Connect with us

Cronaca

Mercatone Uno, sciopero e sit-in di protesta

Ben 123 lavoratori interessati tra Surano, Matino e San Cesario. Giovedì braccia incrociate e presidio davanti alla Prefettura. La Shernon Holding, proprietaria dell’azienda, ha avviato il concordato preventivo

Pubblicato

il

Vertenza Mercatone Uno (CLICCA QUI), i dipendenti scioperano e scendono in strada per manifestare il loro disagio.


Giovedì 18 aprile, lavoratrici e lavoratori si riuniranno in presidio davanti all’ingresso della Prefettura di Lecce, in viale XXV Luglio dalle 12.30 alle 14.


Poi, accompagnati dai rappresentanti sindacali di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, consegneranno al prefetto di Lecce, Maria Teresa Cucinotta, un documento con le loro rivendicazioni. La tensione è tornata a salire dopo che la Shernon Holding, proprietaria dell’azienda, ha comunicato con una lettera inviata direttamente ai lavoratori la richiesta di concordato preventivo in continuità aziendale al Tribunale di Milano.

Lo sciopero ha carattere nazionale. Proprio giovedì, infatti, a partire dalle 14, è in programma un incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico, al cui tavolo saranno impegnate le strutture nazionali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Ui per cercare una soluzione che salvaguardi il salario e il posto di lavoro anche dei 123 lavoratori e lavoratrici dei punti vendita di Surano, Matino e San Cesario.


La drammatica situazione del Mercatone Uno sul territorio nazionale ha visto la fuoriuscita di centinaia di lavoratori e lavoratrici e la decurtazione dell’orario di lavoro per chi ha conservato il posto di lavoro. L’azienda subentrante a seguito dell’Amministrazione straordinaria ministeriale, Shernon Holding, appena otto mesi dopo l’acquisizione, vista la precaria situazione economico-finanziaria ha deciso di presentare istanza di concordato preventivo in continuità. Pur consapevoli che tale procedura tende al risanamento aziendale attraverso il ripianamento debitorio, siamo altrettanto consapevoli come essa abbia procurato ansia alle famiglie dei lavoratori”, scrivono le segreterie provinciali di Filcams, Fisascat e Uiltucs. “La provincia di Lecce non può tollerare altre espulsioni dal ciclo produttivo. Così come non è tollerabile disperdere competenze, potenzialità di sviluppo e presidi commerciali così importanti”.


Cronaca

Calano contagi e ricoveri: tutti i numeri del bollettino Covid

Pubblicato

il


La Puglia sta meglio, di giorno in giorno. La curva del contagio continua a scendere ed i ricoveri calano. La differenza tra ieri ed oggi è di 66 in meno. Il totale al momento è di 1476.





I contagi registrati nelle ultime 24 ore invece sono 615 su ben 10mila e 932 test. Per un incidenza pari al 5,62%.





I nuovi positivi sono così ripartiti: 209 in provincia di Bari, 45 in provincia di Brindisi, 79 nella provincia BAT, 37 in provincia di Foggia, 105 in provincia di Lecce, 130 in provincia di Taranto, 7 casi di residenti fuori regione, 3 casi di provincia di residenza non nota.





Sono stati registrati 36 decessi: 22 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 1 in provincia BT, 4 in provincia di Foggia, 5 in provincia di Lecce, 3 in provincia di Taranto.




Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.344.907 test.
196.496 sono i pazienti guariti.
41.549 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 244.233, così suddivisi:
92.964 nella Provincia di Bari;
24.291 nella Provincia di Bat;
18.504 nella Provincia di Brindisi;
43.834 nella Provincia di Foggia;
25.170 nella Provincia di Lecce;
38.307 nella Provincia di Taranto;
783 attribuiti a residenti fuori regione;
380 provincia di residenza non nota.





Il bollettino epidemiologico completo è disponibile qui.


Continua a Leggere

Copertino

Carabiniere ucciso a Copertino: si segue pista passionale

Pubblicato

il


Muove i primi passi l’indagine sull’omicidio del carabiniere di Copertino in congedo per motivi di salute, Silvano Nestola.





Due persone sono state iscritte nel registro degli indagati. I loro nomi compaiono nell’avviso di notifica dell’autopsia, fissata per la mattinata di venerdi 14 maggio.





Si tratta dei genitori di una donna di San Donaci con cui la vittima avrebbe avuto una storia terminata a margine della scorsa estate. Sia Nestola che la donna venivano da una separazione ed avrebbero intrattenuto un rapporto che non si sarebbe concluso serenamente.




Per ora, l’iscrizione nel registro degli indagati dei genitori della donna in questione è un mero atto formale. I due sono gli stessi presso cui i carabinieri si erano recati nelle ore seguenti l’omicidio del 4 maggio scorso. Presso la loro abitazione, infatti, i militari avevano inteso appurare una eventuale coincidenza tra l’arma usata per il delitto, un fucile i cui spari han colpito 4 volte Nestola, e l’arma da loro detenuta.





Al momento infatti restano ancora tanti nodi da sciogliere. In primis il ritrovamento proprio dell’arma del delitto. Poi l’auto con cui il responsabile, o i responsabili, hanno raggiunto contrada Tarantino, dove Nestola è stato freddato dinanzi al figlioletto mentre lasciava la casa della sorella.


Continua a Leggere

Cronaca

Madre le nega i soldi e lei la picchia

Nei guai una donna di 38 anni di Ugento, arrestata in fragranza di reato

Pubblicato

il

Maltrattamenti e tentata estorsione ai danni della madre.

Finisce nei guai una donna di 38 anni di Ugento, arrestata in fragranza di reato.

La donna avrebbe aggredito la mamma dopo aver ricevuto un rifiuto ad una richiesta denaro.
Dopo l’aggressione la vittima ha riportato un trauma contusivo all’addome, giudicato guaribile in 7 giorni

Immediato l’intervento dei carabinieri che allertati dalla vittima, sono giunti sul posto, hanno immobilizzato la 38enne  che, alla loro vista, aveva tentato una breve fuga a piedi. L’arrestata, espletate le formalità di rito, è stata accompagnata presso la casa circondariale Borgo San Nicola di Lecce, così come disposto dall’autorità giudiziaria informata dalla Stazione Carabinieri di Ugento.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus