Connect with us

Copertino

Mi sfratti? Ti brucio casa

Danneggiamenti ed incendio doloso: denunciato 78enne a Copertino

Pubblicato

il

Altro che caloroso Natale. A Copertino per un 78enne del posto il Natale é stato infuocato.


Ricevuta notizia di essere ad un passo dallo sfratto, l’uomo ha ben pensato di dare fuoco alla casa dove era in affitto prima di doverla abbandonare. Un modo originale di vendicarsi nei confronti della propietaria dell’abitazione, rea di volerlo allontanare per morosità.

Delle fiamme attorno alla casa, in zona Parco Grottelle, si sono accorti i vicini che hanno per tempo allertato i vigili del fuoco. Il 115 ha evitato danni irreparabili alla struttura, anche se pareti e suppellettili riportano segni evidenti dell’incendio. Il resto lo hanno fatto i carabinieri della compagnia di Gallipoli, identificando l’uomo e denunciandolo per danneggiamenti e incendio doloso.


Copertino

Incidente in scooter: perde la vita un 27enne

Pubblicato

il

Incidente stradale sulla sp18, la Copertino-Galatina, nel pomeriggio.

Un uomo di 27 anni ha perso la vita in uno schianto a bordo di un Yamaha T-Max.

Il giovane si stava recando a Galatina per un raduno che oggi ha riunito proprio i possessori dei maxi scooter di casa Yamaha.

Lungo il tragitto, ha perso il controllo del mezzo urtando il guardrail. L’urto con l’asfalto gli è costato la vita: vani i soccorsi prestati dal 118.

I carabinieri hanno effettuato i rilievi del caso: a loro l’onere di stabilire se vi siano stati elementi (o mezzi) terzi a provocare la caduta del 27enne.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Pasqua, Pasquetta e Liberazione a tu per tu con l’arte

Castelli, musei e parchi archeologici aperti al pubblico. Con la puglia museo card, a tariffa agevolata possibile visitare numerosi luoghi della cultura

Pubblicato

il

Feste e cultura, abbinamento perfetto.

Antologie fotografiche in mostra, pregevolissime collezioni e musei a cielo aperto. Ricco e di qualità il cartellone dell’offerta culturale pensato dalla Direzione Regionale Musei Puglia in concomitanza con le imminenti festività.

In occasione di Pasqua, domenica 17 aprile, del lunedì dell’Angelo, e della festa della Liberazione, lunedì 25 aprile, Castelli, Musei e Parchi Archeologici saranno aperti al pubblico.

Numerosi i “giacimenti” culturali della Puglia fruibili nelle giornate festive; facile e conveniente visitarli tutti.

Con un semplice abbonamento, acquistando la Puglia Musei Card,  al costo di appena 12 euro, si acquisisce un ingresso illimitato per 6 mesi in più centri e motori della cultura regionale: il Museo Nazionale Archeologico e Castello di Manfredonia, Parco Archeologico di Siponto, Museo Archeologico Nazionale di Canosa, Antiquarium e Parco Archeologico di Canne della Battaglia, Castello Svevo di Trani, Castel del Monte, Galleria Nazionale della Puglia “Devanna” di Bitonto, Castello Svevo di Bari, Museo Nazionale Archeologico di Altamura, Museo Archeologico Nazionale e il Castello di Gioia del Colle, Parco Archeologico di Monte Sannace, Museo Archeologico Nazionale “Giuseppe Andreassi” e Parco Archeologico di Egnazia, Castello di Copertino.

A tu per tu con arte e cultura: il modo migliore per augurarsi buone feste.

Continua a Leggere

Campi Salentina

Più soldi in banca. Otranto, Gallipoli e Tricase sul podio

I Comuni dove i depositi sono cresciuti di più. Una crescita record frutto di atteggiamenti prudenziali e della rapida ripresa dopo l’allentamento delle misure restrittive

Pubblicato

il

La rapida ripresa dopo l’allentamento delle misure restrittive, ma anche l’incertezza sul futuro, i decreti per alimentare la liquidità e la sospensione delle rate dovute per le cartelle fiscali hanno incrementato i depositi bancari: è stata una crescita record quella registrata negli ultimi due anni.

I risparmi di famiglie e imprese, custoditi negli sportelli bancari, sono cresciuti di circa due miliardi di euro. Sui conti correnti delle banche salentine si è arrivati a quota 8,9 miliardi di euro, a cui si aggiungono i libretti e gli altri strumenti di risparmio delle Poste, per un totale di 15,2 miliardi di euro nella sola provincia di Lecce, mentre il Paese continuava a fronteggiare gli effetti della pandemia da Covid-19.

L’Osservatorio economico Aforisma, diretto da Davide Stasi, ha elaborato i dati dei depositi bancari pro-capite, al fine di stilare la classifica dei territori dove si è risparmiato di più, rilevando che l’aumento delle somme accantonate, in alcuni casi, è stato davvero esponenziale.

Sono stati presi in esame i maggiori centri della provincia, per numero di abitanti e con almeno tre o quattro sportelli bancari (incrociando più database e i dati aggiornati di Istat e Bankitalia).

Da una prima analisi, emerge che alcuni Comuni costieri sembrerebbero stati particolarmente avvantaggiati dal ritorno degli stranieri nel Salento, dopo l’allentamento delle misure restrittive.

È il caso di Otranto che ha visto crescere i depositi bancari pro-capite del 64,4 per cento (da 9.737 euro a 16.012); Gallipoli del 49,7 per cento (da 10.509 a 15.730) e Tricase del 49,6 per cento (da 11.344 a 16.969).

Davide Stasi

«La maggiore liquidità», spiega Davide Stasi, direttore dell’Osservatorio, «è stata anche una reazione alle misure restrittive imposte al fine di contenere la diffusione delle varianti del nuovo coronavirus. La raccolta bancaria è stata sorprendente, tenuto conto che è avvenuta in un periodo fortemente condizionato dall’emergenza sanitaria. Il fenomeno va osservato, dunque, da più punti di vista. Da un lato, c’è la ripresa dopo mesi lockdown, nonché l’effetto diretto delle misure di sostegno alla liquidità introdotte a tutela di famiglie e imprese (decreto Cura Italia e successivi), oltre alle iniziative dell’Associazione bancaria italiana (Abi), tra moratorie dei crediti e piani dilazionati di ammortamento. Si affiancano, poi, i prestiti garantiti e le sospensioni dei pagamenti di tasse, cartelle e contributi».

«Dall’altro lato», aggiunge Stasi, «c’è stata anche l’incertezza generale, con gli spettri di una temuta riduzione dei redditi e il continuo rinvio degli investimenti. Questo atteggiamento fortemente prudenziale ha portato ad accantonare ulteriore liquidità precauzionale».

Nella speciale classifica, dopo Otranto, Gallipoli e Tricase, figurano Poggiardo con una crescita del 49,4 per cento (da 8.276 a 12.365); Casarano del 39,3 per cento (da 11.685 a 16.276); Maglie del 38,5 per cento (da 24.474 a 33.885); Ugento del 35 per cento (da 6.678 a 9.012); Veglie del 34,7 per cento (da 7.230 a 9.741); Nardò del 34 per cento (da 8.527 a 11.426); Martano del 33 per cento (da 11.984 a 15.943); Taurisano del 31,5 per cento (da 5.180 a 6.813); Galatina del 31,3 per cento (da 12.178 a 15.990); Campi Salentina del 29,6 per cento (da 7.806 a 10.120); Monteroni del 27,6 per cento (da 5.295 a 6.756).

Per trovare il capoluogo, Lecce, bisogna scendere al 15esimo posto.

L’incremento è stato del 27,5 per cento (da 22.621 a 28.843), contro una media provinciale del 30,3 per cento.

A seguire, Squinzano con una crescita del 26,6 per cento (da 6.401 a 8.103); Leverano del 25,8 per cento (da 13.779 a 17.338); Copertino del 24,8 per cento (da 7.510 a 9.372) e Galatone del 12,5 per cento (da 5.652 a 6.356).

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus