Connect with us

Cronaca

Lavori per 3 milioni dichiarati ultimati, ma l’Asl di Martano era ancora un cantiere: 2 arresti

Pubblicato

il


Avrebbero dovuto sorgervi le postazioni del 118, del Sert, della Guardia Medica e del Centro Dialisi. Ma nel Poliambulatorio di Martano non è stato realizzato nulla di tutto ciò.





Due arresti per i lavori finanziari con 4 milioni ma mai realizzati: le accuse sono di peculato, falso e abuso d’uffici.





È bufera attorno al polo sanitario della Grecìa Salentina, interessato da un progetto di ampliamento approvato già nel 2009 e poi rendicontanto in spese da 3 milioni e 200mila euro nel 2015, fino ad arrivare al 2017 quando l’Asl di Lecce presentava il tutto come “completo e funzionante” alla Regione ma nella realtà era ancora poco più che un cantiere.





Anni di indagini, di rinvii, di polemiche che han visto coinvolto il PD di Martano e che portarono anche Striscia la Notizia a puntare la lente sulla Cittadella sanitaria martanese.




Ora scattano i domiciliari per i due funzionari ritenuti responsabili della gestione del progetto e dei lavori: Antonio Leo, 57enne di Soleto, direttore dei lavori e facente parte l’Area Tecnica Asl, e Fiorenzo Pisanello, 67enne di Lecce, attualmente in pensione, precedentemente responsabile dell’Area Tecnica dell’Asl.





Il terremoto si è ripercosso anche su di una impresa edile: interdetto dall’esercizio dell’attività imprenditoriale il titolare della brindisina Atitecnica85 Francesco Reddavide, 67enne di Adelfia.





L’eco dell’accaduto ha avuto ampia risonanza a livello regionale. Sconcerto tra le principali figure istituzionali per l’assenza di controlli a livello dirigenziale nell’Azienda Sanitaria leccese.


Corigliano

Dalle sterpaglie al deposito: fiamme lambiscono abitazioni sulla Corigliano-Galatina

Pubblicato

il

Temperature alte, una fiammella ed un pizzico di incuria possono innescare in men che non si dica incendi di grande portata e pericolosità.

Sembrerebbero questi i fatali ingredienti che han provocato il rogo divampato questo pomeriggio nelle campagne lungo la strada che da Corigliano porta a Galatina. Gli stessi che, in questi giorni, stanno carbonizzando il Salento dalla costa all’entroterra, costringendo addirittura in alcuni casi i vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce a chiedere il supporto ai colleghi brindisini.

Nell’episodio che vi raccontiamo di quest’oggi, l’erba alta si è incendiata, dando due appezzamenti alle fiamme a poche centinaia di metri dallo stabilimento Colacem. Le lingue di fuoco, sempre più alte, sono avanzate fino a intaccare un deposito adiacente un casolare.

Minacciosa, la nube di fumo si è levata nell’aria, di un colore sempre più scuro. Dopo la vegetazione, infatti, han preso fuoco anche degli oggetti stipati sul posto. Da lì il fumo nero.

Ai vigili del fuoco ed alla protezione civile l’onere di contenere l’incendio. L’intervento, impegnativo, è durato a lungo. Apprensione per alcune abitazioni del posto. Due in particolare sono state lambite dalle fiamme. Per fortuna nessuna conseguenza per le persone.

Continua a Leggere

Cronaca

Covid, sempre meglio

Calano i contagi, ma nel leccese si conta anche un decesso

Pubblicato

il

Anche oggi in Puglia pochi casi: si sono registrati 90 casi positivi su 6.844 test, con una incidenza dell’1,3% (giù dall’1,4% di ieri), il rapporto tamponi/contagi è il più basso degli ultimi sei mesi.

I nuovi positivi in provincia di Lecce sono 24, 20 in provincia di Bari, 16 in provincia di Brindisi, 12 nella provincia Bat, 10 in provincia di Taranto, 6 in provincia di Foggia, 1 residente fuori regione, 1 caso di residenza non nota.

Sono stati registrati 2 decessi, uno in provincia di Lecce e l’altro nel Tarantino.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.597.073 test, mentre sono 235.823 i pazienti guariti.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 252.651 e sono 10.231 i casi attualmente positivi.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 17.6.2021 è disponibile al link: http://rpu.gl/t4l0V

Continua a Leggere

Cronaca

Campagna in fumo a Ruffano, Coldiretti: «Incendio doloso!»

Giovane agricoltore vede andare in fumo capannone, attrezzi, impianto irriguo e prodotti per i campi, 100 quintali di legna eradicata e tutti i suoi sacrifici

Pubblicato

il

Coltivazioni, capannone, attrezzature: tutti i sacrifici andati in fumo in poche ore.

È quanto accaduto ad un giovane agricoltore di Ruffano che per colpa di un incendio divampato in un campo vicino ha perso in poche ore capannone, attrezzi, impianto irriguo e prodotti per i campi, oltre a 100 quintali di legna eradicata che era in procinto di vendere (foto grande in alto, Ansa).

Sulla vicenda è intervenuta Coldiretti Puglia, che ha parlato senza mezzi termini di «incendio doloso».

L’associazione chiede una «maggiore dotazione di uomini e mezzi per gli interventi antincendio, perché la frequenza e la pericolosità degli episodi, oltre a danneggiare le aziende agricole, mettono a repentaglio la sicurezza di cittadini e automobilisti».
«L’incendio, divampato in un campo vicino, si è propagato perimetralmente nel campo del giovane agricoltore di Ruffano che non ha potuto spegnerlo», hanno raccontato da Coldiretti Puglia, «a causa dell’impianto irriguo mangiato dalla fiamme, mentre i Vigili del Fuoco erano impegnati a spegnere un incendio in un campo che costeggia la strada provinciale di Gallipoli, tanto da fermare la circolazione stradale e far invertire la direzione di marcia delle auto che hanno transitato contromano». Il giovane agricoltore è stato soccorso da colleghi della zona che con i trattori e le irroratrici hanno spento le fiamme. In seguito è iniziata la conta dei danni.

«I piromani», evidenzia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia, «stanno devastando le campagne pugliesi da sud e nord della regione, con territorio, ambiente, agricoltura, animali che risultano le prime vittime dei roghi».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus