Connect with us

Cronaca

Nardò rifà lungomare e parcheggi “per stringenti ragioni di sicurezza”

Pubblicato

il


Con i lavori di rifacimento del tappetino bituminoso, previsti a partire da lunedì prossimo, sta per concludersi il primo modulo del cantiere del nuovo lungomare. Si legge nel comunicato del Comune che “La scelta di aprire il cantiere sul “fronte” Santa Caterina è stata dettata, inevitabilmente, dal crollo di una parte della muratura di via Cantù causato da una violenta mareggiata e quindi per ragioni stringenti di sicurezza. In questo modo, peraltro, si è proceduto con un segmento di interventi la cui tempistica era compatibile con la chiusura del cantiere entro l’inizio della stagione estiva, come è avvenuto effettivamente.
Gli operai della Nuovapanelectric s.r.l. di Nardò provvederanno, dunque, ad asfaltare il tratto stradale che va dal “belvedere” di via Cantù alla piazzetta di Santa Caterina e quello che va dalla stessa piazzetta a Santa Maria al Bagno, dunque su tutto lungomare Emanuele Filiberto sino al punto di momentanea chiusura del cantiere (in corrispondenza della farmacia). Sarà riqualificato anche il marciapiede sul lato sinistro di via Cantù (lato case) e sarà sistemato per la prima volta, con posa di tappetino di asfalto, il largo di fronte al “belvedere” di via Cantù, che oggi ha una superficie sterrata e viene utilizzato come parcheggio “selvaggio”. Quindi, posa dell’asfalto e definizione di trenta parcheggi, finalmente con un criterio di ordine e di razionale utilizzo dello spazio.
I lavori dureranno complessivamente un paio di settimane, mentre nel corso del mese di giugno la ditta incaricata provvederà unicamente a opere di finitura, al completamento della segnaletica stradale e ad attività di smobilitazione del cantiere. I lavori ricominceranno poi nel mese di settembre, subito dopo la stagione estiva.
Per questo motivo, il dirigente dell’Area Funzionale n. 3 Cosimo Tarantino ha emesso un’ordinanza (n. 265 del 21 maggio) che istituisce il divieto di circolazione e il divieto di sosta a partire da lunedì 24 maggio e sino a sabato 5 giugno, dalle ore 7 alle 18, su via Cantù e su lungomare Emanuele Filiberto. La circolazione veicolare sarà comunque consentita nelle giornate di sabato e domenica a tutti e nelle altre giornate solo ai residenti, ai mezzi di soccorso e di polizia e ai fornitori delle attività commerciali.
“In linea con il calendario dei lavori – fa sapere il sindaco Pippi Mellone – consegniamo alla città il primo pezzo del nuovo lungomare con l’esecuzione dell’intervento di asfaltatura di circa 4 km di superficie stradale. Il cantiere verrà poi smobilitato sino a settembre, quando riprenderà per la parte restante. L’estate 2021 sarà così di passaggio tra vecchio e nuovo, ma devo dire che il colpo d’occhio del nuovo lungomare è già eccezionale. Nel cuore della stagione, i mesi di giugno, luglio e agosto, residenti e non residenti potranno ammirare la nuova opera e goderne. Uno sforzo eccezionale per dare alla nostra città un lungomare tra i più belli di Puglia”.
Com’è noto, l’intervento di riqualificazione del lungomare tra località Quattro Colonne e Santa Caterina prevede anche la realizzazione di una pista ciclabile di circa 3 km. La spesa di 2 milioni 141 mila euro è finanziata con un mutuo erogato dall’Istituto per il Credito Sportivo, da restituire tramite un vantaggioso mutuo a tasso zero per i primi quindici anni e a tasso agevolato per i restanti dieci. L’amministrazione comunale, infatti, due anni fa ha candidato questo progetto all’avviso pubblico per il finanziamento di piste ciclabili “Sulla buona strada – Comuni in pista” (frutto di un accordo tra Anci, Federazione Ciclistica Italiana e Istituto per il Credito Sportivo), ammesso a finanziamento. Una scelta provvidenziale quella di pianificare la riqualificazione del lungomare simbolo della città, anche in considerazione del fatto che il 12 e 13 novembre 2019 una violentissima mareggiata ha devastato in più punti la linea di costa, sventrando la stessa sede stradale”.




La scelta ha tuttavia destato perplessità ed aperto alle polemiche. Clicca qui per leggere le dichiarazioni circa il malcontento raccolto dal prossimo candidato sindaco Mino Frasca.


Corigliano

Dalle sterpaglie al deposito: fiamme lambiscono abitazioni sulla Corigliano-Galatina

Pubblicato

il

Temperature alte, una fiammella ed un pizzico di incuria possono innescare in men che non si dica incendi di grande portata e pericolosità.

Sembrerebbero questi i fatali ingredienti che han provocato il rogo divampato questo pomeriggio nelle campagne lungo la strada che da Corigliano porta a Galatina. Gli stessi che, in questi giorni, stanno carbonizzando il Salento dalla costa all’entroterra, costringendo addirittura in alcuni casi i vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce a chiedere il supporto ai colleghi brindisini.

Nell’episodio che vi raccontiamo di quest’oggi, l’erba alta si è incendiata, dando due appezzamenti alle fiamme a poche centinaia di metri dallo stabilimento Colacem. Le lingue di fuoco, sempre più alte, sono avanzate fino a intaccare un deposito adiacente un casolare.

Minacciosa, la nube di fumo si è levata nell’aria, di un colore sempre più scuro. Dopo la vegetazione, infatti, han preso fuoco anche degli oggetti stipati sul posto. Da lì il fumo nero.

Ai vigili del fuoco ed alla protezione civile l’onere di contenere l’incendio. L’intervento, impegnativo, è durato a lungo. Apprensione per alcune abitazioni del posto. Due in particolare sono state lambite dalle fiamme. Per fortuna nessuna conseguenza per le persone.

Continua a Leggere

Cronaca

Covid, sempre meglio

Calano i contagi, ma nel leccese si conta anche un decesso

Pubblicato

il

Anche oggi in Puglia pochi casi: si sono registrati 90 casi positivi su 6.844 test, con una incidenza dell’1,3% (giù dall’1,4% di ieri), il rapporto tamponi/contagi è il più basso degli ultimi sei mesi.

I nuovi positivi in provincia di Lecce sono 24, 20 in provincia di Bari, 16 in provincia di Brindisi, 12 nella provincia Bat, 10 in provincia di Taranto, 6 in provincia di Foggia, 1 residente fuori regione, 1 caso di residenza non nota.

Sono stati registrati 2 decessi, uno in provincia di Lecce e l’altro nel Tarantino.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.597.073 test, mentre sono 235.823 i pazienti guariti.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 252.651 e sono 10.231 i casi attualmente positivi.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 17.6.2021 è disponibile al link: http://rpu.gl/t4l0V

Continua a Leggere

Cronaca

Campagna in fumo a Ruffano, Coldiretti: «Incendio doloso!»

Giovane agricoltore vede andare in fumo capannone, attrezzi, impianto irriguo e prodotti per i campi, 100 quintali di legna eradicata e tutti i suoi sacrifici

Pubblicato

il

Coltivazioni, capannone, attrezzature: tutti i sacrifici andati in fumo in poche ore.

È quanto accaduto ad un giovane agricoltore di Ruffano che per colpa di un incendio divampato in un campo vicino ha perso in poche ore capannone, attrezzi, impianto irriguo e prodotti per i campi, oltre a 100 quintali di legna eradicata che era in procinto di vendere (foto grande in alto, Ansa).

Sulla vicenda è intervenuta Coldiretti Puglia, che ha parlato senza mezzi termini di «incendio doloso».

L’associazione chiede una «maggiore dotazione di uomini e mezzi per gli interventi antincendio, perché la frequenza e la pericolosità degli episodi, oltre a danneggiare le aziende agricole, mettono a repentaglio la sicurezza di cittadini e automobilisti».
«L’incendio, divampato in un campo vicino, si è propagato perimetralmente nel campo del giovane agricoltore di Ruffano che non ha potuto spegnerlo», hanno raccontato da Coldiretti Puglia, «a causa dell’impianto irriguo mangiato dalla fiamme, mentre i Vigili del Fuoco erano impegnati a spegnere un incendio in un campo che costeggia la strada provinciale di Gallipoli, tanto da fermare la circolazione stradale e far invertire la direzione di marcia delle auto che hanno transitato contromano». Il giovane agricoltore è stato soccorso da colleghi della zona che con i trattori e le irroratrici hanno spento le fiamme. In seguito è iniziata la conta dei danni.

«I piromani», evidenzia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia, «stanno devastando le campagne pugliesi da sud e nord della regione, con territorio, ambiente, agricoltura, animali che risultano le prime vittime dei roghi».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus