Connect with us

Attualità

Maglie: 95enne lascia eredità milionaria per il nuovo ospedale

Nessun lusso in tutta la vita dei fratelli Carrapa affinché i loro veri eredi, i cittadini di Maglie, potessero godere al posto di quei figli che non hanno potuto avere

Pubblicato

il

Una donna di 95 anni, passata a miglior vita, lascia 3 milioni di euro in eredità all’Asl leccese, per contribuire alla realizzazione di un ospedale nella zona di Maglie.

Maglie è definita la città delle donne, ciò per la generosità e l’altruismo che molte di loro hanno dimostrato, contribuendo a rendere vivibile e colta la città. Tra le tante donne che hanno lasciato memoria di sé, sicuramente Francesca Capece, Concetta Annesi e Michela Tamborino, hanno tracciato quella strada dell’altruismo, sulla quale poggia la storia di Maglie.

Oggi alle tre grandi signore possiamo aggiungere, a buon diritto, una quarta donna, Vita Carrapa, non aristocratica come le precedenti ma altrettanto generosa, che merita di essere ricordata come la più altruista del XX e probabilmente anche del XXI secolo.


Questa premessa, consente di definire meglio la portata del gesto della signora Vita, deceduta il 15 febbraio scorso, all’età di 95 anni (il 2 giugno ne avrebbe compiuti 96).

Ultima di una famiglia di tre sorelle e un fratello, il signor Paolo, l’unico sposato ma senza figli, rimasto vedovo già da giovane, al quale si può far risalire parte del patrimonio familiare.

Si tratta quindi di un testamento, nel quale la signora Vita dispone (con atto pubblico, davanti al Notaio Giovanni De Donno), l’Azienda Sanitaria Locale Lecce 1, erede universale per la realizzazione, sul territorio di Maglie, di una struttura di cura e di assistenza che dovrà essere intitolata a Paolo Carrapa.


Evidentemente, l’eredità può contribuire alla realizzazione di una struttura più grande e complessa quale la realizzazione del nuovo ospedale, della quale si incominciava già parlare il momento della stesura del testamento, avvenuta nel dicembre 2009.


“La testatrice, ricordando anche la volontà delle sorelle Maria Antonietta e Maria Nicolina e, soprattutto, del fratello Paolo, deceduto nel 2004”, racconta Antonio Giannuzzi, noto in paese anche per la sua attività politica (è attualmente consigliere comunale di opposizione, NdA) “si rivolse al sottoscritto per assisterla perché indicato dal fratello Paolo come persona della quale fidarsi. Ella esprimeva il desiderio di utilizzare l’intero patrimonio per aiutare chi aveva più bisogno, ricordando i tempi difficili della loro giovinezza e demandando sul come adempiere a questo desiderio in modo sicuro e discreto”.


Sulla base di questo proposito, valutammo che la sanità fosse il settore che più di altri consentiva di raggiungere gli obiettivi prefissati.
Così furono presi dei contatti con l’ospedale San Raffaele di Milano, visto che era noto un progetto per aprire una struttura ospedaliera nel Salento: “Dopo aver contattato la direzione scientifica dell’ospedale milanese”, ricorda Giannuzzi, “ci veniva comunicato che era già stabilita l’area, cioè quella di Taranto, dove sarebbe nata la nuova struttura in collaborazione con la Regione Puglia. Alle loro richieste di sostenere quel progetto, si comunicava la nostra indisponibilità, come indisponibili eravamo per utilizzare le risorse, mai comunicate, per la creazione di borse di studio. Tali opzioni, da loro proposte, non avrebbero consentito di raggiungere l’obiettivo che prevedeva come beneficiari i nostri paesani”.

Nell’ottobre 2009, Giannuzzi ha contattato la direzione sanitaria di Lecce, per esporre la possibilità di un lascito per il nuovo ospedale, ma di fronte alla richiesta di documentazione ufficiale, da produrre all’assessorato di Bari, “abbiamo abbandonato perché, come chiariva il notaio, poteva causare l’annullamento dell’atto testamentale”.

Per questo motivo l’opzione scelta è stata quella di un testamento pubblico dove, indefinitamente, la Sig.ra Vita lasciava l’intera disponibilità, compresa la propria abitazione, come detto, alla Asl Lecce 1. La condizione è che l’utilizzo della somma avvenga entro cinque anni dalla pubblicazione del testamento, in caso contrario, delle disponibilità ne beneficerebbe l’Istituto per i Servizi alla Persona per l’Europa (ISPE) di Maglie, per migliorare o ampliare le strutture esistenti.


“Il testamento”, avverte il consigliere comunale, “non è stato ancora pubblicato, aspettando l’ufficializzazione della nomina del direttore generale dell’Asl leccese. Del contenuto, comunque, ho informato, in qualità di fiduciario della defunta sig.ra Vita, l’attuale Commissario, Rodolfo Rollo, del quale sono apprezzate la dettagliata conoscenza del territorio e la competenza nella gestione della sanità salentina, tanto da farci sperare in una sua conferma a direttore generale. Lo stesso dottor Rollo è stato da me informato anche della consistenza del patrimonio che ammonta a circa 3 milioni di euro”. Consistenza dell’importo che “ci obbliga ad una vigilanza accorta, affinché la volontà della testatrice, per conto anche degli altri fratelli, abbia un concreto soddisfacimento, affinché la loro memoria sia onorata nei modi dovuti”.


La loro vita è stata vissuta nel soddisfacimento solo di quanto indispensabile, senza nessun utilizzo delle somme depositate o maturate. Somme che col tempo sono state incrementate, anche per le oculate scelte finanziarie.


“Nessun lusso, in tutta la vita dei F.lli Carrapa”, sottolinea, “affinché i loro veri eredi, i cittadini di Maglie, potessero godere al posto di quei figli che non hanno potuto avere. Speriamo che questa disponibilità, sulla quale può, da subito, disporre l’azienda sanitaria, possa consentire quanto prima, l’inizio dei lavori per la realizzazione del nuovo ospedale. Peccato che lei, la signora vita”, conclude Antonio Giannuzzi, “non potrà vedere la posa della prima pietra. Ci teneva tanto che ciò avvenisse, come se fosse un suo regalo a tutti noi magliesi, prima di morire”.

Giuseppe Cerfeda


Attualità

Casarano: il trionfo della burocrazia, la sconfitta di tutti

Annullata per un cavillo a poche ore dall’inizio “L’Antico Borgo”, presentato come il più grande avvenimento di festa popolare di questo Salento post-Covid. Al palo, Associazione commercianti, gli oltre 70 espositori che già cominciavano a montare i propri stand, i tanti turisti che sarebbero arrivati in navetta e, soprattutto, i casaranesi

Pubblicato

il

Chi è per voi il burocrate?

Ezra Pound li definiva “una malattia. Si suppone che siano necessari, così come si suppone che siano necessarie alla vita certe sostanze chimiche, ma provocano la morte se crescono oltre un certo limite”.

Bene, proprio a Casarano, in questo pazzo, tragicomico weekend, abbiamo visto il trionfo di queste figure così perfettamente descritte dal poeta americano e se da un lato fa amaramente sorridere la pochezza di alcuni atteggiamenti, dall’altro, vestendo i panni di chi quell’affronto lo ha subìto in prima persona, la rabbia, la frustrazione e la voglia di urlare prendono il posto di ogni idea di sorriso benché amaro.

I fatti: nella giornata di mercoledì, gli organizzatori della manifestazione “L’Antico Borgo” (che avevamo presentato come il più grande avvenimento di festa popolare di questo Salento post-Covid) ricevono l’attesa ordinanza con la quale veniva sancita la chiusura al traffico delle aree interessate alla manifestazione, tra cui ovviamente il centro storico, potendo quindi dare il via al rush finale in cui si potevano concretamente realizzare tutto ciò che in oltre due mesi di progettazione ci si era approntati a fare.

Già venerdì sera (la vigilia di un evento che, come detto, coinvolgeva centinaia di persone con tanti soldi investiti) le prime richieste che si potrebbero definire strane, o anomale (anche se perfettamente legittime perché, ricordatelo sempre: il burocrate ha sempre la ragione dei cavilli burocratici dalla sua parte).

Erano state vietate quindi le visite ai frantoi ipogei (pazienza…), erano state richieste le documentazioni relative agli artisti di strada (ovviamente immediatamente reperite perché gli artisti di strada sono dei professionisti in regola e non più i guitti ed i saltimbanchi del medioevo) ed altre evidenze tutte nottetempo regolarmente reperite ed inviate via PEC.

Intorno all’una di sabato, però, a sole tre ore dall’inizio della manifestazione, con le navette già pronte per andare a prelevare i turisti dai villaggi vacanze, con i 70 espositori provenienti anche dal brindisino che cominciavano a montare i propri stand, il colpo di scena che ogni burocrate sogna di poter mettere in pratica almeno una volta nella propria carriera: fermare tutto con la sola imposizione della propria firma!

Tutto annullato! Autorizzazione revocata! Niente più possibilità di chiudere al traffico veicolare il centro storico e di conseguenza: nessun percorso pedonale possibile fra gli stand ed i numeri degli artisti; in due parole manifestazione a… peripatetiche.

Oltretutto, con la codardia che contraddistingue ogni buon burocrate, il provvedimento non viene nemmeno anticipato agli organizzatori che, ignari, proseguono per altre due ore (nel torrido pomeriggio del 1° agosto) ad organizzare, fino a quando i volontari della protezione civile vengono a sapere dai vigili la variazione del programma; ovviamente, alle due del pomeriggio di un sabato d’agosto, è impossibile parlare con il burocrate che con cotanta solerzia ha firmato il provvedimento di revoca.

«Hanno sospeso tutto per via del Covid»; «No, hanno sospeso tutto perché la Commissaria Prefettizia non sapeva nulla»; e anche (giusto per buttarla giù in politica che non guasta mai) «colpa del sindaco!”, (anche se questo evento lo aveva messo a calendario, sponsorizzato e oltretutto si era dimesso più di due settimane prima).

Queste le opinioni della gente comune mentre gli organizzatori non sapevano nemmeno loro cosa dire ed hanno anche cercato di mantenere il più possibile bassi i toni di una rabbia che nelle ore montava e lasciava temere il peggio.

Leggendo attentamente l’ordinanza del settore VI, a firma di tal Stefania Giuri (che si suppone non abbia certo agito lasciando allo scuro la neo Commissaria Prefettizia), il vero motivo è una carenza segnalata dal responsabile del settore IV che segnala al responsabile del settore VI che la SCIA non è completa di cui alla nota PEC che al mercato mio padre comprò… in poche parole: il trionfo, l’apoteosi della burocrazia.

Così i commercianti, i loro sacrifici, il loro lavoro di notte o sotto al sole, l’aver trascurato i propri interessi (ed averci rimesso anche dei soldi), gli espositori giunti da lontano, gli sponsor… nulla hanno potuto di fronte al potere di una così importante firma.

Qualcuno paventa l’ipotesi di costituirsi parte civile in un ipotetico ed improbabile procedimento giudiziario ma sarebbero tempo e soldi sprecati perché il burocrate, sappiatelo, difeso dai mille cavilli della sua autoreferenziale burocrazia, ha sempre ragione.

All’Associazione Commercianti una sola raccomandazione: nonostante tutto, non perdete l’entusiasmo, sarebbe un peccato per Casarano.

Antonio Memmi

Continua a Leggere

Attualità

Vacanze vip: atteso George Clooney

Pubblicato

il

Si temeva potesse essere una estate in lockdown, invece è diventata una estate pienissima.

Per il Salento e la Puglia in particolare. Già indicata come meta favorita e ritenuta più sicura dai turisti, la cara vecchia Apulia non conosce ostacoli in tema turismo e quest’anno è gettonata come non mai.

Il Tacco poi, in particolar modo, è sogno del turista di ogni caratura. Fiore all’occhiello della vacanza tutta italiana: non solo quella “di prossimità” ma anche quella di lusso.

Che ospiti

Lo dimostrano eventi ed ospiti di portata mondiale, quali la Cruise Dior di luglio o l’arrivo di personalità di fama nazionale ed internazionale.

Uno dei più grandi che potrebbe far capolino in terra nostrana è George Clooney. Lo racconta La Gazzetta del Mezzogiorno che, nell’annoverare i nomi di chi ha già assaporato o sta per assaporare mare e terra leccesi (Raoul Bova, Mara Venier, i Ferragnez, Bono, Gianni Morandi, Giorgia, ecc), riporta delle indiscrezioni sul molto probabile sbarco di uno dei più grandi sex symbol hollywoodiani.

Il suo arrivo in Italia è dato per certo. Ancora un po’ di mistero resta sulle sue mete in giro per lo Stivale. Ma i più informati si sbilanciano e lo attendono già in uno dei due aeroporti pugliesi.

Continua a Leggere

Attualità

Cinque nuovi positivi in provincia: il bollettino Covid

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi  lunedì 3  agosto 2020 in Puglia, sono stati registrati 865 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati casi positivi 9: 3 in provincia Bari ; 1 in provincia di Foggia, 5 in  provincia di Lecce.

E’ stato registrato un decesso in provincia di Foggia

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 244174       test.

3970 sono i pazienti guariti.

125 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4648 così suddivisi:
 

1.511 nella Provincia di Bari
382 nella Provincia di Bat
672 nella Provincia di Brindisi
1205  nella Provincia di Foggia;
567 nella Provincia di Lecce;
281 nella Provincia di Taranto;
30 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno  attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Scarica qui il bollettino completo: Bollettino Covid_03082020

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus