’associazione di volontariato ABC di Foggia.

Una associazione che dal 1994 promuove interventi di sostegno per bambini e adulti con problemi psichici appartenenti a famiglie indigenti, assicurando un aiuto concreto e disinteressato alle loro famiglie nello svolgimento delle terapie riabilitative e nell’organizzazione di iniziative finalizzate al benessere psico-fisico e sociale dei diversamente abili.

Inoltre, la serata ha visto tenersi anche la cerimonia di presentazione della nuova socia Chiara Buffelli, proveniente dal Rotaract di Lecce, dove ha svolto con grande capacità incarichi direttivi.

La Buffelli è stata cooptata dal segretario Mario Stefanelli e ha ricevuto le insegne del Rotary Club Tricase Capo di Leuca dal Governatore del Distretto 2120.

Al gruppo ciclistico ASD MTB Tricase la consegna di una targa da parte del socio Andrea Piscopiello.

Riconoscimento per l’impegno del gruppo MTB nella riscoperta, nel recupero e nella manutenzione sul territorio dei vecchi tratturi, nonché nella salvaguardia dei fabbricati rurali e nella realizzazione di mappe cartacee e sui circuiti online.

Continua a Leggere

Cronaca

Giù dalla moto dopo schianto con auto: soccorsi alle porte di Tricase

Sinistro lungo la provinciale per Lucugnano: strada chiusa al traffico per un’ora per permettere intervento 118 e rilievi

Pubblicato

il

Incidente stradale in serata alla periferia di Tricase tra un’auto ed una moto.

Il sinistro è avvenuto poco dopo le 20 lungo la strada provinciale per la frazione di Lucugnano.

Qui, all’uscita dal centro abitato tricasino, in corrispondenza con l’incrocio su cui insiste il Distaccamento dei Vigili del Fuoco, l’impatto tra i due mezzi ha fatto rovinare a terra il conducente della moto.

Immediati i soccorsi prestati al malcapitato, unico ferito nell’incidente, che, pochi minuti dopo, è stato raggiunto dal 118. L’ambulanza lo ha trasportato presso l’ospedale “Cardinale Panico” in codice giallo.

Il tratto di provinciale interessato è stato interdetto al traffico per circa un’ora. Dapprima per permettere le operazioni di soccorso, poi per procedere ai dovuti rilievi ed infine per rimettere in sicurezza l’area.

Molti i mezzi in transito che, una volta giunti sul luogo dell’incidente, si sono visti costretti a cambiare percorso e fare dietrofront dinanzi le pattuglie del 112 che sbarraravano la strada.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Tricase e gli agenti della polizia locale, liberi da servizio. La dinamica non è al momento nota.

Lor. Zito

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus