Connect with us

Cronaca

Minacce e ingiurie a fidanzata e suoi genitori: arrestato 20enne

Finisce agli arresti domiciliari Andrea Micheli, di Collemeto, in seguito ad atti persecutori aggravati e continuati. Impossibile infliggere un semplice divieto di avvicinamento in quanto i due ragazzi abitano a 50 metri di distanza

Pubblicato

il

I militari della Stazione Carabinieri di Galatina hanno quest’oggi tratto in stato di arresto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, Andrea Micheli, 20enne di Collemeto. L’accusa nei suoi confronti è di essersi reso protagonista di atti persecutori aggravati e continuati commessi ricorrendo a minacce fisiche e verbali.


L’attività d’indagine dei militari della Stazione di Galatina ha avuto il suo avvio una settimana fa, quando una minorenne di Galatina, completamente terrorizzata ed accompagnata dalla madre, ha inteso sporgere denuncia, descrivendo mesi e mesi di veri e propri soprusi da parte del ragazzo, suo fidanzato da tempo.


Andrea Micheli, 20 anni

Andrea Micheli, 20 anni


La condotta del 20enne nel rapporto di coppia, dopo un certo periodo, ha iniziato a cambiare, arrivando al punto che il giovane si era trasformato in un vero e proprio “mostro – controllore” della vita della fidanzata. Oltre alle ingiurie ed alle minacce, Micheli aveva iniziato ad impedire alla ragazza di uscire da sola, di portare certi vestiti ritenuti troppo succinti e, infine, aveva stabilito di dover necessariamente essere presente quando sarebbe uscita con i familiari.

Una maniacale mancanza di fiducia con eccessi di gelosia che, in caso di mancata ottemperanza della giovane, portava a ingiurie, minacce e veri e propri soprusi ai danni della ragazzina. come quando si vedeva togliere e distruggere la sim del telefono e veniva controllata nelle chiamate e negli SMS. Le minacce, poi, non risparmiavano i genitori della ragazza.


La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l’ultimo episodio di gelosia laddove Micheli, in preda all’ira, ha strattonato e gettato a terra la ragazza, venendo fermato da due amici lì presenti. La giovane, peraltro, ha necessitato di cure presso il Pronto Soccorso di Galatina e poi, piangente, si è recata dai Carabinieri dove, proprio durante la stesura degli atti relativi alla denuncia, ha ricevuto un SMS minatorio, simile a molti altri ricevuti nei mesi passati.


L’informativa dei militari, inviata alla Procura, è quindi giunta sul tavolo del GIP che, concordando con quanto richiesto dai Carabinieri ed avallato dal P.M., ha disposto la misura degli arresti domiciliari. Una misura meno afflittiva, come quella del divieto di avvicinamento, era di fatto insostenibile visto che i due ragazzi vivono a 50 metri di distanza l’uno dall’altro.


Cronaca

Cadavere in fondo alle scale di un palazzo: mistero a Maglie

Pubblicato

il

È mistero a Maglie sul ritrovamento del cadavere di un uomo di 48 anni di cui non sono state rese le generalità.

Il corpo esanime è stato rinvenuto in mattinata in fondo alla rampa della scala di un palazzo, quella del lotto 4 del complesso ”Achille Grandi”, in via Jan Palach.

Sono accorsi sul luogo il 118 ed i carabinieri, che indagano sull’accaduto.

Da capire se sia trattato di una tragedia dalla natura accidentale o se l’uomo si sia lanciato nel vuoto per togliersi la vita.

La vittima non abitava nella zona in cui è stata rinvenuta.

Immagine di repertorio 

Continua a Leggere

Cronaca

Tremendo schianto: un morto sul colpo ed un ferito grave

L’incidente nel primo pomeriggio di oggi sulla via che da Surbo porta a Torre Rinalda

Pubblicato

il

Un altro tratto di strada annoverato tra i “maledetti” in Salento torna a far parlare di sé.

Questo pomeriggio, attorno alle 15, un incidente stradale è costato la vita ad un uomo sulla strada tra Surbo e Torre Rinalda.

Siamo sulla sp93, in prossimità della Tenuta Monacelli. Qui, una Opel Astra ed una Fiat Punto si sono violentemente scontrate.

A. S., 41 anni, di Lecce, ha perso la vita. Guidava la Punto, è morto sul colpo. Grave invece il ragazzo nella Opel, condotto in ospedale d’urgenza dai sanitari, al “Fazzi” di Lecce.

Oltre alle forze dell’ordine ed al 118, sono intervenuti anche i vigili del fuoco. Il loro lavoro è stato fondamentale per estrarre i coinvolti dalle vetture incidentate, distrutte dall’impatto e volate nelle campagne a bordo strada.

Foto di polizia locale Lecce

Continua a Leggere

Cronaca

Auto contro Ape sulla 275 a San Dana: grave una donna

Pubblicato

il

Un violento tamponamento sulla strada statale 275, questa mattina, ha costretto due persone, marito e moglie, al ricovero in ospedale a Tricase.

L’incidente è avvenuto attorno alle 8, nel tratto di Maglie-Leuca ricadente nel territorio di San Dana (frazione di Gagliano del Capo).

Qui, all’altezza del semaforo che taglia il rettilineo tra Montesardo (Alessano) e Gagliano, un’auto ha tamponato un’Ape Piaggio.

A bordo di quest’ultimo, la coppia di malcapitati: marito e moglie. Secondo quanto raccolto dalle testimonianze sul posto, sembrerebbe che l’Ape, appena rimessosi in marcia con semaforo verde, si fosse spento, appena un paio di metri dopo aver superato l’incrocio.

Qui, è stato colpito alle spalle da una vettura che, viaggiando verso nord, sopraggiungeva nella stessa direzione.

Illeso il conducente della macchina. Feriti i due a bordo del mezzo a tre ruote, con la donna, 73 anni, ad avere la peggio.

È stata trasportata in codice rosso all’ospedale “Panico” di Tricase.

I carabinieri hanno effettuato i rilievi del caso, dopo che l’equipe sanitaria del 118 ha prestato soccorso ai coinvolti.

Sul luogo del sinistro, poi, è intervenuta anche Anas nel corso della mattinata.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus