Connect with us

Attualità

Otranto: il sindaco rinuncia all’alloggio popolare

In vista della Camera di Consiglio, il sindaco ha comunicato ufficialmente di voler rinunciare al suo ricorso, tant’è che i giudici lo hanno, di conseguenza, dichiarato improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse. L’on. Leonardo Donno: «Adesso ci aspettiamo di assistere allo sgombero immediato, che avrebbe dovuto realizzarsi ben quattro anni fa!».

Pubblicato

il

Leonardo Donno, Deputato del M5S, che da circa tre anni conduce una battaglia in provincia di Lecce per il ripristino della legalità e della giustizia sociale sul fronte delle assegnazioni degli alloggi popolari interviene sulla vicenda dell’alloggio popolare di Otranto “ereditato” dal sindaco della città che ora ha depositato una dichiarazione di rinuncia al ricorso.


«Dopo aver denunciato diversi mesi fa lo strano caso di un alloggio popolare nella disponibilità del sindaco di Otranto», dice Donno, «fui accusato da quest’ultimo di strumentalizzazione politica della vicenda. “Farò valere le mie ragioni” disse. Ebbene oggi i fatti danno ragione a me: il primo cittadino ha depositato una dichiarazione di rinuncia al ricorso che aveva avanzato al Tar contro il provvedimento di decadenza che ArcaSud gli aveva notificato nel maggio scorso. Adesso non ci sono più appigli, né scuse: quella casa deve essere liberata e riassegnata tramite apposita graduatoria a chi realmente ne ha bisogno».


L’on. Donno ricorda anche che «Ce ne sono altre cinque  – stando all’ultimo accesso agli atti effettuato dal sottoscritto – occupate illegittimamente da inquilini che non ne hanno più diritto!».


La cronistoria


Leonardo Donno


«Lo scorso 30 gennaio», ricorda Donno, «denunciai pubblicamente che tra i provvedimenti di decadenza dall’assegnazione di alloggi popolari ArcaSud, fino ad allora inevasi, ce n’era uno che chiamava in causa direttamente un sindaco: quello di Otranto, Pierpaolo Cariddi. Evincerlo fu semplice, dacché le graduatorie di assegnazione sono pubbliche. Se un alloggio assegnato anni fa ad un soggetto (in questo caso il Cariddi)  non risulta riassegnato, significa che è ancora nella sua disponibilità.

Dopo i dovuti accertamenti – dacché il sindaco si difese dicendo di essere promissario acquirente nel lontano ’99 di quell’alloggio di Via Idrusa, risultato poi occupato ad dalla figlia –  l’ufficio Affari Generali del Comune di Otranto ha intimato lo sgombero di quell’immobile, così come Arca Sud aveva richiesto vanamente sin dal 2017. ArcaSud ha anche sottolineato che non sussistono gli estremi legali perché il primo cittadino possa riscattare l’alloggio in questione. 6 mesi di tempo per sgomberarlo: fu questa, dunque, la decisione finale
».

«Cariddi, mi preme ricordarlo», continua il deputato, «da anni aveva comunque perso il diritto di godere di un alloggio popolare, avendo una fonte reddituale non corrispondente ai criteri di assegnazione di un alloggio residenziale pubblico. Da qui i motivi che mi hanno spinto a presentare un esposto in Procura sulla vicenda. All’esposto seguì il ricorso al Tar del Sindaco contro il provvedimento dell’ufficio Affari Generali del suo stesso comune, che lo obbligava a lasciare l’immobile entro 180 giorni».


E arriviamo, così, ad oggi. In vista della Camera di Consiglio, il sindaco ha comunicato ufficialmente di voler rinunciare al suo ricorso, tant’è che i giudici lo hanno, di conseguenza, dichiarato improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse.


«Adesso», incalza Donno, «ci aspettiamo di assistere allo sgombero immediato, che avrebbe dovuto realizzarsi ben quattro anni fa!».


«Quando ho avviato questa battaglia sulle occupazioni abusive nel Leccese», continua Donno, «i numeri emersi tra occupazioni abusive e procedimenti di decadenza inevasi in tutto il Salento erano allarmanti, e sono rimasti allarmanti, tant’èche Nell’ultimo anno le occupazioni abusive e le decadenze sono nuovamente aumentate. Era ed è necessario fare chiarezza, ripristinare trasparenza, legalità e giustizia! E bisogna farlo utilizzando, come è giusto che sia, un unico criterio per tutti, senza sé e senza “ma”.  Nessuno dovrebbe sentirsi “preso di mira”, laddove sia nel giusto, è chiaro. Come sempre ho detto, del resto – conclude Donno – il fine della mia battaglia non è assolutamente quello di infierire sui cittadini in difficoltà, che certamente devono essere aiutati e supportati. Gli approfondimenti che il sottoscritto ha condotto e intende continuare a condurre sono finalizzati proprio alla tutela dei più fragili, di chi subisce ingiustizie in silenzio e attende il suo turno per anni, parcheggiato in una graduatoria che non sempre è garanzia di legalità e giustizia. In tutto questo il ruolo delle Istituzioni deve essere nitido, trasparente e ben definito. E un sindaco, che io sappia, è un’Istituzione. Almeno fino a prova contraria Adesso attendiamo di averne la prova concreta, c’è tempo fino al 7 novembre prossimo: poi scadranno i sei mesi di tempo concessi, per Legge, dallo sgombero disposto dall’Ufficio Affari Generali».


«Dal primo cittadino», conclude l’on. Leonardo Donno, «mi aspetto un segnale importante nei confronti della cittadinanza, dei cittadini onesti, della gente per bene. La politica deve dare l’esempio, sempre. A giorni incontrerò il Prefetto per discutere di questa problematica e delle altre in tutta la provincia di Lecce, non smetterò finché non verrà ripristinata la legalità».


Attualità

Expo2000: «Bilancio positivo»

Il sindaco di Miggiano Michele Sperti: «L’apprezzamento degli espositori la cosa più importante. Già tenuto la prima riunione per organizzare ancor meglio la prossima edizione »

Pubblicato

il

Bilancio positivo per Expo 2000, la Fiera regionale di Industria Agricoltura Artigianato e Turismo del Salento di Miggiano.

«Nonostante le minacce meteo che hanno limitato molto l’affluenza nei primi due giorni», ha sottolineato il sindaco di Miggiano Michele Sperti, «nel fine settimana con la clemenza di Giove Pluvio abbiamo recuperato in termini di presenze».

«Il vero e proprio bilancio», secondo Sperti, però, «è dato dalla soddisfazione degli espositori. Il loro sorriso e gli apprezzamenti rivoltici ci confermano che la nostra resta la migliore iniziativa economica di Puglia. Soprattutto ci danno la convinzione che sia valsa la pena affrontare tutti i disagi, le responsabilità e le difficoltà legate all’organizzazione di un evento così imponente».

Intanto si pensa già al futuro: «Terminata la Fiera», confida il sindaco, «abbiamo già tenuto la prima riunione per prevedere e organizzare ancor meglio l’edizione prossima».

Continua a Leggere

Attualità

Helen Mirren Ambasciatrice di UniSalento

La nomina della nota attrice è su proposta del Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo, che ha inteso rimarcare così lo stretto legame dell’artista con il Salento, del quale con impegno e in più occasioni ha difeso e promosso il patrimonio storico, culturale, ambientale e paesaggistico

Pubblicato

il

Helen Mirren Ambasciatrice dell’Università del Salento: la cerimonia di conferimento è in programma giovedì 21 ottobre, alle ore 11, nell’aula “Mario Marti” dell’edificio 6 del complesso Studium 2000 (via di Valesio, Lecce). L’incontro potrà essere seguito: in presenza nel rispetto delle norme anti-Covid fino a esaurimento dei posti disponibili; online su https://unisalento.it/helenmirren.

Il riconoscimento Ambasciatore dell’Università del Salento è stato pensato dall’Ateneo con un doppio scopo: da un lato, UniSalento segnala così personalità attive nell’impresa, nella ricerca e nella cultura che hanno fatto dell’eccellenza, dell’innovatività e dell’internazionalizzazione le chiavi del loro impegno quotidiano, capace di valorizzare e promuovere competenze umane e risorse materiali; dall’altro, compito degli “Ambasciatori” è favorire la conoscenza dell’Università del Salento e delle sue iniziative presso Istituzioni, Enti e organizzazioni interessati a forme di collaborazione e contatto con l’Ateneo.

La nomina della nota attrice è su proposta del Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo, che ha inteso rimarcare così lo stretto legame dell’artista con il Salento, del quale con impegno e in più occasioni ha difeso e promosso il patrimonio storico, culturale, ambientale e paesaggistico.

Alla cerimonia prenderanno parte il Rettore Fabio Pollice, il Delegato alla Comunicazione Stefano Cristante e il Direttore del Dipartimento di Storia Società e Studi sull’Uomo Mariano Longo.

Di origine britannica, Helen Mirren si è formata come interprete shakespeariana ottenendo importanti successi sulle scene teatrali inglesi e americane. Nel cinema ha ricoperto ruoli importanti in numerosi film diretti da grandi registi, ottenendo tra gli altri un premio Oscar (per la parte di Elisabetta II in “The Queen” di Stephen Frears), tre Golden Globe, quattro premi BAFTA, cinque Screen Actors Guild Awards, quattro Emmy Awards. Da alcuni anni l’attrice trascorre frequenti e lunghi soggiorni nel Salento, dove con il marito, il regista Taylor Hackford, ha acquistato una masseria a Tiggiano.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase: finanziato puntellamento Torre del Sasso

il sindaco Antonio De Donno: «Continua il processo di salvaguardia del nostro paesaggio costiero». Il primo cittadino ringrazia «Asd MTB Tricase, Regione Puglia, Agenzia del Demanio e il sindaco di Andrano Salvatore Musarò, per la sensibilizzazione e l’apporto»

Pubblicato

il

Proprio da queste colonne più volte avevamo lanciato l’appello per salvare per uno dei capisaldi storici di Tricase e della sua marina, quella Torre del Sasso che, pezzo dopo pezzo, stava cancellando la memoria di cui è custode.

Oggi la notizia che è stato finanziato il progetto di puntellamento della Torre del Sasso.

«Continua il processo di salvaguardia del nostro paesaggio costiero», ha dichiarato il sindaco Antonio De Donno, che ha ringraziato «Asd MTB Tricase, Regione Puglia, Agenzia del Demanio e il sindaco di Andrano Salvatore Musarò, per la sensibilizzazione e l’apporto».

Ora finalmente un segnale, «un piccolo ma importantissimo primo intervento che ci permetterà di conservare il bene nello stato attuale in attesa di un bel progetto di recupero definitivo», come posta l’Asd MTB Tricase (che è contemporaneamente club sportivo con tanto di squadra sportiva dilettantistica ma dedito anche alle tutela ambientale) associazione in prima linea da tanto tempo, impegnata in un’autentica battaglia perché si facesse il possibile per salvare la Torre del Sasso. Una battaglia lunga almeno 10 anni che ha impegnato anche le altre associazioni locali (Pro Loco, Tricasèmia, Adovos, Atletica Tricase, ecc.) al fianco delle amministrazioni che si sono succedute.

La MTB ha evidenziato come «l’amministrazione comunale di Tricase e in particolare il sindaco Antonio De Donno, l’assessore Serena Ruberto, Rocco Piceci e l’ing. Vito Ferramosca, che hanno preso a cuore la vicenda».

«Le parole seguite dai fatti», si legge ancora nel post del Mountain Bike Racing Team, «contano molto per noi e avere una amministrazione con cui collaborare, ci gratifica di tutto il lavoro volontario fatto negli ultimi 10 anni per il nostro territorio rurale, recuperando antichi sentieri, rimappandoli su cartografia e facendone la manutenzione annuale».

La MTB ha voluto ringraziare il sindaco di Andrano Salvatore Musarò, l’Arch. Alessandro Giuri di Nardò, il presidente Nicola Panico e Francesco Minonne dell’Ente Parco Otranto Leuca, «che sin dall’inizio ci sono stati vicini, supportandoci e dispensandoci di preziosi consigli. Un lavoro di squadra di cui siamo veramente orgogliosi e che ci fa sentire attaccati alla nostra terra».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus