Connect with us

Calimera

Perquisito trovato con droga contanti ed assegno. Arrestato

Droga, contante e materiale sono stati sequestrati e custoditi. L’ arrestato, espletate formalità di rito

Pubblicato

il

A Calimera i carabinieri di Calimera, coadiuvati dal nucleo cinofili di Modugno e dal cane “Quentin”, dopo una perquisizione hanno arrestato Bruno Enea, nato Galatina, classe 1986, residente a Lizzanello, ma di fatto domiciliato a Calimera.


L’uomo è stato trovato in possesso di gr. 43 di cocaina (divisi in dosi); gr. 50 di sostanza da taglio; materiale confezionamento; contanti per euro 420 ed in assegno per euro 400.

Droga, contante e materiale sono stati sequestrati e custoditi. L’ arrestato, espletate formalità di rito, è stato portato in carcere a Lecce. L’A.G. è stata informata dalla stazione carabinieri di Calimera.


Attualità

La cultura cambia il clima

Taranto e Grecia Salentina tra le dieci finaliste per diventare Capitale italiana della Cultura 2022

Pubblicato

il

Taranto e la Grecìa Salentina tra i dieci progetti finalisti per la “Capitale della Cultura 2022, comunicati dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, guidato dal Ministro Dario Franceschini.


Le altre città finaliste sono: Ancona, Bari, Cerveteri, L’Aquila, Pieve di Soligo, Procida, Trapani, Verbania e Volterra.


Solo una di loro vincerà il contributo di 1 milione di euro previsto dal titolo istituito dalla legge Art Bonus, che prevede anche l’esclusione delle risorse investite nella realizzazione del progetto dal vincolo del Patto di stabilità. L’annuncio è previsto nel 2021.


Taranto e Grecia Salentina. Capitale italiana della cultura 2022. La cultura cambia il clima è il titolo del dossier che ha colpito la giuria ed ha permesso ai due territori di rientrare nella top ten dei dieci progetti più interessanti che hanno visto sfidarsi ben ventotto città concorrenti.


«Siamo felici di questa notizia eccezionale», commenta Roberto Casaluci il presidente dell’Unione Grecìa Salentina (Calimera, Carpignano Salentino, Castrignano dei Greci, Corigliano d’Otranto, Cutrofiano, Martano, Martignano, Melpignano, Sogliano Cavour, Soleto, Sternatia e Zollino), «essere tra le dieci città finaliste è una grande soddisfazione per noi della Grecìa. Un’occasione unica per noi che da sempre abbiamo fatto della cultura la leva dello sviluppo del nostro territorio. Abbiamo sempre creduto e lavorato molto per la promozione del nostro patrimonio culturale, della nostra storia, delle nostre tradizioni, della musica e della lingua grika».


Roberto Casaluci, presidente dell’Unione Grecìa Salentina

«Puntiamo molto su questo riconoscimento», continua Casaluci, «che per noi è un punto di partenza e di crescita per l’intera area grika, per cui stiamo costruendo diverse misure, tra cui la collaborazione con il Rettore dell’Università del Salento per la redazione del piano di sviluppo turistico territoriale per la crescita dell’intera area ed altre azioni».


«I dodici paesi dell’area grika» aggiunge il presidente dell’Unione Grecìa Salentina, «hanno un patrimonio inestimabile ed insieme a Taranto alle nostre radici comuni, alla nostra storia ed alle origini della Magna Grecia vogliamo proporlo all’attenzione dell’Italia e del mondo. Abbracciando la visione di Taranto e la nostra storia comune», conclude Roberto Casaluci, «siamo riusciti ad essere selezionati insieme ad altri nove progetti. Sarà molto dura c’è anche Bari un’altra città pugliese, ma siamo convinti che insieme possiamo giocare fino in fondo questa carta che è una grande possibilità per noi tutti».


“Capitale della Cultura” è il titolo istituito dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo nel 2014 con l’obiettivo di “sostenere, incoraggiare e valorizzare l’autonoma capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura, affinché venga recepito in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l’integrazione senza conflitti, la creatività, l’innovazione, la crescita, lo sviluppo economico e, infine, il benessere individuale e collettivo.


Ben due progetti pugliesi Bari tra le città finaliste che dovranno presentare i propri dossier alla giuria in un’audizione pubblica, in un’ora dovranno presentare il progetto e rispondere alle domande dei giurati. Gli incontri si terranno, nei giorni 14 e 15 gennaio 2021, compatibilmente con le misure di contenimento adottate dal Governo per la situazione epidemiologica in atto, presso il Collegio Romano, sede centrale del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.


Continua a Leggere

Attualità

La mappa del contagio: 8 paesi salgono di fascia

Quasi 100 ricoveri in 24 ore: toccata quota mille

Pubblicato

il


Sono ben 16mila e 573 gli attualmente positivi in Puglia, con i ricoverati che arrivano in cifra tonda a quota mille (ieri erano 909).





In provincia di Lecce ci sono alcune novità sulla mappa del contagio che ci aiuta a tracciare la diffusione del Covid per aree e per fasce numeriche di contagiati.





Due sono le aree che passano dal bianco di ieri al rosa di oggi: da 0 casi ad una fascia tra 1 e 5 contagi. Si tratta di un Comune, quello di Miggiano, e di Acquarica del Capo, che sulla mappa Asl risulta ancora staccata da Presicce.




Nessuna nuova zona rossa, né cambiamenti di sorta per i centri più grandi della provincia. Si segnalano invece ben 7 Comuni che salgono al range tra gli 11 ed i 20 positivi attuali. Sono Carpignano Salentino, Martano, Melendugno, Lizzanello, Monteroni, San Donato e Calimera.





Resiste strenuamente Palmariggi, unico centro salentino a non aver mai registrato contagiati tra i residenti.





Leggi qui il bollettino odierno.


Continua a Leggere

Attualità

Un Marchio d’area per la Grecìa Salentina

Nonostante le restrizioni ed il periodo non facile, che tutto il mondo sta vivendo, nell’area grika si pensa al futuro: al via i primi incontri per il piano di sviluppo territoriale turistico

Pubblicato

il

L’area ellenica del Salento si dota di un marchio d’area “Grecìa salentina”.

Si è tenuto il primo incontro tra i sindaci della Grecìa Salentina ed il rettore dell’Università del Salento, Fabio Pollice, per parlare del piano di sviluppo territoriale turistico.

Un meeting online, come previsto dalle normative per contrastare la crisi epidemiologica, per esaminare le linee programmatiche che porteranno alla fine di giugno alla stesura di un piano territoriale per lo sviluppo turistico collettivo dell’intera area.

Nonostante le restrizioni ed il periodo non facile, che tutto il mondo sta vivendo, nell’area grika si pensa al futuro.

Alla prima tavola rotonda online  hanno partecipato il presidente dell’Unione Roberto Casaluci e i vari sindaci della Grecìa e Fabio Pollice, rettore di Unisalento, il quale ha illustrato le linee guida e la tempistica dei vari step che porteranno allo sviluppo di un piano territoriale turistico.

Negli ultimi due decenni il territorio della Grecìa Salentina si è caratterizzato per una importante e costante crescita dei flussi turistici, i quali oggi tuttavia“, ha spiegato il rettore, “necessitano di una strategia complessiva e coordinata di tutto il comparto al fine di migliorare e qualificare l’offerta generale dei servizi del settore. Un processo partecipato che interesserà i sindaci, le proloco, gli operatori turistici, le associazioni culturali ed ambientalistiche, agricoltori e le associazioni di categoria più rappresentative del territorio ed altri attori che si incrociano trasversalmente con il turismo”.

Tra le finalità: realizzare ed adottare strumenti che contribuiscano alla valorizzazione dei beni culturali, storici, ambientali che caratterizzano l’area grika, mettendo a sistema la molteplicità di risorse in grado di offrire un modello di fruizione integrato che possa generare flussi turistici cospicui e, quindi incentivare nuove opportunità per lo sviluppo economico del territorio, attraverso una pianificazione strategica.


Nell’incontro sono state indicate le linee guida che serviranno a coinvolgere i vari rappresentanti del territorio che nei prossimi mesi lavoreranno insieme.

Il nostro sarà un piano partecipato nonostante il Covid“, ha sottolineato il rettore, “ci incontreremo sulle piattaforme virtuali, le tecnologie digitali ci permettono partecipare attivamente senza spostarci da una parte all’altra”.

Tra gli obiettivi del piano la creazione di uno strumento di orientamento delle progettualità individuali e collettive; promuovere la retizzazione degli attori pubblici e privati che operano in loco e concorrono a definire l’offerta turistica del territorio di riferimento.

Favorire il coordinamento tra gli attori pubblici e privati che operano sul territorio e concorrono a definirne l’offerta turistica, facilitare l’attrazione di investimenti che risultino coerenti con la configurazione turistica che il territorio si è data attraverso il piano.

“Il piano è stato fortemente voluto da tutti i sindaci dell’Unione“, ha aggiunto il presidente Roberto Casaluci, “puntiamo a favorire la destagionalizzazione dei flussi turistici. Sappiamo che i nostri paesi sono scelti per la qualità della vita, perché da noi si vive bene, si mangia bene, ci sono tempi lenti e poco stressanti. Nel mondo c’è una forte attenzione alla nostra cultura in particolare alla lingua grika, alle tradizioni musicali, la nostra terra è ricca di storia, arte, cultura ed enogastronomia. Un patrimonio inestimabile che rappresenta un’offerta culturale e turistica che vogliamo promuovere ed incentivare in  uno sviluppo collettivo condiviso,  attraverso una mobilità sostenibile ed un’attenzione maggiore alla ruralità ed all’ambiente. Tutti fattori che se potenziati e sviluppati potranno essere volano di crescita dell’intero territorio nel prossimo futuro”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus