Connect with us

Cronaca

Presunte truffe Notte di San Rocco: parola al legale dei querelanti

Pubblicato

il


Torniamo sulla vicenda giudiziaria attorno ai tre presunti casi di truffa per i quali in tre sono stati rinviati a giudizio alla Fondazione Notte di San Rocco di Torrepaduli per l’ottenimento di alcuni finanziamenti pubblici (leggi qui la notizia). Lo facciamo con un intervento dell’avvocato Giancarlo Sparascio che rappresenta gli interessi delle presunte persone offese e querelanti nel 2014, e non (come erroneamente indicato in precedenza) gli imputati.





“I rinvii a giudizio odierni, anche a carico della persona giuridica per responsabilità derivante da reatocommesso nel proprio interesse, sono derivati dagli atti di denuncia – querela, corredati da plurime

memorie, depositate in Procura nel corso del 2014 e del 2015, nell’interesse delle persone offese querelanti, Sig. Luigi Frisullo, Francesco Romano ed Antonio Morello, rispettivamente nella qualità di

vice presidente e di consiglieri di amministrazione della prima Fondazione denominata Notte di San Rocco, nonché nell’interesse di quest’ultima, tutti difesi dal sottoscritto, partecipata


dalla stessa Provincia di Lecce, con richiesta di applicazione di misure cautelari ed interdittive a carico della seconda Fondazione denominata invece Notte di San Rocco di Torrepaduli”, spiega l’avvocato Giancarlo Sparascio.

“Il nucleo fondante delle ipotesi delittuose ravvisate, vale a dire quelle di truffa aggravata per il conseguimento di pubbliche erogazioni relativamente alla concessione di un contributo provinciale di

50mila Euro negli anni 2013 e 2014, risiede nel fatto che la Provincia di Lecce, sebbene per tempo informata, erogò 50 mila Euro per coprire le spese dell’evento del 2013, che l’allora Presidente della prima Fondazione, Gaetani, volle organizzare e gestire in totale autonomia, senza cioè passare da una previa decisione del cda, in un momento in cui la stessa Provincia era stata notiziata che quei soldi avrebbero sollevato il Gaetani medesimo, in quel tempo assessore provinciale, da obbligazioni contratte

a titolo personale in ragione della giuridica inesistenza della Fondazione che presiedeva, stante la funzione costitutiva del riconoscimento non esistendo la categoria della fondazione non riconosciuta.

Nell’anno successivo, invece, la Provincia di Lecce, sebbene informata dell’esistenza di una seconda Fondazione con nome quasi identico a quello della prima, fondata e presieduta dallo stesso Gaetani in evidente conflitto d’interessi, liquidò ulteriori 50 mila Euro per l’evento 2014 sulle coordinate iban fornite al momento della richiesta di rimborso avanzata tramite la seconda Fondazioneomonima, e ciò sulla base di una determina di impegno di spesa che non solo faceva riferimento allo stanziamento di bilancio riservato alla prima Fondazione, ma anche alla deliberazione di consiglio

provinciale n. 31 del 23 aprile 2008 con cui la Provincia di Lecce decise di aderire alla prima Fondazione e non anche alla seconda, sostenendone l’operato mediante il predetto meccanismo straordinario del previo stanziamento di bilancio”.


Cronaca

Spacciava da casa: condannato ad un anno e poi scarcerato

Arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Leonardo Minnella è tornato in libertà

Pubblicato

il

Dopo la reclusione nella casa circondariale di “Borgo San Nicola” di Lecce per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Leonardo Minnella è tornato in libertà.

I guai giudiziari erano per lui iniziati quando le forze dell’ordine, attraverso un’ispezione presso la sua abitazione, avevano rinvenuto quattro involucri contenenti in tutto diciannove grammi di cocaina, ma anche un quinto contenente tre grammi e mezzo di eroina, undici grammi di sostanza da taglio e un grammo di marijuana. Assieme ad essi veniva sequestrato altro materiale ritenuto utile a confezionare singole dosi, oltre a un telefono cellulare, per sondare i contatti dell’uomo e la somma di 430 euro in contanti.

Ridotto ai domiciliari, il 44enne di Poggiardo subiva un aggravamento di pena ad un mese di distanza, dopo esser stato nuovamente sorpreso a spacciare dai militari dell’Arma. La condanna ad un anno di reclusione emessa con giudizio abbreviato dal giudice per l’udienza preliminare Michele Toriello è stata da ultimo revocata su istanza di scarcerazione avanzata dall’avvocato difensore Veronica Merico, accolta dall’organo giudiziario.

 

 

 

Continua a Leggere

Attualità

Situazione “normalizzata” dopo l’impennata di ieri

Il tasso di positività oggi sceso all’1,33% mentre ieri era del 2,48%. Sono 156 i nuovi pugliesi positivi, 12 della provincia di Lecce. Registrati 3 nuovi decessi: 2 in provincia di Brindisi ed uno nella provincia di Lecce

Pubblicato

il

Dopo l’impennata di ieri sembra in calo la curva dei contagi.

Non moltissimi i test effettuati (4.189) ma il dato di riferimento è il tasso di positività oggi sceso all’1,33% (ieri era del 2,48% con 6.610 test registrati).

Sono infatti 56 i pugliesi nuovi positivi e 12 di essi sono della provincia di Lecce.

Purtroppo sono stati registrati 3 nuovi decessi: 2 in provincia di Brindisi ed uno nella provincia di Lecce.

IL RIEPILOGO

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.838.958 test.

246.567 sono i pazienti guariti.

1.871 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 255.105 di cui 27.470 nella provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO DEL 26 LUGLIO 2021

Continua a Leggere

Cronaca

Grandine come bombe in A1: auto distrutte, incidenti a catena

Pubblicato

il

Mentre al sud salgono le temperature, il nord finisce ancora una volta preda di una terribile grandinata (video a fine articolo).

Scene apocalittiche quelle che arrivano dall’A1 nel tratto fra Parma e Firenzuola, ora chiuso al traffico.

Centinaia i mezzi, tra auto e camion, che si trovavano a passare durante l’ondata di maltempo e che hanno avuto gravi danni a parabrezza e carrozzeria. Si sono verificati anche tamponamenti a catena. Le auto si sono fermate in mezzo alla carreggiata per cercare di sfuggire alla grandine, in particolare in direzione di Milano. 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus